Apri il menu principale

Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea

partito politico italiano
(Reindirizzamento da Partito della Rifondazione Comunista)
Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea
Rifondazione Comunista.svg
SegretarioMaurizio Acerbo
StatoItalia Italia
SedeVia degli Scialoja 3, 00196 Roma
AbbreviazionePRC
Fondazione12 dicembre 1991
IdeologiaAnti-stalinismo[1]
Comunismo[2][3][4]
Ecosocialismo[senza fonte]
Antifascismo
Pacifismo[5][6][7]
Socialismo del XXI secolo[senza fonte]
CollocazioneSinistra radicale
CoalizioneAlleanza dei Progressisti
(1994–1995)
L'Ulivo (1996–1998) (appoggio esterno)
L'Unione
(2005–2008)
La Sinistra l'Arcobaleno
(2008)
Federazione della Sinistra
(2009–2012)
Rivoluzione Civile
(2013)
L'Altra Europa con Tsipras (2014)
Potere al Popolo
(2017–presente)
Partito europeoPartito della Sinistra Europea
Gruppo parl. europeoSinistra Unitaria Europea - Sinistra Verde Nordica
Affiliazione internazionaleIncontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai
Seggi Camera
0 / 630
Seggi Senato
0 / 315
Seggi Europarlamento
1 / 73
Seggi Consiglio regionale
0 / 897
Organizzazione giovanileGiovani Comunisti/e
Iscritti16.945[8][9] (2017)
Colori     Rosso
Sito webrifondazione.it

Il Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea[10] (PRC-SE o anche PRC), anche noto semplicemente come Rifondazione Comunista, è un partito politico italiano.

Nato nel 1991 come movimento contrario allo scioglimento del Partito Comunista Italiano, dopo aver inglobato Democrazia Proletaria e il Partito Comunista d'Italia (marxista-leninista) ha intrapreso un dialogo con il centrosinistra. Le due esperienze di governo sono del 1996, quando ha fornito appoggio esterno al governo Prodi I provocandone la caduta; e nel 2006 nel governo Prodi II.

Dal 2008 persegue la via della costruzione di un polo alternativo, con La Sinistra l'Arcobaleno, la Federazione della Sinistra, Rivoluzione Civile, L'Altra Europa con Tsipras e infine Potere al Popolo.

Fausto Bertinotti ne è stato segretario per dodici anni fino alla sua elezione a presidente della Camera dei deputati nella XV Legislatura. Dal 2 aprile 2017 tale carica appartiene a Maurizio Acerbo.

Indice

StoriaModifica

Dalle origini alle dimissioni di GaraviniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Svolta della Bolognina e Storia del Partito della Rifondazione Comunista (1991-1993).
 
La presidenza del I Congresso del PRC

Il PRC nasce inizialmente come Movimento per la Rifondazione Comunista (MRC) nel febbraio 1991 a Rimini dove si svolge il XX e ultimo congresso del Partito Comunista Italiano (PCI). I fondatori del MRC cercano di mantenere logo e denominazione del vecchio PCI, ma quest'ultimo si trasforma ufficialmente in Partito Democratico della Sinistra (PDS), che ne è l'erede legale. Così si opta per assumere come nome del partito quello della mozione che si opponeva allo scioglimento, ossia Rifondazione Comunista. I cofondatori sono Armando Cossutta, Ersilia Salvato, Lucio Libertini e Sergio Garavini, che viene eletto coordinatore nazionale.

Rifondazione acquisisce le sue prime rappresentanze parlamentari quando il 14 maggio 1991 Lucio Magri e Luciana Castellina lasciano rispettivamente il gruppo parlamentare del PDS alla Camera dei deputati e al Parlamento europeo e insieme al gruppo proveniente dal Partito di Unità Proletaria per il Comunismo (PdUP) aderiscono al movimento. Il 9 giugno l'ottavo congresso di Democrazia Proletaria (DP), allora guidata da Giovanni Russo Spena, decide lo scioglimento del partito: la maggioranza dei dirigenti aderisce formalmente a titolo individuale a MRC. Poco dopo confluisce nel MRC anche il Partito Comunista d'Italia (marxista-leninista) - Linea Rossa (PCd'I (m-l). Alle elezioni amministrative e in quelle regionali siciliane Rifondazione ottiene circa il 6% dei consensi. Nello stesso anno si svolge il I Congresso che prende alcune decisioni fondamentali:

  • Passare da movimento a partito.
  • Istituire la figura del segretario nazionale e quella del presidente.
  • Creare il Comitato Politico Nazionale (CPN).
  • Tollerare le correnti organizzate, vietate nel PCI.

Il PRC deve ben presto fare i conti con la fine dell'Unione Sovietica e l'inizio di Mani pulite, ma nonostante ciò i consensi sono stabili intorno al 6% e gli iscritti in crescita. Come prime priorità Rifondazione si pone la messa in stato d'accusa per l'allora presidente della Repubblica Francesco Cossiga per aver sostenuto l'esistenza dell'Organizzazione Gladio e averne fatto parte e l'uscita dalla NATO. Al termine del suo primo anno di vita il PRC fa ostruzionismo contro la legge finanziaria, a suo dire a sfavore dei lavoratori e accondiscendente nei confronti di padroni, evasori ed elusori, ma passa la sua proposta di stanziare fondi per la cura e la prevenzione dell'AIDS nelle carceri. Nel 1992 Rifondazione si schiera invece contro l'abolizione della scala mobile ed è una delle poche forze politiche presenti in Parlamento a votare contro il Trattato di Maastricht in quanto prevede vincoli pesanti per adottare l'euro e ha sottratto poteri alle banche nazionali trasferendoli all'attuale Banca Centrale Europea. In seguito Rifondazione raccoglie le firme per i referendum del Partito Radicale sull'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti e la non punibilità del possesso di droghe leggere per uso personale mentre, da sostenitrice del sistema proporzionale, si oppone a quello per introdurre il sistema maggioritario per il Senato.

Col tempo si acuisce la spaccatura fra il segretario Garavini e il neoeletto presidente Armando Cossutta. Garavini forza i meccanismi decisionali per imporre la sua linea politica e ben presto viene accusato di «leaderismo» dai cossuttiani. Nel maggio 1993 la direzione nazionale boccia la proposta di Garavini di un'unità d'azione col PDS: la bocciatura suona come una sfiducia al segretario che a giugno rassegna le proprie dimissioni. Fino al II Congresso il PRC viene retto da un direttorio e nel 1993 muore Lucio Libertini.

La diarchia Bertinotti-CossuttaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Partito della Rifondazione Comunista (1994-1998).
 
Armando Cossutta, presidente del PRC

Nel 1993 Fausto Bertinotti lascia polemicamente il PDS. Bertinotti è in quel momento il capo politico della corrente della sinistra sindacale Essere Sindacato della Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL) ed è notoriamente ingraiano. Persa la battaglia contro lo scioglimento del PCI nel 1991, come consigliato da Ingrao, aveva preferito rimanere nel PDS. Inizialmente Bertinotti rifiuta una sua adesione al PRC, ma poi il 17 settembre avviene la svolta: Bertinotti è pronto ad aderirvi e Cossutta lo vuole subito segretario. Il 23 gennaio 1994 Bertinotti diventa il secondo segretario di Rifondazione Comunista grazie a un accordo tra Cossutta e Magri. Nel Comitato politico nazionale ottiene il voto favorevole di 160 membri su 193, un risultato che viene considerato dal politico lombardo estremamente positivo.

Di lì a poco ci sono le prime elezioni politiche con sistema maggioritario e il PRC aderisce all'Alleanza dei Progressisti (AdP) che comprende otto partiti di sinistra. Alle elezioni raggiunge il 6% dei voti, ma la coalizione vincente è quella di centrodestra, che elegge Silvio Berlusconi Presidente del Consiglio. Il 12 giugno le prime elezioni europee fruttano 6 europarlamentari ai comunisti. Il 17 dicembre il PRC propone una propria mozione di sfiducia contro il primo governo Berlusconi in autonomia da quelle di Lega Nord-PPI e del PDS. Il 22 dicembre Berlusconi si dimette: secondo alcuni esponenti comunisti, tra cui Livio Maitan, questo è il primo grande risultato a livello nazionale raggiunto da Rifondazione per la sua mobilitazione contro le politiche liberiste del governo.

Rifondazione Comunista è divisa sulla fase apertasi con le dimissioni di Berlusconi. Nel gennaio 1995 alla Camera 14 deputati, tra i quali Garavini e il capogruppo Famiano Crucianelli, votano la fiducia al governo di Lamberto Dini, ex ministro berlusconiano sostenuto dalla Lega Nord, dal PPI e dal PDS. Anche se i voti dei deputati comunisti non sono decisivi (il governo Dini si salva grazie all'astensione di molti parlamentari del centrodestra), all'interno del PRC scoppiano le polemiche riguardo alla mancata osservazione dell'indicazione del partito da parte dei 14 politici.

Crucianelli si dimette da capogruppo e viene sostituito da Oliviero Diliberto. Nel frattempo i dissidenti (tra questi anche Nichi Vendola) sostengono anche la manovra economica bis di Dini del marzo del 1995 alla quale Rifondazione si oppone duramente per le sue misure impopolari nonostante passino alcune sue proposte come il trasferimento di 10 miliardi di lire dai servizi segreti alla sanità mentre erano state respinte le proposte di tassare gli alloggi sfitti, eliminare le imposte indirette e introdurre gradualmente una tassa patrimoniale sulle grandi ricchezze. Il partito chiede un «confronto» con l'ala destra, ma a giugno 19 tra deputati, senatori ed europarlamentari escono dal PRC per dar vita al Movimento dei Comunisti Unitari (MCU), che tre anni dopo confluisce nel PDS. Abbandona il partito anche Garavini, senza però aderire al MCU.

 
La manifestazione nazionale di Rifondazione del febbraio 1996

Alle elezioni regionali del 1995 Rifondazione sale all'8% grazie alla battaglia contro la riforma Dini, che prevede il ritorno al sistema contributivo. Di conseguenza il centrosinistra si rende disponibile a un accordo elettorale con il PRC per le politiche dell'anno successivo, ma a ciò si oppone la minoranza trotzkista guidata da Marco Ferrando. Quello stesso anno si svolgono dodici referendum, tre dei quali promossi dai Cobas e da Rifondazione. Il quorum viene raggiunto e il primo quesito, che mira ad abolire per i sindacati minori il vincolo di firmare i contratti collettivi per poter costituire loro rappresentanze sindacali nelle aziende, riporta una vittoria dei «no» per pochissimi punti percentuali mentre con gli altri due, i quali hanno lo scopo di obbligare anche le tre maggiori confederazioni sindacali a firmare i contratti collettivi per poter costituire loro rappresentanze sindacali nelle aziende e abolire la norma che affida al presidente del Consiglio (di concerto con le parti sociali) il potere di stabilire i criteri di maggiore rappresentatività sindacale nel pubblico impiego, prevale la linea dei promotori. Rifondazione aveva promosso anche un referendum contro la riforma Amato delle pensioni, ma la Corte costituzionale l'aveva giudicato inammissibile.

Il 25 ottobre il centrodestra propone una mozione di sfiducia al governo, che non passa per 9 voti grazie all'astensione del PRC, che aveva strappato al governo le dimissioni per il successivo dicembre. Il 6 dicembre Romano Prodi presenta il programma di governo della nuova coalizione di centrosinistra, denominata L'Ulivo, ma il PRC boccia il documento insieme ai Verdi. Nel febbraio 1996 il CPN del PRC approva un «patto di desistenza» con l'Ulivo, che rinuncia a presentarsi in 45 collegi maggioritari sicuri, lasciandoli al PRC che però deve presentarsi col vecchio simbolo dell'AdP.

Il 24 febbraio 1996 ha luogo a Roma una grande manifestazione molto partecipata convocata dal PRC con la presenza di Bertinotti e Cossutta.

Il 21 aprile il PRC ottiene il suo massimo storico (fino ad allora) e risulta decisivo alla Camera per dare una maggioranza al centrosinistra. Il PRC decide di dare un appoggio esterno (dunque senza ministri e sottosegretari) al neonato primo governo Prodi e solo la deputata Mara Malavenda vota contro il governo ed esce dal partito fondando i Cobas per l'Autorganizzazione.

Al III Congresso del PRC avvenuto nel dicembre 1996 la mozione di Cossutta-Bertinotti favorevole a «influenzare l'esperienza del governo Prodi» ottiene l'85,48% dei consensi. Rifondazione si pone tra gli obiettivi principali la tassa patrimoniale sulle grandi ricchezze, l'opposizione all'introduzione del numero chiuso nelle università proposto dal ministro Luigi Berlinguer e la riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario. Nel gennaio 1997 Bertinotti comincia a criticare l'operato del governo, in particolare sulle politiche per gli operai metalmeccanici. Il 9 ottobre Diliberto presenta una risoluzione firmata anche da Bertinotti e Cossutta che boccia la finanziaria presentata dal governo, la quale sottrae risorse allo Stato sociale. Prodi non aspetta il voto e va a rassegnare le dimissioni. La crisi di governo è formalmente aperta, ma il 13 ottobre il PRC e Prodi fanno pace grazie alla mediazione del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Il PRC accetta le modifiche avanzate dal governo e l'esecutivo si impegna a varare una legge che riduca le ore settimanali di lavoro a 35 entro il 2001 e a garantire adeguate pensioni a chi ha svolto lavori usuranti. Tuttavia Bertinotti non è soddisfatto e Cossutta inizia a temere che il segretario voglia far cadere il governo e imprimere una svolta massimalista al partito.

 
Fausto Bertinotti al IV Congresso di Rifondazione Comunista

Tra il dicembre 1997 e il gennaio 1998 Rifondazione, il mensile del partito, diviene così luogo dello scontro tra la linea del presidente Cossutta e quella del segretario Bertinotti. La maggioranza del partito si divide tra cossuttiani, soprattutto militanti dell'ex PCI; e bertinottiani, prevalentemente ex militanti della cosiddetta nuova sinistra e del socialismo radicale (vedi la DP e il Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria). L'opposizione verte sul modo di gestire il partito, sul rapporto col governo e anche sulla linea politica. Il 3 settembre si decide di tenere il quarto congresso nei primi mesi del 1999 per una trasparente resa dei conti fra le due sottocorrenti.

Il 16 settembre il governo presenta la legge finanziaria, la quale estende il Patto di stabilità e crescita a regioni, province, comuni e comunità montane e riduce il numero di dipendenti pubblici. Rifondazione non ottiene altro che la fornitura dei libri di testo a carico dei comuni per l'anno scolastico 1999–2000. Bertinotti vuole chiudere col governo mentre Cossutta è per la trattativa. Nel CPN del PRC del 3 e 4 ottobre prevale la mozione anti-governativa di Bertinotti (188 voti), sostenuta anche da cossuttiani dissidenti e dai neotrotzkisti di Bandiera Rossa. La mozione Cossutta ottiene 112 voti mentre quella Ferrando, anch'essa anti-governativa, ottiene 24 voti. Il 5 ottobre Cossutta si dimette da presidente del partito. Molti iscritti al partito si autoconvocarono presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma per impedire la rottura con il governo, ma Bertinotti è irremovibile nel sostenere la scelta democratica del CPN.

Il 9 ottobre il capogruppo alla Camera, Oliviero Diliberto, annuncia che la maggioranza dei parlamentari del PRC avrebbe votato a favore del governo Prodi. Bertinotti si dichiara invece per la sfiducia e Diliberto ha il compito di spiegare a Montecitorio i motivi per cui Rifondazione non rinnova la fiducia all'esecutivo, scelta che lui per primo non condivide. Al termine delle dichiarazioni di voto e delle operazioni di conta il governo cade per un solo voto. Due giorni dopo i sostenitori della mozione di Cossutta abbandonarono il PRC per dare vita al Partito dei Comunisti Italiani (PdCI). Si procedette così alla costituzione di nuovi governi di centrosinistra, prima a guida di Massimo D'Alema e poi di Giuliano Amato, sostenuti organicamente dai Cossuttiani. Rifondazione si schiera invece all'opposizione sia dei due governi D'Alema sia del governo Amato.

La scissione del Partito dei Comunisti Italiani e l'inizio del nuovo corso bertinottianoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Partito della Rifondazione Comunista (1998-2000).

La fuoriuscita dei Comunisti Italiani spinge Rifondazione a sviluppare un nuovo corso più movimentista secondo le idee ingraiane e massimaliste del suo capo politico. La scissione cossuttiana indebolì il partito di voti, iscritti e risorse economiche, tanto che viene sospesa la pubblicazione di Rifondazione.

Nel 1999 si svolge il IV Congresso del PRC che vede presentate due mozioni: quella del segretario, sostenuta da bertinottiani, ex cossuttiani e maitaniani (Bandiera Rossa); e quella trotzkista radicale di Ferrando, Grisolia e Ricci. La prima mozione passa con l'84% dei voti. Per la prima volta la parola Rifondazione fa ingresso nel simbolo del partito. Bertinotti non chiude però del tutto le porte al centrosinistra, soprattutto a livello locale. A giugno le elezioni europee del 1999 sono un fiasco e il PRC ottiene il 4% dei voti (contro l'8% delle politiche). Il calo è solo in parte spiegato dal 2% del PdCI. Nel CPN del 4 luglio Bertinotti avanza l'idea di un «forum» aperto alla «sinistra antagonista ed ai movimenti antiliberisti».

Il PRC non riesce però a cogliere l'ampiezza del fenomeno movimenti, tanto che a Seattle per protestare contro il terzo incontro dell'Organizzazione mondiale del commercio è presente la sola presidente della Federazione dei Verdi, Grazia Francescato. Il PRC non partecipa del resto ad analoghi momenti organizzati dal popolo di Seattle durante il 2000. Il PRC preferisce puntare molto sulla Conferenza intergovernativa dell'Unione europea di Nizza del dicembre 2000. Il successo dell'iniziativa, alla quale partecipano solo il PRC e i Verdi, permise al partito di guardare in modo nuovo al rapporto con i movimenti.

Alle elezioni regionali di aprile il PRC preferisce fare accordi di desistenza con il centrosinistra in tutte le regioni tranne che in Toscana, ma in Lombardia molti dirigenti locali di Rifondazione non sostengono il candidato de L'Ulivo Mino Martinazzoli e preferiscono schierarsi con Nerio Nesi del PdCI. Cosa analoga accade in Piemonte, dove alcuni rifondini votano la leghista Francesca Calvo e non l'ulivista Livia Turco. Ciò nonostante la Casa delle Libertà, la nuova coalizione del centrodestra, vince in 8 regioni su 15.

La costruzione di una rifondazione movimentistaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Partito della Rifondazione Comunista (2001-2003).

Dopo la contestazione di Nizza e con l'avvicinarsi del ritorno del centrodestra al governo Bertinotti decide di puntare ideologicamente verso un partito più marxista e meno leninista, più movimentista e di opposizione. Il disegno del segretario non è esplicitato subito e si concretizza per tappe. La prima tappa è il 21 gennaio 2001, quando in occasione degli ottant'anni dalla fondazione del PCI a Livorno Bertinotti chiede ai militanti di riscoprire la radice marxista, ma di sradicare dal partito qualsiasi residuo di stalinismo. Il 13 maggio dello stesso anno sono previste le elezioni politiche e dopo una lunga trattativa con L'Ulivo decide alla Camera di concorrere solo nella quota proporzionale (patto di non belligeranza) e di presentarsi al Senato come forza indipendente. I risultati non sono dei migliori, anche se il PRC risulta l'unico partito fuori dai poli a superare lo sbarramento del 4% (ottenne infatti il 5%), ma al Senato il mancato accordo tra L'Ulivo e il PRC permette al centrodestra di conquistare 40 seggi. Per questo motivo il PRC è oggetto di dure critiche da parte del centrosinistra.

 
Manifestanti di Rifondazione Comunista al G8 di Genova

Il PRC continua nel dialogo con i movimenti e si rende tra i protagonisti del Genoa Social Forum (vedi i fatti del G8 di Genova), aggregazione di associazioni anti-G8, il cui portavoce è Vittorio Agnoletto, già candidato dal PRC alla Camera e proveniente da DP. Gli scontri di Genova e i suoi giovani anticapitalisti sembrano indicare definitivamente al gruppo dirigente del PRC lo sbocco naturale del bertinottismo: i movimenti no-global. Più tardi la stagione delle guerre statunitense (Afghanistan, Iraq) accentua nel PRC l'antimilitarismo e il pacifismo, tanto che il 5 marzo 2003 Bertinotti aderisce con altri esponenti politici e sindacali a una giornata di digiuno indetta dal Vaticano «contro la guerra e il terrorismo». Dal 14 ottobre 2001 il PRC partecipa stabilmente alla tradizionale Marcia per la pace Perugia-Assisi e Bertinotti spinge affinché il pacifismo di Rifondazione approdi alla vera e propria nonviolenza.

Al CPN del 15 e 16 dicembre 2001 vengono intanto approvate le 63 tesi su cui verte il successivo V Congresso del partito. A redigerle è Paolo Ferrero, già all'opposizione nel partito e ora l'uomo che Bertinotti ha voluto per far svoltare il partito. Il 4 aprile 2002 si apre il V Congresso del PRC e nella sua relazione introduttiva Bertinotti pone subito «il problema della costruzione di un nuovo progetto politico» per «costruire un'alternativa di modello sociale e di democrazia, che può diventare anche alternativa di governo, fondata sulla duplice discriminante del no alla guerra e alle politiche neo-liberiste. E, contestualmente, si propone di rifondare la politica, a partire dalla ripresa della sua ambizione più alta, quella di trasformare la società capitalistica». Bertinotti ribadisce anche che «lo stalinismo è incompatibile col comunismo» e pone come alternativa il modello proposto da Frei Betto.

Sul fronte lavoro il PRC si impegna per la difesa dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, che dal 17 agosto 2001 Banca d'Italia, Confindustria e governo spingono per l'abrogazione. Bertinotti lancia la proposta di un referendum che estenda le tutele dell'articolo 18 a tutti i lavoratori. La proposta referendaria è accolta favorevolmente dai Verdi, dalla corrente della DS Socialismo 2000 di Cesare Salvi, da parte della CGIL (tra cui la Federazione Impiegati Operai Metallurgici), dai sindacati di base, dal PdCI, dall'Italia dei Valori, dall'ARCI e dal Partito Marxista-Leninista Italiano. Nel frattempo dopo la grande mobilitazione sindacale guidata dalla CGIL del marzo 2002 il governo Berlusconi rinuncia a modificare l'articolo 18. Tuttavia la consultazione referendaria si tiene comunque nel giugno 2003 insieme al referendum per abolire l'obbligo per i proprietari terrieri di far passare le condutture elettriche sui loro terreni promosso dai Verdi e da Rifondazione. Entrambi risultano nulli data la scarsa affluenza alle urne (25,5% degli aventi diritto). I «sì» al referendum sull'articolo 18 sono 10.572.538 su 12.645.507 votanti. Era invece stato dichiarato inammissibile dalla Corte costituzionale un referendum promosso anch'esso da Rifondazione per permettere di costituire rappresentanze sindacali anche nelle imprese sotto i 16 dipendenti.

 
La manifestazione nazionale di Rifondazione contro la guerra nel 2002

Nel medesimo periodo nel PRC nascono prese di posizione contro Cuba. Il 29 aprile alla Camera si vota sulle misure da prendere contro Cuba che in quei giorni aveva incarcerato 75 oppositori di destra e ne aveva fucilato altri 3, rei di aver dirottato un traghetto nel porto de L'Avana. Vengono approntate quattro distinte mozioni dalla Camera del Lavoro, da L'Ulivo, dal PRC e dal PdCI: solo quella del PdCI non condanna Cuba. Le risoluzioni dell'Ulivo e di Rifondazione, pur non invocando le sanzioni, condannano entrambe il regime castrista. Il PRC inizia in tal modo l'allontanamento dal governo di Fidel Castro. Nel CPN del 3 e 4 maggio Bertinotti viene bersagliato da forti critiche per la scelta su Cuba. Il segretario chiarisce che «la questione sulla pena di morte non è solo una questione etica, ma anche politica. La pena di morte va rifiutata hic et nunc, senza se e senza ma. Non credo che la divergenza verta sulla storia di Cuba».

Il 9 maggio esce su Liberazione un articolo di Fulvio Grimaldi (già giornalista del TG3) in difesa di Castro. Il giorno dopo Grimaldi viene sostituito con Fabrizio Giovenale. Il caso Castro si riapre nel PRC in occasione della convocazione a L'Avana di più di 600 personalità di 70 Paesi per un «incontro Internazionale contro il terrorismo, per la verità e la giustizia» da tenersi nel giugno 2005. A rappresentare l'Italia viene invitato solo il PdCI e il PRC viene escluso, sebbene venga comunque accettata una delegazione della corrente L'Ernesto, guidata da Claudio Grassi. Il responsabile esteri Gennaro Migliore afferma: «È un fatto singolare, grave e incongruo nei rapporti tra i nostri partiti, che sono stati sempre corretti. Rifondazione è solidale con le lotte del popolo cubano, ma rivendica la possibilità di criticare quanto non va in quella esperienza».

Verso l'Ulivo invece è disgelo e il 6 marzo a Montecitorio tutti i politici de L'Ulivo tornano a sedersi a un tavolo con Bertinotti. Alla fine dell'incontro con L'Ulivo vengono anche costituite tre commissioni paritetiche per creare delle prime convergenze di programma. Il 16 maggio Bertinotti precisa la sua idea di accordo organico con L'Ulivo: «Siamo disponibili solo a un accordo di programma, non a riesumare vecchie formule come la desistenza».

Il 17 giugno la Direzione Nazionale (DN) del PRC, riunita per analizzare il risultato referendario, dà il via libera alla ricerca di nuove intese con L'Ulivo, con 21 voti favorevoli, 5 contrari (tutti della corrente Ferrando) e 10 astenuti. Ferrando è contrario e chiede di «avviare immediatamente un congresso straordinario». Anche il CPN del 28 e 29 giugno è d'accordo e questa volta il documento viene votato da tutta la maggioranza uscita dall'ultimo Congresso (68 sì, 14 no e 1 astenuto). Viene così definitivamente abbandonata l'idea lanciata nel 2000 di «rompere la gabbia del centrosinistra», secondo i bertinottiani perché questa è stata rotta mentre per le opposizioni interne così facendo il PRC accetta di entrare nella gabbia e in modo docile. Pochi mesi dopo Bertinotti imprime l'accelerazione sulla rifondazione del partito e fa definitivamente sterzare il partito verso la nonviolenza, generando lacerazioni consistenti nel partito. Sempre nel 2003 Rifondazione aderisce insieme ad altre forze della sinistra alla campagna di sensibilizzazione di Arcigay «un PACS avanti» per una legge sulle unioni civili su modello dei Patti Civili di Solidarietà francesi.

Con il Partito della Sinistra Europea verso il governoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Partito della Rifondazione Comunista (2004-2006) e Partito della Sinistra Europea.

Dalla fine del 2002 Bertinotti intesse dialoghi coi capi europei dei partiti antiliberisti di varia estrazione. L'obiettivo è quello di fondare «un partito europeo di sinistra alternativa». Non è una nuova internazionale europea di partiti comunisti, visto che è aperto anche a partiti socialisti massimalisti. Del progetto il partito è pressoché all'oscuro e ne ha piena conoscenza solo il giorno della fondazione del Partito della Sinistra Europea (PSE) il 10 gennaio 2004 a Berlino nella stessa stanza dove nella notte di capodanno del 1918 Rosa Luxemburg fondò con Karl Liebknecht il Partito Comunista di Germania.

A firmare l'appello fondativo sono 11 partiti su 19 presenti, compreso Bertinotti per il PRC perché è «una rottura di continuità con il passato, che non può limitarsi a rinnegare stalinismo e leninismo, ma che introduce la nonviolenza come elemento di riforma del comunismo medesimo». Si decide altresì su idea di Bertinotti di recarsi a omaggiare la tomba della Luxemburg e di ripetere l'iniziativa ogni anno nella seconda settimana di gennaio. La fondazione della PSE lascia buona parte del partito contrariata, prevalentemente perché l'adesione non è preventivamente passata per gli organi decisionali del partito (in primo luogo il CPN). Il malumore emerge nella DN del 28 gennaio, dove l'adesione alla PSE passa con appena 21 sì, 17 no (tra cui due bertinottiani) e un'astensione. Il 6 e 7 marzo tocca al CPN la decisione definitiva: la maggioranza si sfalda e vengono presentati cinque documenti. Il documento del segretario passa comunque con 67 sì e 53 no. Viene così modificato anche il simbolo del PRC, dove viene aggiunta un'unghia rossa con scritto Sinistra Europea. Nello stesso CPN passa anche la linea di proseguire l'unità d'azione col centrosinistra con 82 sì (bertinottiani e grassiani). Con questo voto positivo il PRC può partecipare l'8 e 9 maggio a Roma al Congresso fondativo della PSE, dove Fausto Bertinotti viene eletto presidente all'unanimità. Una delle prime battaglie della neonata Sinistra Europea è quella contro la Costituzione europea. L'11 ottobre 2004 tutti i partiti de L'Ulivo decidono di allargare la coalizione all'Italia dei Valori e a Rifondazione Comunista e danno vita alla Grande Alleanza Democratica (GAD). Contestualmente la neonata GAD decide di tenere delle elezioni primarie per trovare un proprio capo politico «entro febbraio» 2005.

 
Nichi Vendola, primo presidente comunista della regione Puglia

Durante l'autunno 2004 Bertinotti incomincia un duro braccio di ferro con la GAD per imporre la candidatura di Nichi Vendola a presidente della regione Puglia in alternativa a quella dell'esponente de La Margherita, Francesco Boccia. Il 20 dicembre si arriva al compromesso di organizzare delle elezioni primarie in Puglia tra Boccia e Vendola per il 16 gennaio 2005. A sorpresa vince Vendola, seppur di stretta misura e nonostante il fatto che tutti gli altri partiti del centrosinistra, compreso il PdCI, si fossero schierati col suo rivale. Due giorni dopo la GAD a Roma decide di rinviare le primarie nazionali a maggio. Bertinotti lancia con decisione la sua candidatura mentre si aggiungono anche quelle di Alfonso Pecoraro Scanio e di Antonio Di Pietro. Nel mezzo si svolgono le regionali in 14 regioni il 3 e il 4 aprile e un nuovo cambio di nome: la GAD diventa L'Unione. L'Unione vince in 12 regioni su 14, compresa la Puglia con Vendola, che diventa il primo presidente di regione della storia del PRC. In ottobre la partecipazione alle elezioni primarie per il candidato de L'Unione alla presidenza del Consiglio è superiore di sette volte rispetto ai pronostici, ma Bertinotti arriva secondo dietro Prodi, raccogliendo 631.592 voti, ovvero il 14,7% dei votanti, un risultato che viene giudicato dagli analisti leggermente negativo, creando ulteriori malumori nell'opposizione del partito. Dal 2004 il PRC si ritrova diviso in due su moltissime questioni e Bertinotti riesce a far passare le sue proposte in DN e CPN con margini molto ristretti. In un simile clima il VI Congresso si pone come un vero e proprio regolamento di conti fra correnti. Nel CPN del 30 e 31 ottobre la maggioranza decide di andare a un Congresso a mozioni contrapposte, scontentando L'Ernesto che chiedeva un Congresso a tesi emendabili.

Il CPN del 20 e 21 novembre licenzia cinque documenti congressuali, rappresentativi delle cinque anime del partito. La mozione congressuale (L'alternativa di società) di Bertinotti ottiene il 59% dei voti. La tesi vincente dei bertinottiani si presenta in forma molto snella e conferma tutte le svolte degli ultimi anni. I Congressi di circolo si giocano in un clima teso e di sospetto perché le minoranze denunciano un aumento imprevisto e eccessivo di tesserati che a loro dire servono a far vincere agilmente il Congresso a Bertinotti.

 
Bertinotti interviene durante il VI Congresso di Rifondazione Comunista

Il 3 marzo al Palazzo del Cinema del Lido di Venezia si apre quello che verrà da molti ricordato come il Congresso più violento del PRC. Bertinotti può contare su 409 delegati, Grassi su 181, Ferrando e Malabarba su 45 ciascuno e Bellotti su 11. Bertinotti apre assicurando che è l'ultima volta che si fa eleggere segretario e che punta a un «ricambio generazionale» con i giovani che non hanno conosciuto il PCI o la DP. Negli stessi giorni del congresso Pietro Ingrao e Pietro Folena (DS) si avvicinano a Rifondazione, il primo aderendovi. Bertinotti viene rieletto dal CPN con 143 sì, 85 no e 2 astenuti (30 i non partecipanti al voto), nonostante le quattro minoranze abbiano poi deciso di coalizzarsi quando hanno saputo che la segreteria non sarebbe stata più unitaria (cioè rappresentativa di tutte e cinque le mozioni), ma solo di esponenti vicini al nuovo segretario. In ogni caso il Congresso dà il via libero definitivo al PRC di essere forza di governo in caso di vittoria de L'Unione nel 2006.

Alla fine del 2005 dopo tre legislature viene ripristinata una legge elettorale proporzionale, da sempre gradita al PRC, ma questa volta con liste bloccate. Il CPN del PRC a maggioranza approva le candidature del partito, tra cui vari indipendenti, come Francesco Caruso, noto capo politico dei no-global; e la transgender Vladimiro Guadagno (in arte Vladimir Luxuria). Alle minoranze (rappresentative di oltre il 40,5 del partito) vengono anche assicurati nove candidati sicuramente vittoriosi pari al 14% degli eletti totali. Trova posto in Senato anche Marco Ferrando, capofila della minoranza troskista. La candidatura di Ferrando fa più discutere perché questi dichiara in una intervista al Corriere della Sera di stare dalla parte dei resistenti iracheni anche quando sparano contro gli italiani. La segreteria nazionale esclude allora Ferrando dalle elezioni, sostituendolo con la pacifista Lidia Menapace. Nel frattempo il PRC appoggia la raccolta firme per una legge d'iniziativa popolare per reintrodurre la scala mobile,la quale sarà presentata al Senato nel novembre 2006.

Alle elezioni politiche del 9 e 10 aprile L'Unione ottiene una vittoria di misura e Rifondazione Comunista ottiene un grande successo al Senato con il 7,4% mentre alla Camera conferma la sua forza con il 5,8%. Grazie alla nuova legge elettorale Rifondazione è la lista che più ha guadagnato in termini di seggi: 52 in più rispetto al 2001 (41 deputati e 27 senatori). In Basilicata per la prima volta il PRC elegge un senatore e in Sardegna passa dal 4% all'8,2%. Nelle aree metropolitane ottiene risultati migliori che in quelle rurali, ad esempio a Napoli il PRC ha ottenuto il 9,7%. In alcune province il PRC si posiziona come secondo partito de L'Unione, sorpassando La Margherita: è successo a Roma con il 9,4% di preferenze al Senato (7,9% alla Camera), a Livorno che supera il 18%, a Massa con il 15%, a Firenze con l'11%, a Pisa con il 12%, a Perugia e a Lucca con il 10%. Il 19 aprile Fausto Bertinotti viene eletto presidente della Camera dei deputati alla quarta votazione. A seguito della sua elezione il CPN del 7 maggio elegge Franco Giordano nuovo segretario nazionale del partito.

 
Franco Giordano, terzo segretario della Rfondazione Comunista

L'entrata al governo non piace alla sinistra del PRC, in particolare a Progetto Comunista, la corrente del partito con le posizioni più estreme, contraria alla coalizione de L'Unione e trotskista, il cui portavoce era Marco Ferrando. Nel congresso 2002 raccolse oltre l'11% dei consensi presentandosi insieme con il gruppo denominato FalceMartello. Riferimento internazionale dell'area era il Coordinamento per la Rifondazione della Quarta Internazionale, organizzazione trotzkista scissasi dal Segretariato Unificato nel 1997 con sede a Buenos Aires. Al VI Congresso ha ottenuto il 6,5% dei voti. Con la candidatura a parlamentare (poi ritirata dagli organismi dirigenti nazionali del PRC) di Ferrando l'area si divise. Alcuni infatti capeggiati da Francesco Ricci fondarono un nuovo gruppo: il PC-ROL.

Il 22 aprile 2006 il PRC perde l'area Progetto Comunista - Rifondare l'Opposizione dei Lavoratori (poi Partito di Alternativa Comunista), quindi il 18 giugno fuoriesce il gruppo fedele a Ferrando che da vita al Partito Comunista dei Lavoratori. Infine nel dicembre 2006 il partito perde il gruppo guidato da Luigi Izzo (Progetto Comunista - Area Programmatica, scissosi da Progetto Comunista nel 2003) che prende il nome di Associazione Unità Comunista. Della terza mozione del VI Congresso rimane nel partito solo il gruppo guidato da Marco Veruggio, Alì Ghaderi e Bruno Manganaro che non condividendo la scissione si costituiscono nell'area ControCorrente che da vita all'Associazione ControCorrente.

Rifondazione al governoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Partito della Rifondazione Comunista (2006-2008).

Il 17 maggio 2006 nasce il governo Prodi II e per la prima volta in quindici anni di vita Rifondazione aderisce direttamente con una sua delegazione a un esecutivo. Unico ministro di Rifondazione è Paolo Ferrero, con delega alla solidarietà sociale. Patrizia Sentinelli è viceministro agli Esteri mentre i sei sottosegretari sono Alfonso Gianni (Attività Produttive), Franco Bonato (Interno), Danielle Mazzonis (Beni Culturali), Donatella Linguiti (Pari Opportunità), Laura Marchetti (Ambiente) e Rosa Rinaldi (Lavoro). Il nuovo presidente del gruppo alla Camera è Gennaro Migliore. Al Senato il capogruppo è Giovanni Russo Spena.

Dopo le elezioni politiche il PRC partecipa attivamente alla campagna per il «no» al referendum confermativo della riforma costituzionale del governo Berlusconi che viene bocciata dal popolo italiano. Il PRC non vive una fase serena e infatti vengono subito al pettine i nodi della difficile convivenza tra le istanze di chi come il PRC si fa portatore di politiche di marcata discontinuità col passato e chi invece preferisce attuare politiche più moderate. Malgrado il programma comune de L'Unione, il PRC percepisce ben presto di essere in difficoltà, stritolata tra lealtà istituzionale (rafforzata dalla delicata presenza di Bertinotti alla presidenza della Camera) e di coalizione e lealtà verso il proprio elettorato di riferimento. Chi maldigerisce la situazione lo manifesta subito e il 19 luglio si dimette da deputato Paolo Cacciari che insieme ad altri membri di minoranza aveva dichiarato di essere pronto a votare contro il rifinanziamento delle missioni all'estero. Nascono i cosiddetti senatori dissidenti che sarebbero poi stati minacciati di espulsione dal segretario Giordano. Le dimissioni di Cacciari vengono però respinte dai suoi colleghi. Poco dopo tornano le manifestazioni di piazza contro la legge finanziaria del 2007 a cui vi partecipano non senza polemiche esponenti di Rifondazione. Per riportare la quiete nel partito a dicembre viene lanciata l'idea di una Conferenza Nazionale di Organizzazione per la fine di marzo del 2007 nell'intento di svolgere delle assemblee di partito di ogni grado come in un congresso, dove poter però verificare lo stato di salute del partito stesso.

Il 21 febbraio 2007 Prodi si dimette e segue una crisi di una settimana, causata dalla mancata approvazione al Senato dell'ordine del giorno sulla politica estera. La bocciatura avviene sostanzialmente per il mancato appoggio di tre senatori a vita, ma non erano mancate le strumentalizzazioni per la non partecipazione al voto del senatore di Rifondazione e storico esponente dell'area Sinistra Critica Franco Turigliatto, uscito polemicamente dall'aula insieme al senatore Fernando Rossi. Il senatore viene quindi sanzionato con la pena massima dell'allontanamento dal partito per due anni (art. 52 dello statuto del PRC). Turigliatto decide dunque le sue dimissioni da senatore inviando una lettera al presidente Marini, ma poco tempo dopo ritira le sue dimissioni (dopo che un'assemblea della sua corrente glielo aveva richiesto) e conserva dunque il seggio in Senato. È comunque una svolta perché da un lato la parte più radicale del PRC solidarizza con Turigliatto ritenendo eccessivo il ricorso all'allontanamento e allargando il divario con la maggioranza bertinottiana mentre dall'altra quest'ultima capisce che è dura se non impossibile continuare a stare al governo (nel frattempo ripresosi) con tali agitazioni interne ed esterne. Così dopo dieci mesi di silenzio Bertinotti decide di riprendere in mano la situazione e di proporre una soluzione, lanciando il 25 febbraio dalla prima pagina di Liberazione l'idea di riunire la sinistra per rafforzarla, cosa che Rifondazione voleva in verità già concretizzare con la fondazione della sezione italiana della Sinistra Europea. La novità consiste però nel non escludere il PdCI, come finora era accaduto, ponendo l'idea di un'unità generica che non implichi la PSE come da anni chiedeva il partito di Diliberto.

Alla Conferenza di Organizzazione le minoranze interne al partito pongono alcune questioni critiche: Essere Comunisti si spacca e l'area de L'Ernesto (dal nome della rivista, erede dell'esperienza di Interstampa) si organizza autonomamente. Sinistra Critica, chiamata anche Erre (dalla rivista), che aveva come capo politico l'ex senatore Luigi Malabarba ed erede della corrente fondata da Livio Maitan Bandiera Rossa (dal nome della rivista) e contraria già nel 2004 all'entrata del PRC in un possibile governo di centrosinistra l'11 giugno inizia il percorso politico che porta alla fuoriuscita dal partito. Il riferimento internazionale della corrente (che sostiene la scissione dal PRC) è il Segretariato Unificato della Quarta Internazionale, una delle maggiori organizzazioni internazionali trotzkiste. Nell'ultimo Congresso a cui si era presentata si era attestata al 6,5%. Si vanno delineando due tendenze, una legata alla volontà di Bertinotti di lavorare per un nuovo partito di sinistra che nasca dalla fusione dei partiti a sinistra del costituendo Partito Democratico (PD) e superando così il PRC, ma anche la stessa sezione italiana della Sinistra Europea, la quale vede la luce il 17 giugno e altri esponenti della maggioranza interna, più vicini al segretario Giordano; e le minoranze seppur con diversi accenti, che preferiscono una prospettiva di confederazione che concretizzi l'unità a sinistra, ma senza arrivare a uno scioglimento dei partiti esistenti.

Alle amministrative 2007 Rifondazione subisce varie sconfitte passando mediamente dal 6% al 4% e perdendo alle provinciali circa 30.000 voti. Il 9 giugno fallisce a Roma insieme alle altre forze della sinistra di governo contro la visita del Presidente Bush. Tale destino non coglie invece un'analoga manifestazione cui partecipa la maggior parte dei militanti del PRC. I due episodi rafforzano gli antigovernativi di Rifondazione, mettendo a dura prova la linea di maggioranza.

 
Bandiere del PRC alla manifestazione del 20 ottobre 2007

L'annuncio della nascita del PD per il mese di ottobre favorisce un nuovo avvicinamento tra le formazioni a sinistra dei DS, Rifondazione innanzitutto, ma anche il PdCI, i Verdi e Sinistra Democratica (SD). La necessità di costituire un'azione politica unitaria che raccolga le istanze della sinistra italiana approda nella creazione di un «cantiere per l'unità a sinistra».

Il partito, dai vertici fino a un gran numero di strutture e militanti di base, aderisce alla manifestazione nazionale convocata dai giornali Liberazione, il manifesto, Carta e da quindici personalità della sinistra, che si svolge a Roma il 20 ottobre. All'iniziativa, appoggiata da Rifondazione e dal PdCI, partecipano all'incirca un milione di persone,[11][12] unite nella richiesta di una svolta a sinistra da parte del governo Prodi, soprattutto sul tema del lavoro e delle pensioni. Dopo alcuni mesi il cantiere della sinistra, definito giornalisticamente Cosa Rossa, ha una forte accelerazione e culmina l'8 e 9 dicembre con l'Assemblea della Sinistra e degli Ecologisti, durante la quale viene varata la nuova federazione La Sinistra l'Arcobaleno che vede uniti sotto un unico simbolo i quattro partiti di PRC, PdCI, SD e Verdi.

Nel frattempo viene approvata la legge finanziaria 2008, che comprende molte misure volute da Rifondazione, tra cui l'esenzione dall'IRPEF per i lavoratori meno abbienti, l'abolizione dei biglietti in caso di codice verde, lo stanziamento di 100 milioni di euro per costruire nuovi asili nido, l'istituzione del fondo per le non autosufficienze, lo stanziamento di 60 milioni di euro per 12 mila nuove case popolari, l'assunzione di 300 nuovi ispettori di lavoro, la chiusura dei cantieri che impiegano manodopera irregolare, l'istituzione di un fondo per le famiglie di morti per incidenti sul lavoro, l'istituzione del fondo per l'inclusione degli immigrati, l'introduzione di una detrazione pari a 210 euro dall'IRPEF dei genitori che iscrivono ad attività sportive i figli e di 2633 euro al canone d'affitto degli studenti universitari fuori sede, lo stanziamento di soldi per campagne contro il gioco d'azzardo nelle scuole e la reintroduzione dell'imposta sulle donazioni e sulle successioni per i patrimoni superiori al milione di euro.

A gennaio 2008 cade il governo Prodi in seguito al mancato ottenimento della fiducia in Senato per il voto contrario dell'UDEUR e di altri senatori. Il PRC si dichiara disponibile alla formazione di un governo istituzionale che possa modificare la legge elettorale vigente, pur affermando la propria contrarietà alla formazione di nuove maggioranze che includano i partiti della Casa delle Libertà. In un'intervista Franco Giordano dichiara che non sarebbero state più possibili alleanze con il centro moderato, definito trasformista.[13]

La campagna elettorale parte il 9 febbraio in corrispondenza dell'assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori tenutasi a Torino presso il Parco della Pellerina.

Rifondazione fuori dal Parlamento e la sconfitta del bertinottismoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: La Sinistra l'Arcobaleno.

Il PRC si presenta nel cartello della Sinistra Arcobaleno, guidato da Fausto Bertinotti come candidato premier, per la prima volta senza la falce e il martello. Il progetto registra un clamoroso insuccesso, travolto dal bipolarismo accentuato fra il PD e il Popolo della Libertà, da un marcato astensionismo e da un'emorragia di voti verso formazioni di diversa natura.[14] Ottiene soltanto il 3% dei voti, insufficienti a superare la soglia di sbarramento e lasciando così PRC, PdCI, Verdi e SD senza alcuna rappresentanza parlamentare nazionale.[15][16] Bertinotti, come annunciato già in apertura di campagna elettorale, dichiara la sua indisponibilità ad assumere altri incarichi di direzione politica. Il 19 aprile il segretario Giordano si presenta dimissionario rimettendo il proprio mandato al CPN che affida la guida del PRC a un Comitato di Gestione composto da 12 persone (il portavoce è individuato in Maurizio Acerbo), incaricato di traghettare il partito verso il VII Congresso. L'ex maggioranza bertinottiana di Venezia si presenta divisa su tre documenti distinti, di cui uno, Disarmare Innovare Rifondare, non da mai vita a una corrente per bocca del suo stesso promotore Walter De Cesaris, ex coordinatore della segreteria uscita dal Congresso di Venezia.[17] Altro esponente di spicco del documento congressuale era Franco Russo, che aveva presentato un documento analogo al CPN del 20 aprile. L'area proponeva di celebrare un Congresso non deliberativo, ma di riflessione sulla sconfitta e che attraverso una gestione collegiale eviti spaccature e frazionismi. Ha raccolto appena l'1,52% dei voti congressuali contribuendo all'approvazione del documento finale del Congresso (pro-Ferrero), ma non votando per l'elezione del segretario in CPN.

 
Il VII Congresso a Chianciano

Il VII Congresso si svolge a Chianciano Terme dal 24 al 27 luglio con cinque mozioni che dimostrano l'esistenza di un forte dibattito interno, alla luce delle scelte maturate negli ultimi anni dal partito. Lo scontro per la segreteria è tra Nichi Vendola, presidente della Puglia, sostenuto dalla parte più consistente della vecchia dirigenza del partito, la maggior parte dei cosiddetti ex bertinottiani; e l'ex ministro Paolo Ferrero (anche lui sostenuto in parte da alcuni ex bertinottiani, favorevoli però a una profonda autocritica rispetto alla passata gestione del partito). Il primo ritiene che si debba proseguire con gli sforzi per costruire un nuovo soggetto politico della sinistra mentre il secondo sostiene che bisogna ripartire dalla difesa del PRC e del suo progetto originario.

All'inizio del Congresso la mozione Vendola si presenta con la maggioranza relativa, ma lo scontro si acuisce nei giorni di dibattito mentre le minoranze si coalizzano attorno alla linea di Ferrero che, il 27 luglio, viene approvata con il 53% dei voti (342 delegati su 646)[18]. Lo stesso giorno Ferrero viene proclamato segretario con il 51% dei voti (142 su 280). Il risultato viene raggiunto a seguito di un accordo fra la mozione Ferrero-Grassi (che da sola si presentava con il 40,3%), L'Ernesto di Fosco Giannini (7,7%) e i trotskisti di FalceMartello (3,2%) guidati da Claudio Bellotti. Il neosegretario Ferrero spiega che l'accordo è fondato su tre elementi: «Rifondazione c'è oggi e domani; rilancio di un'opposizione sociale al governo Berlusconi; maggiore autonomia dal Partito Democratico». Per la prima volta la dirigenza bertinottiana è in minoranza.

La svolta a sinistra e la scissione di Rifondazione per la SinistraModifica

Il 13 settembre vengono eletti i nuovi organismi dirigenti del partito. La nuova gestione del partito si propone di dar vita a una stagione di lotta che porti di nuovo il Partito della Rifondazione Comunista nelle strade e nelle piazze: il PRC si schiera a fianco delle rivendicazioni studentesche contro i provvedimenti del Ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini e delle lotte sindacali come lo sciopero generale indetto dalla sola CGIL il 12 dicembre. Significativo è stato anche l'apporto dato alla raccolta firme per il referendum sul lodo Alfano. Nonostante gli inviti a una gestione unitaria del partito, la neonata minoranza vendoliana Rifondazione per la Sinistra (RPS), entra in conflitto con la maggioranza accusata di voler fare tabula rasa delle rielaborazioni attuate durante la segreteria di Bertinotti. In modo particolare da settembre si apre un conflitto molto duro intorno a Liberazione che secondo la maggioranza non corrisponde minimamente alla linea del partito, configurandosi come voce della minoranza vendoliana. Motivando il provvedimento con la crisi di vendite, la dirigenza del partito sostituisce il direttore Piero Sansonetti durante la DN del 12 gennaio 2009. La risposta della minoranza è immediata: 25 membri su 28 di RPS si dimettono dalla DN[19] e inizia il percorso, più volte rallentato o negato, di una scissione per perseguire il progetto della costituente della sinistra, in sintonia con Sinistra Democratica.

Il 21 gennaio Vendola annuncia a titolo personale la sua uscita da Rifondazione, in attesa che altri facciano altrettanto durante il seminario di RPS a Chianciano il 24 e 25 gennaio. Il 24 gennaio infatti si ufficializza la scissione dal PRC.[20] I principali esponenti della RPS che aderiscono al neo Movimento per la Sinistra (MpS) sono Franco Giordano, Gennaro Migliore, Alfonso Gianni e il capo politico Nichi Vendola. Come preannunciato[21] i principali esponenti che avevano aderito alla mozione di Vendola che rimangono invece all'interno di Rifondazione sono l'ex vicepresidente del Senato Milziade Caprili, l'europarlamentare Giusto Catania e Augusto Rocchi con lo scopo proseguire le battaglie di RPS. Fausto Bertinotti ha annunciato che non avrebeb rinnovato la propria iscrizione al PRC, ma che non avrebbe aderito nemmeno all'MpS, dando comunque l'appoggio a questo soggetto.[22] Secondo il PRC ad abbandonare il partito con Vendola sono tra gli otto e i diecimila iscritti.[23]

Dalla Federazione della Sinistra a Rivoluzione CivileModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Federazione della Sinistra.
 
Oliviero Diliberto, Cesare Salvi e Ferrero all'inaugurazione della campagna elettorale di Rifondazione Comunista per la Lista Anticapitalista

In seguito all'approvazione dello sbarramento al 4% per l'elezione al Parlamento europeo il PRC ha intensificato i contatti per la creazione di una lista anticapitalista e comunista, proponendo l'apertura delle liste di Rifondazione Comunista ad altre soggettività facenti riferimento al gruppo GUE-NGL. L'intesa viene raggiunta con i Comunisti Italiani,[24] da tempo fautori di un'unità dei comunisti, ma non con Sinistra Critica che dopo una lunga trattativa ha rifiutato l'alleanza per divergenze sul simbolo e le candidature ed ha rinunciato a presentarsi alle Europee. Il 7 marzo al Teatro Carcano di Milano viene organizzata un'assemblea alla presenza di Lothar Bisky e di Alexis Tsipras, con la presenza dell'eurodeputato Vittorio Agnoletto, per lanciare la lista di sinistra in Italia.

Il 28 marzo viene annunciato che PRC, PdCI, Socialismo 2000 e Consumatori Uniti, si sarebbero presentati in una lista unica, dando così concretezza alla proposta della DN del PRC dell'11 febbraio precedente «di promuovere una lista da presentare alle prossime elezioni europee che, partendo dalla presentazione del simbolo di Rifondazione Comunista-SE, condivida la scelta di appartenenza al GUE-NGL, unisca tutte le forze anticapitaliste, comuniste, di sinistra, sulla base di contenuti alternativi al progetto di Trattato di Lisbona e all'impostazione neoliberista e militarista dell'Unione Europea».[25] Sembra quindi concretizzarsi un embrione della costituente comunista già invocata in passato da PRC e PdCI, oltre che da numerosi altri gruppi.[26] Particolarmente rilevante è stato l'impegno profuso dal PRC per la manifestazione nazionale della CGIL del 4 aprile che ha visto la partecipazione di quasi tre milioni di persone secondo gli organizzatori. All'intervista di Fausto Bertinotti che ha dichiarato il suo sostegno alla lista Sinistra e Libertà e ha auspicato un «big bang» della sinistra italiana,[27] ha risposto il segretario Paolo Ferrero affermando che l'idea del «tanto peggio tanto meglio» rischia di cancellare la sinistra italiana stessa.[28][29] Alle elezioni europee la Lista Anticapitalista (di cui fa parte Rifondazione) ottiene il 3,40%, venendo quindi esclusa dal Parlamento europeo. Ferrero presenta le dimissioni da segretario che vengono respinte dal CPN.

Il percorso unitario della Federazione della SinistraModifica

 
Congresso fondativo della Federazione della Sinistra

Si procede intanto alla ricomposizione della frattura avvenuta nel 1998 con il PdCI e il 18 luglio nasce la Federazione della Sinistra, che riunisce le formazioni che si erano presentate alle elezioni europee con la Lista Comunista. In seguito all'attentato contro le truppe italiane in Afghanistan Rifondazione Comunista e la Federazione della Sinistra chiedono il ritiro dei militari impegnati nella missione, giudicata come un'occupazione piuttosto che come opera di mantenimento della pace. Quando la Corte costituzionale boccia il lodo Alfano il PRC chiede le dimissioni del presidente del Consiglio Berlusconi, stigmatizzandone inoltre le dichiarazioni con cui accusava i giudici dell'Alta corte di essere di parte. Nel settembre 2009 Augusto Rocchi e Rosa Rinaldi dell'area Rifondazione per la Sinistra entrano in segreteria nazionale. Contestualmente ne esce Claudio Bellotti di FalceMartello il quale mantiene però la direzione dei dipartimenti che gli erano stati affidati. Il 27 ottobre in una conferenza stampa congiunta con Antonio Di Pietro il PRC aderisce ufficialmente alla manifestazione contro Berlusconi prevista per il 5 dicembre.[30]

Cinque giorni dopo l'elezione di Pier Luigi Bersani a segretario del PD quest'ultimo il 30 ottobre ha un incontro con i rappresentanti dei partiti impegnati a costruire la Federazione della Sinistra (Ferrero per il PRC, Diliberto per il PdCI e Salvi per Socialismo 2000). Al termine di tale incontro si giunge alla conclusione da molti preventivata dell'impossibilità di un'alleanza di governo tra PD e Federazione della Sinistra mentre convergenze sono state giudicate possibili a livello locale. Si parla anche dell'apertura di un confronto su «il tema della democrazia e di una nuova legge elettorale» da una lato e su «crisi economica e sociale» dall'altro.[31]

Il 3 dicembre viene annunciata la nascita della Federazione della Sinistra che viene lanciata il mattino del 5 dicembre con un'assemblea a Roma.

A seguito degli scandali della cosiddetta loggia P3 il segretario Paolo Ferrero ha rilanciato una manifestazione nazionale per chiedere le dimissioni del governo e un'alleanza elettorale nazionale per superare il bipolarismo. Ha però nuovamente negato la possibilità di accordi di governo.[32]

Elezioni 2011Modifica

Per le elezioni provinciali e comunali del 2011 il PRC si ripresenta quasi ovunque e dove possibile col PdCI come Federazione della Sinistra, guadagnando il 4,2%. Nonostante il calo d'attenzione mediatica denunciata da Ferrero nei video «Invisibile imperdibile», l'alleanza PRC-PdCI accresce il proprio consenso di più di un punto percentuale rispetto ai risultati dell'anno precedente.

Dopo le elezioni il PRC si schiera attivamente a favore dei referendum abrogativi su acqua, nucleare e giustizia che riscuotono successo[33] e poi avvia una raccolta firme per una petizione che chiede l'introduzione di una tassa sui grandi patrimoni superiori al milione di euro, una sovrattassa sui capitali che hanno usato lo scudo fiscale, dimezzare gli stipendi delle caste, mettere un tetto agli stipendi dei manager, dimezzare le spese militari, interrompere le missioni militari in Libia e Afghanistan, far restituire i contributi pubblici ottenuti alle aziende che delocalizzano, bloccare le grandi opere come la TAV e usare le risorse risparmiate per un grande piano di risparmio energetico, sviluppo delle fonti rinnovabili e riassetto del territorio.

In seguito viene avviato il percorso che dovrebbe portare il partito a celebrare il suo prossimo Congresso in dicembre.[34]

L'VIII Congresso e la fine della Federazione della SinistraModifica

 
Manifestazione nazionale della Federazione della Sinistra nel 2011

Nell'autunno 2011 si tiene l'VIII Congresso del partito, articolato sulla discussione di tre documenti. Il primo documento (Unire la sinistra d'alternativa, uscire dal capitalismo in crisi) è frutto del compromesso tra la maggioranza delle aree interne al partito: l'area di Paolo Ferrero, l'area di Walter De Cesaris (che aveva presentato un documento in antitesi sia a Ferrero che a Vendola durante il precedente Congresso), l'area Essere Comunisti di Claudio Grassi, l'area Sinistra Comunista di Gianluigi Pegolo e persino l'area Rifondazione per la Sinistra, che al precedente congresso aveva sostenuto la candidatura a segretario di Nichi Vendola. Questa mozione ha ottenuto l'81,29 % dei consensi da parte degli iscritti, una percentuale che non era stata raggiunta in nessun passato congresso del partito. Centrale nel documento è la proposta politica di un fronte democratico contro le destre, da attuarsi nella forma di un accordo elettorale (ma non politico o di governo) per battere Silvio Berlusconi e far tornare i comunisti in parlamento senza essere legati a un futuro governo di centrosinistra. Il secondo documento (Per il partito di classe), sostenuto dalle aree FalceMartello e Controcorrente, auspica la creazione di un polo politico che rappresenti gli interessi della classe lavoratrice e che sia totalmente autonomo dal centrosinistra. Ha ottenuto il 13,39% dei voti durante il Congresso. Il terzo documento (Comunisti\e per l'opposizione di classe e l'alternativa di sistema. Contro le destre, alternativi al centro-sinistra e fuori dai diktat della banca centrale europea) è sostenuto dall'area La Città Futura (inizialmente nota come Comunisti Insieme), nata da una scissione della precedente area Sinistra Comunista (che al precedente congresso aveva proposto un documento politico in antitesi sia a Ferrero che a Vendola). Questa mozione si propone di unire i comunisti in Italia grazie a una comunione di intenti, soprattutto l'alternatività al centrosinistra. Ha raccolto il 5,32% dei consensi durante il Congresso, risultando però maggioranza assoluta nelle federazioni di Campobasso e Vibo Valentia.

Durante i lavori del Congresso è avvenuta la caduta del governo Berlusconi IV, costringendo tutti i documenti contrapposti di Rifondazione a una profonda riflessione sui propri contenuti. Il segretario nazionale Paolo Ferrero (tra i maggiori sostenitori del primo documento) ha dichiarato che avrebbe sostenuto le idee del fronte democratico e di elezioni anticipate fino a un secondo prima dell'insediamento del governo di Mario Monti. Avvenuta la creazione del nuovo governo, Rifondazione è stata fin dall'inizio molto critica con esso, ponendosi tra le forze d'opposizione (seppur esterna al parlamento). Dopo la fase di dibattito nelle varie federazioni locali il Congresso nazionale vero e proprio si è tenuto a Napoli tra il 2 e il 4 dicembre. Durante i lavori Ferrero (riconfermato segretario) ha dichiarato: «Vent'anni fa ci avevano spiegato che il capitalismo era il migliore dei mondi possibili, la fine della storia. A distanza di vent'anni vediamo che il capitalismo non è in grado di superare la sua crisi e sta rapidamente aggredendo diritti sociali e democrazia [...] Noi dobbiamo costruire proposte alternative: l'opposizione al governo Monti va fatta controproponendo ad ogni cosa che propone Monti un'altra possibilità».

Il 2012 è segnato da una netta opposizione al governo Monti che sfocia nella manifestazione indetta per il 12 maggio dalla Federazione della Sinistra a Roma e in un aumento dei consensi nelle elezioni amministrative dello stesso anno, ottenendo una media nazionale pari al 4,2% dei consensi. I soggetti componenti della FdS, dopo aver sostenuto insieme ad Italia dei Valori, SEL, Verdi, FIOM e Sinistra Critica referendum per abolire la diaria dei parlamentari, ripristinare l'articolo 18 originario (modificato nonostante una petizione lanciata dal PRC contro la sua manomissione e per l'estensione a tutti lavoratori) e abrogare l'articolo 8 della finanziaria 2011 che consente alle aziende di derogare i contratti collettivi nazionali con aziendali o territoriali, oltre che i due promossi unicamente da Federazione della Sinistra e FIOM per cancellare la riforma delle pensioni Fornero (che raggiungono il numero di sottoscrizioni necessario ma non si svolgeranno mai a causa dello scioglimento anticipato delle camere) e il quesito proposto da SEL a favore del reddito minimo garantito, hanno assunto posizioni diverse in relazione alle primarie del centrosinistra organizzate da PD, PSI, SEL e CD. Il PRC si considera lontano dalle posizioni del centrosinistra mentre il PdCI vi prende parte sostenendo Nichi Vendola al primo turno e Pier Luigi Bersani al ballottaggio, rifiutando la proposta di Ferrero di convocare un referendum tra gli iscritti alla FDS.[35]. I vari avvenimenti sanciscono lo sciogliersi della Federazione della Sinistra,[35] che viene però ripresentata in alcune elezioni a livello locale anche nella primavera 2013 e alle elezioni regionali sarde del 16 febbraio 2014 (quando elegge un consigliere).

L'esperienza di Rivoluzione Civile e il IX CongressoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Rivoluzione Civile (lista elettorale).
 
Antonio Ingroia, capo politico di Rivoluzione Civile, lista elettorale a cui Rifondazione ha preso parte per le elezioni politiche del 2013

Nel dicembre 2012 il PRC è tra i promotori di diverse iniziative politiche pubbliche tese a costruire un polo della sinistra in grado di presentarsi autonomamente alle elezioni politiche del 2013. In particolare oltre a essere tra i promotori dei referendum su lavoro, pensioni e diaria dei parlamentari, lo è anche dell'assemblea Cambiare si può del 1º dicembre insieme ad ALBA e al Movimento Arancione, in cui diversi esponenti del panorama intellettuale della sinistra italiana dichiarano l'intenzione di costruire un polo alternativo al centrosinistra. Il 29 dicembre il magistrato Antonio Ingroia annuncia la sua candidatura a premier alle elezioni politiche del 2013 a capo della coalizione di sinistra Rivoluzione Civile comprendente PRC, PdCI, Verdi, IdV, Movimento Arancione e Nuovo Partito d'Azione.

Fausto Bertinotti per questa tornata elettorale è ritornato a dare il suo sostegno a Rifondazione Comunista e a Rivoluzione Civile. Le elezioni politiche del 2013 vedono una vittoria di misura del centrosinistra alla Camera mentre la coalizione di centrosinistra non riesce a raggiungere la maggioranza assoluta al Senato anche a causa dell'inaspettato exploit del Movimento 5 Stelle, il neonato movimento guidato dal comico Beppe Grillo. Rivoluzione Civile subisce una pesante débâcle, fermandosi al 2,2% alla Camera e all'1,8% al Senato, non riuscendo così a eleggere alcun candidato al Parlamento. Anche le elezioni regionali tenutesi in tale data si concludono per il PRC con un esito fallimentare in quanto non elegge rappresentanti né in Lombardia (dove si presenta insieme ai Comunisti Italiani nella lista Etico a Sinistra che appoggia il candidato del centrosinistra Umberto Ambrosoli), né in Lazio (dove sostiene Rivoluzione Civile in appoggio al giornalista Sandro Ruotolo) e né in Molise (dove sostiene coi Verdi Rivoluzione Democratica in appoggio ad Antonio De Lellis). Per Rifondazione si apre un periodo di crisi e la segreteria del partito rassegna immediatamente le dimissioni, le quali però vengono respinte dal CPN tenutosi il 9-10 marzo nel quale viene anche annunciata la convocazione di un Congresso straordinario del partito entro il novembre dello stesso anno.[36]

Dopo essere divenuta l'unica forza politica a essersi costituita parte civile nel processo sulla trattativa Stato-mafia Rifondazione Comunista celebra il IX Congresso nazionale a Perugia il 6, 7 e 8 dicembre. Esso ribadisce la linea di «avviare un processo costituente, dal basso e democratico, della sinistra di alternativa, che sappia costruire l'alternativa contro questa Europa (disobbedienza ai trattati), le politiche di austerity e il governo Letta. Un processo di aggregazione della sinistra autonomo ed alternativo al centro sinistra e a quel PD che ormai è diventato un partito moderato».[37] Viene individuata come iniziativa centrale del partito la raccolta firme per il Piano per il lavoro e l'economia ecologica e solidale, una proposta di legge d'iniziativa popolare che prevede l'istituzione di un'agenzia che elabori un piano per creare un milione e mezzo di posti di lavoro attuando misure come la riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario, l'abrogazione della riforma Fornero delle pensioni, interventi contro il dissesto idrogeologico, incentivi alle imprese affinché non delocalizzino e la costruzione di nuovi asili nido. Tale proposta trova nell'introdurre di una tassa patrimoniale sulle grandi ricchezze, nel taglio alle spese militari e per le grandi opere come la TAV e nello stabilire un tetto a stipendi pubblici e pensioni d'oro le risorse necessarie a realizzare i propositi dell'iniziativa. Nonostante la schiacciante vittoria del primo documento, Ferrero chiede e ottiene dai delegati che l'elezione degli organismi esecutivi e del segretario nazionale avvenga nel primo CPN utile nel gennaio del 2014 dopo una consultazione tra i 170 membri del CPN che sono stati eletti dal Congresso, guidata da Mimmo Caporusso, Dino Greco e Giovanna Capelli.[37]

Nel CPN svoltosi l'11 e 12 gennaio Ferrero viene rieletto segretario con 67 voti su 147, dei quali 54 astenuti (Essere Comunisti e FalceMartello), 7 schede bianche e 19 voti per Arianna Ussi, candidata del documento 3.[38] Negli stessi giorni viene eletta la nuova segreteria,[38] composta essenzialmente da ferreriani[38] e in seguito ai risultati del CPN l'area Essere Comunisti lancia in tutta Italia assemblee per avviare una costituente della sinistra.[39]

Il dialogo a sinistra e i tentativi di unitàModifica

La lista unitaria a sostegno di Alexis Tsipras e la ripresa del conflitto socialeModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: L'Altra Europa con Tsipras.
 
Comizio di Alexīs Tsipras per L'Altra Europa in Piazza Maggiore a Bologna

Nel IV Congresso della PSE svoltosi a Madrid dal 13 al 15 dicembre 2013 viene confermata la proposta espressa dal Consiglio dei presidenti della PSE di candidare Alexis Tsipras alla presidenza della Commissione europea in vista delle elezioni europee del 2014.[40] Il PRC avvia il processo di costruzione di una lista unitaria della sinistra a sostegno del di Tsipras, ma questo è rallentato dalle vicende relative all'elezione della nuova segreteria nazionale. Il 17 gennaio in seguito a un appello lanciato su il manifesto da sei intellettuali che formano poi il comitato dei garanti della lista, ovvero Andrea Camilleri, Paolo Flores d'Arcais, Luciano Gallino, Marco Revelli, Barbara Spinelli e Guido Viale, prende corpo ufficialmente l'idea di una lista di sinistra a supporto di Alexis Tsipras.[41] Dopo alcune tensioni con i garanti sul ruolo dei partiti politici nella formazione della lista il PRC aderisce ufficialmente all'appello dopo aver avviato una consultazione dei circoli: su 380 attivi di circolo l'84,1% dei militanti si è espresso a favore del sostegno alla lista L'Altra Europa con Tsipras.[42]

La raccolta firme per il Piano per il lavoro viene accantonata (e mai più riavviata) per concentrarsi esclusivamente sulla raccolta firme per permettere a L'Altra Europa con Tsipras di presentarsi alle elezioni e sulla propaganda elettorale. Alle elezioni del 25 maggio la lista riceve a livello nazionale il 4,03% dei voti e ottiene 3 seggi al Parlamento europeo. Eleonora Forenza, esponente della segreteria di Rifondazione Comunista, raccoglie quasi 23.000 preferenze, risultando la prima dei non eletti nella circoscrizione Sud dopo Barbara Spinelli. Nonostante Spinelli avesse reso nota l'intenzione di cedere il seggio qualora fosse stata eletta,[43] raccoglie il maggior numero di preferenze nelle circoscrizioni centrale e meridionale. Spinta dal sostegno dei suoi elettori e dello stesso Tsipras, Spinelli ha deciso di confermare il seggio ottenuto nella circoscrizione Centro, permettendo al PRC di tornare a eleggere un rappresentante istituzionale dopo otto anni.[44] Forenza conquista così un seggio all'Europarlamento.

 
Corteo dei Giovani Comunisti nella manifestazione del 25 ottobre 2014

Il PRC nei mesi seguenti investe energie e sforzi per far evolvere L'Altra Europa con Tsipras in un soggetto unitario della sinistra italiana alternativa al PD guidato da Matteo Renzi (40,8% alle europee dello stesso anno). Tuttavia il progetto tarda a decollare, ostacolato da diatribe interne. Nel frattempo il PRC sostiene anche iniziative come la raccolta firme per i quattro referendum e la proposta di legge d'iniziativa popolare contro il pareggio di bilancio e per le petizioni contro TTIP, TISA e CETA, che Unione Europea, Stati Uniti e altre nazioni vogliono stipulare, in quanto secondo gli oppositori darebbero troppi poteri alle multinazionali a discapito dei governi, dei cittadini e dell'agricoltura di qualità. I quattro referendum contro il pareggio di bilancio non si sarebbero mai svolti a causa del mancato raggiungimento delle firme necessarie. Da ottobre in poi i soggetti politici della sinistra, PRC incluso, si ritrovano in piazza per opporsi al Jobs Act e alle linee guida, denominate «buona scuola», della riforma della scuola volute dal governo Renzi. Il 25 ottobre la CGIL porta un milione di lavoratori[45] in piazza per opporsi alla riforma del mercato del lavoro, una manifestazione in cui si ritrovano le anime della sinistra italiana e a cui il PRC partecipa massicciamente all'interno del corteo dell'Altra Europa. Per la prima volta la CGIL manifesta contro le politiche di un governo guidato dal PD, considerato un governo amico. Al termine della manifestazione la componente giovanile della corrente Essere Comunisti, raccoltasi in assemblea e guidata dal coordinatore dei GC Simone Oggionni, abbandona il PRC. Oggionni e altri ex membri dei Giovani Comunisti e del CPN entrerano in SEL a fine marzo.

L'intero autunno è segnato da scioperi di categoria e mobilitazioni studentesche e il culmine è toccato con lo sciopero generale nazionale del 12 dicembre promosso da CGIL e UIL. L'apparente ritorno del conflitto sociale e l'opposizione sempre più marcata nei confronti del governo favorisce i processi di riavvicinamento tra le sinistre. Tra il 23 e il 25 gennaio 2015 si svolge a Milano Human Factor, un convegno organizzato da SEL a cui sono invitate le principali organizzazioni della sinistra italiana: dai sindacati al PRC, passando per la Lista Tsipras e la minoranza interna al PD. Vendola lancia la proposta di un coordinamento delle sinistre in cui sia consentita la doppia militanza per costruire un fronte anti-Renzi.[46] Ferrero interviene nella giornata conclusiva della manifestazione accettando la proposta del presidente di SEL e affermando: «Penso che oggi serva una sinistra di governo, in un senso preciso, che serve una sinistra che sia in grado di avanzare una proposta concreta di cambiamento qui ed ora». Nella serata del 25 gennaio SYRIZA, il movimento della sinistra radicale greca guidato da Alexis Tsipras, vince le elezioni parlamentari con oltre il 36% dei consensi, sfiorando la maggioranza assoluta. Nei mesi successivi riprende l'opposizione al progetto di riforma della scuola varato dal ministro dell'istruzione Stefania Giannini e supportato dal governo Renzi e si susseguono le mobilitazioni di sostegno all'azione del governo Tsipras, impegnato nelle trattative con i creditori.

 
L'intervento conclusivo di Ferrero alla IV Conferenza d'Organizzazione

Tra marzo e aprile la DN decide per il commissariamento di diverse federazioni, tra queste Asti, Viareggio, Ferrara e Venezia, mentre in CPN si dà mandato ai CPR di costruire liste alternative al centro-sinistra e legate al progetto de L'Altra Europa in vista delle elezioni regionali del 31 maggio. Solo in Campania, Liguria e Toscana il PRC partecipa a liste unitarie e non direttamente legate alla lista Tsipras. L'11 e 12 aprile Rifondazione Comunista celebra a Roma presso lo Scout Center la IV Conferenza d'Organizzazione dal titolo Rilanciare il partito, unire la sinistra antiliberista, fermare l'austerità in Europa. Il documento della conferenza viene approvato con un'ampissima maggioranza[47] (si oppongono solo gli autoconvocati-documento 3) e nelle conclusioni viene così sintetizzato dal segretario Ferrero: «Quindi si tratta di tre obiettivi per rafforzare il partito: 1) rilanciare la prospettiva comunista, 2) costruire una sinistra unita contro e fuori dal centrosinistra, 3) creare un movimento di massa contro l'austerità per bloccare queste politiche che stanno distruggendo le prospettive di vita degli italiani».

Il 5 maggio CGIL, CISL e UIL danno luogo allo sciopero generale della scuola: è la terza occasione di risonanza nazionale in cui il mondo della sinistra italiana si ritrova dalla stessa parte della barricata, sebbene sia divisa in tre regioni su sette alle regionali di fine mese. Alle elezioni del 31 maggio le liste legate a L'Altra Europa (L'Altro Veneto - Ora Possiamo, L'Umbria per un'Altra Europa e Altre Marche - Sinistra Unita, L'Altra Puglia) raggiungono in media l'1,82% e non riuscono a eleggere consiglieri. Le altre liste unitarie a cui il PRC partecipa (Rete a Sinistra con Luca Pastorino, Sì - Toscana a Sinistra e Sinistra al lavoro per la Campania) raccolgono in media il 4,22%, eleggendo consiglieri in Liguria e Toscana, ma tra questi non risulta eletto nessun comunista.

La nascita del processo unitario a sinistraModifica

Il 3 luglio in DN viene approvato all'unanimità un documento che lancia un appello per l'avvio di una costituente della sinistra, rivolto a SEL, al movimento Possibile di Giuseppe Civati e tutti coloro che hanno abbandonato il PD, come Sergio Cofferati e Stefano Fassina.[48] Nel CPN dello stesso giorno viene rinnovata e allargata la segreteria nazionale per attuare il mandato della Conferenza d'Organizzazione.[49] Ne deriva l'inizio di un dialogo serrato con le forze organizzate della sinistra che si protrae per settimane, ma fallisce nell'autunno successivo davanti al rifiuto di Rifondazione di sciogliere la propria organizzazione per confluire in un nuovo soggetto della sinistra radicale, proponendo piuttosto la formula della federazione tra soggetti politici. Interrotto il dialogo con il PRC, a novembre SEL e i fuoriusciti del PD danno vita a Sinistra Italiana (SI), inizialmente come gruppo parlamentare e poi con l'assemblea Cosmopolitica nel febbraio 2016 al movimento politico.[50] Ferrero, invitato all'assemblea, interviene esprimendo i motivi della mancata adesione pur subendo una breve contestazione.

Il 2016 si apre con la campagna per il «sÌ» al referendum contro le trivellazioni in mare che si conclude con il mancato raggiungimento del quorum. In seguito il PRC partecipa alla raccolta firme per la petizione contro la privatizzazione dei servizi pubblici, sei referendum sociali (blocco del rilascio di nuove concessioni per trivellare su tutto il territorio nazionale, eliminazione del carattere strategico degli inceneritori e abrogazione delle norme su chiamata diretta dei docenti, comitato di valutazione, bonus scuola e alternanza scuola-lavoro previste dalla riforma Giannini), due per abrogare parzialmente l'Italicum (premio di maggioranza e capilista bloccati), uno confermativo della riforma costituzionale Renzi-Boschi, tre quesiti promossi dalla CGIL per il ripristino integrale dell'articolo 18, l'abolizione dei voucher, la reintroduzione della responsabilità solidale negli appalti e la Carta dei diritti universali del lavoro, proposta di legge d'iniziativa popolare per allargare a più lavoratori le tutele e introdurne di nuove, raccogliendo oltre un milione di sottoscrizioni. Tuttavia solamente i tre referendum della CGIL ottengono le firme necessarie, ma i referendum non hanno luogo poiché il quesito sull'articolo 18 viene dichiarato inammissibile[51] mentre gli altri sono superati da un decreto-legge del governo.[52]

Nonostante i dissidi pregressi Rifondazione si presenta in più occasioni alle elezioni amministrative in coalizioni e liste unitarie della sinistra. A Roma si sceglie di sostenere la candidatura di Stefano Fassina assieme a SI, Possibile e il neo Partito Comunista Italiano (PCI) nella lista Sinistra per Roma che ottiene il 4,5%. A Napoli invece sono SI e Possibile ad aggregarsi alla coalizione che aveva già sostenuto De Magistris e che si rivela nuovamente vincente. La lista unitaria Napoli in Comune a Sinistra ottiene il 5,3% ed elegge 5 consiglieri. A Torino la coalizione unitaria a sostegno di Giorgio Airaudo si attesta al 3,7%, riuscendo a eleggere il candidato sindaco. Per la prima volta il PRC non prende parte alle elezioni comunali di Bologna, decidendo di abbandonare il progetto unitario di Coalizione Civica (7,1%) contestando a SI il tentativo di prendere in ostaggio il percorso elettorale. In dicembre Rifondazione sostiene il «no» al referendum costituzionale con l'obiettivo di superare il bicameralismo paritario, abolire il CNEL e modificare il Titolo V della parte II della Costituzione. La sinistra si ritrova nuovamente unita all'interno del Comitato per il «no», che trova i suoi portavoce in Anna Falcone e Tomaso Montanari. La vittoria del «no» al referendum (59,1%) ha come conseguenze le dimissioni del governo Renzi, la nascita del governo Gentiloni e l'inizio di un nuovo dialogo tra le forze di sinistra in vista della fine della legislatura e delle successive elezioni politiche.

Dal Brancaccio a Potere al PopoloModifica

 
Maurizio Acerbo è proclamato segretario di Rifondazione Comunista

L'unità a sinistra subisce un'accelerazione con la nascita di Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista (MDP), formazione nata nel febbraio 2017 in seguito alla scissione della componente socialdemocratica del PD e guidata da Bersani, D'Alema e Roberto Speranza. Tale nuovi contenuti non lasciano indifferenti i dirigenti e Ferrero decide di non ricandidarsi alla segreteria.[53] La costruzione di una lista unitaria di sinistra alternativa al PD è l'oggetto principale di discussione nel Congresso in cui si affrontano due documenti, quello di maggioranza guidato da Maurizio Acerbo; e quello di minoranza guidato da Eleonora Forenza, comprendente le componenti del documento 3 del IX Congresso. Le due proposte divergono per quanto riguarda le future alleanze con cui interloquire. Il documento di maggioranza si afferma ampiamente con il 71% dei consensi, dando avvio al nuovo processo unitario. Acerbo è eletto nuovo segretario del PRC.[54] La prima occasione per l'avvio del percorso è fornita dall'assemblea convocata il 18 giugno al teatro Brancaccio dai due portavoce dei comitati del No, Falcone e Montanari.

Verificata la comunanza di intenti tra SI, Possibile e PRC, al contrario la presenza di D'Alema e l'intervento di Miguel Gotor per MDP sono stati oggetto di aspre polemiche, anche legate al linea politica assunta dagli ex PD [55]. In autunno si svolgono circa cento assemblee territoriali per proseguire il processo unitario. A fronte del progressivo avvicinamento al progetto di MDP, dopo l'impossibilità di costruire qualsiasi nuova esperienza di centrosinistra, Rifondazione esprime la propria contrarietà all'ingresso degli ex PD e licenzia un documento politico in cui chiede la incandidabilità di quanti hanno assunto responsabilità di governo negli ultimi venticinque anni e l'alternatività al centrosinistra prima e dopo le elezioni.[56] Tuttavia l'ingresso di MDP nell'orbita della sinistra radicale è inevitabile.

Alle elezioni regionali siciliane del 5 novembre 2017 si sceglie di sostenere la candidatura a presidente di Claudio Fava (deputato di MDP e vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia)[57][58] nell'ambito di una coalizione che comprende anche SI, Verdi e Possibile.[59] Rifondazione Comunista, assieme agli altri partiti schierati a sostegno di Fava, si federa nella lista unitaria Cento Passi per la Sicilia per ovviare allo sbarramento del 5% previsto dalla legge elettorale siciliana.[60] Il buon risultato ottenuto in Sicilia (6,1%) non evita che la situazione precipiti. Falcone e Montanari chiedono al PRC di non porre veti mentre SI e Possibile si dichiarano a favore dell'ingresso di MDP, arrivando alla stesura di un documento comune che convoca un'assemblea di lancio del soggetto elettorale per il 2 dicembre in aggiunta alla già convocata assemblea del 18 novembre da Falcone e Montanari.[61] La fuga in avanti dei tre soggetti irrita tanto i due garanti del progetto, quanto il PRC che ritrovandosi isolato tenta nelle ultime assemblee territoriali di far prevalere le proprie posizioni e si dà appuntamento all'assemblea del 18 novembre per sciogliere i nodi politici. A sorpresa però a pochi giorni dall'assemblea Falcone e Montanari dichiarano conclusa l'esperienza del Brancaccio e annullano l'assemblea del 18 novembre, temendo che l'assemblea potesse degenerare in uno scontro tra partiti.[62]

Il fallimento del Brancaccio non scoraggia il PRC che si ritrova ugualmente il 18 novembre a Roma partecipando all'assemblea convocata dal centro sociale napoletano Ex Opg - Je so' Pazzo al fine di costituire una lista unitamente al PCI (che abbandonerà il progetto in seguito alle elezioni), a Sinistra Anticapitalista e ad altri soggetti. Nasce dunque l'esperienza di Potere al Popolo, che il 4 marzo 2018 ottiene l'1,13% alla Camera e l'1,06% al Senato, rimanendo fuori dal Parlamento. Nel frattempo vengono raccolte le firme utili per una petizione per la messa fuorilegge delle organizzazioni neofasciste e tre leggi d'iniziativa popolare per le modifiche alla legge elettorale Rosatellum onde incrementare la partecipazione dei cittadini alla vita democratica del Paese, l'abolizione del pareggio di bilancio e politiche sulla scuola diverse da quelle fin qui attuate.

IdeologiaModifica

I suoi riferimenti culturali sono innanzitutto ispirati al pensiero di Karl Marx al fine di pervenire alla compiuta realizzazione di una società comunista nel contesto di una sinistra in opposizione al neoliberismo, alleata delle forze autenticamente progressiste, esaltatrice della Resistenza antifascista e rispettosa della Costituzione.[10][63][64] Il rifiuto per qualunque forma di discriminazione è accompagnato da una visione contraria a degenerazioni autoritarie, burocratiche, staliniste del socialismo.[10]

Il partito si impegna a promuovere giustizia sociale e valorizzazione della persona, un adeguato ruolo delle autonomie locali e la sovranità del Paese, consapevole della necessità di una coerente vocazione solidaristica nella regione mediterranea.[10]

A differenza di alcuni partiti di matrice marxista ortodossa, Rifondazione Comunista apre l'iscrizione liberamente a scanso dell'opinione religiosa, rendendolo un partito in cui possono tranquillamente ed esplicitamente militare anche i comunisti cristiani ed i teologi della liberazione.

Altri punti programmatici riguardano l'abolizione della Legge Fornero in materia di pensioni e della Bossi-Fini per quanto concerne l'immigrazione,[65] il ripristino dell'articolo 18 dello statuto dei Lavoratori, la lotta alla precarietà, il no alla flat tax,[66] la tassazione delle transazioni finanziarie, la modifica dell'articolo 81 (obbligo di pareggio di bilancio), la cancellazione dei biglietti sanitari, significativi tagli alle spese militari[67] riconducibili all'articolo 11 che esclude la possibilità di ricorrere alla guerra quale mezzo di risoluzione delle controversie internazionali,[68] l'uscita dalla NATO,[69] la contrarietà all'utilizzo dell'energia nucleare,[70] l'introduzione dello ius soli,[71] la puntuale applicazione delle pene previste per il reato di apologia del fascismo,[72] l'abolizione dell'ergastolo,[73] il riconoscimento dei matrimoni omosessuali quale valore dell'universalità dei diritti di cittadinanza,[74] la legalizzazione delle droghe leggere, l'appoggio nei confronti del movimento No TAV[75][76][77][78][79],il potenziamento delle prerogative del Parlamento europeo, nonché la revisione dei trattati.[80] Le figure di spicco sono Antonio Gramsci,[81][82] Palmiro Togliatti, Enrico Berlinguer[83][84] e Pietro Ingrao.[85]

Aree interneModifica

Socialismo XXI, per un nuovo umanesimo

In continuità con la vecchia Rifondazione in Movimento propone di prodigarsi maggiormente nella società civile e nei luoghi del conflitto, rifiutando la fusione a freddo con altri soggetti e contrastando il neoliberismo. Vi si riconosce la maggioranza della segreteria.[86]

Rivoluzione e Rifondazione. Il partito che vogliamo

Composta dagli autoconvocati del IX Congresso, dal Collettivo Stella Rossa,[87] dai sostenitori dell'europarlamentare femminista Eleonora Forenza e da significative componenti contrari all'euro, quest'area interna propone la creazione di una prospettiva che guardi ai mutamenti sociali e alle lotte dal basso, nonché a nuove forme di comunicazione ispirate al concetto di egemonia elaborato da Gramsci in opposizione a una concezione fatalistica e positivistica del marxismo.

StrutturaModifica

 
Un circolo del PRC a Venezia

Il Comitato Politico Nazionale è il massimo organismo del partito, composto da 170 membri. La Direzione Nazionale, di 43 componenti, opera su mandato del CPN e risponde ad esso. L'organo esecutivo è la Segreteria Nazionale, formata da 10 membri e della quale è espressione il segretario nazionale, la cui funzione non può essere svolta per più di tre mandati congressuali interi consecutivi. Il partito si articola in circoli: a livello locale, in federazioni provinciali e in comitati regionali.

Organi nazionaliModifica

SegretarioModifica

Segretario Periodo
Sergio Garavini 10 febbraio 1991 – 27 giugno 1993
Fausto Bertinotti 22 gennaio 1994 – 6 maggio 2006
Franco Giordano 7 maggio 2006 – 20 aprile 2008
Paolo Ferrero 27 luglio 2008 – 2 aprile 2017
Maurizio Acerbo 2 aprile 2017 – in carica

Segreteria NazionaleModifica

  • Comunicazione: Elisa Corridoni
  • Enti Locali: Raffaele Tecce
  • Economia: Roberta Fantozzi
  • Lavoro: Enrico Flamini
  • Movimenti e pace: Stefano Galieni
  • Organizzazione: Ezio Locatelli
  • Partito sociale e mezzogiorno: Loredana Marino
  • Sanità e politiche sociali: Rosa Rinaldi
  • Tesoriere: Marco Gelmini

Presidenti dei gruppi parlamentariModifica

Camera dei DeputatiModifica
Senato della RepubblicaModifica

Segretari regionaliModifica

Organizzazione giovanileModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Giovani Comuniste/i.

L'organizzazione giovanile del Partito della Rifondazione Comunista è nata nel 1995 ed è costituita dai Giovani Comuniste/i. Fanno parte della Federazione Mondiale della Gioventù Democratica, organizzazione giovanile internazionale anticapitalista e anti-imperialista.

  • Coordinatori nazionali: Claudia Candeloro e Andrea Ferroni.

Collegio Nazionale di GaranziaModifica

Il Collegio Nazionale di Garanzia è composto da nove componenti eletti dal Congresso Nazionale. Si ramifica in collegi regionali e federali. I suoi compiti sono i seguenti:

  1. Esaminare le questioni attinenti ai diritti e ai doveri delle/dei singoli iscritti.
  2. Garantire il rispetto delle regole di funzionamento della democrazia interna e l'attuazione dello statuto, con particolare attenzione alla democrazia di genere.
  3. Adottare misure disciplinari nei casi di violazione dello statuto.
  4. Formulare proposte per il superamento di conflitti tra gli organismi dirigenti e adottare misure per risolverle.
  5. Esprimere parere vincolante sull'interpretazione delle norme statutarie.
  6. Esprimere parere vincolante sulla proposta di scioglimento degli organismi dirigenti.
  7. Verificare la validità delle firme per la convocazione dei congressi straordinari.
  8. Esaminare i bilanci e i conti consuntivi.

I componenti del Collegio Nazionale di Garanzia sono Gianluca Schiavon (presidente), Stefano Alberione, Lorena Cordeddu, Rino Malinconico, Nicolò Martinelli, Adriana Miniati, Nadia Palozza, Pietro Paolo Piro e Sonia Spallitta. Il CNG elegge tra i suoi membri un Collegio dei Revisori dei Conti composto da tre persone di cui una/un presidente.

ScissioniModifica

Rifondazione nasce con l'intento di proseguire l'attività del disciolto PCI, volendo altresì raccogliere gli eredi della tradizione politica della sinistra alternativa. Con il tempo sono nati scontri sul profilo politico e culturale da dare al nuovo partito e da ciò sono spesso nate scissioni di entità variabile. Le più sostanziose sono state quelle dei Comunisti Unitari (poi confluiti nei DS); del PdCI, la prima ad aver dato vita a un partito realmente duraturo e concorrenziale per il PRC fino all'aprile 2009 quando ha intrapreso un percorso di federazione e unità d'azione con Rifondazione Comunista; e del Movimento per la Sinistra di Nichi Vendola. Altra scissione di una certa rilevanza è stata quella del Partito Comunista dei Lavoratori di Marco Ferrando.

Risultati elettoraliModifica

  Voti % Seggi
Politiche 1992 Camera 2.202.574 5,6
35 / 630
Senato 2.163.317 6,5
20 / 315
Politiche 1994 Camera 2.334.029 6,0
39 / 630
Senato nei Progressisti
18 / 315
Europee 1994 1.991.977 6,1
5 / 87
Politiche 1996 Camera 3.215.960 8,5
35 / 630
Senato (Progressisti) 934.974 2,9[89]
11 / 315
Europee 1999 1.330.341 4,3
4 / 87
Politiche 2001 Camera 1.868.659 5,0
11 / 630
Senato 1.708.707 5,0
4 / 315
Europee 2004 1.971.700 6,0
5 / 78
Politiche 2006 Camera 2.229.604 5,8
41 / 630
Senato 2.518.624 7,4
27 / 315
Politiche 2008 Camera ne La Sinistra l'Arcobaleno
0 / 630
Senato ne La Sinistra l'Arcobaleno
0 / 315
Europee 2009 nella lista Rifondazione-Comunisti Italiani
0 / 72
Politiche 2013 Camera in Rivoluzione Civile
0 / 630
Senato in Rivoluzione Civile
0 / 315
Europee 2014 ne L'Altra Europa con Tsipras
1 / 73
Politiche 2018 Camera in Potere al Popolo
0 / 630
Senato in Potere al Popolo
0 / 315

Per i risultati regione per regione vedi Risultati elettorali del Partito della Rifondazione Comunista per regione italiana.

Nelle istituzioniModifica

Camera dei deputatiModifica

  • Gruppo Rifondazione Comunista
XI Legislatura
33 deputati
  • Gruppo Rifondazione Comunista-Progressisti
XII Legislatura
24 deputati
  • Gruppo Comunista
XIII Legislatura
20 deputati
  • Gruppo Rifondazione Comunista-Sinistra Europea
XIV Legislatura
11 deputati
XV Legislatura
40 deputati

Senato della RepubblicaModifica

  • Gruppo Rifondazione Comunista
XI Legislatura
20 senatori
  • Gruppo Rifondazione Comunista-Progressisti
XII Legislatura
18 senatori
XIII Legislatura
11 senatori
  • Gruppo Rifondazione Comunista-Sinistra Europea
XIV Legislatura
11 senatori
XV Legislatura
27 senatori

Parlamento europeoModifica

IV legislatura
5 eurodeputati
V legislatura
4 eurodeputati
VI legislatura
3 eurodeputati
VIII legislatura
1 eurodeputata

Presidenti della Camera dei DeputatiModifica

GoverniModifica

IscrittiModifica

StampaModifica

Liberazione è stato per quasi tredici anni l'organo di stampa ufficiale del PRC. Nato come settimanale e diventato quotidiano dal 1995, ha cessato le pubblicazioni nel 2011 a causa del taglio dei finanziamenti all'editoria voluti dal governo Berlusconi e confermati dal governo Monti. Nel 2013 Liberazione è diventato un quotidiano online, ma dal 19 marzo 2014 ha cessato definitivamente le pubblicazioni.

Il PRC ha pubblicato anche due mensili, Rifondazione (1997–1998) e Su la testa (2010–2012) e un settimanale in rete dal nome Ombre Rosse (2012).

Le aree politiche interne al partito hanno spesso dato vita a riviste e pubblicazioni come L'Ernesto, legata alla corrente Sinistra Comunista, Bandiera Rossa ed Erre, entrambe legate alla vecchia area trotzkista Essere Comunisti pubblicata dall'omonima area.

Congressi nazionaliModifica

  • I Congresso – Roma, dal 12 al 14 dicembre 1991 – Per fondare il partito dell'opposizione per l'alternativa
  • II Congresso – Roma, dal 21 al 24 gennaio 1994 – Una forza comunista per una sinistra di alternativa
  • III Congresso – Roma, dal 12 al 15 dicembre 1996 – Rinnovare la politica per cambiare la società
  • IV Congresso – Rimini, dal 18 al 21 marzo 1999 – Un'alternativa di società
  • V Congresso –Rimini, dal 4 al 7 aprile 2002 – Rifondazione rifondazione rifondazione
  • VI Congresso – Venezia, dal 3 al 6 marzo 2005 – Verso un mondo nuovo
  • VII Congresso – Chianciano, dal 24 al 27 luglio 2008 – Ricominciamo!
  • VIII Congresso – Napoli, dal 2 al 4 dicembre 2011 – Connettiamoci!
  • IX Congresso – Perugia, dal 6 all'8 dicembre 2013 – Scrivi il tuo futuro
  • X Congresso – Spoleto, dal 31 marzo al 2 aprile 2017 – C'è bisogno di rivoluzione!

Conferenze di OrganizzazioneModifica

  • I Conferenza di Organizzazione – Chianciano Terme, dal 14 al 15 giugno 1997 – La costruzione del Partito Comunista di massa dopo il III congresso nazionale
  • II Conferenza di Organizzazione – Chianciano Terme, dal 5 al 6 febbraio 2000 – Il partito interroga se stesso
  • III Conferenza di Organizzazione – Carrara, dal 29 marzo al 1º aprile 2007
  • IV Conferenza di Organizzazione – Roma, dall'11 al 12 aprile 2015 – Rilanciare il partito, unire la sinistra antiliberista, fermare l'austerità in Europa

Feste nazionaliModifica

NoteModifica

  1. ^ Statuto del Partito della Rifondazione Comunista, IX Congresso, Archiviato il 30 maggio 2015 in Internet Archive.
  2. ^ Dallo statuto del PRC si legge: «Il Partito della Rifondazione Comunista–Sinistra Europea è libera organizzazione politica della classe operaia, [...] che si uniscono per concorrere alla trasformazione della società capitalista al fine di realizzare la liberazione delle donne e degli uomini attraverso la costituzione di una società comunista». Statuto approvato IX Congresso, su web.rifondazione.it. URL consultato l'11 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2015).
  3. ^ Dallo statuto del PRC si legge: «Perseguono il superamento del capitalismo e del patriarcato come condizione per costruire una società democratica e socialista di donne e di uomini liberi ed uguali, [...]». Statuto approvato IX Congresso, su web.rifondazione.it. URL consultato l'11 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2015).
  4. ^ Spread, Acerbo (Prc): "Basta col ricatto. Difendiamo la democrazia".
  5. ^ Rifondazione Comunista si schiera con Bertuccio.
  6. ^ Intervista ad Acerbo (Prc): «Una sinistra pacifista con D'Alema? Surreale. E no a Pisapia, vuole un Pd 2.0».
  7. ^ Rifondazione: "Dov'è finita la Chiaravalle dei comitati pacifisti e delle mobilitazioni? Noi ci siamo sempre, ma siamo rimasti i soli".
  8. ^ Dati tesseramento PRC - SE 2017, su web.rifondazione.it, 3 maggio 2018.
  9. ^ Dato non definitivo.
  10. ^ a b c d Statuto del Prc, su web.rifondazione.it, 8 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2015).
  11. ^ Un milione avanti Prodi
  12. ^ In piazza siamo un milione ma il governo vada avanti
  13. ^ Intervista al quotidiano La Stampa del 25/1/2008 [1]
  14. ^ Analisi Gpf sullo spostamento dei voti, l'Unità del 17-04-2008 (estensione .doc) Archiviato il 29 dicembre 2015 in Internet Archive.
  15. ^ Sinistra sconfitta, Bertinotti lascia. Corriere della Sera
  16. ^ Da Luxuria alla Santanchè, ecco i silurati. Corriere della Sera
  17. ^ Copia archiviata, su disarmareinnovarerifondazione.org. URL consultato il 9 agosto 2008 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2008).
  18. ^ Ferrero: «Più col popolo, meno in tv» Vendola: «Io, sconfitto da comunista» - Corriere della Sera
  19. ^ Non si dimettono Luigi Cogodi, Rosa Rinaldi e Augusto Rocchi. Ai tre si affiancheranno in un secondo momento Giusto Catania e Damiano Guagliardi
  20. ^ Prc, a Chianciano la scissione: Vendola fonda RPS, in L'Unità, 24 gennaio 2009. URL consultato il 24-01-09 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2009).
  21. ^ PER CONTINUARE IL CAMMINO DI RIFONDAZIONE PER LA SINISTRA Archiviato il 18 gennaio 2009 in Internet Archive.
  22. ^ Prc, bertinotti a Ferrero: "Rifondazione è irriconoscibile"., in L'Unità, 9 gennaio 2009. URL consultato il 22-01-09 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2009).
  23. ^ Su la testa, si riparte! Archiviato il 7 giugno 2011 in Internet Archive.
  24. ^ Matteo Bartocci, Ferrero-Diliberto, c'è l'accordo: verso la lista comunista, in il manifesto, 1º marzo 2009, p. 7. URL consultato il 03-03-09.
  25. ^ Odg della Direzione nazionale dell'11.2.2009[collegamento interrotto]
  26. ^ Presentazione della lista unica e del simbolo per le elezioni europee che riunisce il PRC, il PDCI, Socialismo 2000 e i Consumatori Uniti
  27. ^ Fausto Bertinotti: ecco perché voterò Sinistra e Libertà
  28. ^ Ferrero risponde a Bertinotti Archiviato l'11 maggio 2009 in Internet Archive.
  29. ^ NUOVO PARTITO D'AZIONE - giustizia e libertà, democrazia e legalità Archiviato il 21 settembre 2010 in Internet Archive.
  30. ^ Di Pietro e Ferrero: proviamo tutti insieme a costruire un'opposizione Archiviato il 31 ottobre 2009 in Internet Archive.
  31. ^ Incontro tra Bersani, Ferrero, Diliberto e Salvi: “Sì a battaglie comuni”[collegamento interrotto]
  32. ^ Relazione Ferrero CPN 17/7/2010 Archiviato il 15 marzo 2011 in Internet Archive.
  33. ^ Ordine del Giorno del Comitato Politico Nazionale del 21 e 22 maggio 2011 Archiviato il 16 settembre 2011 in Internet Archive.
  34. ^ La Direzione del Prc prepara il prossimo congresso del partito[collegamento interrotto]
  35. ^ a b Le primarie spaccano la Fds, su partito-lavoro.it. URL consultato il 10 giugno 2014.
  36. ^ Comitato Politico Nazionale 09 - 10 marzo 2013 - Documento approvato, su web.rifondazione.it. URL consultato il 17 giugno 2013.
  37. ^ a b Rifondazione, il segretario a gennaio, su lasinistraquotidiana.it. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  38. ^ a b c Paolo Ferrero rieletto segretario del PRC, su lasinistraquotidiana.it. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  39. ^ Per la sinistra di alternativa, su esserecomunisti.it.
  40. ^ Proposta candidatura di Tsipras a presidenza Commissione Ue, su www2.rifondazione.it. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  41. ^ A sinistra, una lista per Tsipras, in il manifesto, 17 gennaio 2014.
  42. ^ Un bilancio della nostra consultazione degli iscritti, su www2.rifondazione.it, 14 marzo 2014.
  43. ^ Francesco De Palo, Elezioni europee, Barbara Spinelli ci ripensa: “Potrei tenere il seggio”, in il Fatto Quotidiano, 1º giugno 2014. URL consultato il 2 giugno 2014.
  44. ^ Barbara Spinelli, Le lettera di Barbara Spinelli: «Non rinuncio al seggio», in l'Unità, 9 giugno 2014. URL consultato il 10 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  45. ^ Luca Sappino, Cgil e sinistra Pd in piazza contro il Jobs Act, in l'Espresso, 25 ottobre 2014. URL consultato l'11 luglio 2015.
  46. ^ Teodoro Fulgione, Vendola, faremo coordinamento delle sinistre, in ANSA, 26 gennaio 2015. URL consultato l'11 luglio 2015.
  47. ^ Fabrizio Salvatori, "Unità, partito sociale e lotta contro l'austerità". Il Prc tiene a Roma la conferenza d'organizzazione, in Contro la crisi, 12 aprile 2015. URL consultato l'11 luglio 2015.
  48. ^ Sinistra: il tempo è ora!, in rifondazione.it, 4 luglio 2015. URL consultato l'11 luglio 2015.
  49. ^ Incarichi Segreteria nazionale PRC, in rifondazione.it, 6 luglio 2015. URL consultato l'11 luglio 2015.
  50. ^ Cosmopolitica, la prima assemblea di Sinistra italiana: "Dal 2 al 4 dicembre il congresso fondativo", in repubblica.it, 21 febbraio 2016. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  51. ^ L'articolo 18 evita la prova del referendum. Ma si vota su voucher e appalti, in repubblica.it, 17 marzo 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  52. ^ I referendum della CGIL non si fanno più, in il Post, 17 marzo 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  53. ^ Ferrero: Non farò il segretario, ma la linea resta, in il manifesto, 24 gennaio 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  54. ^ Checchino Antonini, Prc: Acerbo è il nuovo segretario, in Popoff, 2 aprile 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  55. ^ Donatella Coccoli, Sinistra, dall’assemblea al Brancaccio qualcosa di nuovo all’orizzonte, in Left, 19 giugno 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  56. ^ Come unire la sinistra senza farsi male. Documento approvato nella Direzione Nazionale del Prc S.E. il 28/10/2017, in rifondazione.it, 28 ottobre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  57. ^ http://livesicilia.it/2017/09/06/rifondazione-comunista-fava-chiarisca-cosa-intende-fare_885794/
  58. ^ MDP, SI e Prc si compattano: tutti d'accordo su Claudio Fava candidato, in Tempostretto - quotidiano online di Messina e provincia. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  59. ^ Sinistra unita in Sicilia, sostegno a Fava: "Stessa intesa anche per le Politiche", in Giornale di Sicilia. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  60. ^ Regionali, Fava presenta il simbolo: "Cento passi per la Sicilia, siamo già al 25%", in PalermoToday. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  61. ^ Alessandro De Angelis, Direzione Mdp, partita la road map a sinistra, in Huffington Post, 7 novembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  62. ^ Monica Rubino, Sinistra, salta l'assemblea del Brancaccio di Falcone e Montanari, in repubblica.it, 13 novembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  63. ^ http://web.rifondazione.it/archivio/cpn/171203/171203doc_approvato.html/
  64. ^ http://www.ilgiornale.it/news/mondo/mosca-si-ritrovano-i-nostalgici-comunismo-cento-anni-1460479.html/
  65. ^ http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=28953//
  66. ^ https://www.agenpress.it/notizie/2018/06/26/poverta-prc-dati-istat-micidiali-ci-vuole-il-reddito-minimo-e-un-piano-per-il-lavoro-no-alla-flat-tax/
  67. ^ http://www.dentrosalerno.it/web/2017/12/30/baronissi-rifondazione-comunista-su-spese-militari//
  68. ^ https://rifondazionesantafiora.it/node/432//
  69. ^ http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=34406//
  70. ^ http://www.brianzapopolare.it/wordpress/?p=561
  71. ^ http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=30104//
  72. ^ http://www.luccaindiretta.it/politica/item/92438-prc-gravi-episodi-di-apologia-di-fascismo-in-italia-serve-mobilitazione.html
  73. ^ Il nuovo Partito della sinistra radicale spaventa Grasso e M5S, in La Stampa, 17 gennaio 2018. URL consultato il 21 gennaio 2018.
  74. ^ http://www.strettoweb.com/2014/10/messina-rifondazione-comunista-su-cancellazione-delle-nozze-gay-da-alfano-demagogia-omofoba/196651/
  75. ^ http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=28014//
  76. ^ http://www.grossetonotizie.com/rifondazione-comunista-follonica-su-lista-sinistra-elezioni//
  77. ^ https://www.agenpress.it/notizie/2017/12/01/cgil-prc-domani-piazza-cancellare-legge-fornero-ripristinare-art-18//
  78. ^ https://video.repubblica.it/dossier/elezioni-politiche-2018/elezioni-acerbo-potere-al-popolo--pd-non-e-sinistra-noi-unici-contro-il-lavoro-precario/298409/299030?ref=search//
  79. ^ http://torino.repubblica.it/cronaca/2018/05/19/news/e_migliaia_di_no_tav_tornano_manifestare_in_valsusa_non_la_vogliamo_-196826214/?refresh_ce//
  80. ^ https://www.agenpress.it/notizie/2018/05/15/acerbo-prc-no-alle-interferenze-della-commissione-europea//
  81. ^ http://www.controlacrisi.org/notizia/Conoscenza/2018/1/19/50682-antonio-gramsci-pensatore-e-rivoluzionarioconvegno-a-torino///
  82. ^ https://www.giornalelavoce.it/torino-prc-ricordano-gramsci-comunismo-piu-attuale-mai-284582//
  83. ^ https://www.erbanotizie.com/politica/prc-a-como-una-conferenza-a-30anni-dalla-morte-di-berlinguer-32454//
  84. ^ http://www.lastampa.it/2017/02/26/italia/politica/gli-eredi-di-berlinguer-ora-divisi-in-cinque-spezzoni-in-conflitto-tra-loro-TMOxekUmPVNsz9DTNw3qaK/pagina.html//
  85. ^ http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-09-27/ingrao-comunista-eretico-che-legittimo-certezza-dubbio--180453.shtml?uuid=ACBsIk5&refresh_ce=1//
  86. ^ http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=28532
  87. ^ Collettivo Stella Rossa.
  88. ^ nel Gruppo Misto
  89. ^ La percentuale non deve considerarsi indicativa perché si stabilirono dei patti di desistenza con l'Ulivo e quindi i candidati del PRC non furono presenti in tutti i collegi.
  90. ^ Dato contestato dalle correnti di opposizione.
  91. ^ Per diciannove federazioni si è stimato un calo del 20% rispetto al 2007.
  92. ^ Iscritti 2013 certificati (PDF), su web.rifondazione.it, 19 luglio 2017.
  93. ^ Iscritti 2014 dichiarati (PDF), su web.rifondazione.it, 19 luglio 2017.
  94. ^ Iscritti 2015 certificati (PDF), su web.rifondazione.it, 15 marzo 2017.
  95. ^ Tessere 2016 distribuite pagate (PDF), su web.rifondazione.it, 19 luglio 2017.
  96. ^ Dati tesseramento PRC - SE 2017, su web.rifondazione.it, 3 maggio 2018.
  97. ^ Dato non definitivo.

Bibliografia storico-criticaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica