Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tordo pavone
Symphodus tinca maschio Croazia.jpg

Symphodus tinca femmina Muggia.jpg
Esemplare maschile non riproduttivo (in alto) e femminile (in basso)

Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Labroidei
Famiglia Labridae
Genere Symphodus
Specie S. tinca
Nomenclatura binomiale
Symphodus tinca
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Crenilabrus tinca, Labrus lapina, Labrus polychrous, Labrus tinca, Lutjanus lapina Labrus tinca (Linnaeus, 1758)
Crenilabrus tinca (Linnaeus, 1758)
Crenilabrus pavo (non Linnaeus, 1758)
Symphodus pavo (non Linnaeus, 1758)
Labrus pavo (non Linnaeus, 1758)
Labrus lapina (Forsskål, 1775)
Lutjanus lapina (Forsskål, 1775)
Labrus polychrous (Pallas, 1814)

Maschio in livrea nuziale

Symphodus tinca (Linnaeus, 1758), conosciuto in italiano come tordo pavone, è un pesce osseo marino della famiglia Labridae.

Distribuzione e habitatModifica

Il tordo pavone è presente nel Mar Mediterraneo, nel Mar Nero e nell'Oceano Atlantico orientale, dal Marocco al golfo di Guascogna[2]. È comune nei mari italiani[3].

Popola i fondi scogliosi e le praterie di Posidonia oceanica, soprattutto le zone ricche di sedimentazione, a profondità da 1 a 20 metri[4]. Può essere incontrato nelle lagune con acqua a salinità marina[2]. I giovani vivono in acque bassissime[3].

DescrizioneModifica

Simile come forma generale agli altri Symphodus, questa specie è caratteristica per le labbra molto sviluppate, appuntite. Il corpo è piuttosto alto[4].

La livrea, nonostante che sia molto variabile come nella generalità dei Symphodus, è il carattere più importante per il riconoscimento della specie. Il tordo pavone in genere ha colore di fondo grigiastro o marrone molto chiaro con 3 bande scure orizzontali ben evidenti, una delle quali passa proprio sotto la pinna dorsale. Sul muso, all'altezza degli occhi è presente una fascia scura a V con la punta rivolta indietro. Inoltre nella zona centrale del peduncolo caudale è presente una macchietta scura. I giovanili spesso sono di un uniforme grigio-beige, a volte con pinna caudale scura. I maschi adulti, specie nel periodo degli amori, hanno colori molto vivaci: tinta di fondo giallo vivo, le tre fasce orizzontali scure sono cosparse di puntini rossi e blu, questi ultimi sparsi anche sul resto del corpo e sulle pinne. Inoltre è presente una macchia scura all'altezza della pinna pettorale; anche la fronte è scura. Le pinne pettorali sono di solito gialle, le pinne ventrali blu o arancio[3][4][5].

È il Symphodus più grande, la taglia massima nota è di 44 cm, 25 cm è la taglia media degli adulti[2].

BiologiaModifica

È il Symphodus più longevo[3], può raggiungere 15 anni di vita[2].

RiproduzioneModifica

Avviene in primavera, al contrario che nei congeneri il maschio non costruisce un nido ma delimita semplicemente un'area ricca di alghe sulle quali la femmina depone le uova. Il maschio sorveglia poi le uova fino alla schiusa[3]. È una specie che va incontro all'inversione sessuale[2].

AlimentazioneModifica

Il tordo pavone si nutre di ricci di mare, ofiure, crostacei e molluschi bivalvi[2]. Per nutrirsi aspira con le labbra il sedimento del fondo e trattiene le particelle alimentari risputando i materiali non digeribili[4].

PescaModifica

Si cattura in abbondanza con tramagli, nasse e altri attrezzi costieri. Le carni non sono molto apprezzate (come quelle di quasi tutti i labridi) e si prestano solo alla preparazione della zuppa di pesce[5].

AcquariofiliaModifica

Dati i brillanti colori si tratta di una specie assai ricercata per gli acquari marini mediterranei[5].

ConservazioneModifica

Non è una specie minacciata, le popolazioni sono abbondanti e ben distribuite in tutto l'areale[1].

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Symphodus tinca, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ a b c d e f (EN) Symphodus tinca, su FishBase. URL consultato il 29/07/2014.
  3. ^ a b c d e Enrico Tortonese, Osteichthyes, Bologna, Calderini, 1975.
  4. ^ a b c d Patrick Louisy, Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, a cura di Trainito, Egidio, Milano, Il Castello, 2006, ISBN 88-8039-472-X.
  5. ^ a b c Francesco Costa, Atlante dei pesci dei mari italiani, Milano, Mursia, ISBN 88-425-1003-3.

BibliografiaModifica

  • Patrick Louisy, Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, a cura di Trainito, Egidio, Milano, Il Castello, 2006, ISBN 88-8039-472-X.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci