Pentimento (film 1984)

film del 1984 diretto da Tengiz Abuladze
Pentimento
Pentimento-Monanieba.png
Avtandil Makharadze in una scena del film
Titolo originaleПокаяние
Pokajanie
Lingua originaleGeorgiano e russo
Paese di produzioneUnione Sovietica
Anno1984
Durata153 min
Generedrammatico, grottesco
RegiaTengiz Abuladze
SceneggiaturaTengiz Abuladze, Nana Janelidze e Rezo Kveselava
Distribuzione in italianoDynit
FotografiaMikhail Agranovich
MontaggioGuliko Omadze
MusicheNana Dzhanelidze
Interpreti e personaggi

Pentimento (in russo: Покаяние?, traslitterato: Pokajanie; in georgiano: მონანიება?, Monanieba) è un film sovietico del 1984 diretto dal regista georgiano Tengiz Abuladze, vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria al 40º Festival di Cannes.[1] Con "Pentimento", si concluse la trilogia che aveva inaugurato la maturità dell'artista[2]: dopo essersi soffermato con acuta sensibilità e pregnante simbolismo sull'eterno problema del conflitto fra l'individuo e la comunità in cui vive, calandolo in un ancestrale mondo pastorale prima ("La supplica", 1968) e nel conformismo di un villaggio contadino pre-rivoluzionario poi ("L'albero dei desideri",1977), Abuladze lo declina nella sua più drammatica espressione, quella segnata dall'avvento di una società totalitaria e poi post-totalitaria, dilaniate fra resistenza e compiacenza, fra perpetuazione di verità e memoria e criminale dimenticanza e negazione.

TramaModifica

Una donna viene processata, rea di aver dissotterrato per tre volte la salma di Varlam Aravidze, acclamato borgomastro di una città georgiana. Durante il processo, la donna proclama con orgoglio il suo intento: riesumare la memoria del dispotico regime instaurato dal defunto Varlam, già concordemente e pacificamente rimossa dalla stessa comunità che lo aveva sostenuto, e denunciarne le colpe.

Produzione e distribuzioneModifica

Realizzato nel 1984, il film venne distribuito solo a partire dalla fine del 1986, grazie alla glasnost' di Michail Gorbačëv che lo fece circolare[3]: partecipò quindi a diverse edizioni di Festival internazionali del 1987 e addirittura del 1988.

Al successo di critica internazionale il film aggiunse anche uno dei più importanti riconoscimenti artistici sovietici, il Premio Lenin.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Awards 1987, festival-cannes.fr. URL consultato il 25 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2014).
  2. ^ ABULADZE, Tengiz Evgen'evič in "Enciclopedia del Cinema", su www.treccani.it. URL consultato il 22 marzo 2021.
  3. ^ M. Morandini, Il Morandini 2003 - Dizionario dei film, Zanichelli, Bologna ottobre 2002, p. 1006

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN225730239 · LCCN (ENn2002026389 · GND (DE4662908-7 · BNF (FRcb15047172h (data)
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema