Renato Corsetti

linguista ed esperantista italiano
Renato Corsetti (2016)

Renato Corsetti (Roma, 29 marzo 1941) è un linguista ed esperantista italiano.

Nel Congresso italiano di esperanto del 2007 è stato eletto presidente della Federazione esperantista italiana.

Note biograficheModifica

Dopo gli studi universitari nel campo dell'economia e della linguistica, Corsetti ha lavorato a lungo come direttore di banca. Negli anni 1990 è divenuto assistente,
e successivamente professore, presso la facoltà di Psicopedagogia delle Lingue e Comunicazione dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

Attualmente vive in Italia con la moglie (anch'essa esperantista) Anna Löwenstein e due figli, entrambi esperantofoni madrelingua.

EsperantoModifica

Corsetti ha iniziato lo studio dell'esperanto negli anni 1960; ha ricoperto numerose cariche in vari organismi esperantisti, come l'UEA (Associazione universale esperanto) (2001-2007), la TEJO (Gioventù esperantista mondiale) (1970-1973) e la FEI (Federazione esperantista italiana). Corsetti è professore dell'AIS (Accademia internazionale delle scienze San Marino) nonché membro dell'Akademio de Esperanto.

Ideologicamente, sostiene le correnti di pensiero secondo cui il movimento esperantista può contribuire fattivamente a migliorare la condizione umana, e non solamente per fornire un mezzo di comunicazione suppletiva ai suoi membri (cfr. finvenkismo, raumismo).

OpereModifica

Renato Corsetti ha scritto varie opere in esperanto ed italiano riguardo alla politica linguistica, all'esperanto, al bilinguismo infantile ed alla psicopedagogia della lingua e la comunicazione.

Ha revisionato il dizionario esperanto-italiano di Umberto Broccatelli del 1984[1].

NoteModifica

  1. ^ Umberto Broccatelli, Vocabolario Esperanto-Italiano, 2ª ed., Milano, CoEdEs, 1994 [1984], ISBN 88-85872-06-9

BibliografiaModifica

  • Federico Gobbo (a cura di), Lingua, politica, cultura. Serta gratulatoria in honorem Renato Corsetti, New York, Mondial, 2016, ISBN 978-1595693259

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN122293157 · ISNI (EN0000 0001 1702 4234 · LCCN (ENnb2016000674 · GND (DE140874283 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2016000674