Provincia di Piacenza

provincia italiana
Provincia di Piacenza
provincia
Provincia di Piacenza – Stemma Provincia di Piacenza – Bandiera
Provincia di Piacenza – Veduta
Il palazzo sede della provincia fotografato da Paolo Monti nel 1981
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Amministrazione
CapoluogoPiacenza-Stemma.png Piacenza
PresidentePatrizia Barbieri (indipendente di centro-destra) dal 31-10-2018
Data di istituzione1859
Territorio
Coordinate
del capoluogo
45°03′N 9°42′E / 45.05°N 9.7°E45.05; 9.7 (Provincia di Piacenza)Coordinate: 45°03′N 9°42′E / 45.05°N 9.7°E45.05; 9.7 (Provincia di Piacenza)
Superficie2 585,86 km²
Abitanti284 075[1] (31-12-2020)
Densità109,86 ab./km²
Comuni46 comuni
Province confinantiParma, Pavia, Cremona, Lodi, Genova, Alessandria
Altre informazioni
Cod. postale29121-29122 Piacenza, 29010-29029 Provincia
Prefisso0523
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2IT-PC
Codice ISTAT033
TargaPC
Cartografia
Provincia di Piacenza – Localizzazione
Provincia di Piacenza – Mappa
Sito istituzionale

La provincia di Piacenza è una provincia italiana dell'Emilia-Romagna di 284 075 abitanti.

Confina a nord con la Lombardia (provincia di Lodi, provincia di Cremona e provincia di Pavia), a ovest ancora con la Lombardia (provincia di Pavia) e con il Piemonte (provincia di Alessandria), a est con la provincia di Parma e a sud con la Liguria (città metropolitana di Genova).

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

 
La Val Luretta d'inverno

La provincia di Piacenza si estende nella pianura Padana a sud del fiume Po, nella parte occidentale della regione Emilia-Romagna. Eccetto un breve tratto nei pressi della foce del torrente Nure in cui esso fa da confine con il comune lodigiano di Caselle Landi[2], il confine settentrionale con le province di Pavia, Lodi e Cremona è rappresentato dal fiume Po. Il confine ad est con la provincia di Parma segue, da sud, lo spartiacque con la val Ceno[3], poi il torrente Stirone, il torrente Ongina e, infine, il torrente Arda dalla confluenza con l'Ongina fino alla sua foce in Po.

A sud il confine con la città metropolitana di Genova è rappresentato per un breve tratto dallo spartiacque tra val Nure e val d'Aveto, poi dal torrente Aveto[3] e dal torrente Terenzone[4]. Il confine con la provincia di Alessandria è rappresentato dallo spartiacque tra val Borbera e val Boreca, mentre il confine con la provincia di Pavia è rappresentato dallo spartiacque tra val Boreca e val Staffora, per un breve tratto dallo stesso torrente Staffora nei pressi di Samboneto[4], poi dal fiume Trebbia, dagli spartiacque tra la val Avagnone e altre valli laterali tributarie del Trebbia, tra val Trebbia e val Staffora, tra val Trebbia e val Tidone, tra val Tidoncello e val Tidone e tra val Tidone e val Versa, con l'eccezione della zona di Moncasacco dove è lo stesso torrente Versa a segnare il confine per un brevissimo tratto[5], e, infine dal torrente Bardonezza[6]. I vari tratti sono separati tra loro da tratti di confine convenzionale.

La parte meridionale della provincia è montuosa e collinare e qui si trovano le principali valli piacentine che da ovest ad est sono: la val Tidone[7] (formata dall'omonimo torrente), la val Trebbia[8] (Trebbia), la val Nure (Nure) e la val d'Arda[9] (Arda). Altre valli minori sono la val d'Aveto, attraversata dal principale affluente della Trebbia[10] la val Chiavenna, la val Chero, la val Riglio, la val Luretta, la val d'Ongina, la val Chiaron, la val Perino e la val Boreca[11]. La parte settentrionale della provincia è compresa nella pianura Padana, la cui zona nord-orientale viene chiamata bassa piacentina.

 
Il monte Lesima

OrografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Appennino piacentino.

Le vette più alte della provincia sono situate nelle alte valli di Boreca, Nure ed Aveto. La cima più alta della provincia è il monte Bue (1777 m s.l.m.)[12] Tra le altre cime si segnalano il monte Nero (1752 m s.l.m.), il monte Lesima (1724 m s.l.m.), il monte Chiappo (1700 m s.l.m.), il monte Cavalmurone (1671 m s.l.m.), il monte Legnà (1669 m s.l.m.), il monte Alfeo (1651 m s.l.m.) ed il monte Carmo (1640 m s.l.m.).

IdrografiaModifica

FiumiModifica

 
Il fiume Trebbia

Il territorio della provincia è interamente compreso nel bacino idrografico del fiume Po e vi tributa per mezzo dei suoi affluenti Staffora, che pur scorrendo quasi interamente in provincia di Pavia segna per un breve tratto il confine tra le due province nei pressi di Samboneto, frazione di Zerba[4], Tidone, Versa[5], Trebbia, Nure, Chiavenna e Arda.

Appartengono al bacino del Trebbia la Boreca, l'Aveto e il Perino. Appartiene al bacino del Tidone il Luretta, mentre al bacino del Chiavenna appartengono Chero, Riglio e Vezzeno, quest'ultimo tributario del Riglio. Al bacino dell'Arda tributa l'Ongina, mentre lo Stirone tributa al bacino del Taro. Al bacino del Nure appartengono il Lardana e il Lavaiana.

LaghiModifica

 
Il lago Bino

Nella provincia vi sono tre laghi sorti a seguito della costruzione di sbarramenti artificiali:

  • il lago di Mignano, sorto con la costruzione dell'omonima diga tra il 1919 e il 1934, attraversato dal torrente Arda e situato tra i comuni di Morfasso e Vernasca e con un'estensione di circa km²[13].
  • il lago di Trebecco, sorto con la costruzione della diga del Molato tra il 1921 e il 1928, attraversato dal torrente Tidone e situato tra i comuni di Alta Val Tidone e Zavattarello, quest'ultimo situato in provincia di Pavia, lungo 2,5 km e largo fino a 750 m[14].
  • il lago di Boschi, creato negli anni '20 del XX secolo con la costruzione dell'omonima diga, attraversato dal torrente Aveto, situato tra i comuni di Ferriere e Rezzoaglio, quest'ultimo appartenente alla città metropolitana di Genova, è lungo circa 2 km, con una profondità massima di 30 m e una capienza di 1200000 [15].

In alta val Nure esistono piccoli laghi di origine glaciale, il lago Moo[16], il lago Bino[17] e il Lago Nero[18].

ClimaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Piacenza Collegio "Alberoni" e Stazione meteorologica di Piacenza San Damiano.

Il clima della provincia è temperato, subcontinentale in pianura e collina e fresco in montagna[19]. La temperatura media annuale è di 12,2 °C nel capoluogo, 11,5/12 °C nella media collina e 8,5 °C nelle stazioni di fondovalle poste ad altezze più elevate. Il mese più freddo è gennaio con temperature medie di poco sopra lo zero per la pianura e di poco sotto per la montagna, mentre il mese più caldo è luglio con una temperatura media di 22,9 °C nel capoluogo e di 18,1 °C in montagna[19].

Il clima è più continentale in pianura grazie alla lontananza dalle masse d'acqua mediterranee, mentre in montagna la vicinanza della Liguria influenza il clima rendendolo più simile ad un temperato caldo[19].

Le precipitazioni annue sono pari a circa 850–900 mm in pianura per un totale di 80-85 giorni piovosi annui e 1 000–1500 mm nella media collina per un centinaio di giorni di pioggia annui, con un incremento che segue l'incremento di altitudine. A partire dagli ultimi anni del XX secolo sono diminuite le precipitazioni invernali e sono aumentate quelle autunnali[19]. Le nevicate sono abbastanza comuni con una media di 40 cm all'anno in pianura che aumenta nettamente in collina e montagna[19].

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Piacenza e Storia di Bobbio.

Preistoria e antichitàModifica

Il territorio piacentino fu abitato sin dalla Preistoria, con diversi insediamenti in vari punti della provincia, tra cui l'area di Sant'Andrea di Travo, la cui datazione è riferibile al Neolitico recente, sul finire del V millennio a.C., durante la diffusione in tutto il territorio dell'Italia settentrionale della cultura di Chassey, proveniente dalla zona francese[20] e la piana di San Martino, situata nel comune di Pianello Val Tidone, con ritrovamenti compresi temporalmente tra la media età del Bronzo e la terza età del Ferro[21]

Il territorio fu, poi, abitato da popolazioni liguri, etrusche e celtiche[22], fino alla conquista della zona da parte dei Romani ai quali si deve, nel 218 a.C., la fondazione della colonia di Placentia che diventò, insieme alla coeva Cremona, la prima colonia romana dell'intera Italia settentrionale. A sud-ovest della città, poco dopo la sua fondazione, venne combattuta la battaglia della Trebbia tra le truppe cartaginesi guidate da Annibale, reduce dalla vittoria nella battaglia del Ticino, e le legioni romane comandate dal console Tiberio Sempronio Longo che subirono una pesante sconfitta[23].

Nel 187 a.C. la città fu collegata con Rimini, posta sulle rive del mare Adriatico, tramite la via Emilia, voluta dal console Marco Emilio Lepido, che diventò l'asse viario principale di tutto il nord Italia[24]. Successivamente, la via Emilia venne prolungata a nord in direzione di Milano, mentre Piacenza divenne punto di diramazione, con la presenza di strade che la collegavano a Tortona e a Susa, quest'ultima passando per Pavia e Torino[24].

A partire dal I secolo a.C. ebbe un grande sviluppo il centro di Veleia, situato in posizione collinare nella val Chero derivato da un preesistente insediamento ligure che divenne prima colonia e, poi, municipium, mantenendo una posizione preminente fino al III secolo d.C. quando decadde rapidamente, probabilmente a causa delle frane a cui era soggetta la zona[25].. Qui fu trovata, nel 1747, la tabula alimentaria traianea iscrizione bronzea riguardante il prestito fondiario ipotecario disposto dall'imperatore Traiano[26].

Piacenza rimase formalmente una colonia fino al 90 a.C. quando, a seguito della promulgazione della legge Iulia, diventò un municipio e vide l'assegnazione ai propri abitanti della cittadinanza romana. A seguito di questa norma, la città venne ascritta alla Gens Veturia[22].

Epoca medievaleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ducato di Piacenza e Contea di Piacenza.

Dopo la caduta dell'impero romano, la città fu inizialmente occupata dai bizantini, venendo, poi, conquistata da parte dei Goti guidati da Totila nel 546[27]. Piacenza fu, poi, riconquistata dalle forze bizantine[22] dopo alcuni anni. I bizantini tennero Piacenza fino al 570 quando le truppe longobarde entrarono in città[27], costituendovi, poi, un ducato.

Nel 614 venne fondata l'abbazia di San Colombano di Bobbio, che, sede di un importante feudo reale ed imperiale monastico, divenne centro di evangelizzazione particolarmente attivo e che svolse un ruolo di recupero anche a livello agricolo, con il recupero ela diffusione di diverse colture che erano andate perse dopo la caduta dell'impero romano e la riapertura delle vie commerciali e delle vie del sale ed il commercio dalla pianura lungo il Po e il Ticino verso il mar Ligure.

Dopo essere diventata contea durante il periodo di dominazione dei Franchi[28], la zona fu ripetutamente contesa negli ultimi secoli del millennio, fino ad arrivare, nel 997 alla concessione al vescovo dei poteri comitali sulla città da parte dell'imperatore Ottone III di Sassonia[29] Durante l'XI secolo ci furono diverse lotte tra le fazioni popolare e aristocratica che culminarono, nella prima parte del secolo successivo, nella nascita del comune, la cui genesi era già terminata nel 1126[22]. Successivamente, Piacenza prese parte alle lotte tra i comuni e l'imperatore Federico Barbarossa, partecipando alla Lega Lombarda. Nei pressi di Piacenza, in una zona a cavallo del Po compresa tra Calendasco e Somaglia[30], tra il 1154 e il 1158 l'imperatore aveva tenuto due tra le più importanti diete da lui convocate, le diete di Roncaglia, in particolare nella seconda egli rivendicò le regalie rispetto alle pretese avanzate da parte dei comuni[31].

Con la crisi delle istituzioni comunali, Piacenza diventa il terreno di scontro delle più facoltose famiglie della città, che si fronteggiarono per assumerne la guida. In questo contesto emerse la figura di Alberto Scotti che tra la fine del XIII e l'inizio del XIV secolo conquistò più volte il potere su Piacenza, arrivando a conquistare, brevemente, anche Milano[32], prima di essere definitivamente sconfitto dalle forze Viscontee che conquistarono Piacenza nel 1313. La città rimase sotto il controllo del ducato di Milano fino al 1499, con l'eccezione di brevi periodi[22].

Il Ducato di Parma e PiacenzaModifica

 
Palazzo Farnese

Nel 1521 il piacentino entrò a far parte dei dominii del papato[33]. Nel 1545 Papa Paolo III istituì il Ducato di Parma e Piacenza, ponendone alla guida il figlio Pier Luigi[34]. Il nuovo ente statale comprendeva buona parte del piacentino, con l'eccezione del bobbiese che continuò a rimanere soggetto al ducato di Milano e del territorio dello stato Pallavicino, posto nella bassa pianura Padana che fu incorporato nel ducato solo successivamente, nel 1585.

Il duca venne, però, ucciso due anni dopo da una congiura composta da locali famiglie nobili[35] In seguito a questo episodio il piacentino venne occupato dalla truppe imperiali di Ferrante I Gonzaga[36]. Il figlio di Pier Luigi, Ottavio Farnese riuscì a conservare il dominio di Parma, che diventò, così, la capitale del ducato, mentre il piacentino ritornò sotto il dominio farnesiano solo nel 1585, ceduto a Ottavio da Filippo II di Spagna, con il quale aveva firmato il trattato di Gand[36]. Sotto il governo di Ottavio iniziarono anche i lavori per la costruzione di palazzo Farnese a Piacenza[35].

Nel 1636, nell'ambito della guerra condotta dal duca Odoardo I Farnese, alleato dei francesi, contro la Spagna, la città di Piacenza fu occupata da questi ultimi. In seguito all'accordo di pace, mediato da Papa Urbano VIII, gli spagnoli abbandonarono la città l'anno successivo in cambio della rottura dell'alleanza tra il Farnese e i francesi[37].

Morto senza eredi l'ultimo duca, Antonio Farnese, nel 1731 il trono ducale passò a Carlo di Borbone, figlio di Elisabetta Farnese e del re Filippo V di Spagna: il nuovo duca Carlo I si stabilì a Parma nel 1731[38], tuttavia nel 1738, con il terzo trattato di Vienna che sanciva la fine della guerra di successione polacca, venne riconosciuta a Carlo la corona del Regno delle Due Sicilie, mentre il Ducato di Parma e Piacenza passò agli austriaci, nella persona dell'imperatore Carlo VI d'Asburgo. Nel 1748 con il trattato di Aquisgrana il ducato tornò sotto il dominio della famiglia Borbone, con il trono che venne assegnato al Reale Infante Don Filippo, fratello di Carlo[38].

 
La battaglia della Trebbia in un dipinto di Alexander von Kotzebue

Nel 1796, nonostante la neutralità dichiarata dal duca Ferdinando, le truppe napoleoniche entrarono a Piacenza, ottenendo un ingente indennizzo di guerra[39]. Nel 1799 la parte occidentale della provincia fu teatro della battaglia della Trebbia, vinta dagli austro-russi del generale Suvorov impegnato nella sua campagna in Italia contro i francesi guidati dal generale Macdonald.

Nonostante l'occupazione francese Ferdinando mantenne formalmente la sovranità fino al 1801 quando, con i trattati di Lunéville e di Aranjuez, il ducato passò sotto il controllo francese, con la contropartita dell'ascesa al trono d'Etruria del figlio di Ferdinando Ludovico[39]. Sotto il controllo francese il piacentino venne separato da Parma e nel 1808 Napoleone nominò Charles-François Lebrun duca titolare di Piacenza in suo nome.

Nel 1814, con l'esilio di Napoleone all'Elba, il Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla venne assegnato alla moglie di Napoleone, Maria Luisa d'Asburgo-Lorena; tale decisione fu, poi, definitivamente confermata vita natural durante da parte del congresso di Vienna[40], nonostante le rivendicazioni dei Borbone, ai quali fu previsto il ritorno dello stato alla morte della duchessa[40].

Dopo la morte di Maria Luigia d'Austria, le successe sul trono ducale, il 31 dicembre 1847, Carlo II di Parma il quale prese subito alcune decisioni che gli allontanarono il consenso popolare. Nel marzo 1848 scoppiarono diversi moti prima a Parma e poi a Piacenza dove il 10 maggio successivo si svolse un plebiscito culminato con la richiesta di annessione al Regno di Sardegna. I risultati della votazione furono consegnati al re Carlo Alberto di Savoia, accampato nei pressi di Verona, che proclamò, così, Piacenza Primogenita dell'Unità d'Italia[41]. Dopo la sconfitta di Custoza, la città cadde nuovamente sotto la dominazione austro-borbonica, caratterizzata da una forte repressione[42].

Dall'Unità d'ItaliaModifica

Nel maggio 1859 alcune sommosse costrinsero la duchessa reggente Luisa Maria di Borbone-Francia ad abbandonare Parma. In seguito, il governo cittadino tenne due ulteriori plebisciti che confermarono la richiesta di adesione al Regno di Sardegna e nel mese di agosto il governo della città passò nelle mani di Luigi Carlo Farini, fino a quel momento dittatore delle province modenesi, che costituì l'assemblea dei Rappresentanti del popolo, la quale, il 12 settembre, votò l'annessione al Regno di Sardegna[42].

La provincia venne istituita nel 1860[43] e la sede dell'amministrazione fu dal marzo 1860 il palazzo della Provincia di corso Garibaldi a Piacenza[44].

Nel 1923 Bobbio e parte del suo territorio, inserito originariamente nella contea di Bobbio, divenuta, poi, nel 1743 provincia di Bobbio e parte del Regno di Sardegna fino all'unità d'Italia, entrò a far parte per la prima volta del territorio della provincia di Piacenza[45].

In contemporanea, i comuni di Bardi e Boccolo de' Tassi, situati in alta val Ceno, in quanto facenti parte del bacino imbrifero della val Taro, passarono alla provincia di Parma[46][47]. Nel 1926 alcune frazioni del comune di Boccolo, che venne contestualmente aggregato a Bardi, ritornarono parte della provincia di Piacenza, diventando parte dei comuni di Farini d'Olmo e Ferriere[48].

Durante la seconda guerra mondiale la città e alcuni centri della provincia furono pesantemente colpiti dai bombardamenti aerei degli alleati che colpirono in città, tra gli altri, il ponte ferroviario sul Po, la stazione ferroviaria, l'ospedale e l'arsenale oltre a porzioni del centro storico, per un totale di 92 incursioni che causarono circa 300 vittime[49], mentre in provincia furono colpite le infrastrutture della ferrovia Piacenza-Bettola[50]. Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 furono attivi, sia nelle vallate dell'Appennino che nella pianura, diversi nuclei di partigiani che combattevano l'esercito tedesco e repubblichino, per un totale di 6 636 effettivi e 926 caduti[51]. Al termine del conflitto, alla città venne conferita la medaglia d'oro al valor militare[52].

Nel secondo dopoguerra, nella zona di Cortemaggiore, vennero individuati giacimenti di petrolio e di gas metano particolarmente significativi in grado di dare una spinta decisiva al boom italiano del Dopoguerra. Nacque in quella occasione il logo del cane a sei zampe della Supercortemaggiore, poi diventato simbolo dell'Eni[53].

Nella notte fra il 14 settembre e il 15 settembre 2015 una parte della provincia di Piacenza fu devastata dalle esondazioni improvvise del Nure, dell'Aveto e del Trebbia, dovute al maltempo, che causarono danni ingenti e la morte di tre persone. Le località più colpite sono state Roncaglia, Bettola, Farini, Ponte dell'Olio, Ferriere, Rivergaro, Bobbio, Marsaglia di Corte Brugnatella, Ottone[54].

Referendum consultivi sulla fusione di comuniModifica

La tabella riepiloga i referendum consultivi per la fusione di comuni tenutisi a partire dal 1º dicembre 2013. In grassetto sono indicati i comuni che hanno approvato il quesito[55][56][57][58].

Data del referendum Comuni Iscritti Percentuale Elettiva Favorevoli Contrari Denominazione
nuovo comune
Data di istituzione
6 marzo 2016   Borgonovo Val Tidone
  Ziano Piacentino
5 822
2 233
30%
52.17%
69.13%
37.29%
30.87%
62.71%
Borgonovo-Ziano richiesta non accolta
dal consiglio regionale
16 ottobre 2016   Bettola
  Farini
  Ferriere
2 823
1 792
1 692
44%
30%
37%
32.45%
47.36%
24.88%
67.45%
52.64%
75.12%
Alta Val Nure[59] richiesta non accolta
dal consiglio regionale
16 ottobre 2016   Ponte dell'Olio
  Vigolzone
4 097
3 480
47.9%
46.7%
39.97%
40.86%
60.03%
59.14%
Pontevigo[60] richiesta non accolta
dal consiglio regionale
28 maggio 2017   Nibbiano
  Pecorara
  Caminata
1 854
697
238
45.8%
49.5%
65.5%
64.01%
66.08%
79.74%
35.99%
33.92%
20.26%
Alta Val Tidone[61] 1º gennaio 2018

SimboliModifica

Descrizione araldica dello stemma[62]:

«Scudo sannitico con dado d'argento in campo rosso sormontato da corona di Provincia d'oro gemmata e foderata internamente di rosso vellutato, nella quale sono intrecciati rami di quercia e di alloro con bacche dorate»

Descrizione araldica del gonfalone[62]:

«Drappo di seta azzurra, merlato nell'estremità inferiore e recante nel mezzo lo stemma dell'ente, sormontato dalla dicitura in oro: Amministrazione Provinciale di Piacenza»

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

 
La basilica di Santa Maria delle Grazie a Cortemaggiore

Architetture civiliModifica

Architetture militariModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Castelli della provincia di Piacenza
 
Il castello di Rivalta visto dal Trebbia
  • Castello di Rivalta, inserito nell'omonimo borgo fortificato in comune di Gazzola, posto a guardia dell'accesso alla val Trebbia dalla pianura.
  • Grazzano Visconti, fortilizio situato nel comune di Vigolzone costruito nel 1395 da Giovanni Anguissola. Passato nell'Ottocento alla famiglia Visconti di Modrone venne restaurato ai primi del novecento dal conte Giuseppe Visconti di Modrone il quale fece costruire ex novo un piccolo borgo fortificato in stile neo-medievale progettato dall'architetto Alfredo Campanini.
  • Rocca Viscontea, costruita tra il 1342 e il 1347 per opera della città di Piacenza, prima, e dei Visconti, dopo, domina il borgo fortificato di Castell'Arquato.
  • Castello di Riva, posto sulla riva destra del torrente Nure, nel comune di Ponte dell'Olio, tra il corso d'acqua e la strada che collega Piacenza a Ferriere, controllava il passaggio dalla pianura ai primi rilievi della val Nure.
  • Castello di Vigoleno complesso fortificato situato nella parte occidentale della provincia, nel comune di Vernasca, nei pressi del confine con il parmense, venne edificato nel X secolo e fu, poi, ripetutamente distrutto finno alla riedificazione nelle forme definitive avvenuta nel 1389.

Siti archeologiciModifica

 
Gli scavi archeologici di Veleia

Aree naturaliModifica

  • Oasi de Pinedo, in comune di Caorso, zona tutelata dal piano territoriale provinciale e del piano paesistico regionale. Si trova nella fascia di tutela della centrale elettronucleare e per questo è stata preservata. Si presenta come zone di golena con lanche, canneti, boschi ripariali e residui di vegetazione planiziale[64].
  • Parco di Isola Giarola, in comune di Villanova sull'Arda, nato dopo interventi di rinaturalizzazione su una cava, le sponde, ormai completamente rinaturalizzate, ospitano flora e fauna degli ambienti umidi perifluviali[65].
  • Parco provinciale Monte Moria, situato tra i comuni di Lugagnano Val d'Arda e Morfasso con un'estensione di più di 10 chilometri quadrati. La sua istituzione risale agli anni '20 con l'intento di valorizzare il patrimonio forestale[66].
  • Parco regionale dello Stirone e del Piacenziano compreso tra i comuni di Alseno, Castell'Arquato, Carpaneto Piacentino, Gropparello, Lugagnano val d'Arda, Vernasca, Fidenza e Salsomaggiore Terme (questi ultimi due in provincia di Parma), istituito nel 2011 con una legge regionale unendo i due parchi dello Stirone e del Piacenziano. Nel parco sono presenti reperti fossili dell'era Terziaria e Quaternaria, portati alla luce dall'erosione[67].
  • Parco regionale fluviale del Trebbia, comprende tutto il basso corso del Trebbia da Rivergaro alla confluenza nel Po, per un totale di 4.049 ettari caratterizzati da un ambiente fluviale che alterna periodi di piena a periodi di siccità in cui il fiume si suddivide in più parti nel greto ricoperto di ciottoli[68].

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

La tabella seguente riporta l'evoluzione del numero dei residenti nella provincia dal 2001 al 2016[69]:

Anno Residenti
2001 263 855
2002 267 274
2003 270 946
2004 273 689
2005 275 861
2006 278 224
2007 281 616
2008 285 922
2009 288 003
2010 289 875
2011 284 440
2012 286 336
2013 288 483
2014 288,013
2015 286 997
2016 286 658

Etnie e minoranze straniereModifica

Al 31 dicembre 2019 nel territorio provinciale risultano essere residenti 42 996 stranieri (21 261 uomini e 21 735 donne)[70], pari al 14.98%[71] dell'intera popolazione.

Di seguito sono riportate le comunità con più di 1 000 individui[70]:

Lingue e dialettiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto piacentino.

Accanto all'italiano, sopravvive il dialetto piacentino, ascritto alla lingua emiliana nonostante i diversi elementi condivisi con quelle lombarda e piemontese[72]. Sull'Appennino sono invece presenti dialetti di transizione tra emiliano e ligure, che cedono il passo a varietà liguri in alcuni comuni dell'alta val Trebbia[72].

ReligioneModifica

Nella giurisdizione ecclesiastica della chiesa cattolica, gran parte del territorio della provincia coincide con l'area della diocesi di Piacenza-Bobbio. Essa è suddivisa in 7 vicariati e comprende, oltre a gran parte del piacentino, anche l'alta val Trebbia genovese, parte dell'Oltrepò Pavese, la val Taro e la val Ceno nel Parmense Vicariati e comunità pastorali, su diocesipiacenzabobbio.org. URL consultato il 6 dicembre 2020. Fanno invece parte della diocesi di Fidenza le parrocchie situate nei comuni di Castelvetro Piacentino, Monicelli d'Ongina e Villanova sull'Arda, riunite nel vicariato della Bassa Piacentina[73].

Tradizioni e folcloreModifica

La zona della provincia più conservatrice per quanto riguarda il folklore è l'area dell'Appennino, cioè quella rimasta più isolata da certe influenze esterne e dalla modernità. Il patrimonio delle tradizioni di buona parte dell'Appennino piacentino è riconducibile a quello dell'area delle quattro Province. Con questo nome si definisce un territorio prevalentemente montuoso suddiviso amministrativamente tra le province di ben quattro regioni distinte: Genova (Liguria), Piacenza (Emilia-Romagna), Pavia (Lombardia) e Alessandria (Piemonte), dove la gente ha mantenuto per secoli usi e costumi molto simili. Ciò è evidente soprattutto per quanto riguarda i canti, la musica, i balli e le feste popolari. Le alte valli piacentine comprese in questo territorio sono la val Trebbia, la val Tidone, la val d'Aveto e la val Boreca, mentre la val Nure risente in maniera minore di questo patrimonio e la val d'Arda ne è esclusa.

CantiModifica

I canti folkloristici di Piacenza e del territorio circostante sono scomparsi almeno dall'inizio del XX secolo. Facevano parte di un genere noto come matinäda, che prendeva il nome dal momento della giornata nella quale venivano eseguiti, la mattina appunto. I brani della matinäda erano per lo più a carattere amoroso e simili a quelli di altre zone dell'Italia Settentrionale. Composti da quattro o sei versi - raramente otto - endecasillabi che seguivano ritmi differenti, venivano intonati durante le attività lavorative o all'inizio della primavera, con accompagnamento di chitarra e fisarmonica, per corteggiare le ragazze nubili. I testi erano cantati in dialetto piacentino, ma talvolta inframmezzati da voci derivanti da varietà di altre lingue gallo-italiche o da storpiature del toscano. Ciò è stato spiegato con l'origine non autoctona di parte di essi, nati dunque in altre province e regioni circostanti e adattati al piacentino.

Il genere era impropriamente conosciuto anche come buśinäda, termine che in realtà indicava un tipo di composizione poetica di un cantastorie o verseggiatore popolare, che in versi descriveva avvenimenti reali e li esponeva spesso in forma ironica o satirica. Sebbene siano per lo più conosciute nella loro versione milanese, tali opere letterarie, pubblicate su fogli volanti, erano realizzate anche nel piacentino[74].

I cori dell'Appennino piacentino risultano invece influenzati dal trallallero genovese.

Musica e balliModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Danze delle quattro province.

La musica dell'Appennino piacentino, compreso nell'area delle quattro province, è tradizionalmente eseguita con piffero dell'Appennino, müsa (simile alla piva più comune in val Nure) e fisarmonica. La müsa, una cornamusa appenninica ad un solo bordone, è forse lo strumento più caratteristico e che attira le maggiori curiosità. Lo strumento cadde in disuso ad inizio del XX secolo, soppiantata dalla più moderna fisarmonica. Negli ultimi decenni è ricomparsa ed è tornata ad accompagnare il piffero, unendosi addirittura alla fisarmonica. È possibile ascoltare i suonatori di questi strumenti alle feste da ballo nei paesi e nelle frazioni dell'Appennino piacentino (o in quelli delle province limitrofe) o in alcuni festival folkloristici che si tengono in estate.

In occasione di sagre, feste del patrono, festival folkloristici, celebrazioni della Pasqua o del Carnevale è possibile assistere all'esibizione degli strumenti tipici che eseguono musiche da ballo come la giga (a due o a quattro), la monferrina o l'alessandrina. Esisteva un tempo anche la bisagna, danza scomparsa e recentemente ricostruita nel comune di Ferriere. Qualcuno l'ha ricordata come un ballo eseguito con i bastoni (come nel ballo del Morris inglese), dopo che erano andati perduti i passi e per anni era stata riproposta solo come musica per piffero. Altre fonti non citano però l'uso dei bastoni.

All'inizio dell Novecento nelle campagne piacentine era ancora diffuso il ball dal ferì - detto anche ball dal frì nelle zone montuose - (ballo del ferito), un ballo di gruppo in forma ludica. Accompagnato da chitarra e fisarmonica, era eseguito da una coppia di ballerini scelti, attraverso battute prestabilite, da una figura che conduceva le danze. I ballerini si scambiavano un botta e risposta di rime durante la danza, le quali erano utilizzate per fare complimenti, tessere lodi, lanciare sfide o vendette amorose, effettuare dichiarazioni d'amore o con l'intento d'indispettire il partner. Dopo un paio di giri si interrompeva per cambiare compagno o compagna e riprendere con i passi e le rime[75]. Altri balli a figure e a simboli di simile tipologia erano il ball dal tu-tu, il ball dal ciär, il ball dal cüsein e il ball dal specc' , frequenti sulle aie nel periodo dello scartocciamento del granoturco[76].

Festività e celebrazioniModifica

Ad esclusione delle feste patronali, alle quali si sono aggiunte innumerevoli sagre per la promozione dei prodotti tipici della gastronomia piacentina, sono poche le feste tradizionali sopravvissute alla modernità e allo spopolamento delle aree rurali, in particolare dell'Appennino. Tuttavia, è proprio nelle zone di montagna che si svolgono ancora le celebrazioni legate al ritorno della primavera. Si tratta del Calendimaggio, che generalmente si svolge la sera del 30 aprile. Con questo nome si definisce una festa di natura pagana, di probabile origine celtica (forse collegata a Beltaine), diffusa in quasi tutta l'Europa e che in Italia si è mantenuta vitale prevalentemente nei territori più isolati. Nell'alta val Trebbia piacentina questo evento è noto anche come Carlin di maggio, mentre sui monti della val Tidone è celebrato come Festa d'la galëina grisa (Festa della gallina grigia). Relegati ai centri appenninici, gli appuntamenti legati al Calendimaggio avevano luogo in una più vasta zona delle campagne piacentine ancora nella seconda metà del XIX secolo[77].

Ancora sentita è la ricorrenza legata all'arrivo di Santa Lucia da Siracusa il 13 dicembre. Come in altre località della Lombardia, del Veronese e del Trentino, anche nel Piacentino questo giorno è molto atteso dai bambini, cui la Santa durante la notte farà visita con l'asinello per dispensare loro dolci e doni di ogni sorta.

Istituzioni, enti e associazioniModifica

SanitàModifica

Il più importante centro sanitario della provincia è l'ospedale di Piacenza. Questi i principali presidi ospedalieri provinciali[78]:

CulturaModifica

 
La sede piacentina del Politecnico di Milano

UniversitàModifica

Le sedi universitarie della provincia sono concentrate nel capoluogo dove si trovano una sede dell'università Cattolica del Sacro Cuore di Milano con le facoltà di economia e giurisprudenza, scienze agrarie, alimentari e ambientali e scienze della formazione[79], una sede del Politecnico di Milano con corsi di laurea in ingegneria e architettura[80] e la sede distaccata del corso di laurea in infermieristica dall'università degli Studi di Parma[81]. La stessa sede che ospitava il corso in infermieristica ha ospitato fino al 2018 anche il corso di laurea in fisioterapia che, a partire dall'autunno di quell'anno è stato spostato in una nuova sede situata a Fiorenzuola d'Arda[82] Piacenza ospita inoltre il conservatorio Giuseppe Nicolini e lo studio di teologia attivo nel collegio Alberoni, affiliato alla facoltà di teologia della pontificia università "San Tommaso d'Aquino" di Roma[83].

MuseiModifica

Tra i musei principali della provincia:

Musei a PiacenzaModifica

Musei in provinciaModifica

 
Il castello Anguissola di Travo, sede del museo archeologico

CucinaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina piacentina.

La gastronomia piacentina vanta di diversi piatti tipici che col tempo sono diventati noti anche al di fuori della provincia stessa, come i pisarei e faśö[94] e i tortelli alla piacentina[95] Un importante ruolo nella gastronomia piacentina è detenuto dai salumi, dei quali i tre più famosi, contrassegnati dal marchio DOP, sono il salame piacentino, la coppa piacentina e la pancetta piacentina. Grazie alla loro presenza, il piacentino è l'unica provincia italiana ad annoverare tre salumi DOP[96]. Altri salumi che non godono dell'indicazione Dop sono la mariola, sorta di salame tipico specialmente della val Nure e che gode del riconoscimento di presidio Slow Food[97], il salame gentile[98] e il lardo che, pestato insieme al prezzemolo (pistä 'd gras), viene anche usato come ingrediente in diversi piatti[99].

I salumi costituiscono il principale antipasto piacentino; altri piatti diffusi sono il salame cotto, i ciccioli (chiamati graséi in piacentino), la bortellina (burtlëina in piacentino) della val Nure, val Trebbia e val Tidone, sorta di frittella di farina, accompagnata con salumi o formaggi[100], il chisulén o torta fritta[101], tipico solo di alcuni comuni della bassa val d'Arda, ma comunissimo in altre province dell'Emilia-Romagna, a volte col nome di gnocco fritto, sempre in abbinamento coi salumi, il batarö, una focaccina originaria della val Tidone[102], la polenta fritta e la torta di patate tipica dell'alta val Nure[103].

Le salse più note sono la salsa di noci (ajà) e il pesto di matrice ligure sull'Appennino, zona che ha sempre risentito dell'influenza di Genova e della Liguria, la salsa di prezzemolo e la salsa di fegatini alla Farnese.

Tra i primi piatti vi sono i già citati pisarei e fasö, gnocchetti di pane e farina con condimento di sugo ai fagioli, e tortelli alla piacentina, gli anolini (anvëin), pasta fresca con ripieno di stracotto di carne servita in brodo[104], gli anolini all'uso della val d'Arda, variante di quelli appena citati nella quale allo stracotto viene si sostituisce il formaggio, i tortelli di zucca, differenti da quelli di Mantova e Cremona per l'assenza degli amaretti, i tortelli di castagne, tipici della montagna, i malfatti e i maccheroni fatti con l'ago da calza (macaron cun l'agùcia) di Bobbio[105], le mezze maniche dei frati, sorta di grossi maccheroni ripieni, le tagliatelle o le trofie con salsa di noci tipiche della montagna e della Liguria, il risotto alla Primogenita, il risotto coi funghi, il riso e verza (con costine di maiale), il risotto coi fegatini, il risotto coi codini di maiale e i panzerotti alla piacentina (cilindretti di pasta fresca al forno ripieni di ricotta, bietole e grana padano), piatto di recente introduzione.

Comunissimi tra i secondi sono l'anatra e la faraona arrosto, la pìcula 'd cavall (piccola di cavallo)[106], lo stracotto d'asina, lo stracotto alla piacentina, la bomba di riso di Bobbio[107], le lumache alla bobbiese[108], il tasto o tasca (punta di vitello ripiena) variante della cima alla genovese che è di casa sull'Appennino, la delicata anguilla in umido, l'anguilla marinata nota come burattino o büratëin, gli zucchini ripieni dell'Appennino che mostrano chiare tracce liguri e, tra i secondi più poveri, il merluzzo in umido e la polenta, disponibile in diverse varianti tra cui consa, cioè con strati di sugo e formaggio grana, oppure con i ciccioli, o in accompagnamento alla pìcula 'd caval.

 
Buslanëin fatti in casa

I formaggi D.O.P. sono il Grana Padano[109] e il Provolone Val Padana; nelle zone di montagna vengono ancora prodotti formaggi con latte di pecora, capra e vacca tra cui il formaggio da cui escono i vermi saltaréi, la cui commercializzazione è stata vietata a seguito di direttive a livello europeo, ma che continua ad essere prodotto a livello famigliare[110].

Non esiste una grande tradizione dolciaria, comunque i dessert non mancano: i turtlìt (tortelli dolci)[111], le crostate, il latte in piedi[112], il buslàn (ciambella) e i buslanëin (ciambelline)[113] e la spongata molto comune a Monticelli d'Ongina e in val d'Arda, una torta probabilmente di origine altomedievale diffusa dai monasteri benedettini nella bassa piacentina così come in provincia di Parma, nel Reggiano e altre zone; ve ne è testimonianza nel codice diplomatico del monastero di San Colombano di Bobbio in cui i monaci benedettini usavano regalare una spongata a Natale a chi avesse regolarmente portato loro la quota dell'affitto: dando illi qui fictum portaverit unam spongatam (dando a chi abbia portato l'affitto una spongata)[114]. Comunissima sulle tavole del piacentino, così come in altre zone della Lombardia e dell'Emilia, è la torta sbrisolona originaria, però, di Mantova.

Come si nota da questo lungo elenco di ricette della provincia, la città di Bobbio può vantare un buon numero di ricette locali, tantoché la propria cucina viene considerata, in alcuni casi, come a sé stante, separatamente dalla cucina del resto della provincia[115].

EnologiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Colli piacentini.

Molto diffusa nel Piacentino è anche la viticoltura, attività la cui presenza nel piacentino è documentata fin dal primo millennio avanti Cristo

preci sono documentazioni che affermano la conoscenza della vite nel territorio [116]), che apporta alla provincia di Piacenza vasta notorietà nel campo dell'enologia. Infatti diversi sono i vini prodotti all'interno della zona DOC dei Colli piacentini, che occupa la fascia collinare della provincia da est a ovest. I vini parte della DOC Colli Piacentini che hanno ottenuto la denominazione di origina controllata sono in tutto 31 afferenti a 14 tipologie Monterosso Val d'Arda, Trebbianino Val Trebbia, Valnure, Barbera, Bonarda, Malvasia, Pinot Nero, Sauvignon, Chardonnay, Pinot Grigio, Vin Santo di Vigoleno, Novello e Cabernet Sauvignon[117]. A questi vini si aggiunge il Gutturnio, che ha una DOC a parte che lo riconosce in 5 varianti[118]. La porzione di territorio della val Versa ricadente sotto la giurisdizione piacentina ricade all'interno delle zone DOC DOCG dell'Oltrepò Pavese[119][120].

Geografia antropicaModifica

ComuniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Armoriale dei comuni della provincia di Piacenza.

Appartengono alla provincia di Piacenza i seguenti 46 comuni:

Comuni più popolosiModifica

 
Fiorenzuola d'Arda

Di seguito è riportata la lista dei dieci comuni della provincia ordinati per numero di abitanti (Istat 31-08-2020):

Pos. Comune Abitanti Superficie

km²

Densità

ab./km²

Altitudine

m s.l.m.

1   Piacenza 103 498 118.24 867.79 89
2   Fiorenzuola d'Arda 15 039 59.77 256.2 80
3   Castel San Giovanni 13 797 44.04 310.65 74
4   Rottofreno 12 237 35.17 348.14 65
5   Podenzano 9 144 44.34 206.5 118
6   Borgonovo Val Tidone 8 014 51.22 154.31 114
7   Carpaneto Piacentino 7 628 63.08 122.7 114
8   Rivergaro 7 024 43.83 159.82 140
9   Pontenure 6 468 33.85 192.08 65
10   Cadeo 5 901 38.48 159.54 65
 
Bobbio
Altre città:
Comune Abitanti Stemma
Bobbio[121] 3 511  

Zerba con i suoi 78 abitanti è il comune con il più basso dato di popolazione nella provincia e nella regione.

Pos. Comune Abitanti Stemma
48 Zerba 68  

Unioni di comuniModifica

In Provincia di Piacenza sono presenti sei unione di comuni che raggruppano 35 comuni del territorio:

Ex Comunità montaneModifica

Il territorio piacentino comprendeva tre comunità montane, poi sciolte tra il 2008 e il 2013[128][129][130].

EconomiaModifica

AgricolturaModifica

Uno dei punti focali dell'agricoltura piacentina è il settore del latte, in cui operano 24 imprese per quasi 400 addetti. Il prodotto principale realizzato con il latte piacentino è il Grana Padano. Un'altra filiera molto importante è quella dei salumi, con la produzione che si concentra sui 3 DOP coppa piacentina, salame piacentino e pancetta piacentina[131]. Piacenza occupa inoltre una posizione di leadership nella produzione del pomodoro, al quale è dedicato il festival OroRosso[132]. Infine, molto sviluppata è la viticoltura con la presenza dicomplessive 36 DOC tutelate dal Consorzio Tutela Vini D.O.C. Colli Piacentini con sede in città[133].

IndustriaModifica

Forte a Piacenza è la presenza di aziende del settore delle macchine utensili con più di 100 imprese per un totale di 2 500 addetti operanti nei settori macchine per la lavorazione meccanica per asportazione, automazione, attrezzature e componentistica speciale, servizi tecnici specializzati, ricerca e sviluppo tecnologico[134]. In città è presente anche il laboratorio MUSP che si occupa dello studio delle macchine utensili e dei sistemi di produzione.

Un altro settore molto sviluppato a Piacenza è la raccorderia, presente in città sin dalla fine degli anni '30 con il reparto bocche da fuoco dell'arsenale cittadino, nel complesso nel piacentino sono presenti 15 società di capitali che producono raccordi forgiati[135].

ServiziModifica

Grazie alla vicinanza strategica con le aree industriali della pianura padana e alla presenza di importanti vie di comunicazione, sia ferroviaria che autostradale, a partire dagli anni 2000 si sono sviluppati vari poli logistici nella provincia: uno nel capoluogo, nella frazione di Le Mose, a breve distanza dal casello autostradale di Piacenza Sud, dove si sono insediate aziende come UniEuro, Italiarredo[136] ed IKEA[137]. Il polo piacentino si candida inoltre ad essere la piattaforma logistica privilegiata per il porto di La Spezia; a questo scopo nel luglio 2015 è stato firmato un protocollo d'intesa tra il comune e l'autorità portuale ligure[138]. Un altro a Castel San Giovanni dove, sfruttando la vicinanza con Milano, si sono insediate aziende come Conad, Bosch, LG Electronics ed Amazon per una superficie totale di 1300000 [139]. Infine uno a Monticelli d'Ongina che vede la presenza tra le altre di Whirlpool ed Enel per una dimensione di 144500 m²[140].

A poca distanza dal polo logistico del capoluogo si trova il quartiere fieristico, terminato nel 2000 e composto da 3 padiglioni espositivi per complessivi 14000 m², un'area esterna da 7000 , due sale congressi ed una sala corsi[141].

TurismoModifica

Il capoluogo ha fatto parte del Circuito Città d'Arte della Pianura Padana insieme ad altre città lombarde ed emiliane fino allo scioglimento avvenuto nel 2018[142]. Nel 2015 si sono registrati in provincia 222,938 arrivi per complessive 444 944 presenze, di cui circa la metà nel capoluogo[143]. I principali elementi di attrazione turistica della provincia sono l'enogastronomia e i castelli, alcuni inseriti nel circuito dell'Associazione dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli. Per quanto riguarda gli sport invernali nella zona di Bobbio sono presenti piste da sci di fondo e impianti di risalita per lo sci alpino[144].

Infrastrutture e trasportiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Strade provinciali della provincia di Piacenza.
 
La stazione del capoluogo nel 1939

La provincia di Piacenza è attraversata da tre strade statali: la strada statale 45 di Val Trebbia che conduce a Genova[145], la strada Statale 9 Via Emilia che unisce Milano a Rimini[146] e la strada statale 725 Tangenziale di Piacenza. Altre strade in passato statali e successivamente passate in capo alla provincia sono la strada statale 10 Padana Inferiore[147], SP 359 R di Salsomaggiore e di Bardi, la SP 412 R della Val Tidone[148], la SP 461 R del Penice, la SP 462 R della Val d'Arda, SP 586 R della Valle dell'Aveto, la SP 587 R di Cortemaggiore, la SP 588 R dei Due Ponti e la SP 654 R di Val Nure.

 
Il ponte ferroviario sul fiume Po

La provincia è attraversata anche da due autostrade: l'A1 Milano-Napoli sulla quale sono posti i caselli di Piacenza Sud e Fiorenzuola, il casello di Basso Lodigiano, in precedenza noto come Piacenza Nord e posto anch'esso al servizio del capoluogo si trova, invece, all'interno del comune di Guardamiglio, limitrofo al capoluogo, ma posto in provincia di Lodi[149] e dall'A21 Torino-Piacenza-Brescia sulla quale sono posti i caselli di Castelsangiovanni, Piacenza Ovest, Piacenza Sud, Caorso e Castelvetro[150][151].

Il principale nodo ferroviario è la stazione del capoluogo, posta sulla ferrovia Milano-Bologna e capolinea delle linee per Alessandria e Cremona, quest'ultima priva di traffico passeggeri dal dicembre 2013[152]).

La provincia è attraversata anche dalla ferrovia Cremona-Fidenza e dalla linea ad alta velocità Milano-Bologna la quale non presenta, però, stazioni nella provincia. Tra il 1932 e il 1967 era attiva la ferrovia Piacenza-Bettola che collegava il capoluogo con la media val Nure e che fu soppressa, nonostante le proteste dei passeggeri, a causa del deficit accumulato dalla società gestrice[153].

Tra il 1881 e il 1938 la provincia era caratterizzata da una vasta rete tranviaria interurbana a vapore, gestita a partire dal 1908 dalla SIFT, che comprendeva le linee:

Inoltre, dal 1908 il capoluogo fu servito da una rete tranviaria urbana a trazione elettrica, che nel 1924 raggiunse San Rocco al Porto. Le tranvie urbane furono soppresse nel 1955 e sostituite da autolinee gestite dalla società Auto Guidovie Italiane[154].

Nel comune di San Giorgio Piacentino è presente l'aeroporto militare di Piacenza-San Damiano, fino al settembre 2016 sede del 50º Stormo dell'Aeronautica militare italiana, e diventato da quella data Comando Aeroporto Piacenza con un utilizzo a supporto delle strutture operative dell'aeronautica[155].

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questa provincia.

Periodo Presidente Partito Carica Note
7 agosto 1985 11 agosto 1990 Franco Benaglia PSI Presidente [156]
11 agosto 1990 24 gennaio 1994 Maurizio Migliavacca PCI-PDS Presidente [156]
21 marzo 1994 8 maggio 1995 Renato Zurla PSDI Presidente [156]
8 maggio 1995 28 giugno 1999 Dario Squeri Centro-sinistra Presidente [156]
28 giugno 1999 28 giugno 2004 Dario Squeri Centro-sinistra Presidente [156]
28 giugno 2004 8 giugno 2009 Gian Luigi Boiardi DS-PD Presidente [156]
8 giugno 2009 14 ottobre 2014 Massimo Trespidi Il Popolo della Libertà Presidente [156]
14 ottobre 2014 31 ottobre 2018 Francesco Rolleri PD Presidente [156]
31 ottobre 2018 in carica Patrizia Barbieri Indipendente di centro-destra Presidente [156]

SportModifica

La principale squadra calcistica della provincia è stato il Piacenza, che ha militato per 8 stagioni in Serie A. Dopo il fallimento del 2011 la squadra cittadina con maggior seguito e ritenuta l'erede del defunto Piacenza FC è il Piacenza Calcio 1919, militante in Lega Pro. La formazione, disputa le partite interne allo stadio Leonardo Garilli, come in precedenza il Piacenza FC. Tra le società calcistiche cittadine capaci di arrivare a militare in ambito professionistico vi è stato anche il Pro Piacenza che ha disputato per cinque volte la terza serie nazionale, venendo estromesso dal campionato a causa di problemi finanziari nel corso dell'annata 2018-2019[157]. Fuori dal capoluogo la società principale è il Fiorenzuola, capace di raggiungere nel 1995 la finale play-off per la promozione in Serie B. Negli anni '40 anche l'Olubra di Castel San Giovanni militò per alcune stagioni in serie C.

Per quanto riguarda la pallavolo, la provincia di Piacenza è rappresentata dalla squadra maschile cittadina della You Energy Volley, militante in Superlega, nata nel 2018, dopo la chiusura della Pallavolo Piacenza[158], società che era stata in grado di vincere uno scudetto, una Coppa Italia, una supercoppa italiana e due coppe europee, e, in passato, dalla squadra femminile River Volley, nata a Rivergaro e poi trasferitasi a Piacenza, città nella quale ha vinto due campionati italiano, spostatasi a Modena nel 2016[159] e, poi, definitivamente chiusa nel 2018[160].

Nella pallacanestro, l'Unione Cestistica Piacentina, nata dalla fusione tra le squadre di Piacenza e Fiorenzuola, ha disputato il campionato di Legadue nella stagione 2011-2012 prima di non iscriversi e successivamente fallire. Dopo la scomparsa dell'UCP a rappresentare la pallacanestro a Piacenza c'è la Pallacanestro Piacentina che milita in Serie B e il Piacenza Basket Club fusosi nel 2016 con l'UC Casalpusterlengo portando la squadra lodigiana a disputare le partite del campionato di Serie A2 a Piacenza[161].

Sono presenti inoltre diverse squadre di rugby, tra cui le due più importanti, il Piacenza Rugby Club, militante in Serie B, e i Rugby Lyons Piacenza, militanti in TOP10, hanno all'attivo diversi campionati in massima serie.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio), su demo.istat.it. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  2. ^ Emanuele Dolcini, Quando a Caselle Landi spostarono il corso del Po, in Il Cittadino, 19 aprile 2012.
  3. ^ a b Il comune di Ferriere, su ferriereturismo.it. URL consultato il 31 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2017).
  4. ^ a b c Piano territoriale di coordinamento provinciale - All. B1.8 (R) La revisione delle fasce fluviali, p. 50.
  5. ^ a b Elenco del corsi delle acque pubbliche della provincia di Piacenza., in Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, Roma, 11 agosto 1937, p. 3043.
  6. ^ Ambiente e territorio, su cmop.it. URL consultato il 3 settembre 2019.
  7. ^ La val Tidone, su turismo.provincia.pc.it (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2016).
  8. ^ La val Trebbia, su turismo.provincia.pc.it (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2016).
  9. ^ La val d'Arda, su turismo.provincia.pc.it (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2016).
  10. ^ La val d'Aveto, su turismo.provincia.pc.it (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2016).
  11. ^ La val Boreca, su turismo.provincia.pc.it (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2016).
  12. ^ Monte Bue, su peakbagger.com. URL consultato l'8 settembre 2019.
  13. ^ Lago artificiale e diga di Mignano, su turismo.provincia.pc.it (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2019).
  14. ^ Il lago di Trebecco, su pianellovaltidone.net. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  15. ^ Boreri, p.31.
  16. ^ Lago Moo, su vallardana.it (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2007).
  17. ^ Lago Bino, su vallardana.it (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2009).
  18. ^ Lago Nero, su turismo.provincia.pc.it (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2019).
  19. ^ a b c d e Clima, su meteovalnure.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  20. ^ Neolitico, su archeotravo.com. URL consultato il 7 marzo 2020.
  21. ^ Grossetti, p. 16.
  22. ^ a b c d e Mario Longhena, Piacenza, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1935. URL consultato il 26 settembre 2020.
  23. ^ Gaetano De Sanctis, TREBBIA, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1937. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  24. ^ a b Giuseppe Lugli, EMILIA, VIA, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1932.
  25. ^ Veleia Romana, su emiliaromagnaturismo.it. URL consultato il 23 febbraio 2020.
  26. ^ La scoperta e gli scavi, su archeobo.arti.beniculturali.it. URL consultato il 10 luglio 2019.
  27. ^ a b La presenza longobarda nel territorio piacentino, in La Torre, n. 12, 2014.
  28. ^ Bougard.
  29. ^ Diplomata Ottonis, p. 666.
  30. ^ Carmelo Sciascia, Cotrebbia, piccola comunità che richiama alla mente Dieta di Roncaglia, Calendasco e Ponderosa, in IlPiacenza, 24 febbraio 2018.
  31. ^ Roncaglia, diete di, in Dizionario di storia, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2011. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  32. ^ Riccardo Rao, SCOTTI, Alberto, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 91, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2018. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  33. ^ Piacenza: storia e sviluppo urbano, su piacenzamusei.it (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2016).
  34. ^ Più di 2.200 anni, ma ben portati, su comune.piacenza.it. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  35. ^ a b La storia di Piacenza, su piacenzantica.it. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  36. ^ a b Dall'Acqua, pp. 63-64.
  37. ^ Giampiero Brunelli, ODOARDO Farnese, duca di Parma e di Piacenza, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2015. URL consultato il 26 settembre 2020.
  38. ^ a b Carlo I, su borboneparma.it. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  39. ^ a b Filippo I e Ferdinando I, su borboneparma.it. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  40. ^ a b Lodovico I e Carlo Lodovico, su borboneparma.it. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  41. ^ La rivoluzione del '48 e Piacenza "Primogenita", su piacenzaprimogenita150.it. URL consultato il 15 maggio 2020.
  42. ^ a b La fase conclusiva del Risorgimento a Piacenza, su piacenzaprimogenita150.it. URL consultato il 15 maggio 2020.
  43. ^ Fornasari (a cura di), p.4.
  44. ^ Il Palazzo della Provincia - Storia, vicende e descrizione su Piacenza Musei, su piacenzamusei.it. URL consultato il 17 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2014).
  45. ^ Regio decreto 8 luglio 1923, n. 1726, in materia di "Soppressione della circoscrizione circondariale di Bobbio ed aggregazione dei Comuni che ne fanno parte alle circoscrizioni territoriali delle provincie di Genova, Piacenza e Pavia"
  46. ^ La provincia di Piacenza piacenzaprimogenita150.it
  47. ^ Regio decreto 24 settembre 1923, n. 2076, in materia di "Aggregazione dei comuni di Bardi e di Boccolo dei Tassi alla provincia di Parma"
  48. ^ Legge 23 dicembre 1926, n. 2246, in materia di "Modificazione della circoscrizione territoriale delle provincie di Parma, Pavia e Piacenza."
  49. ^ Piazzetta Tempio 52 – La città sotto i bombardamenti: sede dell'UNPA, su resistenzamappe.it. URL consultato il 15 maggio 2020.
  50. ^ Giancarlo Anselmi, Le tramways piacentine, su piacenzantica.it. URL consultato il 20 novembre 2019.
  51. ^ Stefano Cugini, La Resistenza nel piacentino, su stefanocugini.it, 25 aprile 2010. URL consultato il 15 maggio 2020.
  52. ^ Piacenza - Medaglia d'oro al valor militare, su quirinale.it. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  53. ^ L’oro nero piacentino e la “SuperCortemaggiore” nel museo su Enrico Mattei, in PiacenzaSera, 4 aprile 2018. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  54. ^ Emergenza alluvione: paesi devastati. Vigilante morto a Bettola, padre e figlio dispersi, in Libertà, 14 settembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  55. ^ Referendum consultivo del 16 ottobre 2016 dei Comuni di Bettola Farini e Ferriere (PDF), su prefettura.it (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2016).
  56. ^ Referendum consultivo del 16 ottobre 2016 dei Comuni di Ponte dell'Olio e Vigolzone (PDF), su prefettura.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  57. ^ Borgonovo e Ziano: "regione: nessuna fusione se un comune dice no", in PiacenzaSera, 7 marzo 2016.
  58. ^ Referendum consultivo del 28 maggio 2017 dei comuni di Caminata, Nibbiano e Pecorara. Scrutinio quesito n.2 (PDF), su prefettura.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  59. ^ Quesito n.2 relativo alla scelta della denominazione del nuovo comune (PDF), su prefettura.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  60. ^ Quesito n.2 relativo alla scelta della denominazione del nuovo comune (PDF), su prefettura.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  61. ^ Referendum consultivo del 28 maggio 2017 dei comuni di Caminata, Nibbiano e Pecorara. Scrutinio quesito n.2 (PDF), su prefettura.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  62. ^ a b Descrizione dello stemma da Comuni Italiani.it, su comuni-italiani.it. URL consultato il 17 novembre 2016.
  63. ^ Scavi nel sito tardoantico e altomedievale della Piana di S. Martino, Pianello Val Tidone (PC), su archeobologna.beniculturali.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  64. ^ Oasi De Pinedo, su turismo.provincia.piacenza.it. URL consultato l'11 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2016).
  65. ^ Parco di isola Giarola, su turismo.provincia.piacenza.it. URL consultato l'11 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2016).
  66. ^ Parco provinciale di Monte Moria, su turismo.provincia.piacenza.it. URL consultato l'11 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2016).
  67. ^ Parco regionale dello Stirone e del Piacenziano, su turismo.provincia.piacenza.it, 28 marzo 2019. URL consultato il 7 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2019).
  68. ^ Parco regionale fluviale del Trebbia, su turismo.provincia.piacenza.it. URL consultato l'11 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2020).
  69. ^ Elaborazione su dati Istat, su comuni-italiani.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  70. ^ a b Cittadini stranieri secondo Demo Istat 2019, su demo.istat.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  71. ^ Percentuale approssimata.
  72. ^ a b Dialetto piacentino, su parlummpiasintein.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  73. ^ Chiesa di Fidenza, su diocesifidenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  74. ^ Di Stefano e Tammi (a cura di), pp. 17-19.
  75. ^ Di Stefano e Tammi (a cura di), p. 65.
  76. ^ Ambrogio, p. 258.
  77. ^ Di Stefano e Tammi (a cura di), p. 49.
  78. ^ Rete ospedaliera, su ausl.pc.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  79. ^ Facoltà, su piacenza.unicatt.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  80. ^ Corsi di studio, su polo-piacenza.polimi.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  81. ^ La nuova sede di Infermieristica e Fisioterapia presso il Collegio Morigi (Piacenza), su unipr.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  82. ^ Leonardo Trespidi, Scuola di Fisioterapia, dal 5 novembre al via i corsi. «Da qui parte la cittadella sanitaria di Fiorenzuola», in IlPiacenza, 31 ottobre 2018. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  83. ^ Studio teologico Collegio Alberoni, su collegioalberoni.it. URL consultato il 5 novembre 2019.
  84. ^ Le sezioni dei musei civici di Palazzo Farnese, su palazzofarnese.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  85. ^ Il museo, su msn.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  86. ^ La prima collezione, su riccioddi.it. URL consultato il 20 settembre 2020.
  87. ^ Collegio Alberoni, su collegioalberoni.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  88. ^ Museo dell'Abbazia di San Colombano, su piacenzamusei.it (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2016).t
  89. ^ Museo archeologico della Valtidone, su museoarcheologicovaltidone.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  90. ^ Il villaggio Neolitico di Travo, su archeobo.arti.beniculturali.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  91. ^ Museo della città, su comune.bobbio.pc.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  92. ^ Museo etnografico della val Trebbia, su museoetnograficovaltrebbia.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  93. ^ La storia, su museogeologico.it. URL consultato il 2 ottobre 2019.
  94. ^ Pissarei e fasö, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  95. ^ Tortelli con la coda, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  96. ^ Consorzio salumi DOP piacentini, su consorziopiacenzalimentare.com. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  97. ^ Mariola, su fratellisalini.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  98. ^ Salame Gentile, su assaporapiacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  99. ^ Ricette piacentine: la pistà ad gràss, in IlPiacenza, 16 ottobre 2020. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  100. ^ Bortellina, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  101. ^ Chissolino, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  102. ^ Laura Filios, Batarò, il panino della Val Tidone: tanto raro quanto buono, su lacucinaitaliana.it, 6 settembre 2019. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  103. ^ Torta di patate, su piacenzantica.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  104. ^ Anolini, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  105. ^ Alfredo Morosetti, Maccheroni alla bobbiese, su altavaltrebbia.net, 3 dicembre 2010. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  106. ^ Piccola di cavallo, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  107. ^ Bomba di riso, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  108. ^ Alfredo Morosetti, Lumache alla bobbiese, su altavaltrebbia.net, 3 dicembre 2010. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  109. ^ L'agroindustria, su piacenzatheplace.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  110. ^ la Ribiola o Furmai Nis cui Saltarei, su piacenzantica.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  111. ^ Tortelli dolci, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  112. ^ Latte in piedi, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  113. ^ Ciambella, su comune.piacenza.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  114. ^ Cipolla e Buzzi, p. 247 vol. II,
  115. ^ Appennino piacentino, su altavaltrebbia.net. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  116. ^ La storia dei vini piacentini, su insidepc.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  117. ^ Colli Piacentini DOC, su assovini.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  118. ^ Gutturnio DOC, su assovini.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  119. ^ Clerici e Costa, p. 68.
  120. ^ Parere del comitato nazionale per la tutela delle denominazioni di origine dei vini sulla proposta di modificazione al disciplinare di produzione della denominazione di origine controllata "Oltrepo' Pavese". (GU Serie Generale n.223 del 22-09-1992), su gazzettaufficiale.it. URL consultato il 16 luglio 2020.
  121. ^ Stemma Comune di Bobbio, araldicacivica.it (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2016).
  122. ^ I comuni, su unionealtavalnure.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  123. ^ Unione Montana Valli Trebbia e Luretta, su halleyweb.com. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  124. ^ Storia e composizione, su unionecomuni-valtrebbia-valluretta.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  125. ^ Unione dei comuni bassa val d'Arda e fiume Po, su unionebassavaldardafiumepo.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  126. ^ I comuni, su unionevalnurevalchero.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  127. ^ Unione Comuni Montani Alta Val D'Arda, su unionealtavaldarda.pc.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  128. ^ La Regione scioglie ufficialmente la comunità montana valli Nure e Arda, in Libertà, 25 giugno 2013. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  129. ^ Comunità montane addio, nasce l’Unione del Piacentino. Primo caso in Regione, in Libertà, 29 ottobre 2013. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  130. ^ Decreto del presidente della giunta regionale 27 febbraio 2009, n. 46 In materia di Soppressione della Comunita' montana Valle del Tidone, su bur.regione.emilia-romagna.it, 27 febbraio 2009.
  131. ^ L'agroindustria, su piacenzatheplace.it. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  132. ^ OroRosso, su ororosso.net (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2016). ororosso.net
  133. ^ Chi siamo, su insidepc.it. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  134. ^ La meccanica strumentale, su piacenzatheplace.it. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  135. ^ La raccorderia, su piacenzatheplace.it. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  136. ^ Polo logistico di Piacenza, su jllproperty.it. URL consultato il 17 novembre 2016 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2016).
  137. ^ Marina Forti, All'Ikea anche gli operai hanno le istruzioni, in Internazionale, 10 ottobre 2015. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  138. ^ Filippo Mulazzi, Il polo logistico di Piacenza nuovo "retro-porto" di La Spezia, in IlPiacenza, 24 luglio 2015. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  139. ^ Castel San Giovanni, polo logistico per Geodis Logistics, su euromerci.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  140. ^ Whirlpool approda al Magna Park di Monticelli con 43mila mq, in PiacenzaSera, 14 luglio 2015. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  141. ^ Chi siamo, su piacenzaexpo.it. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  142. ^ Città d'arte della pianura Padana, su circuitocittadarte.it. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  143. ^ Turismo nel piacentino, -8% di presenze, mentre gli arrivi registrano un +6%, in IlPiacenza, 25 mazo 2016. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  144. ^ Neve, su turismo.provincia.pc.it. URL consultato il 5 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2019).
  145. ^ Strada Statale 45 di Val Trebbia, su turismo.provincia.piacenza.it (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2020).
  146. ^ Strada Statale 9 Via Emilia, su turismo.provincia.piacenza.it (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2016).
  147. ^ Strada Provinciale 10 R Padana inferiore, su turismo.provincia.piacenza.it (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2016).
  148. ^ Strada Provinciale ex 412 della Val Tidone, su turismo.provincia.piacenza.it (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2016).
  149. ^ Autostrada A1, su turismo.provincia.piacenza.it (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2016).
  150. ^ Autostrada A21 (PC-BS), su turismo.provincia.piacenza.it (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2020).
  151. ^ Autostrada A21 (PC-TO), su turismo.provincia.piacenza.it (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2016).
  152. ^ Addio alla linea ferroviaria Cremona-Piacenza, in La Provincia di Cremona, 12 dicembre 2013.
  153. ^ Cacozza, pp. 61-64.
  154. ^ Ogliari e Sapi, pp. 395-397.
  155. ^ Riavvolta la bandiera di guerra, San Damiano dice addio al 50º Stormo, in Libertà, 14 settembre 2016. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  156. ^ a b c d e f g h i Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali, su amministratori.interno.it.
  157. ^ Alessandro Mossini, In campo con soli quattro tesserati, il Pro Piacenza radiato dal campionato, in Corriere della Sera, 18 febbraio 2019. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  158. ^ Presentata nuova società di volley, Curti: “Vogliamo qualcosa di duraturo”, in Libertà, 3 luglio 2018. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  159. ^ Matteo Marchetti, Nordmeccanica, la nuova avventura a Modena presentata mercoledì, in Sportpiacenza, 13 giugno 2016.
  160. ^ Alberto Gallo, La Liu Jo NordMeccanica Modena chiude i battenti, in Sport Legnano, 27 marzo 2018. URL consultato il 16 novembre 2020.
  161. ^ Inside the A2 Est – Assigeco: cambia il profilo, il parquet e… le ambizioni, su basketinside.com, 27 settembre 2016. URL consultato il 6 ottobre 2016.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN152460184 · LCCN (ENn82000550 · GND (DE4115960-3 · BNF (FRcb11935649p (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n82000550
  Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia