Apri il menu principale

Prefetto (storia romana)

ufficiale dell'Antica Roma, solitamente appartenente all'ordine equestre
AE 1988, 854; stele sepolcrale con raffigurazione di Titus Axomnius Mansuetus, morto a 22 anni, praefectus cohortis II Hispanorum (III secolo, Sion, Alpi Pennine).

Il prefetto (dal latino praefectus e praeficere, cioè stare davanti) era un ufficiale sia della Repubblica romana sia della Roma imperiale. Egli operò sia in ambito militare che civile, fu di rango variabile, solitamente appartenente all'ordine equestre. La prefettura era l'ultimo e il principale grado della carriera equestre iniziata con le tres militiae. In ambito civile, il prefetto non era un magistrato, ma un suo sostituto.

In età più antica il termine praefectus reggeva il caso dativo (regola applicata in seguito anche per il praefectus praetorio); successivamente resse il genitivo.

Elenco delle principali prefettureModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Cursus honorum.
Prefetture probabilmente di età regia
  • il praefectus urbi secondo quanto ci racconta Livio, al momento della cacciata dei Tarquini.[1]
Prefetture di età repubblicana
 Lo stesso argomento in dettaglio: Repubblica romana.
Prefetture di età imperiale
 Lo stesso argomento in dettaglio: Impero romano.
Altre prefetture
Altre figure estemporanee tardo-imperiali
 Lo stesso argomento in dettaglio: Tardo Impero romano.

NoteModifica

  1. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita libri, I, 60.
  2. ^ AE 1914, 153; AE 1914, 154.
  3. ^ CIL X, 6662.
  4. ^ Vegezio, Epitoma rei militaris, II, 10.
  5. ^ AE 1914, 163.
  6. ^ AE 1908, 23.
  7. ^ AE 2003, 1438; AE 1995, 1204; AE 1976, 735; AE 1925, 44; CIL III, 788 (p 1375).
  8. ^ AE 1894, 87; AE 1903, 67; AE 1903, 89.
  9. ^ AE 1962, 183, AE 1979, 684, CIL XI, 4786 (p 1374) e CIL XIII, 11543.
  10. ^ AE 1926, 82.
  11. ^ AE 1926, 80: qui si evidenzia un cursus honorum che parte da un praefectus cohortis (Ituraeorum), sale a tribunus militum legionis (IV Scythicae), poi a praefectus equitum, fino a praefectus ripae Danuvi.
  12. ^ Cassio Dione, LIV, 10.5; Augusto, Res Gestae, 6.1.
  13. ^ Cassio Dione, LIV, 30.1.

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàGND (DE4175523-6