STS-135

missione spaziale del programma statunitense Space Shuttle
STS-135
Emblema missione
STS-135 Patch.svg
Dati della missione
OperatoreNASA
NSSDC ID2011-031A
SCN37736
ShuttleAtlantis
Lancio8 luglio 2011 11:29 EDT[1]
Luogo lanciocomplesso di lancio 39 (Rampa 39A)
Atterraggio21 luglio 2011 05:57 EDT (09:57 UTC)[2]
Sito atterraggioShuttle Landing Facility (pista 15)
Durata12 giorni, 18 ore, 28 minuti e 50 secondi
Proprietà del veicolo spaziale
Peso al lancio2 050 756 kg
Peso del carico12 890 kg
Parametri orbitali
Orbitaorbita terrestre bassa
Apogeo343 km
Inclinazione51,6°
Distanza percorsa9.787.564 km[2]
Equipaggio
Numero4
MembriChristopher Ferguson
Douglas Hurley
Sandra Magnus
Rex Walheim
Programma Space Shuttle
Missione precedenteMissione successiva
STS-134

STS-135 è stata l'ultima missione Space Shuttle, con il lancio avvenuto l'8 luglio 2011 alle 11:29 EDT (17:29 CEST) e atterrata il 21 luglio alle 05:57 EDT (09:57 UTC). Durata 13 giorni[2], ha trasportato sulla Stazione Spaziale Internazionale i quattro membri dell'equipaggio insieme al Multi-Purpose Logistics Module Raffaello[3] e al Lightweight Multi-Purpose Carrier, utilizzando come vettore lo Space Shuttle Atlantis.

La STS-134 sarebbe dovuta essere l'ultima missione del programma shuttle. Non essendo quindi programmata alcuna missione come successiva, la NASA aveva predisposto un'apposita missione di recupero, la STS-335, per essere usata in caso di bisogno.

La missione di recupero (LON, Launch On Need) STS-335 è stata convertita dalla NASA nella missione operativa STS-135 nel gennaio del 2011. Vista la regolare conclusione della STS-134, la relativa missione di recupero si è resa superflua e i preparativi sono continuati per la STS-135[4].

Statistiche della missioneModifica

EquipaggioModifica

Posizione Equipaggio
Comandante   Christopher Ferguson, NASA
Terzo volo
Pilota   Douglas Hurley, NASA
Secondo volo
Specialista di missione   Sandra Magnus, NASA
Terzo volo
Specialista di missione   Rex Walheim, NASA
Terzo volo

L'equipaggio delle missioni STS-334/135, annunciato il 14 settembre 2010, è formato da 4 membri. L'ultima missione con soli 4 membri è stata la STS-6.

Sono stati assegnati solo 4 astronauti, invece dei soliti 6, a causa dell'indisponibilità di altri Shuttle per una eventuale missione di recupero. In caso di seri danni all'Atlantis, che ne avrebbero compromesso la sicurezza durante il rientro, l'equipaggio avrebbe dovuto trovare rifugio all'interno della ISS. Sarebbero stati riportati a terra, uno alla volta nel corso di un anno, attraverso le capsule Soyuz.

StemmaModifica

Lo stemma della missione STS-135 rappresenta lo space shuttle Atlantis nella sua missione di rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale. L'Atlantis, nel centro dello stemma, è circondato da elementi dello stemma della NASA, rappresentando il ruolo centrale che il programma Space Shuttle ha avuto per l'agenzia spaziale statunitense negli ultimi 30 anni, e rende omaggio alla stessa NASA e alle aziende che hanno collaborato al programma che hanno reso possibile gi incredibili risultati del programma. La lettera Omega, l'ultima dell'alfabeto greco, indica che questa missione è l'ultima degli Space Shuttle.

MissioneModifica

Carico della missioneModifica

La missione STS-135 ha trasportato rifornimenti ed equipaggiamento per la stazione spaziale per l'anno 2012. A seguito del termine del programma Space Shuttle, i rifornimenti sono proseguiti tramite il programma Commercial Orbital Transportation Services.

Multi-Purpose Logistics ModuleModifica

La maggior parte del carico della missione è costituito dal Multi-Purpose Logistics Module Raffaello, contenente otto Resupply Stowage Platforms (RSP), due Integrated Stowage Platforms (ISP), sei Resupply Stowage Racks (RSR), e uno Zero-G Stowage Rack (ZSR)[5].

Nel quarto giorno di missione, l'MPLM Raffaello è stato rimosso dalla stiva di carico dell'Atlantis attraverso il braccio robotico della stazione spaziale e agganciato al lato di nadir del modulo Harmony. Dopo aver trasferito sulla stazione spaziale 4 300 kg di rifornimenti, l'MPLM è stato riempito con 2 570 kg[6] di equipaggiamenti non necessari e rifiuti vari. Nell'undicesimo giorno è stato sganciato dal modulo Harmony e riposizionato nella stiva di carico dello shuttle.

Lightweight Multi-Purpose CarrierModifica

Il Lightweight Multi-Purpose Carrier (LMC) è stato impiegato per riportare a Terra una pompa per l'ammoniaca malfunzionante per essere analizzata e per comprendere i motivi del malfunzionamento. La pompa era stivata nell'ExPRESS Logistics Carrier 2 ed è stata sostituita ad agosto 2010.

Robotic Refueling MissionModifica

Lo shuttle Atlantis ha trasportato l'equipaggiamento per condurre la prima fase della missione Robotic Refueling Mission. La Robotic Refueling Mission (RRM) è un esperimento progettato per dimostrare e testare gli strumenti, le tecnologie e le tecniche necessarie per rifornire e riparare satelliti nello spazio, in particolar modo i satelliti che non sono progettati per avere manutenzione in orbita. La RRM è stata progettata da NASA e dalla Agenzia Spaziale Canadese[7][8].

Picosatellite Solar Cell Testbed 2Modifica

Lo shuttle Atlantis ha trasportato un satellite miniaturizzato chiamato Picosatellite Solar Cell Testbed 2 (PSSC-2), che è stato lanciato con successo nel tredicesimo giorno di missione.

TriDARModifica

La STS-135 è stata la terza missione a testare un gruppo di sensori chiamato Triangulation and LIDAR Automated Rendezvous and Docking (TriDAR), che ha lo scopo di essere impiegato come sensore per il rendezvous e l'attracco in modo automatico. Sviluppato dalla Neptec Design Group, questo dispositivo è stato testato anche nelle missioni STS-128 e STS-131. Il TriDAR fornisce informazioni di navigazione tramite un sensore 3D laser e un sensore termico.

Pre-lancioModifica

 
Il serbatoio esterno ET-138 davanti al Vehicle Assembly Building
 
Atlantis effettua il "rollover" verso il Vehicle Assembly Building

Il 29 aprile 2011, il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, accompagnato dalla moglie Michelle Obama e le loro figlie, hanno visitato il Kennedy Space Center[9].

RolloverModifica

 
Nell'ultimo, storico rollout di uno Space Shuttle, l'Atlantis viene trasportato con il crawler-trasporter verso la piattaforma di lancio 39A

Il 17 maggio 2011, lo Space Shuttle Atlantis è stato spostato dall' Orbiter Processing Facility 1 (OPF 1) al Vehicle Assembly Building (VAB) per agganciarlo al serbatoio esterno ET-138[10][11][12]. Questa operazione è detta rollover. All'interno del VAB il 19 maggio è stato completato l'aggancio tra l'orbiter, il serbatoio esterno e i due Solid Rocket Boosters. Nello stesso giorno, la NASA ha annunciato la data di lancio della missione, fissata per l'8 luglio.

RolloutModifica

La fase di rollout, dove lo Shuttle Atlantis è stato trasportato alla piattaforma 39A, è iniziata il 31 maggio alle 20:42 EDT. Dopo aver percorso 5,5 km tramite il crawler-transporter, lo Space Shuttle è giunto sulla piattaforma di lancio alle 03:29 EDT del 1 giugno.

Il rollout dell' Atlantis, ultimo di uno Space Shuttle è stato ammirato da molte persone, tra cui familiari degli impiegati NASA. Mentre l'Atlantis si stava muovendo verso la piattaforma di lancio, l'Endeavour stava atterrando alla Shuttle Landing Facility, completando la missione STS-134.

PayloadModifica

 
Il contenitore del payload e l'Atlantis sulla piattaforma di lancio 39A

Il 16 giugno il contenitore del carico della missione (payload canister), contenente l'MPLM Raffaello e l'altro equipaggiamento della missione, è stato spostato verso la piattaforma di lancio 39A[13]. L’Atlantis ha trasportato nel ponte intermedio 1 000 kg di equipaggiamento[6] relativo ad esperimenti scientifici, componenti di ricambio per diversi sistemi della stazione spaziale, come i sistemi di supporto vitale, il sistema elettrico e i sistemi informatici e rifornimenti[14]. Il 20 giugno è stata completata l'operazione.

Terminal countdown demonstration testModifica

L'equipaggio dell'Atlantis è giunto al Kennedy Space Center a bordo di Northrop T-38 Talon[15]. Dopo il loro arrivo, i quattro astronauti sono stati intervistati da giornalisti, ed hanno sottolineato la valenza storica di questa ultima missione dello Space Shuttle. "Siamo incredibilmente orgogliosi di partecipare all'ultimo volo", ha commentato il comandante Chris Ferguson[16][17].

CronologiaModifica

8 luglio (1º giorno - lancio)Modifica

Video del lancio
 
Decollo dello Space Shuttle Atlantis

Il direttore di lancio Mike Leinbach, ha espresso i suoi auguri agli astronauti dell'Atalantis. "Buona fortuna all'equipaggio in questo volo finale di una vera icona americana. Buona fortuna, che Dio vi protegga e divertitevi un po' lassù"[18]. "Grazie a te e al tuo team, Mike, stiamo completando un capitolo di un viaggio che non finirà mai. L'equipaggio dell'Atlantis è pronto a partire."[19], è stata la risposta del comandante Ferguson.

L'Atlantis è decollato per l'ultima volta dal Kennedy Space Center alle 15:29 UTC. Il lancio si è svolto regolarmente, con il distacco dei due Solid Rocket Boosters avvenuto dopo 2 minuti e 5 secondi, e lo spegnimento dei propulsori principali alle 15:37:28 UTC, dopo 8 minuti e 24 secondi di volo. Il serbatoio esterno si è separato dallo Shuttle 21 secondi dopo. La telecamera del serbatoio esterno è stata modificata per riprendere il rientro del serbatoio nell'atmosfera e la conseguente distruzione[20][21]. L'equipaggio ha effettuato diverse correzioni di traiettoria, tra cui una accensione di 64 secondi dei propulsori OMS che ha portato l'Atlantis in una orbita di 230 x 158 km, e successivamente una accensione di 94 secondi per far corrispondere il percorso orbitale dello Shuttle con quello della stazione spaziale. Quest'ultima correzione di rotta ha aumentato la velocità dello Shuttle di circa 44,1 m/s.

Dopo l'apertura dei portelli della stiva di carico alle 17:03 UTC, l'equipaggio ha iniziato le prime operazioni in orbita, tra cui il dispiegamento dell'antenna in banda Ku[22] e l'attivazione del braccio robotico. I controllori di missione hanno riferito che dalle analisi preliminari, non sono stati individuati eventi significativi di distacco di detriti durante il lancio.

9 luglio (2º giorno)Modifica

 
Chris Ferguson e Doug Hurley sul ponte di volo dell'Atlantis

L'attività principale del secondo giorno di missione è stata l'ispezione dello scudo termico tramite l'Orbiter Boom Sensor System per verificare che non abbia subìto danni durante il lancio[23][24][25]. Il comandante Ferguson, il pilota Hurley e lo specialista di missione Magnus hanno ispezionato il bordo anteriore delle ali e la parte anteriore dello Shuttle. Le immagini e i dati raccolti dall'OBSS sono stati inviati a terra per essere analizzati.

Mentre veniva condotta l'ispezione, lo specialista di missione Walheim nel ponte intermedio ha iniziato a preparare l'equipaggiamento da trasferire sulla stazione spaziale[26]. In seguito è stato raggiunto da Hurley. Nel frattempo, Ferguson e Magnus hanno installato una telecamera che viene utilizzata per aiutare i piloti nella fase di attracco alla stazione spaziale.

Mentre l'Atlantis effettuava le ultime due correzioni di rotta, sulla stazione spaziale l'equipaggio della Expedition 28 iniziava i preparativi per l'attracco con lo Shuttle. Gli astronauti Fossum, Volkov e Furukawa si sono preparati per le riprese fotografiche che vengono effettuate durante la manovra dello Shuttle detta rendezvous pitch maneuver.

10 luglio (3º giorno)Modifica

 
L'Atlantis prima dell'attracco alla stazione

Le attività della terza giornata sono iniziate alle 07:29 UTC con le preparazioni per l'attracco[27]. L'equipaggio ha incontrato un piccolo problema causato dal malfunzionamento di uno dei General Purpose Computer dell'Atlantis. Questo evento non ha avuto conseguenze per le operazioni perché è un componente ridondante[28].

Il comandante Ferguson e il pilota Hurley hanno completato una serie di correzioni orbitali per raggiungere la stazione spaziale, e quando l'Atlantis si trovava ad una distanza di 600 piedi (180 m) hanno iniziato la manovra rendezvous pitch maneuver. Mentre lo Shuttle ruotava di 360°, gli astronauti dell'Expedition 28 Volkov, Fossum e Furuakawa hanno scattato dall'interno della stazione numerose fotografie della parte inferiore dell'orbiter. Questa procedura fa parte delle ispezioni allo scudo termico, e anche queste fotografie sono state trasmesse a terra per essere analizzate alla ricerca di eventuali danneggiamenti.

Alle 15:07 UTC l'Atlantis ha attraccato alla stazione spaziale[29][30]. Alle 16:47 UTC si sono aperti gli sportelli tra lo Shuttle e la stazione e di seguito si è tenuta la cerimonia di benvenuto dell'equipaggio della missione STS-135.

11 luglio (4º giorno)Modifica

 
Sandra Magnus fluttua all'interno dell'MPLM Raffaello

Nella quarta giornata della missione, l'attività principale è stata l'installazione dell'MPLM Raffaello sul lato di nadir del modulo Harmony[31][32]. La specialista di missione Magnus asieme al pilota Hurley hanno manovrato il braccio robotico della stazione spaziale per spostare il modulo Raffaello dalla stiva di carico dell'Atlantis. Alle 10:46 UTC il modulo è stato agganciato alla stazione e dopo alcune verifiche è stato aperto il portello[33].

Durante la giornata i responsabili della missione hanno approvato l'estensione di un giorno della missione STS-135 in modo da fornire più tempo all'equipaggio per i trasferimenti dei materiali e dell'equipaggiamento. È stato anche comunicato all'equipaggio che non era necessaria alcuna ispezione aggiuntiva dello scudo termico dell'orbiter.

Prima dell'inizio del periodo di sonno, i due equipaggi hanno rivisto le procedure per la passeggiata spaziale del giorno successivo[6]. Gli ingegneri di volo della Expedition 28 Mike Fossum e Garan hanno trascorso il periodo diriposo nel Joint Airlock, in preparazione alla passeggiata spaziale del giorno successivo.

12 luglio (5º giorno)Modifica

 
L'astronauta Mike Fossum agganciato all'estremità del braccio robotico della stazione spaziale durante le attività extraveicolari

Nella quinta giornata di missione, due astronauti dell'equipaggio della stazione hanno effettuato una passeggiata spaziale[34]. A causa del ridotto numero di astronauti per la missione STS-135, NASA ha deciso di non includere nell'equipaggio dell'Atlantis astronauti per effettuare passeggiate spaziali. Per questo motivo le attività extraveicolari sono state svolte da due membri della Expedition 28. Il compito principale delle attività è stato il recupero di una pompa per l'ammoniaca che aveva avuto un guasto nel 2010 ed era stata sostituita nelle missioni precedenti. Il pezzo malfunzionante era stato temporaneamente stivato in una piattaforma esterna della stazione in attesa di essere recuperato e riportato sulla Terra per essere analizzato e determinare il motivo del guasto. Garan è stato agganciato al braccio robotico della stazione spaziale, manovrato dal pilota Hurley e dallo specialista di missione Magnus, ed è stato portato nei pressi della piattaforma esterna. Con l'aiuto di Fossum è stata rimossa la pompa malfunzionante e, tramite il braccio robotico, essa è stata portata nella stiva di carico dell'Atlantis. I due astronauti hanno fissato la pompa sul Lightweight Multi-Purpose Carrier. In seguito hanno prelevato l'equipaggiamento relativo alla Robotics Refueling Mission dalla stiva di carico dello shuttle, che è stato agganciato su una piattaforma dello Special Purpose Dexterous Manipulator. Successivamente Fossum si è spostato nel modulo Zarya dove ha effettuato manutenzione ad un dispositivo di fissaggio che è stato installato nella missione precedente STS-134. Questo dispositivo fornisce una base al braccio robotico della stazione spaziale, in modo da poter operare anche nel segmento russo della stazione. Garan ha installato il modulo MISSE-8 sull'ExPRESS Logistics Carrier 2. I due astronauti hanno infine installato un rivestimento termico sul Pressurized Mating Adapter 3 (PMA-3) sul modulo Tranquility[35].

Mentre era in corso la passeggiata spaziale, gli astronauti all'interno della stazione hanno iniziato il trasferimento di equipaggiamento dall'MPLM Raffaello[36].

13 luglio (6º giorno)Modifica

 
L'Aurora australe e diverse stelle sono visibili mentre la stazione spaziale e l'Atlantis sorvolano l'emisfero sud

L'equipaggio dell'Atlantis si è concentrato nel trasferimento di materiali dall'MPLM Raffaello[37][38]. Il modulo è stato lanciato a bordo dello Shuttle con 4 265 kg di rifornimenti ed era previsto che rientrasse a Terra caricato con circa 2 570 kg di materiali inutili e rifiuti.

L'equipaggio ha ricevuto aiuto da Andrey Borisenko, Sergei Volkov e Satoshi Furuakawa nelle operazioni di trasferimento. Al termine della giornata gli astronauti erano riusciti a svuotare metà dei rifornimenti del modulo Raffaello e metà di quelli stivati nel ponte intermedio dello Shuttle.[39].

I quattro membri della missione STS-135 hanno avuto un po' di tempo libero nel quale sono stati intervistati da giornalisti di varie emittenti televisive.

14 luglio (7º giorno)Modifica

 
Gli equipaggi dello shuttle e della stazione nel ponte intermedio dell'Atlantis

Nel settimo giorno di missione l'equipaggio ha continuato a trasferire rifornimenti dall'MPLM Raffaello[40].

Nella mattina, il comandante Ferguson e la specialista di missione Magnus sono stati intervistati da giornalisti di varie emittenti televisive. Nel pomeriggio all'equipaggio è stato concesso del tempo libero[41].

Dopo l'inizio del periodo di sonno, l'equipaggio è stato svegliato alle 22:07 UTC da un allarme a bordo dell'Atlantis, causato da un'avaria ad uno dei cinque computer IBM AP-101 General Purpose Computers (GPC)[42]. Il GPC-4, al momento del guasto, stava eseguendo un software di gestione del sistema. Il comandante Fferguson, con l'aiuto dei controllori di missione, ha trasferito il software nel GPC-2, risolvendo il problema[43]. Gli astronauti sono potuti tornare a dormire e per compensare il tempo di riposo perso, i controllori della missione ha aggiunto 30 minuti al periodo di sonno. Inizialmente i controllori di missione hanno escluso una connessione tra il malfunzionamento del GPC-4 e il problema al GPC-3 che si era verificato prima dell'attracco alla stazione[44].

15 luglio (8º giorno)Modifica

 
Gli equipaggi dello Shuttle e della stazione spaziale posano per una foto di gruppo

All'inizio della giornata, il comandante Ferguson e il pilota Hurley hanno ricaricato il software nel computer GPC-4 e lo hanno riavviato con successo[45]. I controllori di missione hanno scaricato il dati di dump per assicurarsi che il GPC-4 funzioni correttamente e diagnosticare la causa del guasto. Nel frattempo gli specialisti di missione Magnus e Walheim, aiutati dall'equipaggio della stazione, hanno continuato a trasferire i rifornimenti. In seguito, i due equipaggi hanno partecipato ad una conferenza stampa nel laboratorio Kibo.

Alle 16:30 UTC, il Presidente degli Stati Uniti d'America Barack Obama si è messo in collegamento con gli astronauti[46], ringraziando tutti coloro che hanno supportato il programma Shuttle. "Il vostro esempio significa molto non solo per i cittadini americani, ma anche per tutti i cittadini della Terra. Il programma spaziale ha sempre rappresentato il nostro spirito di avventura, di esplorazione e di coraggio"[47]. L'ingegnere di volo Sergei Volkov ha descritto i due equipaggi, provenienti da tre diverse nazioni, come "una grade famiglia"[48].

Il direttore di volo della missione ha comunicato agli astronauti che il problema del computer GPC-4 dell'Atlantis è dovuto ad un'avaria che accade raramente, e si è verificata solo nella missione STS-9. L'ultimo problema con il computer GPC-4 si è verificato sullo shuttle Atlantis nella missione STS-71.

16 luglio (9º giorno)Modifica

 
L'astronauta Sandra Magnus nella Cupola.

Nel nono giorno di missione l'equipaggio ha proseguito nel trasferimento di equipaggiamento e rifornimenti[49].

L'equipaggio dell'STS-135 ha creato un messaggio registrato di tributo allo Shuttle Atlantis, e all'intero gruppo di persone che hanno lavorato al programma Space Shuttle.

Poco prima dell'inizio del periodo di sonno, i controllori di missione hanno comunicato agli astronauti che il malfunzionamento al computer GPC-4 è stato causato da un cosiddetto single-event upset (SEU), una singola particella energetica che ha interagito con un dispositivo microelettronico causando un errore[50]. Il malfunzionamento non era quindi da imputare ad un bug software.

17 luglio (10º giorno)Modifica

 
Chris Ferguson nell'MPLM Raffaello

Nel decimo giorno di missione l'equipaggio ha completato i trasferimenti da e verso l'MPLM Raffaello[51]. Alle 10:10 UTC, il pilota Hurley e lo specialista di missione Walheim hanno riposto a domande chieste da studenti appartenenti alle "NASA Explorer Schools" statunitensi[52]. Dopo pranzo, Sandra Magnus e il comandante Ferguson hanno trascorso un'ora trasferendo esperimenti scientifici ed equipaggiamento sul ponte intermedio dello Shuttle. Gli astronauti hanno inoltre installato un nuovo modulo refrigeratore per esperimenti scientifici GLACIER e hanno sostituito uno spettrometro di massa dello "Major Constituent Analyzer", uno strumento che campiona e analizza l'aria da vari punti della stazione spaziale.

Nel pomeriggio l'equipaggio ha trascorso del tempo libero.

18 luglio (11º giorno)Modifica

The STS-135 crew returned the MPLM back to Atlantis's payload bay on flight day 12, closed the hatches between the Space Station and the Shuttle and prepared for next day's undocking.[53]

Alle 05:03 UTC è stato chiuso il portello che collega l'MPLM Raffaello con la stazione spaziale, e alle 10:14 UTC è stato sganciato dal modulo Harmony e, attraverso il braccio robotico della stazione spaziale, è stato spostato nella stiva di carico dell'Atlantis[54]. In seguito si è tenuta la consueta cerimonia di commiato per l'equipaggio della ST-135, dove il comandante Ferguson ha consegnato all'equipaggio della stazione una piccola bandiera statunitense, che ha volato nella prima missione di uno Space Shuttle, la STS-1. Il portello tra lo Shuttle e la stazione spaziale si è chiuso alle 14:28[55] e l'equipaggio dell'Atlantis ha iniziato i preparativo per lo sgancio dalla stazione.

19 luglio (12º giorno)Modifica

 
L'Atlantis fotografato dalla stazione spaziale dopo lo sgancio

L'Atlantis si è sganciato dalla stazione spaziale alle 06:28 UTC[56][57].

Successivamente Ferguson, Hurley e Magnus hanno condotto il consueto controllo dello scudo termico dello Shuttle attraverso l'Orbiter Boom Sensor System.

20 luglio (13º giorno)Modifica

 
Video del lancio del satellite miniaturizzato PSSC-2

L'equipaggio ha effettuato i preparativi per rientrare a terra, verificando le superfici di volo e il Reaction Control System[58]. I responsabili della missione hanno informato gli astronauti che le immagini dello scudo termico raccolte il giorno precedente non mostravano danneggiamenti.

L'equipaggio ha lanciato un satellite miniaturizzato chiamato Pico-Satellite Solar Cell Testbed 2 (PSSC-2), in orbita bassa terrestre. Il satellite, un dimostratore tecnologico di 3,7 kg e con dimensioni di 13 cmx13 cmx25 cm è stato lanciato da un contenitore contenuto nella stiva di carico dello Shuttle[59].

Gli astronauti della missione STS-135 hanno partecipato ad un ultimo gruppo di interviste. Successivamente hanno completato i preparativi per l'atterraggio, testando i sistemi dello Shuttle e ritraendo l'antenna a banda Ku[60].

21 luglio (14º giorno - atterraggio)Modifica

 
L'Atlantis atterra al Kennedy Space Center
Video dell'atterraggio dell'Atlantis

L'accensione per l'uscita dall'orbita è avvenuta alle 4:49 EDT[61][62] e alle 5:25 EDT lo Shuttle è entrato nell'atmosfera. L'Atlantis ha toccato terra sulla pista 15 del Kennedy Space Center alle 5:57 EDT, completando la sua 33ª ed ultima missione nello spazio.

Con questa ultima missione, l'Atlantis ha orbitato attorno alla terra 4848 volte, percorrendo un totale di 202 673 974 km e trascorrendo 307 giorni nello spazio[63].

