Apri il menu principale

Solighetto

frazione del comune italiano di Pieve di Soligo

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Il campanile

Paese raccolto intorno al vecchio nucleo di piazza Libertà e attraversata dal fiume Soligo, Solighetto vanta alcuni luoghi di interesse storico e paesaggistico degni di nota.

Chiesa parrocchialeModifica

La parrocchiale di Solighetto[2] è un edificio del XIX secolo voluto da Gerolamo Brandolini Rota e consacrato all'Immacolata Concezione, costruito in luogo di una chiesa preesistente dedicata a Sant'Andrea.

La facciata a capanna è in stile neoclassico, con grande timpano dentellato poggiante su una spessa architrave, dalla quale partono quattro lunghe lesene di ordine corinzio; si giunge all'ingresso, costituito da un portale rettangolare, attraverso una scalinata collegata alla piazza, dove, oltre ad un alto campanile, è presente una fontana.

L'interno della chiesa va segnalato per un'opera di Giovanni De Min, Proclamazione del dogma dell'Immacolata Concezione, posta sul soffitto dell'unica navata.

Villa Brandolini d'AddaModifica

 
Villa Brandolini
 Lo stesso argomento in dettaglio: Villa Brandolini d'Adda.

Oltre che dalla chiesa, il centro storico è segnato da un'altra architettura di grande rilievo: si tratta di una villa veneta del XVIII secolo, circondata da un ampio giardino, attualmente importante centro culturale del paese[3].

Giardino SalomonModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Giardino Salomon.

Il Giardino Salomon è un parco di Solighetto, un tempo museo all'aperto di sculture di Toni Benetton, nato da un'iniziativa promossa da alcuni grandi intellettuali veneti nel XX secolo.

EconomiaModifica

L'economia di Solighetto è indissolubilmente legata all'agricoltura, essendo quest'area perlopiù coltivata a viti, rientrando in una zona famosa per la produzione del vino Prosecco. È inoltre sede del Consorzio per la tutela del Prosecco D.O.C.. Non manca, di conseguenza, la presenza di attività di tipo agrituristico.

Tuttavia, nel secondo Novecento, ai margini dell'abitato, si è sviluppata anche qualche attività di tipo industriale.

NoteModifica

  1. ^ In assenza di dati ufficiali precisi, si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia locale, reperibile nel sito della CEI.
  2. ^ Vedi anche la scheda della parrocchia nel sito diocesano
  3. ^ Scheda della villa nel sito dell'Istituto Regionale Ville Venete[collegamento interrotto]

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica