Solfito di sodio

sale di sodio dell'acido solforoso
Solfito di sodio
Formula di struttura
Nome IUPAC
Triossosolfato di disodio (IV)
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareNa2SO3
Massa molecolare (u)126,04 g/mol
Aspetto(20 °C)
Numero CAS7757-83-7
Numero EINECS231-821-4
PubChem24437
SMILES
[O-]S(=O)[O-].[Na+].[Na+]
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua220 g/l (20 °C)
Temperatura di fusione500 °C (>773 K) (decomposizione)
Temperatura di ebollizione°C (273 K) (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H---
Consigli P--- [1]

Il solfito di sodio (o solfito sodico) è il sale di sodio dell'acido solforoso. Esiste anche in forma eptaidrata, ma è meno utile a causa della sua maggiore suscettibilità all'ossidazione da parte dell'aria.[2]

A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco inodore.

Trova impiego come additivo col codice E221.

PreparazioneModifica

Il solfito di sodio può essere preparato trattando una soluzione di idrossido di sodio con anidride solforosa. Se condotto in acqua calda, Na2SO3 inizialmente precipita come solido giallo. Con più SO2, il solido si dissolve per dare il disolfito, che si cristallizza con il raffreddamento:[2]

 

Il solfito di sodio viene prodotto industrialmente trattando l'anidride solforosa con una soluzione di carbonato di sodio.[3] La reazione generale è:

 

ApplicazioniModifica

Il solfito di sodio è utilizzato principalmente nell'industria della cellulosa e della carta.[4]


Come agente di assorbimento dell'ossigeno, è usato per trattare l'acqua che viene alimentata alle caldaie a vapore per evitare problemi di corrosione.[5] Nell'industria fotografica protegge le soluzioni di sviluppo dall'ossidazione e viene anche usato per lavare il fissatore (tiosolfato di sodio) dal film e dalle emulsioni di carta fotografica

Come agente riducente viene utilizzato nell'industria tessile come agente sbiancante, desolforante e declorante (ad esempio nelle piscine). Le sue proprietà riducenti sono sfruttate nel suo uso come conservante per prevenire lo scolorimento della frutta secca e per preservare le carni.

È usato come agente solfonante e solfometilante e nella produzione di tiosolfato di sodio.

Forma eptaidrataModifica

Se si lascia cristallizzare il solfito di sodio da una soluzione acquosa a temperatura ambiente o inferiore, si genera l'eptaidrato.[2] I cristalli di eptaidrato efflorescono nell'aria calda e secca. I cristalli di eptaidrato si ossidano all'aria per formare il solfato.[6]

NoteModifica

  1. ^ scheda del solfato di sodio su IFA-GESTIS
  2. ^ a b c H. F. Johnstone, Sulfites and Pyrosulfites of the Alkali Metals, in Inorganic Syntheses, vol. 2, 1946, pp. 162–167, DOI:10.1002/9780470132333.ch49, ISBN 978-0-470-13233-3.
  3. ^ Edward D. Weil e Stanley R. Sandler, Sulfur Compounds, in Jacqueline I. Kroschwitz (a cura di), Kirk-Othmer Concise Encylclopedia of Chemical Technology, 4th, New York, John Wiley & Sons, Inc., 1999, p. 1937, ISBN 978-0-471-41961-7.
  4. ^ (EN) Ullmann's Encyclopedia of Industrial Chemistry, Weinheim, Wiley-VCH, DOI:10.1002/14356007.a25_477.
  5. ^ Pre-boiler and Boiler Corrosion Control | GE Water, su gewater.com. URL consultato il 21 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2017).
  6. ^ Merck Index of Chemicals and Drugs, 9th ed. monograph 8451

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica