Apri il menu principale

Stadio Pacevecchia

impianto sportivo di Benevento
Pacevecchia
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Guido D'Orso
82100 Benevento
Inaugurazione1982
Mat. del terrenotappeto erboso
ProprietarioComune di Benevento
Uso e beneficiari
Rugby a 15Benevento
Capienza
Posti a sedere4 000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°06′53.11″N 14°48′11.52″E / 41.114752°N 14.803201°E41.114752; 14.803201

Lo stadio Pacevecchia di Benevento è il campo sportivo dedicato al rugby. In particolare ospita le gare interne dell'U.S. Rugby Benevento.

Costruito sul finire degli anni 70 è stato inaugurato nel settembre 1982, Benevento-Parma, gara valevole per il campionato dell'allora Serie A a girone unico.

In oltre 30 anni di storia sul campo Pacevecchia si è sempre e solo giocato al rugby. L'unica eccezione è stata il 5 maggio 2007, quando ha ospitato un quadrangolare di calcio di beneficenza tra Nazionale Italiana Parlamentari, Rappresentativa Amministratori del Sannio, Rappresentativa Giornalisti sportivi, e artisti Campani e Carpisa Napoli.

L'impianto è dotato di tribuna coperta da 2500 e di ulteriori 1500 scoperti.

Il fondo è in erba, caratteristica che viene conservata per 365 giorni all'anno, grazie ad un'attenta manutenzione.

Nel 2006 è l'impianto ha subito piccole modifiche di adeguamento agli standard di sicurezza e comfort.

L'impianto è di proprietà del Comune di Benevento che l'ha dato in gestione al Rugby Benevento fino al settembre del 2006.

Alla scadenza dell'accordo, altre società hanno fatto richiesta di affidamento, ma al 5 maggio 2007 l'amministrazione comunale non ha ancora preso alcuna decisione, lasciando di fatto la gestione al Rugby Benevento in attesa di una soluzione definitiva, che possa accontentare tutte le realtà sportive interessate ad utilizzare l'impianto comunale di rugby.

Collegamenti esterniModifica

  • beneventorugby.it, su beneventorugby.it:8081. URL consultato il 29 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  • Rugby Sannio, su rugbysannio.it. URL consultato il 2 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2016).