Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Phyllopteryx taeniolatus
Phyllopteryx taeniolatus1.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Ordine Syngnathiformes
Sottordine Syngnathoidei
Famiglia Syngnathidae
Sottofamiglia Syngnathinae
Genere Phyllopteryx
Specie P. taeniolatus
Nomenclatura binomiale
Phyllopteryx taeniolatus
(Lacepède, 1804)
Sinonimi

Penetopteryx eques
(Günther, 1865)
Penetopteryx foliatus
(Shaw, 1804)
Penetopteryx lucasi
(Whitley, 1931)

Areale

Phyllopteryx tæniolatus range map.PNG

Phyllopteryx taeniolatus (Lacepède, 1804), conosciuto comunemente come drago marino comune, è pesce d'acqua salata della famiglia Syngnathidae, endemico dell'Australia.[2]

Indice

DescrizioneModifica

 
Un esemplare adulto

È un pesce simile all'ippocampo, caratterizzato dalle protuberanze simili a foglie che servono a mimetizzarlo fra le piante acquatiche. Una specie simile con protuberanze mimetiche ancora più evidenti è il Dragone foglia o Phycodurus eques.[3] La lunghezza media di questo pesce è di circa 46 cm.

BiologiaModifica

RiproduzioneModifica

Poco prima dell'accoppiamento, la coda del maschio assume un color giallo brillante.

Il drago marino maschio trasporta le uova fecondate attaccate alla propria coda.

AlimentazioneModifica

Si nutre di piccoli crostacei e altro zooplancton.

Distribuzione e habitatModifica

Questa specie è diffusa a profondità variabili da 3 a 50 metri lungo la costa meridionale dell'Australia, approssimativamente fra Port Stephens, Nuovo Galles del Sud e Geraldton, Australia Occidentale, così come lungo le coste della Tasmania.

ConservazioneModifica

La IUCN Red List classifica Phyllopteryx taeniolatus come specie prossima alla minaccia di estinzione (Near Threatened).[1]

AcquariofiliaModifica

L'accoppiamento in cattività è piuttosto raro perché i ricercatori devono ancora capire quali siano i fattori biologici o ambientali che li spingono a riprodursi. In cattività la percentuale di sopravvivenza del drago marino comune è di circa il 60%.

L'Acquario del Pacifico a Long Beach, in California e l'Acquario di Melbourne in Australia sono le uniche strutture al mondo ad aver allevato con successo il drago marino comune in cattività. Dal giugno 2008, l'Acquario della Georgia ad Atlanta ha un drago marino fecondo e si presume che i piccoli nasceranno entro la metà di luglio.

SimbologiaModifica

Dal 2002, il drago marino comune è l'emblema acquatico dello Stato australiano del Victoria[4][5].

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Connolly, R. 2006, Phyllopteryx taeniolatus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019. URL consultato il 27 maggio 2016.
  2. ^ (EN) Bailly, N. (2015), Phyllopteryx taeniolatus, WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 27 maggio 2016.
  3. ^ Drago Marino Comune, su amigdala.info. URL consultato il 13 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2012).
  4. ^ (EN) Marine Emblem: Common Seadragon, Victoria State Government. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  5. ^ (EN) Marine Emblems, MESA. URL consultato il 17 gennaio 2017.

BibliografiaModifica

  • "Cavallucci, Pesci ago & C.: passione e impegno per allevarli con successo", in Il mio acquario, nº 139, aprile 2010, pp. 14-21.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci