Scipione Sacchetti, IV marchese di Castelromano

Crown of italian marquess (corona normale).svg
Scipione Sacchetti, IV marchese di Castelromano
Marchese di Castelromano
Stemma
In carica 1780 –
1840
Predecessore Giulio Sacchetti, III marchese di Castelromano
Successore Girolamo Sacchetti, V marchese di Castelromano
Nascita Lione, 16 ottobre 1767
Morte Roma, 23 gennaio 1840
Dinastia Sacchetti
Padre Giulio Sacchetti, III marchese di Castelromano
Consorte Eleonora Cenci Bolognetti
Religione Cattolicesimo

Scipione Sacchetti, IV marchese di Castelromano (Roma, 16 ottobre 1767Lione, 23 gennaio 1840), è stato un nobile italiano.

BiografiaModifica

Nato nel 1767, Scipione era figlio di Giulio Sacchetti, III marchese di Castelromano e di sua moglie, Eleonora Cenci Bolognetti. Nacque a Lione, in Francia, dove suo padre aveva preso stabilmente residenza e da dove lo stesso Scipione fece ritorno in Italia nel 1780 alla morte del genitore, quando gli succedette come marchese di Castelromano e feudi annessi. In quello stesso anno papa Pio VI lo incluse tra i patrizi "coscritti", ovvero quelli appartenenti alla nobiltà più antica di Roma.

Nel 1794 venne nominato da papa Pio VII al ruolo di Foriere maggiore dei sacri palazzi apostolici, incarico che mantenne sino alla sua morte. Tale incarico, da Scipione in poi, pur in assenza di un decreto pontificio specifico, venne de facto affidato come ereditario alla famiglia Sacchetti.

Nel 1804 accompagnò papa Pio VII nel suo viaggio a Parigi per incoronare Napoleone quale imperatore dei francesi, insieme ad altri importanti prelati e personalità della curia romana, tornando in Italia solo l'anno successivo.[1] Si batté comunque in prima linea perché il giovane figlio Giovanni Battista venisse risparmiato dalla chiamata alle armi dell'esercito napoleonico.

Nel 1837 fu tra i primi, in quanto proprietario dei terreni nell'area, ad avviare i primi scavi in quella che oggi è nota come Necropoli dei Monterozzi con l'aiuto dell'archeologo romano Raffaele Rosati.

Morì a Roma il 23 gennaio 1840.

Matrimonio e figliModifica

A Roma, il 14 gennaio 1793, sposò Eleonora Cenci Bolognetti, figlia di Girolamo Cenci Bolognetti, IV principe di Vicovaro e di sua moglie, la contessa Maria Isabella Petroni. La coppia ebbe i seguenti figli:

  • Girolamo (1804 - 1864), V marchese di Castelromano, sposò Maria Spada Veralli
  • Camillo, cameriere segreto di cappa e spada soprannumerario di papa Pio IX
  • Francesco, cameriere segreto di cappa e spada soprannumerario di papa Pio IX

Albero genealogicoModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giovanni Battista Sacchetti, II marchese di Castel Rigattini Matteo Sacchetti, I marchese di Castel Rigattini  
 
Cassandra Ricasoli Rucellai  
Matteo Sacchetti, I marchese di Castelromano  
Caterina Acciaiuoli Donato Acciaiuoli  
 
Anna Maria Altoviti  
Giulio Sacchetti, III marchese di Castelromano  
Francesco Orsini de' Cavalieri Emilio Orsini de' Cavalieri  
 
Clelia Sannesi  
Clelia Orsini de' Cavalieri  
Vittoria Ludovica di Carpegna Mario, conte di Carpegna  
 
Teresa Dudley dei conti di Warwick  
Scipione Sacchetti, IV marchese di Castelromano  
 
 
 
 
 
 
 
Maddalena Azzan  
 
 
 
 
 
 
 
 

NoteModifica

  1. ^ S. Sacchetti, Il viaggio di Pio VII a Parigi nel diario di Scipione Sacchetti, in Studi Romani 6, 1958, pp. 446-456

BibliografiaModifica

  • Lilian H. Zirpolo, Ave Papa/Ave Papabile: The Sacchetti Family, Their Art Patronage, and Political Aspirations, Toronto, 2005, ISBN 978-0-7727-2028-3
Controllo di autoritàBAV (EN495/247712
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie