Apri il menu principale

Pierre Moscovici

politico francese
Pierre Moscovici
Pierre Moscovici en mai 2010.png

Commissario europeo per gli affari economici e monetari
In carica
Inizio mandato 1º novembre 2014
Presidente Jean-Claude Juncker
Predecessore Jyrki Katainen
Successore Paolo Gentiloni

Ministro delle Finanze della Repubblica francese
Durata mandato 16 maggio 2012 –
31 marzo 2014
Presidente François Hollande
Capo del governo Jean-Marc Ayrault
Predecessore François Baroin
Successore Michel Sapin (Finanze)
Arnaud Montebourg (Economia)

Ministro degli Affari europei della Repubblica francese
Durata mandato 4 giugno 1997 –
6 maggio 2002
Presidente Jacques Chirac
Capo del governo Lionel Jospin
Predecessore Michel Barnier
Successore Renaud Donnedieu de Vabres

Dati generali
Partito politico Partito Socialista
Università Istituto di studi politici di Parigi
École nationale d'administration

Pierre Moscovici ([pjɛʁ mɔskɔvi'si]; Parigi, 16 settembre 1957) è un politico francese.

BiografiaModifica

Nasce in una famiglia ebraica di intellettuali di sinistra.[1] Il padre è lo psicologo e sociologo Serge Moscovici (1925-2014) che, da adolescente durante la seconda guerra mondiale, fece una campagna[non chiaro] nel Partito Comunista Rumeno prima di fuggire dal suo paese nel 1947[1] per cercare rifugio in Francia. La madre, di origine polacca, è la psicoanalista Marie Bromberg (1932-2015).[1]

Consegue un diploma in economia e uno in filosofia, quindi si laurea presso Sciences Po Paris nel 1980 (sezione Servizio pubblico),[2] entra a far parte dell'ENA per poi scegliere la Corte dei conti.

Attività politicaModifica

Studente delle scuole superiori, Pierre Moscovici simpatizza con la Lega comunista rivoluzionaria (LCR) di Alain Krivine. Nel 1984, sotto la guida di Dominique Strauss-Kahn, suo insegnante presso l'ENA, si avvicina al Partito Socialista francese. Nel 1986 diventa segretario del "gruppo di esperti" formato da Claude Allègre. Nel 1988 entra nel gabinetto di Lionel Jospin presso il Ministero della Pubblica Istruzione.

Nel 1990 entra a far parte del Commissariat général au Plan ed è nominato responsabile per il finanziamento e la modernizzazione dell'economia. Sempre nel 1990 diventa il più giovane segretario nazionale del PS. Nel 1991 pubblica con François Hollande (segretario generale dei club "Testimoni") "L'ora delle scelte", un'accusa contro la politica economica di Pierre Bérégovoy. Nel 1992 è tesoriere del PS e lo è fino al 1994.

Nel 1994 è eletto deputato europeo alle elezioni europee del 12 giugno. Mandato che esercita fino al 5 giugno 1997, quando viene eletto deputato all'Assemblea nazionale nella quarta circoscrizione del Doubs.

Dal 1997 al 2002 è ministro delegato per gli affari europei nel governo di Lionel Jospin. È rieletto deputato nel 2007.

È ministro dell'economia e delle finanze nei governi Ayrault dal 2012 al 2014. Durante le elezioni presidenziali del 2012, è il responsabile della campagna elettorale del candidato socialista François Hollande. Nel 2014 viene indicato come Commissario europeo per gli affari economici e monetari nella nuova Commissione Juncker[3]. La nomina è annunciata da Juncker il 10 settembre 2014 dopo un negoziato con il governo tedesco[4]. È ascoltato dalla commissione degli Affari economici del Parlamento europeo il 2 ottobre 2014[5].

Vita privataModifica

Separato nell'agosto 2014 da Marie-Charline Pacquot, la compagna con cui ha vissuto per sei anni,[6][7], si è sposato nel giugno 2015 con Anne-Michelle Basteri, più giovane di ventidue anni, ispettrice della finanza.[8][9]. Il loro primo figlio, Joseph, è nato nel giugno 2018.[10].

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c (FR) Marie-Dominique Lelièvre, Émancipé, su www.liberation.fr, 15 settembre 2008. URL consultato il 15 marzo 2012..
  2. ^ (FR) Alumni Sciences Po, l'Association des Sciences-Po - Fiche profil, su www.sciences-po.asso.fr. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  3. ^ (FR) François-Xavier Bourmaud, Commission européenne: Hollande choisit Moscovici, in Le Figaro, 30 luglio 2014, pagina 4.
  4. ^ (FR) Pierre Moscovici nommé commissaire européen aux Affaires économiques et monétaires, su francetvinfo.fr, 10 settembre 2014. URL consultato il 16 giugno 2015.
  5. ^ (FR) La nomination de Pierre Moscovici à la Commission européenne approuvée par le Parlement, su www.20minutes.fr. URL consultato il 30 novembre 2017.
  6. ^ (FR) Moscovici: il officialise sa relation amoureuse avec Marie-Charline Pacquot, su linternaute.com, 20 giugno 2012.
  7. ^ (FR) La compagne de Moscovici vole à son secours, su lepoint.fr, 11 aprile 2013.
  8. ^ (FR) Frank Noblesse, La « love affair » de Moscovici, Kim Kardashian à la Fashion week, su franceinfo.fr, 28 settembre 2014. URL consultato il 16 giugno 2015.
  9. ^ (FR) Lucile Quillet, Pierre Moscovici et Anne-Michelle Basteri se sont mariés, su lefigaro.fr. URL consultato il 16 giugno 2015.
  10. ^ (FR) à 60 ans, Pierre Moscovici est papa pour la première fois, su parismatch.com, 8 giugno 2018. URL consultato il 12 giugno 2018.
  11. ^ http://www.ordens.presidencia.pt/?idc=154/
  12. ^ Journal Officiel De La Republique Du Senegal

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN84212138 · ISNI (EN0000 0001 1772 7079 · LCCN (ENn92033812 · GND (DE122543793 · BNF (FRcb122353500 (data) · WorldCat Identities (ENn92-033812