Apri il menu principale
Paul Elmer More

Paul Elmer More (Saint Louis, 12 dicembre 1864Princeton, 9 marzo 1937) è stato un critico letterario, filosofo e giornalista statunitense, uno dei massimi esponenti del Nuovo Umanesimo (New Humanism) nella critica letteraria e nella filosofia[1].

Indice

BiografiaModifica

Paul Elmer More frequentò l'Università Washington a Saint Louis, nel Maryland, e l'Università di Harvard, dove conobbe Irving Babbitt e dove, dal 1894 al 1895, fu assistente in sanscrito.[1][2][3][4]

Nel 1895-1897 insegnò, come professore associato, sanscrito e letteratura classica al Bryn Mawr College, Bryn Mawr, Pennsylvania.[1][4]

Ha collaborato come redattore letterario con il The Independent (1901-1903) e con il New York Evening Post (1903-1909) e come redattore di The Nation (1909-1914).[1][3][4]

Inoltre, come il suo amico e collega leader dei Nuovi Umanisti, Babbitt, fu un sostenitore degli standard critici tradizionali e della moderazione classica in un periodo che vide diffondersi scrittori naturalisti come Theodore Dreiser e Sinclair Lewis, i cui romanzi erano incentrati sui problemi sociali.[1][3][5]

Di conseguenza More ricevette qualche critica, in particolare da Henry Louis Mencken, che è stato il maggior antagonista di More, Babbitt, e del loro discepolo, Norman Foerster.[1][4]

Molto importanti risultarono i lavori di More di critica letteraria, compresi nella raccolta Shelburne Essays, 14 volumi (1904-1935) e in On being human (1936).[3] In questi saggi, More, pur avendo inconsapevolmente vicinanze di temperamento e di tendenze con il romanticismo inglese pacato in stile William Wordsworth, affermò la sua contrarietà al romanticismo e al naturalismo ed elaborò una visione della vita pessimistica, classica, austera, attribuendo alla letteratura la funzione di guida e di conforto, sempre nel pieno rispetto dei valori tradizionali.[2]

More non evidenziò mai preferenze per scrittori contemporanei, apprezzando soprattutto autori come John Milton, John Dryden, Nathaniel Hawthorne.[2]

Dopo la parentesi giornalistica, More si trasferì a Princeton, dove condusse una vita da studioso eremita e da insegnante,[3] ispirato dall'esempio di un altro importante "solitario" della letteratura americana, Henry David Thoreau, guidato però da ideali naturistici e democratici, mentre in More gli ideali fondamentali erano aristocratici e conservatori.[2]

In quel periodo More si avvicinò alla spiritualità e alla religiosità, approfondendo nei suoi scritti gli studi riguardanti la tradizione classica e cristiana, tra i quali si possono menzionare The Religion of Plato (1921), Hellenistic Philosophies (1923), The Christ of the New Testament (1924), Christ the Word (1927), The Catholic Faith (1931), The sceptical approach to religion (1934), oltre che l'opera autobiografica Pages from an Oxford Diary (1937).[2][3][5][4]

PubblicazioniModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f (EN) Paul Elmer More, su britannica.com. URL consultato il 22 marzo 2019.
  2. ^ a b c d e Paul Elmer More, in le muse, VIII, Novara, De Agostini, 1967, pp. 106-107.
  3. ^ a b c d e f Paul Elmer More, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 22 marzo 2019.
  4. ^ a b c d e (EN) Writings of Paul Elmer More, su jkalb.freeshell.org. URL consultato il 22 marzo 2019.
  5. ^ a b (EN) Paul Elmer More, su theimaginativeconservative.org. URL consultato il 22 marzo 2019.

BibliografiaModifica

  • (EN) Hazard Adams, Critical Theory since Plato, New York, Harcourt Brace Jovanovich, Inc., 1971.
  • (EN) Bernard Bandler II, Paul Elmer More and the External World, in The Critique of Humanism, New York, Brewer & Warren, Inc, 1930.
  • (EN) Stuart Gerry Brown, Toward an American Tradition: Paul Elmer More as Critic, in The Sewanee Review, XLVII, nº 4, 1939, pp. 476-497.
  • (EN) Arthur Hazard Dakin, Paul Elmer More, Princeton, Princeton University Press., 1960.
  • (EN) Robert M. Davies, The Humanism of Paul Elmer More, New York, Bookman Associates, 1958.
  • (EN) Francis X Duggan, Paul Elmer More, New York, Twayne Publishers, Inc., 1966.
  • (EN) Barrows Dunham, Paul Elmer More, in The Massachusetts Review, VII, nº 1, 1966, pp. 157-164.
  • (EN) G. R. Elliott, More's Christology, in American Review, IX, nº 1, 1937, pp. 35-46.
  • (EN) Norman Foerster, Humanism and America: Essays on the Outlook of Modern Civilization, 1930.
  • (EN) Russell Kirk, Critical Conservatism: Babbitt, More, Santayana, in The Conservative Mind: From Burke to Eliot, Washington, Regenery Publishing, Inc., 1985.
  • (EN) Byron C. Lambert, The Essential Paul Elmer More, New Rochelle, Arlington House, 1972.
  • (EN) Folke Leander, Humanism and Naturalism: A Comparative Study of Ernest Seillière, Irving Babbitt and Paul Elmer More, 1937.
  • (EN) Frank Jewett Mather Jr., Paul Elmer More (1864-1937), in Proceedings of the American Academy of Arts and Sciences, LXXII, nº 10, 1938, p. 368.
  • (EN) Modern American Critics, 1920-1955, in Dictionary of Literary Biography, LXIII, Detroit, Gale Group, 1988.
  • (EN) Robert Shafer, Paul Elmer More and American Criticism, New Haven, Yale University Press., 1935.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN50021371 · ISNI (EN0000 0001 1026 5553 · LCCN (ENn50004626 · GND (DE118784781 · BNF (FRcb11956187h (data) · NLA (EN35361794 · BAV ADV10075742