Apri il menu principale

Pubertà

periodo di cambiamenti fisici attraverso i quali il corpo di un bambino diviene un corpo adulto capace di riprodursi
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il dipinto di Edvard Munch, vedi La pubertà.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film diretto da Pedro Masó, vedi Pubertà (film).

La pubertà è il periodo di cambiamenti fisici (solitamente dagli 11 ai 18 anni per le femmine, dai 14 ai 21 anni per i maschi[1]), attraverso i quali il corpo di un bambino diviene un corpo adulto capace di riprodursi, producendo autonomamente i propri ormoni sessuali.

Con questo processo incomincia l'attività delle ghiandole sessuali, che si manifesta nella donna con la prima mestruazione (menarca), nell'uomo con la produzione di sperma. Con queste manifestazioni si sviluppano i rispettivi apparati genitali, chiamati "caratteri sessuali primari". Inoltre durante la pubertà si sviluppano notevoli differenze corporee (dimensioni, forma, statura, composizione e funzione in varie strutture e sistemi del corpo). Le più evidenti sono chiamate caratteristiche sessuali secondarie. Questo sviluppo stimola la voglia di manipolare i propri genitali (masturbazione) e di conoscere altri corpi (rapporti sessuali).

Il termine pubertà si riferisce ai cambiamenti corporali della maturazione sessuale e psichica.

L'adolescenza è il periodo di transizione tra l'infanzia e l'età adulta.

NoteModifica

  1. ^ Dizionario della salute - Adolescenza, su corriere.it. URL consultato il 31 agosto 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85108606 · GND (DE4047762-9
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina