Apri il menu principale

Sergej Grigor'evič Lomonosov

diplomatico russo

BiografiaModifica

Discendente da una nobile famiglia moscovita, Lomonosov era il figlio del maggiore generale Grigorij Gavrilovič Lomonosov. Studiò presso il Liceo imperiale di Carskoe Selo.

CarrieraModifica

Nel 1818, è stato mandato presso l'ambasciata a Washington, ma nel 1821 tornò a San Pietroburgo, e nello stesso anno è andato in Spagna. Dopo aver trascorso un po' di tempo a Madrid, Lomonosov è stato trasferito all'ambasciata di Parigi, dove rimase fino al 1829.

Nel 1831 è stato trasferito all'ambasciata di Copenaghen, e alla fine dello stesso anno, divenne il primo segretario dell'ambasciata di Londra.

Nel 1841 Lomonosov è stato nominato ambasciatore in Brasile. Durante il suo soggiorno, viaggiò dalla costa di Rio de Janeiro alla foce del Rio delle Amazzoni, e probabilmente il primo russo a conoscere il Sud America.

Nel 1848 è stato trasferito in Portogallo. Dal 1853 fino alla sua morte ha servito come inviato straordinario e ministro plenipotenziario nei Paesi Bassi.

MorteModifica

Morì il 13 ottobre 1857 a San Donato e fu sepolto a Livorno.

Fu un collezionista di animali impagliati che collezionò durante i suoi viaggi, alcuni dei quali nel 1851 furono donati al Museo Zoologico dell'Università di Kazan[2].

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Čereskaja S.G. // Lomonosov, Puskin e il suo entourage. - 1989[collegamento interrotto]
  2. ^ Lavrov SD catalogo sistematico dei vertebrati del Museo Zoologico dell'Università di Kazan. - Kazan, 1907. - T. Carlo II. Uccelli (Aves). - 373 con.
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie