Apri il menu principale

Terminismo (dalla parola termine, nome) è una concezione filosofica riferita agli insegnanti di logica nelle università europee nei secoli XIV e XV.

Spesso questa concezione viene confusa con il nominalismo: mentre questo si accentra sull'aspetto gnoseologico che si dibatte nella cosiddetta "Disputa sugli universali", dove si polemizza sull'entità degli universali, se questi cioè siano reali o semplicemente nomi, emissione di suoni, il terminismo invece riguarda l'applicazione di un metodo filosofico che vuole introdurre rigore nell'uso dei termini, sia per il loro specifico significato che per la costruzione sintattica della proposizione.

Storia della concezioneModifica

Una riflessione sull'uso dei termini è già presente nel sofista Protagora che s'interessa in modo particolare della grammatica greca definendo il genere dei nomi, scoprendo la differenza tra il tempo e il modo del verbo e rilevando anche alcune contraddizioni della lingua greca che attribuiva caratteristiche del genere femminile a nomi tipicamente riferentesi a evidenze maschili: era il caso dei sostantivi greci femminili "ira" (menis) e "elmo" (pélex). Questo dimostra, secondo Protagora, che il linguaggio non ha niente a che fare con la realtà ma nasce da una convenzione tra gli uomini che talvolta è erronea e inadeaguata. Compito del retore è allora anche quello di correggere gli errori della parola per farne uno strumento perfetto all'unico fine di affascinare e persuadere chi ascolta, mettendo da parte ogni scrupolo di comunicare una verità in cui si crede. Anzi, quanto più la tesi sostenuta appare incerta, tanto più il sofista con la parola farà in modo di

«rendere più forte l'argomento più debole[1]»

I logici medioevali vollero distinguersi da quelli del passato che si richiamavano ai testi aristotelici che si diffondevano in occidente con le traduzioni dall'arabo. Vollero quindi chiamarsi autori della logica modernorum di quelle opere che dal XII secolo accentrano la speculazione logica sull'uso del termine nel discorso dando così inizio al terminismo distinguendolo dalle teorie dei modisti che s'interessavano del significato che i nomi assumono nel linguaggio.

Al di là delle connatazioni etiche dei sofisti, Guglielmo di Ockham distinguerà il termine dal concetto, intendendo il primo come un segno dal senso generale, elaborato mentalmente o scritto, il concetto, invece, pur essendo anch'esso un segno, è intenzionale, coincide cioè, con il prodotto della riflessione mentale.[2]

L'allievo di Ockam, Giovanni Buridano ribadirà il carattere universale dei concetti che a seconda dei vari tipi di suppositio [3] acquistano un particolare significato, mentre il reale ha sempre aspetti particolari e individuali. In conseguenza di ciò, Buridano afferma che il termine ci permette di dare un significato ai concetti che l'intelletto formula ma, mentre l'attribuzione di un senso ai termini è un'operazione volontaria che dipende dalla convenzionalità del linguaggio, il significato dei concetti dipende da una disposizione naturale insita nella stessa struttura conoscitiva dell'uomo.[4]

Concezioni sul terminismo saranno ulteriormente elaborate nel corso della storia della filosofia del XIV secolo da vari autori tra cui: Roberto Holkot (?-1349), Gregorio da Rimini (1300 ca.-1358), Alberto di Sassonia (1316–1390), Nicola di Autrecourt (?-1369) [5], Giovanni di Mirecourt [6], Paolo della Pergola[7], Paolo Veneto [8], Pietro Alboini da Mantova [9], Rodolfo Strode (?-1387), Gaetano da Thiene (1387-1465) [10]

NoteModifica

  1. ^ DK, 80 B6b
  2. ^ Alessandro Ghisalberti, Guglielmo di Ockham, Vita e Pensiero, 1972 p.40 e sgg.
  3. ^ La suppositio nella logica medioevale riguarda l'interpretazione che un termine assume a seconda del contesto in cui è usato. Vedi: Enciclopedia filosofica, Volume 11, Centro di studi filosofici di Gallarate, Bompiani, 2006 p.596
  4. ^ G. Buridano, Sophismata e Consequentiae in Norman Kretzmann, Jan Pinborg, La logica nel Medioevo, Editoriale Jaca Book, 1999 – p.110 e sgg. e p.238 e sgg.
  5. ^ Battista Mondin, Storia della teologia: Epoca moderna,Edizioni Studio Domenicano, 1996 p. 64
  6. ^ Battista Mondin, Op. cit. ibidem
  7. ^ Francescanesimo e civiltà siciliana nel Quattrocento, Officina di Studi Medievali, 2000
  8. ^ Op. cit. Francescanesimo...ibidem
  9. ^ Serafino Mazzetti, Repertorio di tutti i professori antichi, e moderni, della famosa università, e del celebre istituto delle scienze di Bologna: con in fine alcune aggiunte e correzioni alle opere dell'Alidosi, del Cavazza, del Sarti, del Fantuzzi, e del Tiraboschi, Tip. di S. Tommaso d'Aquino, 1847 p.245
  10. ^ Università di Padova, Quaderni per la storia dell'Università di Padova, Volume 38, Antenore, 2005

BibliografiaModifica

  • Nicola Abbagnano, Dizionario di filosofia, UTET, Torino 1971 (seconda edizione).
  • Alfonso Maierù, Terminologia logica della tarda Scolastica,Edizioni dell'Ateneo, Roma, 1972.
  • Jan Pinborg, Logica e semantica nel medioevo, Boringhieri, Torino, 1984.
  • Centro Studi Filosofici di Gallarate, Dizionario delle idee, Sansoni, Firenze 1976.
  • Enciclopedia Garzanti di Filosofia, Garzanti, Milano 1981.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Filosofia