Apri il menu principale
Il baritono inglese Peter Glossop

Peter Glossop (Sheffield, 6 luglio 1928Rousdon, 7 settembre 2008) è stato un baritono inglese Fu l'unico inglese ad aver cantato i grandi ruoli tragici da baritono di Verdi al Teatro alla Scala di Milano.[1] Proveniva da umili origini nello Yorkshire e riuscì a divenire un interprete di primissimo piano, prima a Londra, poi nei principali teatri d'opera d'Europa e d'America.

Primi anni e carrieraModifica

Peter Glossop è nato nel sobborgo Wadsley di Sheffield, South Yorkshire, in Inghilterra, figlio di Cyril Glossop, dirigente di una fabbrica di posate. È stato educato alla High Storrs Grammar School e fu introdotto all'opera lirica dalla madre Violet, che lo fece entrare clandestinamente nel Lyceum Theatre dove lei lavorava come segretaria. Dopo il Servizio Nazionale, entrò a far parte della Banca nazionale provinciale come impiegato e nel suo tempo libero cantava con la Sheffield Operatic Society.[1] Il suo debutto nel 1949 fu nel doppio ruolo di Coppélius e Dr. Miracle in Les Contes d'Hoffmann.[2] Studiò localmente con Joseph Hislop[1] e Eva Rich e fu finalista nel Grande Caruso Contest del 1952.[3] Si unì al coro del Sadler's Wells Opera lo stesso anno e continuò i suoi studi con Leonard Mosley.[1] Cantò presto ruoli minori per la compagnia e il suo primo ruolo professionale fu Morales nella Carmen nel 1953. Questo fu seguito da Schaunard in La bohème e Silvio nei Pagliacci.[4] Nel 1955 Glossop fu nominato come uno dei cantanti principali della compagnia. Nel corso dei successivi cinque anni cantò la maggior parte dei ruoli principali di baritono verdiani ed era particolarmente noto per il ruolo del protagonista nel Rigoletto e del Conte di Luna ne Il Trovatore.[1]

Nel 1961 Glossop ha vinto la medaglia d'oro al Concorso Internazionale d'opera a Sofia e fu ingaggiato dalla Royal Opera House. Il suo debutto al Covent Garden fu come Demetrio in A Midsummer Night's Dream di Britten's. La sua grande svolta arrivò nel 1964, quando interpretò il ruolo di Rigoletto con un preavviso molto breve e segnò un grande trionfo personale. Altri ruoli per la Royal Opera sono Rodrigo nel Don Carlos, Michele ne Il Tabarro, Tonio nei Pagliacci, Marcello ne La bohème e i ruoli del protagonista nel Don Giovanni, Simon Boccanegra e Rigoletto.[1] Nel 1964 Glossop vinse la medaglia d'oro di Verdi a Parma[2] dopo il suo grande successo al Parma Opera sempre come Rigoletto.[1] L'anno successivo Glossop cantò la parte di Donner nella produzione della Royal Opera House del ciclo dell'Anello wagneriano, sotto Solti[3] e nello stesso anno debuttò al Teatro alla Scala come Rigoletto.[1] Nel 1966 debuttò a Parigi e a San Francisco nel ruolo di Posa in Don Carlo.[5] Nel giugno del 1968 Glossop fu scelto da Herbert von Karajan per cantare il ruolo di Tonio nel suo film sull'opera Pagliacci. Glossop riuscì così bene che Karajan lo scelse per cantare Iago nella sua nuova produzione al Festival di Salisburgo nel 1970. Questo risultò un successo tale, che registrò la sua parte nella registrazione di Karajan, sia audio che e video. Il debutto di Glossop al Metropolitan Opera di New York, avvenne nel 1971 come Scarpia nella Tosca. Ruoli successivi per il Metropolitan Opera sono Don Carlo nella La forza del destino, Mr. Redburn in Billy Budd, Balstrode in Peter Grimes e il ruolo del protagonista in Falstaff e Wozzeck.[5]. La sua carriera continuò fino alla metà degli anni 1980 con apparizioni a Londra ed i principali teatri europei e americani d'opera. Il suo repertorio comprendeva anche Don Carlo nell'Ernani, Mandryka in Arabella, Pizarro in Fidelio e il ruolo del protagonista in L'olandese volante e Macbeth.[3][5]

