Apri il menu principale

Patrick Fiori

cantante francese
Patrick Fiori
Patrick Fiori.jpg
Patrick Fiori nel 2012
NazionalitàFrancia Francia
Armenia Armenia
GenerePop
Musical
Pop rock
Periodo di attività musicale1981 – in attività
Strumentovoce, pianoforte
EtichettaSony Music
Album pubblicati11
Studio9
Live1
Raccolte1
Sito ufficiale

Patrick Jean-François Chouchayan, noto come Patrick Fiori (Marsiglia, 23 settembre 1969), è un cantante francese di origini armene e corse.

BiografiaModifica

Inizia la carriera a soli dodici anni partecipando nel musical La légende des santonniers. Incise il primo singolo a sedici, Stéphanie. Ha partecipato all'Eurovision Song Contest 1993 con Mama Corsica, con il quale si classificò quarto. A breve, dopo aver inciso delle versioni in altre lingue della canzone dell'Eurofestival, incise il primo album Puisque c'est l'heure. Divenne famosissimo interpretando Phoebus nella versione originale dell'opera popolare di Riccardo Cocciante Notre Dame de Paris.

Nel 1998 è la voce cantata del capitano Li Shang nella versione francese di Mulan.

Nell'estate del 2007 fu di nuovo in vetta alle classifiche francesi e dei paesi francofoni con 4 mots sur un piano.

Nel 2010 torna a collaborare con il cantante italiano: Zucchero Fornaciari. In particolare duetta con il bluesman reggiano in L'écho des dimanches, versione francese de Il suono della domenica, contenuta nel'album Chocabeck. Il testo francese della canzone è firmato dallo stesso Zucchero e dal celebre Jean-Jacques Goldman.

Nel 2015 canta la canzone Corsica assieme a Patrick Bruel nell'album in lingua corsa Corsu Mezu Mezu.

DiscografiaModifica

AlbumModifica

  • 1994: Puisque c'est l'heure
  • 1995: Le cœur à l'envers
  • 1998: Prends-moi
  • 2000: Chrysalide
  • 2002: Patrick Fiori (gris)
  • 2005: Si on chantait plus fort
  • 2007: 4 mots (best of)
  • 2008: Les choses de la vie
  • 2010: Instinct masculin
  • 2011: L'instinct masculin Live
  • 2014: Choisir

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2670296 · ISNI (EN0000 0001 1466 1510 · LCCN (ENno2001017492 · GND (DE134865162 · BNF (FRcb14028693j (data) · WorldCat Identities (ENno2001-017492