Sentiero del Viandante

percorso escurionistico del Lago di Como
Sentiero del Viandante
Viandante CM Lario Orientale.svg
Viandante CM Valsassina.svg
Corenno Plinio Sentiero del Viandante.jpg
Un tratto del sentiero a Dervio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaLecco Lecco
Percorso
InizioAbbadia Lariana
FineColico
Lunghezza45 km
Altitudine max.992 m s.l.m.
Altitudine min.200 m s.l.m.
Tipo superficieerba, roccia, asfalto

Il sentiero del Viandante è un percorso escursionistico costituito in gran parte da sentieri e mulattiere che fiancheggia il lato orientale del lago di Como, partendo da Abbadia Lariana e terminando a Colico. Il tragitto completo è lungo circa 45 Km e viene solitamente percorso a tappe.

Il percorsoModifica

 
Il Sentiero del Viandante

Il sentiero riprende una serie di tracciati che anticamente collegavano i paesi della sponda orientale del lago da Lecco a Colico e che facevano parte di un più ampio sistema di collegamento da Milano ai passi alpini, come il passo del Settimo.[1] L'origine della rete di comunicazione non è certa, attribuita da alcuni a epoca romana.[2][3] Sicuramente costituiva un sistema alternativo al trasporto tramite imbarcazioni sul lago, ma più scomodo, e collegava diverse fortificazioni presenti sul territorio.[4]

Il tratto iniziale tra Lecco e Abbadia Lariana è in parte scomparso per la costruzione di più ampie vie di comunicazione, ultima la strada statale 36.[5]

Tra la località Génico (Lierna) e il castello di Vezio (Perledo-Varenna) il percorso è oggi presentato con due possibili tracciati e la variante alta, considerata più antica, raggiunge quota 992 m presso la chiesa di San Pietro in località Ortanella (Esino Lario);[6] in passato esisteva invece un maggior numero di diramazioni e percorsi alternativi.[7] Era probabilmente utilizzato anche da pellegrini e sul percorso erano presenti antiche chiese e monasteri per l'accoglienza dei viandanti.[8]

Dalla metà dell'Ottocento venne abbandonato per la realizzazione delle gallerie della strada dello Spluga, oggi strada provinciale del lago di Como, che migliorò notevolmente le modalità di trasporto.[9]

«Quand'io visitai la prima volta queste rive (quanti anni son già!) non c'era modo di venire da Lecco a Colico se non colle barche. Alle terre che sono messe a scanceria sulla sua riva sinistra, non camminavasi che per viottoli sassosi, dirupati; ed anche nell'interno da casa a casa arrivavasi per strade, graficamente indicate dal nome di scalotte. Chi mi avesse allora detto che da Lierna, da Varenna, da Bellano passerebbe un giorno le bare e i velociferi, quando a mala pena vi si reggevano i muli!»

(Cesare Cantù[10])

Attualmente alcuni tratti del percorso sono su strade asfaltate, in prossimità o all'interno dei centri abitati.

Le guide indicano la divisione del percorso in un diverso numero di tappe;[11][12] la presenza delle stazioni ferroviarie della linea Lecco-Tirano permette infatti agli escursionisti di stabilire tappe di diversa lunghezza.

Il nomeModifica

Il nome "sentiero del Viandante" è di recente invenzione ed è riconducibile al 1992,[7] quando venne completato il recupero e il ripristino dei vari tratti del percorso da parte dell'Azienda di promozione turistica del Lecchese. Il primo a interessarsi ad una riscoperta del sentiero fu Pietro Pensa,[3] che scrisse anche un romanzo intitolato La strada del Viandante (1984).

In passato la strada di comunicazione della sponda orientale era nota come "via Ducale" o "via Regia"; in epoca recente alcuni tratti ebbero la denominazione "Napoleona" per gli interventi di risistemazione effettuati in età napoleonica.[1]

Eventi sportiviModifica

Dal 2014 con cadenza annuale lungo parte del percorso si svolge una manifestazione sportiva denominata Trail del Viandante.[13]

NoteModifica

  1. ^ a b Borghi, p. 5.
  2. ^ Pensa 1992, p. 331.
  3. ^ a b Borghi, p. 10.
  4. ^ Borghi, passim.
  5. ^ C. Caccia, Il sogno del Viandante, in Orobie, aprile 2017, pp. 54-63.
  6. ^ Borghi, pp. 39, 43.
  7. ^ a b Il sentiero del Viandante - Cenni storici, su prolocolario.it.
  8. ^ Borghi, pp. 15-16.
  9. ^ Club Alpino Italiano, p. 231.
  10. ^ Cesare Cantù, Grande illustrazione del Lombardo-Veneto, vol. 5, Milano, 1859, p. 169.
  11. ^ Il sentiero del Viandante (PDF), su lakecomo.it (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2017).
  12. ^ Il sentiero del viandante, su leviedelviandante.it.
  13. ^ Trail del Viandante, su traildelviandante.it.

BibliografiaModifica

  • Il sentiero del viandante, in Le province di Como e Lecco. Il Lario, le ville, i parchi, Bellagio, Menaggio, Varenna, Touring Club Italiano, 2003, pp. 110-111.
  • Angelo Borghi, Sentiero del Viandante, Lecco, Azienda Promozionale Turistica del Lecchese, 1992.
  • Club Alpino Italiano, Il Sentiero del Viandante, in Passeggiate sulle Alpi, Corriere della Sera, 2016, pp. 225-231.
  • Albano Marcarini, Il sentiero del viandante. A piedi da Abbadia Lariana a Colico lungo il lago di Como, Sondrio, Lyasis, 2005.
  • Pietro Pensa, Strada della Riviera, in Le antiche vie di comunicazione del territorio orientale del Lario e le loro fortificazioni, Como, 1977, pp. 12-13.
  • Pietro Pensa, Strade del Lario orientale, in L'Adda il nostro fiume, II, Lecco, 1992, pp. 330-331.
  • Giovanna Virgilio, Il Sentiero del Viandante. Arte, storia e cultura tra lago e montagna, Lecco, 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305428798 · WorldCat Identities (EN305428798
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia