Apri il menu principale

The Color Spectrum

album dei The Dear Hunter del 2011
The Color Spectrum
ArtistaThe Dear Hunter
Tipo albumStudio
Pubblicazione14 giugno 2011
Durata41:45
144:21 (Complete Collection)
Dischi1
Tracce11
36 (Complete Collection)
GenereRock progressivo
Rock sperimentale
EtichettaTriple Crown Records
ProduttoreCasey Crescenzo, Andy Hull, Mike Poorman
Registrazioneluglio 2010–7 aprile 2011[1]
Favorite Gentleman, Chamblee (Georgia)
Strangeways Recording, Providence (RI)
Home, Canyon Lake (California)
Vudu Studios, Port Jefferson (New York)
FormatiCD, 3 CD+DVD, LP, 9 10", download digitale
The Dear Hunter - cronologia
Album precedente
(2009)
Album successivo
(2013)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[2] 3.5/5 stelle

The Color Spectrum è il quarto album in studio del gruppo musicale statunitense The Dear Hunter, pubblicato il 14 giugno 2011 dalla Triple Crown Records.[2]

DescrizioneModifica

Si tratta della prima pubblicazione del gruppo slegata dal progetto dei sei atti (iniziato nel 2006 con Act I: The Lake South, the River North). Tale progetto è invece incentrato sui colori dello spettro (nero, rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco, violetto e bianco), a cui corrisponde un EP di quattro brani. Il frontman Casey Crescenzo ha spiegato come l'influenza dell'album sia la soggettività della percezione e, in misura minore, la libertà che offre al suo spettatore:[3]

«Qualunque cosa pensiamo, possiamo farla. L'idea dei colori dell'umanità è troppo ampia. Questo deve essere più personale, perché le idee dei colori variano da persona a persona. Anche per le persone che hanno sinestesia, le immagini o i suoni specifici che sentono associati ai colori variano da persona a persona. E questo rinforza solo il punto di fare il progetto, di produrre la nostra interpretazione del colore, il modo in cui percepiamo i colori o siamo ispirati dai colori – come li sentiamo o li vediamo.»

TracceModifica

Edizione standardModifica

  1. Filth and Squalor (Black) – 4:01
  2. Deny It All (Red) – 3:34
  3. But There's Wolves? (Orange) – 4:04
  4. She's Always Singing (Yellow) – 2:40
  5. Things That Hide Away (Green) – 3:24
  6. The Canopy (Green) – 3:52
  7. Trapdoor (Blue) – 3:54
  8. What Time Taught Us (Indigo) – 4:07
  9. Lillian (Violet) – 4:07
  10. Home (White) – 3:55
  11. Fall and Flee (White) – 4:07

Complete CollectionModifica

CD 1
  • Black
  1. Never Forgive, Never Forget – 4:41
  2. Filth and Squalor – 4:01
  3. Take More Than You Need – 4:30
  4. This Body – 4:47
  • Red
  1. I Couldn't Do It Alone – 3:29
  2. A Curse of Cynicism – 3:11
  3. Deny It All – 3:34
  4. We've Got a Score to Settle – 3:45
  • Orange
  1. Echo – 4:06
  2. Stuck on a Wire Out on a Fence – 3:08
  3. A Sea of Solid Earth – 4:41
  4. But There's Wolves? – 4:04
CD 2
  • Yellow
  1. She's Always Singing – 2:40
  2. The Dead Don't Starve – 4:57
  3. A sua voz – 3:20
  4. Misplaced Devotion – 3:46
  • Green
  1. Things That Hide Away – 3:24
  2. The Canopy – 3:52
  3. Crow and Cackle – 5:42
  4. The Inheritance – 3:25
  • Blue
  1. Tripping in Triplets – 3:52
  2. Trapdoor – 3:54
  3. What You Said – 5:04
  4. The Collapse of the Great Tide Cliffs – 5:33
CD 3
  • Indigo
  1. What Time Taught Us – 4:07
  2. Mandala – 4:55
  3. Progress – 3:35
  4. Therma – 2:41
  • Violet
  1. Mr. Malum – 3:57
  2. Lillian – 4:07
  3. Too Late – 4:03
  4. Look Away – 3:41
  • White
  1. Home – 3:55
  2. Fall and Flee – 4:07
  3. No God – 3:49
  4. Lost but Not All Gone – 3:58
DVD
  1. Studio Videos – 54:38
    • Orange – 17:12
    • Yellow/Blue – 16:01
    • Violet/White – 21:25
  2. Cross Country – 82:22
  3. APK Session – 22:05

FormazioneModifica

Crediti tratti dall'edizione Complete Collection.[4]

Musicisti
  • Casey Crescenzovoce, chitarra (tracce 1-24, 29-36), basso (tracce 1-8, 29-36), tastiera (tracce 1-4, 8-12, 21-36), programmazione (tracce 1-4, 25-28), pianoforte (tracce 13-20, 29-36), percussioni (tracce 13-20)
  • Nick Crescenzo – batteria (tracce 1-12, 17-20, 25-36), percussioni (tracce 1-12, 17-20, 29-36)
  • Cameron Thorne – voce (tracce 1-4, 13-16, 21-28), basso (tracce 13-16), ukulele e percussioni (tracce 21-24)
  • Andy Hull – voce e chitarra (tracce 5-8)
  • Chris Freeman – voce, tastiera e percussioni (tracce 5-8)
  • Jonathan Corley – basso (tracce 5-8)
  • Robert McDowell – voce, chitarra e tastiera (tracce 5-8)
  • Machester Orchestra – orchestra (tracce 5-8)
  • Judy Crescenzo – voce (tracce 9-12, 29-36)
  • Brendan Brown – basso (tracce 9-12)
  • Mike Poorman – percussioni (tracce 9-12, 17-20), batteria (tracce 17-20)
  • Jaron Eldon – voce e tastiera (tracce 13-16), carillon e batteria (tracce 21-24)
  • Kyle Garcia – voce (tracce 13-16), basso e percussioni (tracce 21-24)
  • Levi Audette – batteria (tracce 13-16, 21-24)
  • Chris Capaldi – banjo (tracce 17-20)
  • Chris Rosenquest – voce (tracce 17-20), armonica (tracce 17-20)
  • Jessy Ribordi – mandolino (tracce 17-20)
  • Joe Ballero – pedal steel guitar (tracce 17-20)
  • Morgan Santos – violoncello (tracce 17-20)
  • Rachel Jorgensen – voce (tracce 17-20)
  • Max Tosseau – voce (tracce 25-28)
  • Andrew Mericle – tromba (tracce 29-32)
  • Pasquale Lannelli – sassofono (tracce 29-32)
  • Mike Watts – voce (tracce 33-36)
Produzione
  • Casey Crescenzo – produzione, ingegneria del suono (tracce 1-4, 13-16, 21-28), missaggio (tracce 13-16, 21-28), ingegneria del suono aggiuntiva (tracce 29-36)
  • Max Tosseau – ingegneria del suono aggiuntiva (tracce 1-8, 13-36)
  • Mike Watts – missaggio (tracce 1-12, 29-36), produzione e ingegneria del suono (tracce 29-36)
  • Andy Hull – produzione (tracce 5-8)
  • Robert McDowell – ingegneria del suono e produzione aggiuntiva (tracce 5-8)
  • Chris Freeman – produzione aggiuntiva (tracce 5-8)
  • Jonathan Corley – produzione aggiuntiva (tracce 5-8)
  • Mike Poorman – produzione e ingegneria del suono (tracce 9-12, 17-20), missaggio (tracce 17-20)
  • Steve Haigler – ingegneria del suono e produzione aggiuntiva (tracce 29-36)
  • Scott Justynowicz – ingegneria del suono (tracce 29-36)

NoteModifica

  1. ^ (EN) Casey Crescenzo, 9 months, 36 songs, and 1 project later, Twitter, 7 aprile 2011. URL consultato il 19 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ a b (EN) Gregory Heaney, The Color Spectrum, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 19 maggio 2018.
  3. ^ (EN) The Dear Hunter: Reinventing the Color Wheel, Alarm, 3 febbraio 2012. URL consultato il 19 maggio 2018.
  4. ^ Note di copertina di The Color Spectrum, The Dear Hunter [booklet], Triple Crown Records, CD, Stati Uniti d'America, 14 giugno 2011.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo