Ferrovia Napoli-Pompei-Poggiomarino

linea ferroviaria italiana
Napoli-Pompei-Poggiomarino
Stati attraversati Italia Italia
Lunghezza 35 km
Apertura 1904
Gestore Ente Autonomo Volturno
Precedenti gestori SFSM (1904-1985)
Gestione Commissariale Governativa (1985-2001)
Circumvesuviana (azienda) (2001-2012)
Scartamento 950 mm
Elettrificazione 1500 V CC
Ferrovie

La ferrovia Napoli-Pompei-Poggiomarino[1] è una ferrovia della rete Circumvesuviana gestita dall'Ente Autonomo Volturno.

Condivide gran parte del suo tracciato con la linea Napoli-Sorrento, per poi diramare in direzione Scafati e Boscoreale, il capolinea di Poggiomarino è a sua volta interconnesso con la linea Napoli-Sarno.

Indice

StoriaModifica

Nel 1901 fu concessa alla Società Anonima per la ferrovia Napoli-Ottaiano e alla SME la costruzione e l'esercizio di una linea a scartamento ridotto intorno al Vesuvio, prolungamento della preesistente Napoli-San Giuseppe Vesuviano[2]i cui lavori furono affidati all'ingegnere G. Luigi Mellucci[senza fonte].

I lavori iniziarono nel 1902[3], e la linea fu inaugurata il 28 dicembre 1904[4], provvisoriamente con trazione a vapore[5]; il 22 marzo 1905 la tratta Napoli-Pompei-Poggiomarino fu elettrificata in corrente continua alla tensione di 650 V[6], elevata a 1000 V nel 1925 (anno in cui fu anche sostituito l'armamento e rinnovati gli impianti elettrici)[7]. L'anno successivo anche la tratta finale della linea, da Poggiomarino a Sarno, fu elettrificata[8]

Danneggiata durante la seconda guerra mondiale e l'eruzione del Vesuvio del 1944[9], la linea fu ricostruita.

Il 6 gennaio 1948 entrò in funzione il raddoppio del binario fra Ercolano e Torre Annunziata; tale opera, resasi necessaria in previsione del completamento della linea per Sorrento, richiese la ricostruzione di numerosi fabbricati viaggiatori. Contemporaneamente vennero eliminati tutti i passaggi a livello[10]. Il raddoppio della tratta Napoli-Barra-Torre Annunziata, i cui lavori erano iniziati dopo il conflitto, furono completati negli anni sessanta e inaugurati il 28 ottobre 1969: furono costruiti complessivamente oltre 6,5 km di nuove sedi, 7 ponti ferroviari, due cavalcavia, eliminati 17 passaggi a livello e costruite 6 nuove stazioni (Barra, Santa Maria del Pozzo, San Giorgio, Cavalli di Bronzo, Portici via Salute ed Ercolano)[11].

Nell'ambito di un piano di lavori sull'intera rete durato dal 1968 al 1975 furono rialzate le banchine, costruite pensiline, risanata la massicciata ed esteso il blocco automatico a correnti codificate su tutte le tratte della Circumvesuviana[12]. Entrarono inoltre in servizio nuovi elettrotreni che permisero di accantonare le elettromotrici sino ad allora in servizio[13]; fu inoltre innalzata la tensione d'esercizio a 1500 V cc[14].

Il 18 dicembre 2009 la tratta da Torre Annunziata a Pompei è stata raddoppiata con un percorso ex novo di 5,3 km che ha consentito l'eliminazione di 8 passaggi a livello e ha portato alla chiusura delle stazioni di Boscoreale e Boscotrecase, sostituite da due nuove stazioni sotterranee.[15]

PercorsoModifica

Traffico passeggeriModifica

La ferrovia è molto trafficata, specie nella tratta da Torre Annunziata a Napoli, anche se vi sono ottimi flussi viaggiatori anche sulla restante tratta. Importanza notevole ha anche la stazione di Pompei che si trova proprio alle spalle del Santuario della Madonna del Rosario.

DestinazioniModifica

Le destinazioni dei treni sono esclusivamente per Napoli e Poggiomarino, eccetto una coppia di treni per Sarno.

I tempi di percorrenza per l'intera tratta è di 57 minuti. Tutti i treni sono accelerati, ossia fermano in tutte le stazioni.

NoteModifica

  1. ^ Tracciato Napoli-Poggiomarino:Eavcampania.it
  2. ^ Regio Decreto n° 146 dell'11 aprile 1901, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 110 del 9 maggio 1901
  3. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 19
  4. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926
  5. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 20
  6. ^ Ogliari, Paci, op. cit., pp. 25-26
  7. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 33
  8. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 41
  9. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 63
  10. ^ I nuovi impianti ferroviari per la penisola Sorrentina, in "Ingegneria Ferroviaria" anno III n. 1 (gennaio 1948), pp. 31-32
  11. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 77
  12. ^ Ogliari, Paci, op. cit., pp. 77-79
  13. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 82
  14. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 85
  15. ^ http://www.ilmattino.it/napoli/provincia/circumvesuviana_inaugurate_due_stazioni_54_chilometri_di_nuove_linee/notizie/84750.shtml Circumvesuviana, inaugurate due stazioni 54 chilometri di nuove linee

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti