Apri il menu principale

Pietro Zani

critico d'arte della fine del XVIII secolo

BiografiaModifica

Con Ireneo Affò e con L. Bianconi negli anni tra il 1784 e il 1785 concepì un'opera monumentale che, divisa in otto parti, avrebbe compreso un indice di quarantamila artisti e una parte dedicata alle stampe classificate per soggetti e autori. Per realizzare questo piano grandioso, Zani visitò e studiò le maggiori raccolte di stampe italiane e straniere incontrando conoscitori come Bartsch, Vivant Denon e Seroux d'Agincourt. L'opera vedrà la luce a partire dal 1817 con il titolo di Enciclopedia metodica critica-ragionata delle Belle Arti e sarà pubblicata a Parma in 28 volumi fino al 1824.

In precedenza aveva pubblicato i Materiali per servire alla storia dell'origine e de' progetti dell'incisione in rame e in legno, pubblicato a Parma nel 1802, dove sosteneva la priorità dell'Italia nell'invenzione dell'incisione su rame ad opera di Maso Finiguerra.

NoteModifica

  1. ^ Mirella Capretti e Paolo Mesolella, L'ABATE DON PIETRO ANTONIO MARIA ZANI FIDENTINO, Parma, Toriazzi Editore, 2016, pp. 14 e 91, ISBN 9788890873355.

BibliografiaModifica

  • Ernst Gombrich, Dizionario della Pittura e dei Pittori, Einaudi Editore, 1997
  • Mirella Capretti e Paolo Mesolella, L'ABATE DON PIETRO ANTONIO MARIA ZANI FIDENTINO, Parma, Toriazzi Editore, 2016, ISBN 978-88-908733-5-5

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24591488 · ISNI (EN0000 0000 7154 1753 · LCCN (ENn2011052128 · GND (DE139610537 · BNF (FRcb10492059v (data) · ULAN (EN500328482 · BAV ADV11236856 · CERL cnp01307870 · WorldCat Identities (ENn2011-052128