Tommy Lasorda

giocatore di baseball statunitense
Tommy Lasorda
TommyLasorda.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 178 cm
Peso 79 kg
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Lanciatore
Termine carriera 1956 - giocatore
1996 - manager di club
2000 - manager della nazionale
Carriera
Squadre di club
1954-1955Brooklyn Dodgers8
1956Kansas City Athletics18
1976-1996L.A. DodgersManager
2000Stati Uniti Stati UnitiManager
Palmarès
World Series 2 da manager
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Oro Sydney 2000 Manager
 

Thomas Charles Lasorda, detto Tommy (Norristown, 22 settembre 1927Fullerton, 7 gennaio 2021) è stato un giocatore di baseball e manager statunitense.[1]

BiografiaModifica

Era figlio di Sabatino Lasorda che emigrò negli Stati Uniti d'America da Tollo (Chieti)[2].

Vinse due volte le World Series, nel 1981 e nel 1988, le quali decretano la squadra campione della Major League Baseball[3]. Nel 2000 guidò la Nazionale Statunitense di Baseball alle Olimpiadi di Sydney vincendo la medaglia d'oro nella finale contro la Nazionale cubana.

Fu inserito nel National Baseball Hall of Fame and Museum nel 1997[4].

Nel 1978 recitò in Fantasilandia, nell'episodio "Superstar/Salem", nella parte di sé stesso insieme a Steve Garvey, Fredd Lynn, George Brett, Ken Brett ed Ellis Valentine.

OnorificenzeModifica

  Ellis Island Medal of Honor
  Cavaliere di IV Classe dell'Ordine del Sol Levante

NoteModifica

  1. ^ È morto a 93 anni Tommy Lasorda, storico allenatore dei Los Angeles Dodgers, su Il Post, 8 gennaio 2021. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  2. ^ (EN) Remembering my father: « Tommy Lasorda's World, su tommy.mlblogs.com (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2015).
  3. ^ (EN) All-Time Managers – Los Angeles Dodgers, su mlb.mlb.com.
  4. ^ (EN) Lasorda, Tommy – Baseball Hall of Fame, su baseballhall.org.

BibliografiaModifica

  • (EN) Sam Pittaro, Tommy Lasorda, in Italian Americans of the Twentieth Century, Tampa, Logga Press, George Carpetto e Diane M. Evanac, 1999, 204–205.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN26016849 · ISNI (EN0000 0000 2851 4813 · LCCN (ENn84200696 · WorldCat Identities (ENlccn-n84200696