Apri il menu principale

Sensazioni d'amore

film del 1990 diretto da Ninì Grassia
Sensazioni d'amore
Paese di produzioneItalia
Anno1990
Durata90 min
Genereerotico, thriller
RegiaAnthony Grey
SoggettoNinì Grassia
SceneggiaturaNinì Grassia
ProduttoreNinì Grassia
Produttore esecutivoNinì Grassia
Casa di produzioneAlifin Comunicazioni
Distribuzione in italianoP.A.G. Film International, Playtime, Indipendenti Regionali
FotografiaSilvano Tessicini
MontaggioRoberto Colangeli
MusicheNinì Grassia, Aldo Tamborelli
CostumiCarla Pallotti
Interpreti e personaggi

Sensazioni d'amore è un film thriller erotico italiano del 1990 diretto da Ninì Grassia (accreditato come Anthony Grey), che ha curato anche la produzione, il soggetto, la sceneggiatura e le musiche. É noto anche con i titoli Sensation e Affari pericolosi, quest'ultimo per il mercato tedesco.

Indice

TramaModifica

Anna Aloisi, dopo la morte del marito, vorrebbe fortemente che il figlio Renato si sposasse con Giulia per darle un erede anche se, purtroppo, soffre di problemi di cuore. Infatti, non può intrattenere rapporti sessuali con la propria fidanzata per evitare forti sollecitazioni che lo potrebbero portare alla morte. Nonostante questo, Renato intreccia una relazione clandestina con la cameriera Claretta, mentre Giulia, ignara di tutto, lo tradisce a sua volta con il dottor Gianmarco Serra, il medico che controlla le condizioni di salute del fidanzato. Visto il miglioramento delle condizioni di salute di Renato annunciate dal dottor Serra, iniziano i preparativi per l'imminente matrimonio fra Renato e Giulia anche se, durante il pranzo per festeggiare le future nozze, Franca, la governante della villa, sorprende a letto insieme il giovane Aloisi e Claretta, mantenendo però il segreto. Accortosi della presenza della governante, Renato sedurrà anche lei, per assicurarsi il suo silenzio sulla vicenda. Nonostante la morte improvvisa di Anna, Renato, per accontentare i voleri della madre, decide comunque di sposarsi nella data prefissata. Una sera, pero', Ernesto, fratello di Giulia, dopo aver sedotto già in precedenza la domestica Elvira, prova a fare lo stesso con Claretta che, pero', rifiuta di concedersi a lui. Scoprendo il tentativo di violenza di Ernesto, Renato interviene in difesa della donna uccidendolo con un corpo contundente, e poi fugge via. Quindi, si reca a casa di Giulia e, dopo averla costretta ad un rapporto sessuale con lui, la uccide con delle forbici. Raggiunta Claretta, i due si rifugiano in una cascina dove si erano già recati in precedenza venendo raggiunti da un frate che li sposa ma, durante un amplesso, Renato muore per un attacco di cuore. Claretta scoprirà che il suo novello sposo aveva modificato il suo testamento in precedenza, rendendola erede del patrimonio della famiglia Aloisi, e apprenderà da Gianmarco di essere incinta, portando in grembo l'erede tanto voluto da Anna.

CastModifica

È vietato ai minori di 18 anni ed ha nel cast Gianni Macchia (dieci anni dopo al suo ultimo film Vacanze per un massacro), Marisa Mell (alla sua penultima apparizione cinematografica), Federica Farnese e David D'Ingeo (attore di alcuni film erotici). Il regista Ninì Grassia si concede un cameo nei panni del notaio Alberti, non venendo accreditato nei titoli di testa e inoltre è il primo dei sette film (tra regia e produzione) in cui Grassia è accreditato come Anthony Grey.

ProduzioneModifica

Il film è stato girato a Novara e a Cuneo, in Piemonte.

Collegamenti esterniModifica