Apri il menu principale

Picea engelmannii

specie di pianta della famiglia Pinaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Peccio di Engelmann
Engelmann spruce on the PCT, Washington.JPG
Esemplare di Picea engelmannii
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Picea
Specie P. engelmannii
Nomenclatura binomiale
Picea engelmannii
Parry ex Engelm., 1863
Sinonimi
Nomi comuni

(IT) Peccio di Engelmann
(EN) Engelmann Spruce
(DE) Engelmann-Fichte
(FR) Épinette d'Engelmann

Areale

Picea engelmannii range map.png

Il peccio di Engelmann (Picea engelmannii Parry ex Engelm., 1863) è una specie di peccio, appartenente alla famiglia delle Pinaceae, originaria del Nord America.[1]

Indice

EtimologiaModifica

Il nome generico Picea, utilizzato già dai latini, potrebbe, secondo un'interpretazione etimologica, derivare da Pix picis = pece, in riferimento all'abbondante produzione di resina.[2] Il nome specifico engelmanni fu assegnato da W.E.Parry in onore del botanico tedesco-americano George Engelmann, che poco dopo riuscì a pubblicare la descrizione della nuova specie prima di lui.[3]

DescrizioneModifica

PortamentoModifica

Albero alto 40-45 metri con unico tronco diritto che può raggiungere 1-1,5 m. di circonferenza; i rami del primo ordine sono corti e slanciati, sviluppati orizzontalmente, con parte terminale rivolta in alto, quelli inferiori più pendenti. I rami del secondo ordine, anch'essi corti, sono pendenti. La chioma è stretta, conica, o colonnare, specialmente negli individui che vegetano nei versanti nord a elevata altitudine. I virgulti sono inizialmente solidi, poi cadenti, prima di color giallo-verdastro, poi marrone-giallastro, scanalati; da giovani hanno una fine peluria.[3]

FoglieModifica

Le foglie sono aghiformi, di colore verde glauco, lunghe fino a 3 cm, lineari, dritte o leggermente curve, con punte acute che non pungono; hanno stomi su entrambe le pagine (due strette bande con 2-3 linee su quella superiore, 2 bande di 4-6 linee in quella inferiore). Le gemme vegetative sono ovoidali-coniche, lunghe 5-6 mm, resinose in punta; hanno perule triangolari, ottuse, di colore rosso-marrone, dormienti per anni.[3]

FioriModifica

Sono strobili maschili giallastri, ascellari, lunghi 1-1,5 cm.[3]

FruttiModifica

I coni femminili sono sessili, ovoidali-cilindrici, inizialmente eretti, poi pendenti a maturazione, lunghi 3-6 cm e larghi 2-2,5 cm, inizialmente verdi tinteggiati di rosso, poi marroni-rossastri o marroni-giallastri. I macrosporofilli sono sottili e flessibili, con superficie abassiale liscia o finemente striata. Le brattee sono largamente ovate, con cuspide, lunghe 3-6 mm, totalmente nascoste. I semi, di color marrone giallastro, sono ovoidali e lunghi 2-3 mm.[3]

CortecciaModifica

La corteccia inizialmente è liscia, di colore marrone-rossastro, poi diventa grigia con macchie marrone chiaro, ruvida e scanalata.[3]

Distribuzione e habitatModifica

Nativo del Canada (Columbia Britannica e Alberta), degli Stati Uniti d'America (Arizona, Idaho, Texas, Utah, Montana, Nevada, Nuovo Messico, California, Wyoming, Washington, Oregon e Colorado) e del Messico (Chihuahua e Nuevo León). Vegeta dai 600 ai 3700 m di quota, con il limite superiore che si alza progressivamente da nord verso sud, prediligendo sia suoli calcarei che non calcarei; il clima dell'habitat è freddo e umido, con precipitazioni annue non inferiori ai 600 mm, caratterizzato da inverni lunghi e nevosi ed estati fresche. Forma foreste estese, pure o miste con Abies lasiocarpa, Pseudotsuga menziesii, Larix occidentalis, Picea glauca e specie del genere Pinus. Le subpopolazioni del Messico sono confinate alle altitudini più elevate, nei versanti settentrionali di ripidi pendii.[1]

TassonomiaModifica

Esiste una forma ibrida naturale, accettata in tassonomia, con P. glauca, P. × albertiana, mentre la forma ibrida naturale con P. sitchensis ha una classificazione ancora controversa. Viene accettata una sottospecie:[4]

SinonimiModifica

Sono stati riportati i seguenti sinonimi:[4]

  • Abies commutata (Parl.) Gordon
  • Abies engelmannii Parry
  • Abies engelmannii var. glauca R.Sm.
  • Picea columbiana Lemmon
  • Picea columbiana (Lemmon) Beissn.
  • Picea engelmannii f. argentea Beissn.
  • Picea engelmannii var. columbiana (Lemmon) Beissn.
  • Picea engelmannii var. engelmannii
  • Picea engelmannii var. fendleri A.Henry
  • Picea engelmannii f. fendleri (A.Henry) Rehder
  • Picea engelmannii var. franciscana Lemmon
  • Picea engelmannii var. glabra Goodman
  • Picea engelmannii f. glauca (R.Sm.) Beissn.
  • Picea engelmannii f. microphylla Hesse ex Beissn.
  • Picea engelmannii f. pendula Schelle
  • Picea glauca var. engelmannii (Parry ex Engelm.) B.Boivin
  • Picea glauca subsp. engelmannii (Parry ex Engelm.) T.M.C.Taylor
  • Pinus commutata Parl.

UsiModifica

Il peccio di Engelmann ha una grande importanza economica per lo sfruttamento del suo legno; nonostante sia nodoso e di non grandissima qualità, viene utilizzato sempre più frequentemente in edilizia, per la fabbricazione di strumenti musicali, come violini e pianoforti, mentre l'utilizzo come legname da miniera, traversine per linee ferroviarie e pali telefonici, è in forte decremento. Attualmente la maggior parte del legname ricavato viene utilizzato nell'industria cartaria, in particolare nel Canada occidentale. Come specie ornamentale non è molto comune, e le cultivar in commercio sono poche, anche perché l'utilizzo dei pecci come alberi di Natale non è diffuso in Nordamerica.[3]

ConservazioneModifica

Essendo una delle conifere più comuni, e con areale vastissimo, nel continente nordamericano, viene classificata come specie a rischio minimo nella Lista rossa IUCN.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) Farjon, A. 2013, Picea engelmannii, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ Picea engelmannii, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011, Treccani.it – Vocabolario Treccani on line. URL consultato il 16 maggio 2019.
  3. ^ a b c d e f g (EN) Aljos Farjon, A Handbook of the World's Conifers (2 vols.) (Brill), 2010, pp. 567-569. URL consultato il 16 maggio 2019.
  4. ^ a b Picea engelmannii Parry ex Engelm., The Plant List. URL consultato il 16 maggio 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85043168
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica