Strumenti della musica popolare della Sardegna

Gli strumenti della musica popolare della Sardegna sono stati oggetto, soprattutto durante il Novecento, di ampie ed accurate ricerche condotte in particolare da Giulio Fara e Andreas Fridolin Weis Bentzon. Diversi sono anche i contributi pervenuti da altri autorevoli studiosi: da Alberto La Marmora a Vittorio Angius, Joseph Fuos, Heinrich von Maltzan, all'appassionato ricercatore Giovanni Dore che in oltre cinquant'anni di attività raccolse circa cinquecento tra strumenti musicali, oggetti sonori e congegni fonici, oggi in parte conservati nel Museo degli strumenti della musica popolare sarda di Tadasuni (OR).

Suonatori di launeddas col costume tradizionale di Selargius

Gli strumenti sono qui raggruppati in quattro categorie: idiofoni, membranofoni, cordofoni e aerofoni, secondo il sistema di classificazione elaborato da Curt Sachs ed Erich von Hornbostel.

  • Aerofoni (il suono è prodotto dalla vibrazione dell'aria all'interno dello strumento stesso):
    • trumbitta
    • benas
    • launeddas (anche sonus de canna, trubeddas, bisonas, bìdulas, bìtzulas)
    • pipiolu
    • flautu 'e linna (anche piffaru, pipiriolu)
    • flautu 'e canna
    • iskeliu (anche scràmia-betu)
    • chìgula (anche foza 'e lavru, foza de edra)
    • ossu 'e pruna
    • sarmentu
    • càligh 'e muru (anche pinta-pane)
    • corru 'e boe
    • corru marinu (anche conchizzu, sa corra)
    • trunfa (anche zampurra, biurdana, ribelvia)
    • moliette 'e canna (anche trodoledda)
    • muscone
    • frùsciu
    • armonium
    • sonetto a bucca
    • fisarmonica
    • organittu (anche organette, sunettu, so'eddu)
  • Idiofoni (il suono è prodotto mediante la vibrazione del corpo stesso dello strumento, senza l'utilizzo di corde o membrane tese):
    • campanas
    • triangulu
    • règulas
    • affuente
    • zucchitas
    • furrianughe
    • mumusu
    • mamuthones
    • campaneddas ladas
    • ischiglittos
    • mommodinu
    • ranas
    • taulittas
    • tabeddas
    • matracca
    • matracca corruda
  • Membranofoni (il suono è prodotto dalla vibrazione di una membrana tesa):
    • tumbarinu de cointrozza
    • tumbarinu 'e Gavoi (var.: t. 'e gardone, t. cun criccos)
    • tumbarineddu
    • tedazzeddu
    • mòggiu (anche moizzeddu)
    • trìmpanu (anche scorriu, moliaghe, òrriu, tunciu, zumbu zumbu)
  • Cordofoni (il suono è prodotto dalla vibrazione di una o più corde tese dello strumento stesso):

Galleria d'immaginiModifica

BibliografiaModifica

  • Giovanni Dore, Gli strumenti della musica popolare della Sardegna, Cagliari, Edizioni 3T, 1976, SBN IT\ICCU\CAG\0024988.
  • Gian Nicola Spanu (a cura di), Sonos: strumenti della musica popolare sarda, Cagliari, Ilisso, 1998, ISBN 88-85098-30-4.
  • Francesco Floris (a cura di), Enciclopedia della Sardegna, Sassari, Newton&Compton editore, 2007.
  • Gian Nicola Spanu, Strumenti e suoni della musica popolare sarda, Cagliari, Ilisso, 2014, ISBN 978-88-6202-322-1.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica