Steve Ballmer

imprenditore e informatico statunitense

Steven Anthony Ballmer (Detroit, 24 marzo 1956) è un imprenditore e informatico statunitense.

Ballmer nel 2014

È stato amministratore delegato di Microsoft dal 2000 al 2014. Dal 12 agosto 2014 è il proprietario della squadra di pallacanestro statunitense Los Angeles Clippers.[1]

Al 24 maggio 2022, secondo Forbes, risulta essere uno degli uomini più ricchi al mondo con un patrimonio di 86,2 miliardi di dollari.[2][3]

BiografiaModifica

Ballmer è nato a Detroit, Michigan, figlio di Beatrice Dworkin e Frederic Henry Ballmer (Fritz Hans Ballmer), un manager della Ford Motor Company. Suo padre era un immigrato svizzero, sua madre ebrea bielorussa. Attraverso sua madre, Ballmer è cugino di secondo grado dell'attrice e comica Gilda Radner. Ballmer crebbe nella ricca comunità di Farmington Hills, Michigan. Ha anche vissuto a Bruxelles dal 1964 al 1967, dove ha frequentato la Scuola Internazionale di Bruxelles.

Nel 1973, ha frequentato corsi di preparazione al college e di ingegneria presso la Lawrence Technological University. Si è diplomato alla Detroit Country Day School, una scuola privata di preparazione al college a Beverly Hills, Michigan. Nel 1977 si è laureato magna cum laude presso l'Università di Harvard in matematica applicata ed economia.

Al college, Ballmer era un manager della squadra di football Harvard Crimson e membro del Fox Club, ha scritto sul giornale The Harvard Crimson e sull'Harvard Advocate, e ha vissuto nello stesso corridoio del collega Bill Gates. Ha ottenuto un punteggio elevato nella William Lowell Putnam Mathematical Competition, un esame sponsorizzato dalla Mathematical Association of America, ottenendo un punteggio superiore a Bill Gates. Ha poi lavorato come assistente product manager presso Procter & Gamble per due anni, dove ha condiviso un ufficio con Jeff Immelt, che in seguito è diventato CEO di General Electric. Dopo aver provato brevemente a scrivere sceneggiature a Hollywood, nel 1980 Ballmer abbandonò la Stanford Graduate School of Business per unirsi a Microsoft.

Alla MicrosoftModifica

Ballmer ha costruito la propria fortuna grazie alle stock options ricevute come dipendente Microsoft, azienda della quale non è stato fondatore. Dopo Bill Gates, è stato uno dei più carismatici leader all'interno di Microsoft, noto anche per alcuni comportamenti particolarmente estrosi esibiti in più occasioni[4]. È noto anche per alcuni commenti aspramente critici nei confronti di Apple[5], Linux e del movimento open source[6][7].

Il 23 agosto 2013 annuncia in una lettera che si sarebbe dimesso dalla carica di amministratore delegato di Microsoft entro 12 mesi[8]. Il 20 agosto 2014, come già anticipato in una lettera[9] inviata al suo successore Satya Nadella, lascia il CDA di Microsoft[10]. Il 5 novembre Ballmer partecipa a Building the vision, evento di start-up e innovazione andato in scena al teatro Eliseo di Roma.

Il 12 agosto 2014, la NBA, lega cestistica americana, ha definito l'acquisto, per la cifra record di 2 miliardi di dollari, della franchigia dei Los Angeles Clippers da parte di Steve Ballmer, che rileva la franchigia dal precedente padrone, Donald Sterling, accusato di razzismo e quindi multato e radiato dal panorama NBA.

Vita privataModifica

Nel 1990 Ballmer ha sposato Connie Snyder. La coppia ha tre figli.

I Ballmers vivono a Hunts Point, Washington.

NoteModifica

  1. ^ Nba, inizia la nuova era Clippers con Steve Ballmer, su gazzetta.it, 19 agosto 2014. URL consultato il 19 agosto 2014.
  2. ^ forbes.com, https://www.forbes.com/profile/steve-ballmer/.
  3. ^ THE REAL-TIME BILLIONAIRES LIST, su forbes.com. URL consultato il 9 marzo 2021.
  4. ^   (EN) Steve Ballmer Going Crazy on Stage, YouTube, 14 dicembre 2011. URL consultato il 18 ottobre 2019.
  5. ^ (EN) Cade Metz, Tech Time Warp of the Week: Watch Steve Ballmer Laugh at the Original iPhone, in Wired, 6 settembre 2014.
  6. ^ (EN) Joe Wilcox, Stephen Shankland, Why Microsoft is wary of open source, in CNet, 18-06-2001. URL consultato il 20-08-2014.
  7. ^ (EN) Graham Lea, MS' Ballmer: Linux is communism, in The Register, 31-07-2000. URL consultato il 26-01-2007.
  8. ^ (EN) Moving forward, in Microsoft, 28-08-2013.
  9. ^ (EN) Steve Ballmer steps down as board member at Microsoft, 19-08-2014. URL consultato il 20-08-2014.
  10. ^ Aldo Fresia, Steve Ballmer lascia il cda di Microsoft, in Wired, 20-08-2014. URL consultato il 20-08-2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN23149105996668490141 · ISNI (EN0000 0003 7916 0551 · LCCN (ENn2002021730 · GND (DE124462642 · J9U (ENHE987007401771105171 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002021730