Apri il menu principale
Ted Kennedy
Ted Kennedy, official photo portrait crop.jpg

Senatore, Massachusetts
Durata mandato 7 novembre 1962 - 25 agosto 2009
Predecessore Benjamin Smith
Successore Paul G. Kirk

Dati generali
Partito politico Democratico
Tendenza politica Progressismo
Professione Politico
Firma Firma di Ted Kennedy

«Per tutti coloro le cui cure sono state la nostra preoccupazione, il lavoro va avanti, la causa perdura, la speranza vive ancora e il sogno non morirà mai.»

Ted Kennedy, all'anagrafe Edward Moore Kennedy (Boston, 22 febbraio 1932Barnstable, 25 agosto 2009), è stato un politico statunitense, figlio ultimogenito di Joseph P. Kennedy e Rose Fitzgerald, fratello del Presidente John Fitzgerald Kennedy e del senatore Robert Kennedy. È stato senatore per il Massachusetts ed ha fatto parte del Partito Democratico.

Indice

BiografiaModifica

Dall'Accademia di Milton entrò al College di Harvard nel 1950, ma venne espulso l'anno successivo per aver falsificato un esame di spagnolo. Dopo due anni nell'esercito degli U.S., ritorna a Harvard, dove si diploma nel 1956. Nel 1958 si iscrive all'Accademia del diritto internazionale dell'Aia e partecipa alla campagna di rielezione del fratello John. Dopo aver ottenuto la laurea in diritto all'Università della Virginia, Ted Kennedy venne ammesso all'Ordine degli Avvocati (Bar) del Massachusetts nel 1959.

Il 19 giugno 1964 Ted Kennedy era un passeggero sul volo privato di un velivolo Aero Commander 680, che, in condizioni di pessimo tempo atmosferico, volava da Washington al Massachusetts. Esso si schiantò in un meleto presso la cittadina di Southampton durante la fase di avvicinamento all'aeroporto cittadino di Westfield.[1][2] Il pilota, Edwin J. Zimny, ed Edward Moss, uno degli aiutanti dei Kennedy, morirono.[3] Kennedy fu estratto dal relitto del velivolo dal collega senatore Birch Bayh[1] e fu ricoverato in ospedale per mesi a seguito delle gravi ferite riportate: un polmone perforato, costole rotte ed emorragie interne.[4] Egli soffrì a causa dell'incidente di dolori alla schiena per tutta la vita.[5][6]

Il 18 luglio 1969 balzò agli onori della cronaca per il cosiddetto incidente di Chappaquiddick: dopo una festa sull'isola di Chappaquiddick (Martha's Vineyard) a bordo della sua Oldsmobile Delta 88, Ted uscì di strada all'altezza di Dike Bridge; la macchina cadde in mare e colò a picco. Ted non era solo, ma con una giovane donna, Mary Jo Kopechne, che annegò. Ted, dopo aver tentato di salvarla, tornò al luogo della festa chiedendo aiuto ai parenti della vittima e al suo avvocato prima di avvertire la polizia. Fu un gruppo di pescatori che ritrovò la vettura solo il mattino dopo ripescando anche il corpo della giovane. Solo quando la vettura fu identificata come appartenente a Ted, egli fu interrogato dalla polizia. Kennedy fu accusato di omissione di soccorso e condannato a due mesi di carcere, poi sospesi - la legge, per questo reato, prevedeva solo il carcere obbligatorio e non il potere discrezionale di una sospensione della pena. Il procuratore distrettuale Edmund Dinis depositò una petizione davanti a un giudice in Pennsylvania per l'esumazione del corpo di Kopechne basata su una testimonianza che vi era del sangue sulla gonna, sulla bocca e nel naso. Il gran giurì Edgartown riaprì l'inchiesta, ma non ha restituito una requisitoria. Le reputazione politica di Ted era comunque danneggiata. Quando si presentò alle primarie del 1980 contro il presidente Jimmy Carter, non riuscì a far placare lo scandalo.

 
Basilica di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Boston

Negli ultimi anni della sua vita risiedette a Hyannis Port, nel Massachusetts. Ted era nonno di 4 nipoti e tutore di 13 figli di John e Robert in seguito al loro assassinio del 1963 e 1968. Nel 2006 Kennedy ha scritto un libro per bambini (My senator and me: a dog's-eye view of Washington D.C.[7]) e una storia politica (America back on Track[8]). Il 17 maggio 2008 è stato ricoverato nell'ospedale del Massachusetts per i sintomi di un ictus, malore che si è rivelato dovuto ad un glioma nel lobo parietale sinistro, una forma maligna di tumore al cervello, che l'ha portato alla morte il 25 agosto 2009, due settimane esatte dopo la morte della sorella Eunice.[9]. Le esequie si sono tenute il 29 agosto 2009 nella Chiesa della Basilica di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Boston, e nello stesso giorno la salma fu sepolta all'Arlington National Cemetery, vicino a Washington.

Il presidente Barack Obama ha commentato: «Ho il cuore spezzato. Un capitolo importante della nostra storia si è chiuso. Il nostro Paese ha perso un grande leader, che ha preso il testimone dei suoi fratelli caduti ed è diventato il più grande senatore degli Stati Uniti dei nostri tempi... È stato un difensore del sogno americano, non solo uno dei migliori senatori ma anche uno degli americani che ha ottenuto maggiori successi... Un personaggio unico, e i suoi ideali hanno lasciato un segno nella vita di innumerevoli persone».

Carriera politicaModifica

Ted è stato eletto al Senato degli Stati Uniti nel 1962 al seggio vacante lasciato da suo fratello John. È stato continuamente rieletto senatore in Massachusetts al congresso americano alle elezioni del 1964, 1970, 1976, 1982, 1988, 1994, 2000 e 2006. Alla caotica convention nazionale democratica dell'agosto 1968, il sindaco di Chicago Richard J. Daley e alcuni delegati del partito, temendo che Hubert Humphrey non potesse unire il partito, gli chiesero di candidarsi alla presidenza ma lui temendo di essere considerato solo un sostituto del fratello, rifiutò.

Nel 2005 è divenuto il più anziano senatore attivo dopo Robert Byrd. È stato presidente della Commissione del Senato della sanità, l'educazione, il lavoro e le pensioni, presidente della sezione immigrazione della commissione giudiziaria e della sottocommissione delle Forze armate. Ha fondato l'associazione congressuale Friends of Ireland ("Amici dell'Irlanda") a sostegno di iniziative in favore della pace in Irlanda del Nord. Nell'aprile del 2006 il Time lo selezionò tra "I migliori 10 senatori d'America"[10]. Emblematica la sua battaglia a favore dei diritti civili e della riforma sanitaria gratuita per tutti i cittadini.

Ted appoggiò la legge "Fair Minimum Wage Act of 2007" incrementando il salario minimo da $2,10 a $7,25 per due anni e facendo tagli alle tasse per le piccole e medie imprese; questo per contrastare l'insorgenza della povertà e aiutare l'economia del paese. Secondo la propaganda repubblicana, Ted Kennedy era il membro più a "sinistra" del Senato[senza fonte]: dopo la sua morte, il "titolo" è passato alla Senatrice democratica californiana Barbara Boxer. Il 27 gennaio del 2008, durante le primarie democratiche, ha annunciato il suo appoggio a Barack Obama a cui si è unito l'altro senatore del Massachusetts ed ex candidato nel 2004 alla Casa Bianca, John Kerry. Hillary Clinton riuscì comunque a vincere nelle primarie di questo Stato.

Percentuali di vittorieModifica

 
La tomba ad Arlington

1962 Elezioni del Senato degli Stati Uniti, Massachusetts

Ted Kennedy (D) 55%
George C. Lodge (R) 41%
H. Steuart Hughes (I) 2%
Lawrence Gilfedder (Socialist Labor) 0.2%
Mark R. Shaw (Prohibition) .06%

1964 Elezioni del Senato degli Stati Uniti, Massachusetts

Ted Kennedy (D) (inc.) 74.3%
Howard Whitmore, Jr. (R) 25.4%

1970 Elezioni del Senato degli Stati Uniti, Massachusetts

Ted Kennedy (D) (inc.) 61.2%
Josiah A. Spaulding (R) 37%

1976 Elezioni del Senato degli Stati Uniti, Massachusetts

Ted Kennedy (D) (inc.) 69.3%
Michael Robertson (R) 29%

1982 Elezioni del Senato degli Stati Uniti, Massachusetts

Ted Kennedy (D) (inc.) 60.8%
Raymond Shamie (R) 38.3%

1988 Elezioni del Senato degli Stati Uniti, Massachusetts

Ted Kennedy (D) (inc.) 65.6%
Joseph D. Malone (R) 34.4%

1994 Elezioni del Senato degli Stati Uniti, Massachusetts

Ted Kennedy (D) (inc.) 58%
Mitt Romney (R) 41%

2000 Elezioni del Senato degli Stati Uniti, Massachusetts

Ted Kennedy (D) (inc.) 73%
Jack E. Robinson III (R) 13%
Carla Howell (Lib.) 11.9%

2006 Elezioni del Senato degli Stati Uniti, Massachusetts

Ted Kennedy (D) (inc.) 69.46%
Kenneth Chase (R) 30.54%

Matrimoni e discendenzaModifica

OnorificenzeModifica

Onorificenze statunitensiModifica

  Medaglia Presidenziale della Libertà
— 2009

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito (Cile)
  Fascia dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico)
— 2008
  Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico (Regno Unito)
  Ordine dei Compagni di O.R. Tambo in Oro (Sudafrica)
«Avversario senza paura dell'apartheid, un aperto critico dell'apartheid e un attivista instancabile per l'introduzione di sanzioni contro il regime dell'apartheid e per il suo eccezionale contributo alla lotta per il raggiungimento di un Sudafrica non-razziale, non sessista, libero e democratico»
— aprile 2012[11]
  Nansen Refugee Award (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati)
— 2009

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Teddy's Ordeal, in Time, 26 giugno 1964. URL consultato il 23 maggio 2008.
  2. ^ (EN) The Luck of the Kennedys, Check-Six.com, 8 maggio 2008. URL consultato il 24 febbraio 2009.
  3. ^ (EN) John F. Kennedy Jr. – Timeline: Misfortunes of a Family (CNN), luglio 1999. URL consultato il 23 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2008).
  4. ^ (EN) Neil Swidey, Chapter 2: The Youngest Brother: Turbulence and tragedies eclipse early triumphs, 16 febbraio 2009, The Boston Globe. URL consultato il 24 febbraio 2009.
  5. ^ (EN) Adam Clymer, Edward M. Kennedy: A Biography, Wm. Morrow & Company, 1999, pp. 244, 305, 549, ISBN 0-688-14285-0.
  6. ^ (EN) Jay Newton-Small, In the Senate, Ted Kennedy Still Rules, in Time, 17 maggio 2008. URL consultato il 20 giugno 2009.
  7. ^ http://www.cbc.ca/arts/story/2006/01/09/kennedy-book.html
  8. ^ Sen. Ted Kennedy and 'America Back on Track' : NPR
  9. ^ Usa in lutto, morto Ted Kennedy Obama: «Ho il cuore a pezzi» - Corriere della Sera
  10. ^ Ted Kennedy: The Dogged Achiever - TIME
  11. ^ About Government - National Orders April 2012

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68969344 · ISNI (EN0000 0001 0912 0568 · LCCN (ENn79091168 · GND (DE11877705X · BNF (FRcb121639331 (data) · NLA (EN35266010 · NDL (ENJA00445464 · WorldCat Identities (ENn79-091168