Riserva naturale guidata Calanchi di Atri

riserva naturale italiana
Riserva naturale guidata Calanchi di Atri
Tipo di areaRiserva naturale regionale
Codice EUAPEUAP1091
StatiItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
ProvinceTeramo Teramo
ComuniAtri
Superficie a terra380 ha
Provvedimenti istitutiviL.R. 58 del 20.04.95
GestoreComune di Atri
Calanchi di Atri.jpg
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale

Coordinate: 42°34′34.28″N 13°57′53.32″E / 42.57619°N 13.96481°E42.57619; 13.96481

La riserva naturale guidata Calanchi di Atri è un'area naturale protetta situata nel comune di Atri, in provincia di Teramo ed è stata istituita nel 1995.

DescrizioneModifica

Comprende un'area di circa 380 ettari, situata interamente nel territorio del comune di Atri, antica città d'arte dell'Abruzzo adriatico. La gestione è passata di recente al WWF, tramite una cooperativa.

FloraModifica

Nonostante l'aspetto esteriore che potrebbe far pensare ad una scarsa presenza di specie vegetali, si possono trovare il Gladiolo selvatico, i capperi, e la liquirizia. La riserva è estesa ben oltre la formazione dei calanchi, e si possono trovare anche i salici, il pioppo bianco, il sambuco e la vitalba.

FaunaModifica

L'habitat è l'ideale per i rapaci, infatti sono nidificanti diverse coppie di poiana, gheppio e sparviero. È inoltre possibile trovare, anche grazie alla vicinanza di diversi laghetti e del torrente Piomba:

Accessi alla riservaModifica

Per raggiungere la riserva si può uscire al casello Atri-Pineto dell'autostrada A/14 Adriatica, quindi basta seguire le indicazioni per Atri centro (che è a 7 chilometri dal casello autostradale). Una volta ad Atri città, bisogna seguire i cartelli marroni indicanti la riserva.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Abruzzo