RisveglioModifica

Come tradizione per tutti i voli NASA a partire dal programma Gemini, per ogni giorno di missione, l'equipaggio della STS-134 ha ascoltato un particolare brano musicale scelto da un astronauta, che per lui ha un particolare significato.

NoteModifica

  1. ^ NASA Launch Schedule, su nasa.gov. URL consultato il 20 luglio 2011.
  2. ^ a b c NASA - Landing, su nasa.gov, NASA. URL consultato il 21 luglio 2011.
  3. ^ (EN) NASA, Inspecting Raffaello, in Image of the Day. URL consultato il 13 luglio 2011.
  4. ^ Atlantis officially named final shuttle mission, su space.flatoday.net, FloridaToday.com, 20 gennaio 2011. URL consultato il 13 luglio 2011.
  5. ^ STS-135 Press Kit (PDF) (PDF), su nasa.gov, NASA, luglio 2011.
  6. ^ a b c STS-135 MCC Status Report #07, su nasa.gov, NASA, 11 luglio 2011. URL consultato il 14 luglio 2011.
  7. ^ Robotic Refueling Mission (RRM), su nexis.gsfc.nasa.gov, NASA.
  8. ^ Debra Werner, NASA Plans To Refuel Mock Satellite at the Space Station, su spacenews.com, Spacenews, 2 aprile 2010.
  9. ^ Alan Boyle, Obama visits wounded congresswoman at space center, su nbcnews.com, Space NBC News, 30 aprile 2011.
  10. ^ Chris Bergin, STS-135: Atlantis heads to VAB for mating with ET-138, su nasaspaceflight.com, 17 maggio 2011.
  11. ^ Stephen Clark, Atlantis rolls closer to summer launch, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now, 17 maggio 2011.
  12. ^ Clara Moskowitz, NASA Prepares Shuttle Atlantis for One Final Launch, su space.com, 17 maggio 2011.
  13. ^ Ken Kremer, Final Payload for Final Shuttle Flight Delivered to the Launch Pad, su universetoday.com, UNIVERSE TODAY, 18 giugno 2011.
  14. ^ William Harwood, America's space shuttle blasts off on one last mission, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now, 8 luglio 2011.
  15. ^ Justin Ray, Shuttle crew comes to town for practice countdown, su spaceflightnow.com, 20 giugno 2011.
  16. ^ Chris Bergin, STS-135: Crew arrives for TCDT as MFV work begins on SSME-3, su nasaspaceflight.com, 21 giugno 2011.
  17. ^ Originale: "We’re incredibly proud to represent the final flight"
  18. ^ Originale: "Good luck to you and your crew on the final flight of this true American icon. Good luck, godspeed and have a little fun up there"
  19. ^ Originale: "Thanks to you and your team Mike, We're completing a chapter of a journey that will never end. The crew of Atlantis is ready to launch"
  20. ^ Chris Bergin, STS-135: Tank Camera modification aimed at filming footage of ET-138′s death, su nasaspaceflight.com, 8 giugno 2011.
  21. ^ Atlantis begins final mission, su spacelaunchreport.com, Space Launch Report, 8 luglio 2011.
  22. ^ Chris Bergin, STS-135: Initial Ascent Reviews point to superb launch performance by Atlantis, su nasaspaceflight.com, 8 luglio 2011.
  23. ^ STS-135/ULF7 FD02 Execute Package (PDF), su nasa.gov, NASA, 9 luglio 2011.
  24. ^ STS-135 MCC Status Report #02, su nasa.gov, NASA, 9 luglio 2011.
  25. ^ Tariq Malik, Final Shuttle Mission Off to Super Smooth Start, NASA Says, su space.com, 9 luglio 2011.
  26. ^ STS-135 MCC Status Report #03, su nasa.gov, NASA, 9 luglio 2011.
  27. ^ STS-135 MCC Status Report #04, su nasa.gov, NASA, 10 luglio 2011. URL consultato il 13 luglio 2011.
  28. ^ Chris Bergin, STS-135: Atlantis docks with the ISS – WLEIDS review on RCC panels, su nasaspaceflight.com, 10 luglio 2011. URL consultato il 13 luglio 2011.
  29. ^ Denise Chow, Shuttle Atlantis Docks at Space Station for Last Time, su space.com, 10 luglio 2011. URL consultato il 13 luglio 2011.
  30. ^ William Harwood, Atlantis gracefully docks to International Space Station, su spaceflightnow.com, 10 luglio 2011. URL consultato il 13 luglio 2011.
  31. ^ William Harwood, Space station resupply pod hoisted from Atlantis's bay, su spaceflightnow.com, SPACEFLIGHT NOW, 11 luglio 2011. URL consultato il 15 luglio 2011.
  32. ^ STS-135 MCC Status Report #06, su nasa.gov, NASA, 11 luglio 2011. URL consultato il 14 luglio 2011.
  33. ^ Denise Chow, At Space Station, Shuttle Astronauts Make Last Big Delivery, su space.com, 11 luglio 2011. URL consultato il 14 luglio 2011.
