San Bonico

frazione del comune italiano di Piacenza
San Bonico
frazione
San Bonico – Veduta
La chiesa di San Bartolomeo Apostolo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Piacenza-Stemma.svg Piacenza
ComunePiacenza-Stemma.png Piacenza
Territorio
Coordinate45°00′49.1″N 9°41′34.22″E / 45.01364°N 9.69284°E45.01364; 9.69284Coordinate: 45°00′49.1″N 9°41′34.22″E / 45.01364°N 9.69284°E45.01364; 9.69284
Altitudine68 m s.l.m.
Abitanti397[1] (18-12-2015)
Altre informazioni
Prefisso0523
Fuso orarioUTC+1
TargaPC
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Bonico
San Bonico

San Bonico è una frazione del comune italiano di Piacenza, in provincia di Piacenza.

Nel 2015 contava 397 abitanti[1].

Geografia fisicaModifica

Il centro abitato è sito a 68 m s.l.m.[2]

Origini del nomeModifica

Il nome del paese (un tempo anche chiamato Sambonico[3]) pare che derivi da quello del vescovo di Piacenza Bonizone.[4]

StoriaModifica

Anticamente l'area circostante alla frazione era caratterizzata da vaste proprietà del vescovo di Piacenza.[3]

San Bonico è citata da Carlo Botta perché coinvolta in alcuni fatti d'arme tra il 1744 e il 1746 nell'ambito della guerra di successione austriaca;[5][6] in dettaglio, nel 1746 le truppe austro-sarde operanti nella zona, pongono il loro comando nei pressi di San Bonico.[7]

A partire dal 1806, con l'istituzione della Mairie francese e dopo che, con un decreto napoleonico, nel 1812 la città di Piacenza era stata limitata alla circonvallazione attorno alle mura, San Bonico viene divisa tra i comuni di Sant'Antonio a Trebbia e San Lazzaro Alberoni.[8]

Con la soppressione dei comuni di Sant'Antonio a Trebbia e San Lazzaro Alberoni, avvenuta nel 1923,[9] Pittolo diventa frazione di Piacenza.

Ha avuto una certa notorietà per presunte apparizioni mariane che vi sarebbero avvenute negli anni 2000,[10] alle quali la trasmissione televisiva Mistero ha dedicato nel 2014 il servizio Apparizioni mariane: San Bonico, la Medjugorje italiana?[11]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

  • Chiesa di San Bartolomeo apostolo: risalente all'XI secolo, è collocata ai margini dell'abitato fu fondata nel 1088; il campanile è sormontato da una cella campanaria con un tiburio ottagonale e copertura di coppi.[12]

SocietàModifica

ReligioneModifica

Il centro abitato è sede di una parrocchia della diocesi di Piacenza-Bobbio.

Infrastrutture e trasportiModifica

 
La stazione ferroviaria

Il centro abitato è lambito dalla ex strada statale 654 di Val Nure, da cui si dirama una strada comunale che permette l'accesso alla frazione.[13]

TranvieModifica

Tra il 1881 e il 1932 San Bonico è servito da una fermata posta sulla tranvia Piacenza-Bettola.[14]

FerrovieModifica

Dal 1932 al 1967 il centro abitato fu servito da una stazione ferroviaria posta sulla linea Piacenza-Bettola, costruita in sostituzione della precedente tranvia.[14]

NoteModifica

  1. ^ a b Tav 1_21 popolazione residente per zone, su comune.piacenza.it. URL consultato il 2 novembre 2019.
  2. ^ ISTAT - 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni - Tavola: Popolazione residente per sesso, su dawinci.istat.it. URL consultato il 2 novembre 2019.
  3. ^ a b Borino, p. 156.
  4. ^ Fiorentini e Fiorentini, p. 31.
  5. ^ Botta.
  6. ^ Zuccagni-Orlandini, p. 323.
  7. ^ Monica Bettocchi, Castello di Gariga, su emiliaromagna.beniculturali.it. URL consultato il 3 novembre 2019.
  8. ^ Zuccagni-Orlandini, pp. 319-323.
  9. ^ Regio decreto 8 luglio 1923, n. 1729
  10. ^ Gianmarco Aimi, A Piacenza la “Medjugorje emiliana”: in centinaia per la “Madonna della notte”, in Il fatto quotidiano, 30 gennaio 2014. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  11. ^ Scontro a San Bonico, due auto finiscono sulla rotonda, in PiacenzaSera, 31 gennaio 2014.
  12. ^ Chiesa di San Bartolomeo Apostolo, Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l'edilizia di culto e Servizio Informatico della Conferenza Episcopale Italiana. URL consultato il 30 ottobre 2019.
  13. ^ Scontro a San Bonico, due auto finiscono sulla rotonda, in PiacenzaSera, 16 settembre 2017.
  14. ^ a b Giancarlo Anselmi, Le "Tramways" piacentine, su gracpiacenza.com. URL consultato il 3 novembre 2019.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia