Apri il menu principale

Servazio di Tongres

vescovo cattolico armeno
(Reindirizzamento da San Servazio)
San Servazio
St Servaasbrug Maastricht - St Servaas 20100327.jpg
Statua di San Servazio sul ponte Servazio a Maastricht
 

Vescovo

 
Nascita?
Morte384
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza13 maggio
AttributiBastone pastorale e calice
Patrono difabbri, falegnami e vignaioli; invocato contro le malattie di gambe ed ossa

Servazio di Tongres (in latino Servatius; ... – Maastricht, 384) è stato un vescovo e santo armeno, vescovo di Tongres. È venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Indice

BiografiaModifica

Era originario forse dell'Armenia. Partecipò attivamente ai concili di Sardica e Rimini, tenutisi rispettivamente nel 343 e nel 359, dove sostenne la causa dell'ortodossia.[1]

Servazio fu il primo evangelizzatore del Belgio dopo il concilio di Nicea del 325 e il primo vescovo della civitas Tungrorum.

Le sue spoglie sono conservate a Maastricht.

VenerazioneModifica

Servazio di Tongres è venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Al santo sono intitolate chiese in stile romanico a Maastricht ed a Quedlinburg.

San Servazio nella cultura di massaModifica

Nella cultura popolare, e in particolar modo nelle concezioni popolari riguardanti la meteorologia, San Servazio (la cui festa cade il 13 maggio) fa parte, insieme a San Mamerto, San Pancrazio, San Bonifacio di Tarso e Santa Sofia di Roma, dei cosiddetti santi di ghiaccio del mese di maggio.[2]

NoteModifica

  1. ^ San Servazio, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
  2. ^ Osservatorio Meteorologico Università di Napoli "Federico II": Il consueto ritorno dei santi di ghiaccio[collegamento interrotto]

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN57410961 · GND (DE118796305 · CERL cnp00589251