Differenze tra le versioni di "Jacques Roubaud"

sezione biografica, premio e fonte
(sezione biografica, premio e fonte)
}}
 
== Biografia ==
Membro di [[OuLiPo]] dal [[1966]], ha dato con la sua opera un'esemplare dimostrazione del potenziale creativo che si sprigiona dall'interpenetrazione di [[matematica]] e [[letteratura]].<ref name="poeta">{{Cita web | url=http://www.egs.edu/faculty/jacques-roubaud/biography/ | titolo=Jacques Roubaud Page Facoltà presso la European Graduate School (Biografia, bibliografia e video conferenze) | editore=European Graduate School | autore= | accesso=6 aprile 2011 | urlmorto=sì | urlarchivio=https://web.archive.org/web/20110610044440/http://www.egs.edu/faculty/jacques-roubaud/biography/ | dataarchivio=10 giugno 2011 }}</ref>
 
 
In campo poetico uno dei risultati più alti è ''Qualcosa di nero'' (1986), lamento in morte della moglie. La sua opera narrativa più importante è il ciclo iniziato con ''Il grande incendio di Londra'', in cui Roubaud descrive l'opera ''Projet'' che non scriverà mai, e proseguito con ''L'Anello'', che si conclude con l'autore sprofondato nella lettura dall'inizio. Tra le sue opere vanno inoltre ricordate: ''La bella Ortensia'' (1985) e il ''Rapimento di Ortensia'' (1987).
 
Nel 2008, l'[[Académie française]] gli ha conferito il [[Grand Prix de littérature Paul Morand]]<ref>{{Cita web|url = http://www.academie-francaise.fr/grand-prix-de-litterature-paul-morand|titolo = Grand Prix de Littérature Paul Morand|sito = academie-francaise.fr|accesso = 15 gennaio 2020}}</ref>
 
== Onorificenze ==