Riki Maiocchi

cantante italiano
Riki Maiocchi
Riki Maiocchi Cantagiro.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Rock
Beat
Periodo di attività musicale1964 – 1972
Strumentovoce, chitarra
Sito ufficiale

Enrico "Riki" Maiocchi (Milano, 27 maggio 1940Milano, 2 febbraio 2004) è stato un cantante italiano, conosciuto per essere stato il fondatore del complesso dei Camaleonti; è spesso indicato erroneamente come Riky o Ricky Maiocchi.

Divenne famoso nel 1964 con Non dite a mia madre, cover del brano degli Animals The House of the Rising Sun.

BiografiaModifica

Maiocchi partecipò per due volte al Cantagiro e una volta al Festival di Sanremo (in coppia con Marianne Faithfull), nel Regno Unito ebbe collaborazioni artistiche con Ritchie Blackmore e Jimi Hendrix, e portò al successo un brano scritto da Mogol e Lucio Battisti, la celebre Uno in più.

Si avvicinò alla musica leggera ancora giovanissimo quando svolgeva il mestiere di muratore. Iniziò a frequentare il celebre locale milanese Santa Tecla, punto di ritrovo di molti grandi cantanti Adriano Celentano, Luigi Tenco, Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci tra gli altri.

L'esperienza britannicaModifica

Dopo aver preso parte, nel 1964, alla fondazione dei Camaleonti ed esserne stato il bandleader nel periodo beat più impegnato, con brani come Chiedi chiedi e Io lavoro per te, li abbandona alla vigilia del grande successo, nel 1966. È con il suo sostituto Mario Lavezzi che avviene in seguito la svolta melodica del gruppo con tre million seller del calibro di Applausi, Io per lei e Viso d'angelo).

Maiocchi sceglie di trasferirsi nel Regno Unito dove incontra Ritchie Blackmore (futuro componente dei Deep Purple), all'epoca chitarrista sconosciuto, insieme al quale fonda un complesso di rock psichedelico denominato The Trip, che non riuscì però a portare a termine alcun progetto discografico.

Maiocchi e The Trip si esibiscono in molti locali della scena underground londinese, persino insieme a Jimi Hendrix. Per circa tre settimane suonano anche in Italia, all'incirca nel novembre del 1966[1]. Fu comunque grazie a Hendrix che Maiocchi entrò in contatto con Marianne Faithfull, allora compagna di Mick Jagger (il leader dei Rolling Stones), con cui partecipò al Festival di Sanremo 1967 con C'è chi spera, nell'edizione segnata dal tragico suicidio di Luigi Tenco.

Maiocchi partecipò anche a due edizioni del Cantagiro, quelle del 1965 e del 1967, e in quest'ultima edizione conobbe la coppia Mogol-Battisti, per i quali aveva interpretato Prendi fra le mani la testa.

Un altro brano scritto da loro, Uno in più, resterà per sempre il massimo successo del cantante milanese, e verrà reinciso dallo stesso Lucio Battisti nel 1969, pubblicato nel suo primo omonimo album.

Nel 1967/1968 il nuovo gruppo d'accompagnamento (durante i concerti e le esibizioni dal vivo) sono i Generali (formazione beat di Milano), come raccontato da loro nel 2007 in una intervista contenuta nel libro "BEATi voi!".

Nel 1974 prende parte come attore al film Il siculo, che resta però senza distribuzione nelle sale e viene passato direttamente in televisione su alcune reti locali[2].

All'inizio degli anni settanta rimane coinvolto nel furto di un orologio, venendo sanzionato per incauto acquisto. A seguito di quest'episodio, viene ostracizzato dal mercato discografico e la sua carriera si interrompe bruscamente.

Il periodo d'oro di Maiocchi si esaurisce in pratica qui: a partire dagli anni settanta si ritira a vita privata.

Negli anni ottanta, con gran parte dei suoi colleghi, ha preso parte a molte trasmissioni revival che si sono occupate di riportare in scena gli anni sessanta: nel 1983 Bandiera gialla, nel 1988 Vent'anni dopo, nel 1989 Una rotonda sul mare (in questa trasmissione riuscì ad arrivare in semifinale).

La canzone Uno in più è stata poi scelta come sigla del programma televisivo Roxy Bar.

Gravemente malato da tempo, si è spento all'età di 63 anni in un ospedale milanese, assistito dalla moglie.

DiscografiaModifica

AlbumModifica

SingoliModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Umberto Bultrighini - Claudio Scarpa - Gene Guglielmi: Intervista di 5 pagine a Riki Maiocchi effettuata da Claudio Scarpa e inserita nel libro “Al di qua, al di là del Beat” edito e pubblicato da Carabba Editore a luglio 2011 – 430 pagine.
  • Alessio Marino: "BEATi voi! n.1" - I Libri della Beat boutique 67, Viguzzolo, 2007 (Intervista e reportage sui Camaleonti e Ricky Maiocchi. Include inoltre una intervista con foto ai Generali, gruppo beat d'accompagnamento di Maiocchi del 1967/68)
  • Claudio Pescetelli: "Una generazione piena di complessi", Zona, Arezzo, 2006 (Alla voce "Camaleonti")
  • Cesare Rizzi (a cura di), Enciclopedia del rock italiano, Milano, Arcana, 1993, ISBN 8879660225. pg. 113-114

Collegamenti esterniModifica