Apri il menu principale
Powerwolf
20160709 Ballenstedt RockHarz Powerwolf 0326 Powerwolf.jpg
I Powerwolf al Rocharz Open Air 2016
Paese d'origineGermania Germania
GenerePower metal
Periodo di attività musicale2003 – in attività
EtichettaMetal Blade Records
Napalm Records
Album pubblicati9
Studio6
Live2
Raccolte1
Logo ufficiale
Sito ufficiale

I Powerwolf sono un gruppo musicale power metal tedesco, noto per le loro visioni originali sulla religione, che si possono notare sia nei testi delle loro canzoni che nelle copertine dei loro album.

Storia del gruppoModifica

Anni duemilaModifica

 
Matthew Greywolf e Charles Greywolf, fondatori del gruppo

Nel 2003, i fratelli Charles e Matthew Greywolf, dopo aver suonato insieme per anni, fondano un gruppo chiamato Powerwolf. Poco tempo dopo, l'organista Falk Maria Schlegel e il batterista Stèfane Funébre si uniscono alla band. Al gruppo, però, mancava un cantante principale e, dopo averlo cercato per molto tempo, finalmente lo trovarono in Attila Dorn durante un viaggio della band in Romania e riuscirono quindi a completare il gruppo.

Completata la formazione del gruppo, i Powerwolf cominciano a scrivere canzoni e, nel 2005, danno alla luce il loro album di debutto, intitolato Return in Bloodred.

 
Attila Dorn

Due anni dopo è il turno di Lupus Dei, secondo album studio del gruppo. In questo secondo album le tracce sono interconnesse da una trama, ascoltandolo infatti si può seguire una vera e propria storia che ha come personaggio principale un lupo (animale al quale la band spesso si ispira).

Nel 2009 esce il terzo album, intitolato Bible of the Beast, che riconferma ancora una volta lo stile che ha contraddistinto il gruppo già negli album precedenti, consistente nella rilettura di diversi passi biblici in chiave metal, con annessi protagonisti contestuali.

Anni duemiladieciModifica

Nel 2010 il batterista Stèfane Funébre si separa dal gruppo per poi venire rimpiazzato dal successivo batterista della band, Tom Diener. L'anno successivo, Tom Diener si separerà a sua volta dal gruppo per essere successivamente rimpiazzato dall'attuale batterista della band, Roel van Helden.

 
Roel van Helden

Sempre nel 2011 esce il quarto album studio del gruppo, intitolato Blood of the Saints. Questo è accompagnato dalla pubblicazione dei due singoli We Drink Your Blood e Sanctified with Dynamite.

Negli inizi del 2012 esce Alive in the Night, un album live contenente la registrazione del concerto del gruppo tenuto al Metal Hammer nell'aprile del 2011.

Nel luglio del 2013 è uscito Preachers of the Night, quinto album studio dei Powerwolf.

A luglio del 2015 esce Blessed & Possessed, pubblicato anche in Deluxe Edition, che contiene anche le cover dei Powerwolf di molti cantanti, tra i quali i Black Sabbath e Gary Moore.

Il 10 settembre 2016 il gruppo pubblica l'album The Metal Mass Live.[1]

Il 20 luglio 2018 la band pubblica il settimo album studio, The Sacrament of Sin, la cui edizione deluxe include un secondo CD contenente alcuni brani incisi in passato del gruppo e reinterpretati da artisti come Saltatio Mortis e Epica. L'album è stato anticipato a fine maggio dal singolo Demons Are a Girl's Best Friend.

Approccio alla religioneModifica

Contrariamente a ciò che si potrebbe ipotizzare, i Powerwolf non sono assolutamente un gruppo anticlericale: i 5 componenti hanno ognuno una propria visione spirituale distante tra loro (ad esempio Attila Dorn, il cantante del gruppo, è cresciuto con un'educazione molto ortodossa).[2]

FormazioneModifica

Attuale
Ex componenti
  • Stèfane Funébre – batteria
  • Tom Diener – batteria

DiscografiaModifica

 
Matthew Greywolf e Falk Maria Schlegel

Album in studioModifica

Album dal vivoModifica

RaccolteModifica

EPModifica

SingoliModifica

NoteModifica

  1. ^ (DE) Powerwolf - The Metal Mass Live - Review, su The Huffington Post. URL consultato il 3 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2016).
  2. ^ Al lupo al lupo, MetallUs.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN125893555 · LCCN (ENno2009002799 · GND (DE10339936-7 · BNF (FRcb165891437 (data) · WorldCat Identities (ENno2009-002799