Apri il menu principale

BiografiaModifica

Carriera giornalisticaModifica

Dal 1985 al 31 marzo 2018 ha lavorato per Il Mattino di Napoli a Caserta e Napoli. Da aprile 2018 collabora con la Fanpage.it.

È autrice del libro L'oro della camorra, che tratta dell'ascesa del clan dei casalesi e della loro penetrazione nei vari settori dell'economia italiana. Una copia di questo libro è stata ritrovata dai carabinieri nel covo del latitante Giuseppe Setola, durante il blitz del 12 gennaio 2009. Un'altra copia era nel bunker sotterraneo in cui è stato arrestato il latitante Michele Zagaria il 7 dicembre 2011.

A causa del suo lavoro di cronista di giudiziaria e per la sua attività contro la camorra, è stata negli anni più volte minacciata di morte e per questo è costretta a vivere sotto scorta.

Per la sua attività professionale le sono stati assegnati importanti riconoscimenti:

  • Premio Coraggio 2009 - Brescia 2009
  • Premio “Gerbera gialla” il fiore simbolo dell'impegno contro tutte le mafie - Reggio Calabria 2009
  • Premio giornalistico "città di Salerno" - 2009
  • Premio Estense 2008 - Ferrara 2008
  • Premio “Elsa Morante” per l'impegno civile - New York 2008
  • Premio Nazionale “Paolo Borsellino” - 2008
  • Premio “Napoli” - 2008
  • Premio “Testimone di pace” sezione informazione - Roma 2008
  • Premio Colombe d'Oro per la Pace, assegnato dall'Archivio disarmo - 2008
  • Premio “Libertà” promosso da “Articolo 21” - 2008
  • Premio “Enzo Biagi” categoria giornalisti - 2008

Carriera politicaModifica

Candidata nelle liste del Partito Democratico nella circoscrizione meridionale nelle elezioni europee del 2009, ha ricevuto circa 73 000 preferenze non riuscendo, però, ad arrivare al Parlamento europeo. Rosaria, in seguito, ha puntato il dito contro il proprio partito accusandolo di non averla sostenuta.[1]

Il 3 gennaio 2013 viene annunciata da Pier Luigi Bersani la sua candidatura nelle liste del PD alle elezioni politiche del 2013, come capolista al Senato della Repubblica in Campania[2] e viene eletta[3].

Al Senato della Repubblica è membro della Commissione parlamentare antimafia e segretario della Commissione giustizia.

Non è più ricandidata alle elezioni politiche del 2018, in quanto esclusa dalle liste del Partito Democratico. Aveva preannunciato la sua decisione di non ricandidarsi ad aprile del 2016. [4]

NoteModifica

  1. ^ Rosaria Capacchione: Il Pd non mi ha sostenuto, MicroMega, 9 giugno 2009.
  2. ^ Rosaria Capacchione candidata PD alle elezioni, Bersani2013.it, 3 gennaio 2013. URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2013).
  3. ^ Senato Campania - Eletti partito per partito Archiviato il 31 marzo 2013 in Internet Archive.
  4. ^ ELEZIONI POLITICHE 2018. NESSUN CASERTANO TRA I CANDIDATI DEL PD . HANNO GIA’ VINTO RENZI, DE LUCA , I CONSIGLIERI REGIONALI GRAZIANO ED OLIVIERO – BelVederenews, su www.belvederenews.net. URL consultato il 28 gennaio 2018.

OpereModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN286993093 · ISNI (EN0000 0003 9285 0741 · WorldCat Identities (EN286993093