  34. ^ STS-135 MCC Status Report #08, su nasa.gov, NASA, 12 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  35. ^ STS-135 MCC Status Report #09, su nasa.gov, NASA, 12 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  36. ^ William Harwood, Spacewalkers to stow broken pump into Atlantis's payload bay, su spaceflightnow.com, Spaceflight NOW, 12 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  37. ^ Denise Chow, Astronauts Unpack Giant Space Locker in Orbit, su space.com, 13 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  38. ^ William Harwood, Astronauts now focusing on hectic cargo transfer work, su spaceflightnow.com, 13 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  39. ^ NASA, STS-135 MCC Status Report #11, su nasa.gov, 13 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  40. ^ STS-135 MCC Status Report #12, su nasa.gov, NASA, 14 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  41. ^ STS-135 MCC Status Report #13, su nasa.gov, NASA, 14 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  42. ^ Denise Chow, Space Shuttle Computer Failure Wakes Sleeping Astronauts, su space.com, 14 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  43. ^ Computer failure wakes Atlantis' astronauts, su collectspace.com, 14 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  44. ^ Chris Gebhardt and Chris Bergin, STS-135: GPC-4 issue awakens crew – TPS clearance overview, su nasaspaceflight.com, 14 luglio 2011. URL consultato il 16 luglio 2011.
  45. ^ William Harwood, Astronauts restart computer; Obama to call Atlantis today, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now, 15 luglio 2011. URL consultato il 17 luglio 2011.
  46. ^ William Harwood, Obama calls space to praise shuttle and station crews, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now, 15 luglio 2011. URL consultato il 17 luglio 2011.
  47. ^ Originale: "Your example means so much not just to your fellow Americans but also your fellow citizens on Earth. The space program has always embodied our sense of adventure and explorations and courage"
  48. ^ STS-135 MCC Status Report #15, su nasa.gov, NASA, 15 luglio 2011. URL consultato il 17 luglio 2011.
  49. ^ STS-135 MCC Status Report #17, su nasa.gov, NASA, 16 luglio 2011. URL consultato il 18 luglio 2011.
  50. ^ Chris Bergin, STS-135: The Sun may have contributed to Atlantis's GPC-4 issue, su nasaspaceflight.com, 16 luglio 2011. URL consultato il 18 luglio 2011.
  51. ^ William Harwood, Station restocking completed by shuttle Atlantis crew, su spaceflightnow.com, 17 luglio 2011. URL consultato il 22 luglio 2011.
  52. ^ NASA, STS-135 MCC Status Report #19, su nasa.gov, 17 luglio 2011. URL consultato il 22 luglio 2011.
  53. ^ STS-135 MCC Status Report #20, su nasa.gov, NASA, 17 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  54. ^ William Harwood, Raffaello cargo module returned to shuttle bay, su spaceflightnow.com, Spaceflight NOW, 18 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  55. ^ STS-135 MCC Status Report #21, su nasa.gov, NASA, 17 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  56. ^ NASA, STS-135 MCC Status Report #22, su nasa.gov, NASA, 19 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  57. ^ William Harwood, International Space Station bids goodbye to the shuttle, su spaceflightnow.com, Spaceflight NOW, 19 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  58. ^ NASA, STS-135 MCC Status Report #24, su nasa.gov, 20 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  59. ^ NASA, STS-135 MCC Status Report #25, su nasa.gov, 20 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  60. ^ William Harwood, Astronauts ready Atlantis for Thursday's predawn landing, su spaceflightnow.com, Spaceflight NOW, 20 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  61. ^ STS-135 MCC Status Report #26, su nasa.gov, NASA, 21 luglio 2011. URL consultato il 24 luglio 2011.
  62. ^ William Harwood, Shuttle Atlantis on track for final touchdown, su cbsnews.com, CBS News, 21 luglio 2011.
  63. ^ STS-135 MCC Status Report #27, su nasa.gov, NASA, 21 luglio 2011.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica