Apri il menu principale

Terramatta

film documentario del 2012 diretto da Costanza Quatriglio
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il libro di memorie a cui è ispirato, vedi Terra matta.
Terramatta
Terramatta.jpeg
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2012
Durata74 min
Dati tecniciB/N e a colori
Generedocumentario
RegiaCostanza Quatriglio
SceneggiaturaChiara Ottaviano e Costanza Quatriglio
Casa di produzioneCliomedia Officina e Cinecittà Luce[1]
Distribuzione in italianoIstituto Luce Cinecittà
FotografiaSabrina Varani
MontaggioLetizia Caudullo
MusichePaolo Buonvino
Doppiatori italiani

Terramatta (titolo completo Terramatta - Il Novecento italiano di Vincenzo Rabito analfabeta siciliano) è un documentario del 2012 diretto da Costanza Quatriglio e prodotto da Chiara Ottaviano per Cliomedia Officina insieme all'Istituto Luce. È tratto dal libro di memorie Terra matta di Vincenzo Rabito, pubblicato dall'editore Einaudi, a cura di Luca Ricci e Evelina Santangelo. Il film è vincitore di diversi premi, fra i quali il Nastro d'argento al miglior documentario nel 2013, ed è stato proiettato in tutte le maggiori città italiane[2][3].

TramaModifica

È la storia del Novecento raccontata da un «ultimo» e si ispira a Terra matta, un libro di memorie pubblicato da Einaudi nel 2007, scritto in un italiano approssimativo da Vincenzo Rabito (classe 1899), un ex bracciante e cantoniere siciliano, semianalfabeta ma di grande capacità narrativa, che ha partecipato alla prima guerra mondiale tra i ragazzi del '99 e all'avventura africana (nell'Ogaden), è andato quindi a lavorare nelle miniere tedesche all'inizio della seconda guerra mondiale e nel 1943 ha assistito allo sbarco delle truppe alleate in Sicilia. Nel secondo dopoguerra ha raggiunto l'obiettivo di mandare i figli a scuola fino all'università.

ProduzioneModifica

Le immagini del film provengono dall'Archivio dell'Istituto Luce e da altri archivi privati, insieme a riprese della Chiaramonte Gulfi di oggi (con i tre figli dello scrittore), delle campagne siciliane e delle pagine originali del diario di Rabito, conservato nell'Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano.

La sceneggiatura è stata scritta insieme a Chiara Ottaviano e la voce narrante è quella di Roberto Nobile.

AccoglienzaModifica

Il Journal of Modern Italian Studies nel 2014 ha dedicato un numero della rivista alla storia del volume e del film[4].

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ In collaborazione con Film Commission Regione Siciliana; produttore associato: Stefilm.
  2. ^ a b Nastro a "Terramatta" miglior documentario, repubblica.it, 8 maggio 2013.
  3. ^ Progettoterramatta
  4. ^ Special Issue: The Story of Terra matta, in Journal of Modern Italian Studies, Volume 19,, Issue 3, 2014.
  5. ^ Agenzia su adnkronos.com.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica