Apri il menu principale
Polenta taragna
Polenta taragna tavola e coltella.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneLombardia
DiffusioneValtellina
Provincia di Bergamo
Provincia di Brescia
Provincia di Lecco
Dettagli
Categoriapiatto unico
Ingredienti principali
 

La polenta taragna, o semplicemente taragna[1] è un piatto unico, variante della polenta in cui oltre alla farina di mais è usata anche la farina di grano saraceno.

È diffusa nell'Alta Lombardia, in particolar modo in Valtellina e nelle valli delle province di Bergamo, di Brescia e di Lecco.

Origine del nomeModifica

La denominazione della pietanza deriva dal termine dialettale tarél, che indica il bastone in legno che serve per rimescolare la polenta nel paiolo di rame rosso, utilizzato durante la preparazione[2] .

CaratteristicheModifica

La polenta taragna è preparata con acqua e una miscela di farine che è composta, con proporzioni differenti in base alla zona di produzione della pietanza, da farina di grano saraceno e farina di granturco: la prima farina citata fornisce alla polenta taragna il suo caratteristico colore beige scuro[3][2].

Durante la cottura, alla polenta taragna vengono aggiunti formaggio (ad esempio in Valtellina Storico ribelle, Bitto o Casera, in provincia di Bergamo Branzi e Formai de Mut o nelle valli Lecchesi Taleggio) e burro.

NoteModifica

  1. ^ Storia della polenta, su correrenelverde.com. URL consultato il 12 Gennaio 2018.
  2. ^ a b La ricetta della polenta taragna, tipicità della Valtellina, su Le ricette de La Cucina Italiana, 5 Ottobre 2016. URL consultato il 12 Gennaio 2018.
  3. ^ Polenta taragna: il sapore rustico delle valli lombarde, su Lorenzo Vinci. URL consultato il 12 Gennaio 2018.