Qualità e personalitàModifica

Alan Blyth su Grove afferma "Anche se non era il più sottile degli attori, le sue interpretazioni sono state sempre realizzate e cantate con trepida convinzione".[5] Commenti fatti altrove dicono che era uno "Yorkshire scatenato" che era stato "benedetto da una forte estensione, voce potente e un temperamento a volte grossolano". "Ha avuto la convinzione di tutto quello che ha cantato, e la sua personalità estroversa migliorava tutti i suoi spettacoli teatrali".[1] "Sul palco combinava un grande coraggio con una potente emissione vocale".[3]

Vita privata e ritiro dalle sceneModifica

Nel 1955 Peter Glossop sposò Joyce Blackham, un soprano d'opera. Questo matrimonio fu sciolto nel 1977 e nello stesso anno sposò Michelle Amos, una ballerina molto più giovane. Questo matrimonio finì con un divorzio nel 1986. Glossop decise di andare in pensione nel 1986 a seguito di una interpretazione di Sharpless in Madama Butterfly a Los Angeles.[4] Si ritirò in un villaggio nei pressi di Axminster, Devon. In pensione ha fatto qualche lezione di canto e conferenze.[1] Fu nominato dottore di musica onorario dalla Università di Sheffield. Egli era appassionato di jazz e compilò una grande collezione di dischi jazz Dixieland.[3] Verso la fine della vita sviluppò un cancro alla gola. Peter Glossop ha avuto due figlie dal suo secondo matrimonio.[1]

Registrazioni e pubblicazioniModifica

Glossop ha effettuato una serie di registrazioni. Tra queste "Macbeth" con Rita Hunter nel 1960, "Billy Budd" diretto dal compositore, e la parte di Choroebus in "Les Troyens" di Berlioz's, diretto da Colin Davis. La produzione del 1964 di "Pagliacci" a Salisburgo fu filmata, come avvenne nel 1970 per quella di "Otello".[1]

Nel 2004 Glossop ha pubblicato la sua autobiografia La storia di un baritono Yorkshire.[1][6]

DiscografiaModifica

Titolo Direttore Orchestra Formato Etichetta Data di
realizzazione
Les Troyens Colin Davis Royal Opera House Orchestra CD Philips 1986
Didone ed Enea John Barbirolli English Chamber Orchestra CD EMI Classical 1995
Ernani Gianandrea Gavazzeni Milan Radio Symphony Orchestra CD Opera d'Oro 1997
Caractacus Charles Groves Royal Liverpool Philharmonic Orchestra CD EMI British Composers 1998
Otello Herbert von Karajan Berliner Philharmoniker CD EMI Classical 1999
Roberto Devereux Charles Mackerras Royal Philharmonic Orchestra CD Westminster Legacy 2001
Otello Herbert von Karajan Berlin Philharmonic Orchestra DVD Deutsche Grammophon Unitel 2001
Merrie England Michael Collins Michael Collins Orchestra CD EMI Classics for Pleasure 2002
I gioielli della Madonna Alberto Erede BBC Symphony Orchestra CD Bella Voce 2002
Highlights da
La traviata, Rigoletto,
Il trovatore
John Matheson,
Michael Moores
Sadler's Wells Opera Orchestra CD EMI Classics for Pleasure 2003
Choral Works di Giuseppe Paolucci Herbert von Karajan Wiener Philharmoniker CD Tactus 2003
Macbeth John Matheson BBC Concert Orchestra CD Opera Rara 2004
La forza del destino John Matheson BBC Concert Orchestra CD Opera Rara 2005
Billy Budd Charles Mackerras London Symphony Orchestra DVD Decca 2008
Anaanas Banaanas
(by Werner Pirchner)
Herbert von Karajan Vienna Philharmonic Orchestra CD Extraplatte

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Obituary: Peter Glossop, in The Daily Telegraph, 10 settembre 2008, pp. 31.
  2. ^ a b Peter Glossop, The Oxford Dictionary of Music. URL consultato il 12 Settembre 2008.
  3. ^ a b c d e Peter Glossop: operatic baritone (Londra, Times Online), 9 settembre 2008. URL consultato il 12 settembre 2008.
  4. ^ a b Alan Blyth, Obituary: Peter Glossop, in The Guardian (Londra, Guardian News and Media), 10 settembre 2008. URL consultato il 13 settembre 2008.
  5. ^ a b c d Alan Blyth, "Glossop, Peter", in Laura Macy (a cura di), Oxford Music Online, Oxford University Press.
  6. ^ Peter Glossop e Jon Tolansky, The Story of a Yorkshire Baritone, Guidon Publishing, 2004, ISBN 978-0-9543617-3-0.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN114608578 · ISNI (EN0000 0000 8411 7214 · LCCN (ENn85024332 · BNF (FRcb13926970n (data) · WorldCat Identities (ENn85-024332