Apri il menu principale

Roberto Bosco

allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Roberto Bosco
Roberto Bosco.jpg
Bosco alla Fiorentina nel 1988
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180[1] cm
Peso 72[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1998 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Seregno
Squadre di club1
1979-1981 Seregno 62 (1)
1981-1982 Reggiana 5 (0)
1982-1983 Carrarese 22 (0)
1983-1985 Reggiana 62 (5)
1985-1987 Pescara 69 (4)
1987-1989 Fiorentina 55 (0)
1989-1994 Pisa 157 (4)
1994-1995 Modena 28 (0)
1997-1998 Massese ? (?)
Carriera da allenatore
1997-1998Massese
1999-2001PescaraVice
2001-2002CrotoneVice
2002-2003SpeziaVice
2003Spezia
2003ReggianaVice
2003Reggiana
2003-2004ReggianaVice
2007-2009SienaColl. tecnico
2010-2014MilanColl. tecnico
2014-JuventusColl. tecnico
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roberto Bosco (Monza, 14 febbraio 1962) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, collaboratore tecnico della Juventus.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

È stato un centrocampista che ha militato in numerose squadre in Serie B e in Serie A; ha giocato nel Pescara e nella Reggiana, ma ha toccato i suoi più alti livelli nella Fiorentina, dov'è rimasto per due stagioni, e poi nel Pisa di cui divenne una bandiera nei primi anni 1990.[2] Infine ha giocato nel Modena.

AllenatoreModifica

Dopo aver assunto il ruolo di giocatore-allenatore tra i dilettanti con la Massese, ha iniziato a fare gavetta ricoprendo il ruolo di vice, prima di Giovanni Galeone sulla panchina del Pescara, e poi di Stefano Cuoghi su quella del Crotone e dello Spezia. Dopo l'esonero di quest'ultimo, ha guidato la squadra spezzina per una giornata fino all'arrivo di Nicoletti.

Nel 2003 è stato sulla panchina della Reggiana come vice di Adriano Cadregari, fungendo, al suo esonero, da traghettatore fino all'arrivo di Sala, quando è tornato a rivestire il ruolo di secondo. Dal 2007 al 2009 ha fatto parte dello staff tecnico del Siena.

Dal 2010 al 2012 ha collaborato come osservatore del settore giovanile del Milan; nel 2012 è entrato nello staff tecnico di Massimiliano Allegri, sempre al Milan, in qualità di osservatore per la prima squadra.[3] Nel 2014 ha seguito Allegri alla Juventus, mantenendo il ruolo di osservatore.[4]

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Carrarese: 1982-1983
Pescara: 1986-1987 (ex aequo con il Pisa)

NoteModifica

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 2012, p. 35.
  2. ^ PISA, INCENDIATE DUE AUTO AVELLINO, CROCI SUI POSTER - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 21 luglio 2019.
  3. ^ Roberto Bosco nello staff di Allegri, in gazzettadireggio.gelocal.it, 7 aprile 2012. URL consultato il 1º luglio 2017.
  4. ^ Roberto Bosco il valore aggiunto della Juventus, in gazzettadireggio.gelocal.it, 14 maggio 2015. URL consultato il 1º luglio 2017.

Collegamenti esterniModifica