Stazione di Portici Bellavista

Portici Bellavista
stazione ferroviaria
Portici Bellavista.jpg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Portici
Coordinate 40°49′21.72″N 14°20′35.16″E / 40.8227°N 14.3431°E40.8227; 14.3431Coordinate: 40°49′21.72″N 14°20′35.16″E / 40.8227°N 14.3431°E40.8227; 14.3431
Linee Napoli–Poggiomarino
Caratteristiche
Tipo stazione in trincea
Stato attuale in uso
Interscambi autobus urbani
filobus

La stazione di Portici Bellavista è una fermata della ex Circumvesuviana che serve il comune di Portici: la stazione si trova sulla linea Napoli–Poggiomarino.

Fu inaugurata nel 1927, su progetto dell'ingegnere Carlo Avena, figlio del noto Adolfo Avena, in sostituzione della precedente stazione di Portici, posta poche centinaia di metri più a sud. All'inizio degli anni 2000 la stazione è stata sottoposta ad un'operazione di restyling, su progetto dell'architetto Nicola Pagliara, che ha portato tra l'altro al restauro dello storico fabbricato viaggiatori, in stile art noveau e risalente all'inizio del XX secolo, oggi usato da diverse associazioni civiche di Portici e all'installazione di ascensori per i portatori di handicap.

Strutture e impiantiModifica

La stazione è dotata di una sorta di fabbricato viaggiatori che si trova sospeso sulla linea ferroviaria sottostante in cui trova posto la biglietteria. L'accesso alle due banchine, a servizio dei due binari passanti, è permesso da due scale laterali. Nella stazione sono stati installati recentemente (2006) anche degli ascensori

MovimentoModifica

Nella stazione fermano tutti i treni accelerati e diretti per Napoli, Poggiomarino e Sorrento, mentre non fermano i direttissimi.

ServiziModifica

La stazione dispone di:

  •   Biglietteria
  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trasporti

Bibliografia: C. De Falco, Trasporti su rotaie agli inizi del Novecento. La Circumvesuviana e il progetto della stazione di Bellavista, in Storia dell'Ingegneria, Atti del I Convegno Nazionale, a cura di A. Buccaro, G. Fabbricatore, L. M. Papa, Cuzzolin Editore, Napoli 2006, pp. 1047-1055