Apri il menu principale
Thomas Taylour

Lord luogotenente di Cavan
Durata mandato 1831 –
1870
Monarca Guglielmo IV
Vittoria
Predecessore Nuova creazione
Successore John Young, I barone Lisgar

Dati generali
Suffisso onorifico Marchese di Headfort
Partito politico Whig
Università Trinity College di Cambridge

Thomas Taylour, II marchese di Headfort (4 maggio 17876 dicembre 1870) è stato un politico irlandese.

Indice

BiografiaModifica

Era il figlio di Thomas Taylour, I marchese di Headfort, e di sua moglie, Mary Quin.

CarrieraModifica

Nel 1829 succedette al padre come marchese di Headfort. Nel 1831 fu creato barone Kenlis, di Kenlis nella contea di Meath, nel Pari del Regno Unito, che lo autorizza a un seggio automatico nella Camera dei lord (i suoi altri titoli sono nella Pari d'Irlanda). Prestò giuramento del Consiglio privato irlandese nel 1835 e prestò servizio nell'amministrazione Whig di Lord Melbourne come Lord of the Bedchamber (1835-1837) e come Lord-in-Waiting (1837-1841). Headfort ricoprì anche la carica di Lord luogotenente di Cavan (1831-1870).

MatrimoniModifica

Primo MatrimonioModifica

Sposò, il 29 gennaio 1822, Olivia Stevenson (?-21 luglio 1834), figlia di Sir John Stevenson. Ebbero sei figli:

  • Thomas Taylour, III marchese di Headfort (1 novembre 1822-22 luglio 1894);
  • Lady Olivia Taylour (8 febbraio 1824-4 settembre 1916), sposò il reverendo Frederick Fitzpatrick, ebbero due figlie;
  • Lady Mary Juliana Taylour (3 aprile 1825-26 settembre 1909);
  • Lord Robert Connolly Taylour (7 novembre 1826-19 gennaio 1851);
  • Lady Virginia Frances Zerlina Taylour (17 marzo 1828-26 gennaio 1922), sposò Joseph Sandars, non ebbero figli;
  • Lord John Henry Taylour (12 dicembre 1831-4 febbraio 1890), sposò in prime nozze Mary Macfarlane, ebbero quattro figli, e in seconde nozze Eliza Llewellin, ebbero tre figli.

Secondo MatrimonioModifica

Sposò, il 5 febbraio 1853, Frances Martyn (?-2 marzo 1878), figlia di John Livingstone Martyn. Non ebbero figli.

OnorificenzeModifica

Onorificenze britannicheModifica

  Cavaliere dell'Ordine di San Patrizio
— 1839

BibliografiaModifica

  • Kidd, Charles, Williamson, David (editors). Debrett's Peerage and Baronetage (1990 edition). New York: St Martin's Press, 1990.