Referendum abrogativi in Italia del 1995

referendum in Italia

I referendum abrogativi in Italia del 1995 si tennero l'11 giugno ed ebbero ad oggetto dodici distinti quesiti.

StoriaModifica

 
Tutti i referendum scheda per scheda (inserto de Avvenimenti)

Nel 1994 dopo la legge elettorale "Mattarella" approvata dal Parlamento, il Movimento dei Club Pannella-Riformatori tornava a raccogliere le firme su un pacchetto di referendum incentrati su una nuova proposizione dei quesiti abrogativi delle leggi elettorali di Camera, Senato e Comuni; inoltre i Radicali in quell'occasione proponevano una serie di referendum definiti di "rivoluzione liberale"[1]: un fronte di lotta che ha impegnato il partito nel corso di tutti gli anni Novanta.

In un appello radicale del marzo 1994[2], che invitava gli elettori a votare "sì" ai 13 referendum per i quali si erano raccolti oltre 9 milioni di firme, si leggeva: «quesiti referendari, che impongono tutti un'opzione fra destatalizzazione e assistenzialismo, fra tutela della dignità del cittadino-contribuente-consumatore-utente e mantenimento dell'attuale parastatalismo (e collateralismo con il regime politico), fra transizione verso regole nuove e mero nuovismo all'interno della vecchia logica assistenzialista che ha generato corruzione e inefficienza. La sfida, si rivolge non solo al “pubblico” ma anche al “privato”, alla società civile e all'imprenditoria, che dopo decenni di collusione non sempre trasparente con il potere politico deve saper dimostrare sul campo le capacità di efficienza ed equità di cui ancora troppo astrattamente e benignamente gli si fa credito. Sulla base di questi contenuti (idonei a inaugurare anche in Italia la stagione della cultura politica liberale sin qui mancata) è auspicabile si vengano a profilare le future contrapposizioni partitiche dentro il prossimo parlamento e nella società italiana».

In vista delle elezioni politiche del 1994, Forza Italia, la nuova formazione politica creata da Silvio Berlusconi, diveniva il principale interlocutore delle battaglie radicali[3]: tuttavia Berlusconi non mantenne gli impegni presi con il Movimento dei Club Pannella-Riformatori e non impegnò il suo partito nella campagna referendaria.

I quesiti che dovevano abrogare l'orario degli esercizi commerciali, la pubblicità dalla Rai, la tesoreria unica, il sostituto d'imposta, il servizio sanitario nazionale, la cassa integrazione straordinaria, la legge elettorale della Camera e del Senato, furono dichiarati inammissibili dalla Corte Costituzionale.

Gli italiani furono chiamati alle urne l'11 giugno 1995.

QuesitiModifica

Rappresentanze sindacali (richiesta massimale)Modifica

Liberalizzazione delle rappresentanze sindacali (abolizione del monopolio confederale).

Promosso da SLAI Cobas e Rifondazione Comunista.

Quesito: "Volete voi l'abrogazione della legge 20 maggio 1970, n. 300 'Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e della attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento', limitatamente alla parte contenuta nell'articolo 19, comma 1, e precisamente le parole: 'nell'ambito: a) delle associazioni aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale; b) delle associazioni sindacali, non affiliate alle predette confederazioni, che siano firmatarie di contratti collettivi nazionali o provinciali di lavoro applicati nell'unità produttiva'?"

Rappresentanze sindacali (richiesta minimale)Modifica

Rappresentanze sindacali nella contrattazione pubblica: modifica dei criteri di rappresentanza in modo che questa vada anche alle organizzazioni di base.

Promosso da Cobas e Rifondazione Comunista[4].

Quesito: "Volete voi l'abrogazione dell'articolo 19, primo comma, lett. a) : ' a) delle associazioni aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale;', nonché lettera b) limitatamente alla lett. ' b)', alle parole 'non affiliate alle predette confederazioni' e alle parole 'nazionali o provinciali', della legge 20 maggio 1970, n. 300 'Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento'?"

Contrattazione pubblico impiegoModifica

Contrattazione collettiva nel pubblico impiego: abrogazione della norma sulla rappresentatività per i contratti del pubblico impiego.

Promosso da Cobas e Rifondazione Comunista[4].

Quesito: "Volete che sia abrogato il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 (Razionalizzazione dell'organizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego, a norma dell'articolo 2 della legge 23 ottobre 1992, n. 421), pubblicato sul supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 30 del 6 febbraio 1993, serie generale, limitatamente all'articolo 47 (rappresentatività sindacale)?"

Soggiorno cautelareModifica

Abrogazione della norma sul soggiorno cautelare per gli imputati di reati di mafia.

Referendum promosso da Radicali e Lega Nord.

Quesito: "Volete voi che sia abrogato l'art. 25-quater del d.-l. 8 giugno 1992, n. 306, recante 'Modifiche urgenti al nuovo codice di procedura penale e provvedimenti di contrasto alla criminalità" , nel testo introdotto dalla legge di conversione 7 agosto 1992, n. 356 (e così come modificato dalla legge 24 luglio 1993, n. 256, recante 'Modifica dell'istituto del soggiorno obbligato e dell'art. 2-ter della legge 31 maggio 1965, n. 575') e nel testo risultante dalla sentenza depositata il 7 dicembre 1994, n. 419 della Corte Costituzionale, che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 25-quater, primo comma, nella parte in cui non prevede che il Procuratore Nazionale Antimafia può disporre con decreto motivato il soggiorno cautelare soltanto in via provvisoria, con l'obbligo di chiedere contestualmente l'adozione del provvedimento definitivo al Tribunale, ai sensi dell'art. 4 della legge 27 dicembre, 1956 n. 1423 e successive modificazioni, il quale decide, a pena di decadenza, nei termini e con le procedure previste dall'anzidetto art. 4 della legge medesima, nonché del quinto comma della stessa disposizione?"

 
Tutti i referendum scheda per scheda (inserto de Avvenimenti)

Privatizzazione della RAIModifica

Abrogazione di norme che dispongono la esclusiva proprietà pubblica della Rai, al fine di rendere possibile un'eventuale privatizzazione. Promosso dai Radicali e Lega Nord.

Quesito: Volete Voi l'abrogazione: a) dell'art. 2, comma 2, della legge 6 agosto 1990, n. 223, recante "Disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato", limitatamente alle parole "a totale partecipazione pubblica"; b) dell'art. 1 del decreto legge 19 ottobre 1992, n. 408, convertito, con modificazioni, nella legge 17 dicembre 1992, n. 483, recante "Disposizioni urgenti in materia di pubblicità radiotelevisiva"?

Autorizzazione al commercioModifica

Abrogazione della norma che sottopone ad autorizzazione amministrativa il commercio. Promosso dai Radicali.

Quesito: "Volete voi che sia abrogata la legge 11 giugno 1971, n. 426, recante "Disciplina del commercio" e successive modificazioni e integrazioni, limitatamente alle seguenti parti: articolo 11; articolo 12; articolo 14; articolo 15; articolo 16; articolo 18, limitatamente al comma 2: "Qualora le commissioni di cui agli articoli 15 e 16 non siano nominate entro i termini previsti, il Presidente della Giunta regionale invita a provvedere entro un termine da lui fissato non superiore a sessanta giorni. Trascorso tale termine senza che la nomina sia avvenuta, il Presidente della Giunta regionale provvede con proprio decreto, tenuto conto delle designazioni effettuate"; articolo 20; articolo 21; articolo 22; articolo 23; articolo 24, comma 2, limitatamente alle parole: "con la osservanza dei criteri stabiliti dal piano" nonché alle parole: "e quindi l'equilibrio commerciale previsto dal piano" e comma 3, limitatamente alle parole: "del piano e"; articolo 27, comma 2: "Il nullaosta della Giunta regionale di cui al precedente ed al presente articolo può essere concesso anche in deroga a quanto disposto dal secondo comma dell'articolo 12"; articolo 30; articolo 43, comma 2: "Fino a quando non siano approvati i piani di sviluppo e di adeguamento della rete distributiva, le autorizzazioni saranno rilasciate dai sindaci su conforme parere delle commissioni di cui agli articoli 15 e 16 nell'osservanza dei criteri previsti agli articoli 11 e 12, previo il nullaosta della Giunta regionale per le autorizzazioni di cui agli articoli 26 e 27 della presente legge"; nonché il decreto-legge 1º ottobre 1982, n. 697, recante "Disposizioni in materia di imposta sul valore aggiunto, di regime fiscale delle manifestazioni sportive e cinematografiche e di riordinamento della distribuzione commerciale", convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 1982, n. 887, limitatamente a: articolo 8, comma 1, nel testo sostituito dall'art. 1 del decreto-legge 26 gennaio 1987, n. 9, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 marzo 1987, n. 121: "Limitatamente ai comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti sprovvisti del piano di sviluppo e di adeguamento della rete di vendita il consiglio comunale stabilisce ai sensi degli articoli 11 e seguenti della legge 11 giugno 1971, n. 426, i criteri ai quali la commissione comunale per il commercio prevista da tale legge deve attenersi nell'esaminare le domande di autorizzazione ai sensi dell'articolo 43, secondo comma, della legge stessa. I criteri sono validi sino all'approvazione del piano. La mancata indicazione dei criteri suddetti comporta la sospensione del rilascio delle autorizzazioni relative all'apertura di esercizi di vendita al dettaglio di generi di largo e generale consumo. "?"

Trattenute contributi sindacaliModifica

Abrogazione della norma che impone la contribuzione sindacale automatica ai lavoratori.

Referendum promosso da Radicali e Lega Nord.

Quesito: "Volete Voi l'abrogazione della legge 20 maggio 1970, n. 300, recante "Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento" limitatamente a: articolo 26, comma 2: "Le associazioni sindacali dei lavoratori hanno diritto di percepire, tramite ritenuta sul salario nonché sulle prestazioni erogate per conto degli enti previdenziali, i contributi che i lavoratori intendono loro versare, con modalità stabilite dai contratti collettivi di lavoro, che garantiscono la segretezza del versamento effettuato dal lavoratore a ciascuna associazione sindacale" e comma 3: "Nelle aziende nelle quali il rapporto di lavoro non è regolato da contratti collettivi, il lavoratore ha diritto di chiedere il versamento del contributo sindacale all'associazione da lui indicata nonché il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante 'Approvazione del testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relativa alle scuole di ogni ordine e grado', limitatamente all'art. 594?"

 
Tutti i referendum scheda per scheda (inserto de Avvenimenti)

Legge elettorale comuniModifica

Legge elettorale per i comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti: estensione ai Comuni più grandi dell'elezione diretta del sindaco già prevista per i piccoli. Promosso dai Radicali.

Quesito: "Volete voi che sia abrogata la legge 25 marzo 1993, n. 81 recante "Elezione diretta del sindaco, del presidente della provincia, del consiglio comunale e del consiglio provinciale", limitatamente alle seguenti parti: Articolo 3, comma quinto, limitatamente alle parole: "Nei comuni con popolazione superiore a quella dei comuni di cui all'art. 5, più liste possono presentare lo stesso candidato alla carica di sindaco. In tal caso le liste debbono presentare il medesimo programma amministrativo e si considerano fra di loro collegate."; Articolo 5, intestazione dell'articolo, limitatamente alle parole: "nei comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti."; comma primo, limitatamente alle parole: "Nei comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti,"; Articolo 6; Articolo 7;?"

Orari esercizi commercialiModifica

Abrogazione della norma che impedisce la liberalizzazione degli orari dei negozi. Promosso dai Radicali.

Quesito: "Volete voi che sia abrogata la legge 28 luglio 1971, n. 558 recante "Disciplina dell'orario dei negozi e degli esercizi di vendita al dettaglio", limitatamente agli articoli 1, 3, 4, 5, 6, 7 e 8; nonché il d.P.R. 24 luglio 1977, n. 616, limitatamente all'articolo 54, lettera d), limitatamente alle parole "dei negozi", e alle parole "vendita e"; nonché il decreto-legge 1º ottobre 1982, n. 697, recante "Disposizioni in materia di imposta sul valore aggiunto, di regime fiscale delle manifestazioni sportive e cinematografiche e di riordinamento della distribuzione commerciale", convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 1982, n. 887, relativamente all'articolo 8, (nel testo sostituito dall'articolo 1 del decreto-legge 26 gennaio 1987 n. 9, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 marzo 1987 n. 121) comma 4: "Fermo rimanendo quanto disposto dalla legge 28 luglio 1971, n. 558, a modificazione dell'articolo 1, secondo comma, lettera b), della legge medesima, i sindaci, in conformità ai criteri stabiliti dalle regioni ai sensi dell'articolo 54 del d.P.R. 24 luglio 1977, n. 616, fissano i limiti giornalieri degli orari di vendita al dettaglio, anche differenziati per settori merceologici, indicando l'ora di apertura antimeridiana non oltre le ore 9 e l'ora di chiusura serale non oltre le ore 20 o, nel periodo dell'anno nel quale è in vigore l'ora legale, non oltre le ore 21. Nel rispetto dei limiti così fissati l'operatore commerciale può scegliere l'orario di apertura e di chiusura con facoltà, inoltre, di posticipare, sempre rispetto ai predetti limiti, di un'ora l'apertura antimeridiana e corrispondentemente la chiusura serale, che comunque non può avvenire oltre le ore 21"; comma 5: "Le disposizioni di cui all'articolo 6, secondo comma, della legge 28 luglio 1971, n. 558, sono estese agli esercizi specializzati nella vendita di bevande, libri, dischi, nastri magnetici, musicassette, videocassette, opere d'arte, oggetti d'antiquariato, stampe, cartoline, articoli ricordo e mobili. "?"

Concessioni televisive nazionaliModifica

Abrogazione delle norme che consentono la concentrazione di due reti televisive. Promosso da esponenti di alcune associazioni di volontariato, ambientaliste e di promozione culturale come il Mo.V.I. (Movimento di Volontariato Italiano), Legambiente, ACLI e ARCI; i primi firmatari e presentatori furono i segretari nazionali o i presidenti di queste associazioni.[5]

Quesito: "Volete voi che sia abrogato l'art. 15, comma 1, lettera b) limitatamente alle parole 'qualora si abbia il controllo di imprese editrici di quotidiani la cui tiratura superi l'8 per cento della tiratura complessiva dei giornali in Italia'; l'art. 15, comma 1, lettera c) 'di più di due concessioni per radiodiffusione televisiva in ambito nazionale, qualora si abbia il controllo di imprese editrici di quotidiani la cui tiratura complessiva sia inferiore a quella prevista dalla lettera b)'; assieme all'art. 15, comma 4, limitatamente alle parole 'sia' e 'televisiva che' della legge 6 agosto 1990, n. 223 pubblicata in Gazzetta Ufficiale 9 agosto 1990, n. 185 S.O., recante il titolo 'Disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato'?"

 
Tutti i referendum scheda per scheda (inserto de Avvenimenti)

Interruzioni pubblicitarieModifica

Abrogazione delle norme che consentono un certo numero di interruzioni pubblicitarie in tv. Promosso da esponenti di alcune associazioni di volontariato, ambientaliste e di promozione culturale come. il Mo.V.I. (Movimento di Volontariato Italiano), Legambiente, ACLI e ARCI; i primi firmatari e presentatori furono i segretari nazionali o i presidenti di queste associazioni.[5]

Quesito: "Volete voi che sia abrogato l'art. 8, comma 3, secondo periodo limitatamente alle parole "Per le opere di durata programmata superiore a quarantacinque minuti è consentita una ulteriore interruzione per ogni atto o tempo. È consentita una ulteriore interruzione se la durata programmata dell'opera supera di almeno venti minuti due o più atti o tempi di quarantacinque minuti ciascuno" della legge 6 agosto 1990, n. 223 pubblicata in Gazzetta Ufficiale 9 agosto 1990, n. 185 S.O. recante il titolo "Disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato'?"

Raccolta pubblicità radiotelevisivaModifica

Modifica del tetto massimo di raccolta pubblicitaria delle televisioni private. Promosso da esponenti di alcune associazioni di volontariato, ambientaliste e di promozione culturale come. il Mo.V.I. (Movimento di Volontariato Italiano), Legambiente, ACLI e ARCI; i primi firmatari e presentatori furono i segretari nazionali o i presidenti di queste associazioni.[5]

Quesito: "Volete voi che sia abrogato l'art. 15, comma 7, primo periodo limitatamente alle parole "tre reti televisive nazionali, o" della legge 6 agosto 1990, n. 223 pubblicata in Gazzetta Ufficiale 9 agosto 1990, n. 185 S.O., recante il titolo "Disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato'?"

RisultatiModifica

Primo quesitoModifica

Rappresentanze sindacali (richiesta massimale).

Scelta
Voti
%
  No
12 305 693 50,03
  
12 291 330 49,97
Totale
24 597 023
100
Schede bianche
2 433 279
8,77
Schede nulle
699 922
2,52
Votanti
27 730 224
57,22
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Secondo quesitoModifica

Rappresentanze sindacali (richiesta minimale).

Scelta
Voti
%
  
15 097 799 62,14
  No
9 197 089 37,86
Totale
24 294 888
100
Schede bianche
2 675 273
9,66
Schede nulle
732 178
2,64
Votanti
27 702 339
57,17
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Terzo quesitoModifica

Contrattazione pubblico impiego.

Scelta
Voti
%
  
15 676 385 64,68
  No
8 562 040 35,32
Totale
24 238 425
100
Schede bianche
2 788 290
10,03
Schede nulle
768 749
2,77
Votanti
27 795 464
57,36
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Quarto quesitoModifica

Soggiorno cautelare.

Scelta
Voti
%
  
15 373 288 63,68
  No
8 768 941 36,32
Totale
24 142 229
100
Schede bianche
2 864 624
10,33
Schede nulle
733 930
2,65
Votanti
27 740 783
57,25
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Quinto quesitoModifica

Privatizzazione RAI.

Scelta
Voti
%
  
13 736 435 54,90
  No
11 286 527 45,10
Totale
25 022 962
100
Schede bianche
2 203 648
7,92
Schede nulle
580 586
2,09
Votanti
27 807 196
57,38
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Sesto quesitoModifica

Autorizzazione al commercio.

Scelta
Voti
%
  No
15 792 453 64,37
  
8 741 584 35,63
Totale
24 534 037
100
Schede bianche
2 587 737
9,33
Schede nulle
617 688
2,23
Votanti
27 739 462
57,24
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Settimo quesitoModifica

Trattenute contributi sindacali.

Scelta
Voti
%
  
13 945 919 56,24
  No
10 850 793 43,76
Totale
24 796 712
100
Schede bianche
2 403 721
8,66
Schede nulle
553 033
1,99
Votanti
27 753 466
57,27
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Ottavo quesitoModifica

Legge elettorale comuni.

Scelta
Voti
%
  No
12 452 250 50,60
  
12 154 969 49,40
Totale
24 607 219
100
Schede bianche
2 595 495
9,33
Schede nulle
611 688
2,20
Votanti
27 814 402
57,40
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Nono quesitoModifica

Orari esercizi commerciali.

Scelta
Voti
%
  No
15 646 779 62,60
  
9 348 000 37,40
Totale
24 994 779
100
Schede bianche
2 188 321
7,87
Schede nulle
605 547
2,18
Votanti
27 788 647
57,34
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Decimo quesitoModifica

Concessioni televisive nazionali.

Scelta
Voti
%
  No
15 357 997 56,93
  
11 620 613 43,07
Totale
26 978 610
100
Schede bianche
834 900
2,97
Schede nulle
320 436
1,14
Votanti
28 133 946
58,06
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Undicesimo quesitoModifica

Interruzioni pubblicitarie.

Scelta
Voti
%
  No
15 044 535 55,66
  
11 985 670 44,34
Totale
27 030 205
100
Schede bianche
803 308
2,85
Schede nulle
330 565
1,17
Votanti
28 164 078
58,12
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

Dodicesimo quesitoModifica

Raccolta pubblicità radiotelevisiva.

Scelta
Voti
%
  No
15 161 934 56,41
  
11 713 935 43,59
Totale
26 875 869
100
Schede bianche
872 585
3,10
Schede nulle
390 858
1,39
Votanti
28 139 312
58,07
Elettori
48 458 754
Esito: Quorum raggiunto

NoteModifica

  1. ^ Pubblicazione radicale, Referendum. Se volete. Perché, come e quando Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive., 28 settembre 1993
  2. ^ Roberto Toniatti, prof. di diritto costituzionale a Trento, 13 Referendum, un programma di governo, 5 marzo 1994 Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive., Pubblicazione radicale, 5 marzo 1993
  3. ^ [1] Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive., Appello di Forza Italia e del Movimento dei Club-Pannella Riformatori ai cittadini italiani
  4. ^ a b Articolo repubblica http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1995/06/13/cosi-crolla-lo-statuto.html
  5. ^ a b c Corte Costituzionale, su cortecostituzionale.it. URL consultato il 3 aprile 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica