Apri il menu principale
Unione Social-Liberale
(RO) Uniunea Social Liberală (USL)
Logo USL oficial.jpg
LeaderVictor Ponta
Crin Antonescu
Daniel Constantin
StatoRomania Romania
SedeȘoseaua Kiseleff nr. 57
011344 Bucarest
Fondazione5 febbraio 2011
Dissoluzione25 febbraio 2014
PartitoPartito Social Democratico
Partito Nazionale Liberale
Partito Conservatore
IdeologiaSocialdemocrazia (PSD)
Liberalismo sociale (PNL)
Conservatorismo (PC)
CollocazioneCentro[1]
Partito europeoPSE (PSD)
ALDE (PNL)
Non definito (PC)
Gruppo parl. europeoS&D (PSD)
ALDE (PNL)
Non definito (PC)
Affiliazione internazionaleSI (PSD)
LI (PNL)
Non definita (PC)
Seggi massimi Camera
273 / 412
 (2012)
Seggi massimi Senato
122 / 176
 (2012)
Seggi massimi Consigli Regionali
728 / 1338
 (2012)
Sito web

L'Unione Social-Liberale (in rumeno: Uniunea Social-Liberală - USL) è stata un'alleanza politica rumena siglata nel febbraio 2012 da tre distinti soggetti politici:

Raggruppava partiti di centro-sinistra e di centro.

L'IdeaModifica

L'idea di un'alleanza tra socialisti, liberali e conservatori è venuta in seguito alla caduta del governo tecnico guidato da Mihai Răzvan Ungureanu.

StoriaModifica

L'USL è stata fondata da Victor Ponta (PSD), Crin Antonescu (PNL) e Daniel Constantin (PC) nel febbraio 2012. Le prime elezioni a cui ha partecipato ufficialmente sono state le elezioni amministrativa (locale), nelle quali ha totalizzato un ottimo risultato.

Destituzione di Traian BăsescuModifica

È stato il partito che più degli altri ha desiderato la destituzione del presidente della Romania, Traian Băsescu. È stato lo stesso partito ad organizzare, la sospensione al Parlamento. Il Governo Ponta ha organizzato in prima persona il referendum popolare per la destituzione. Il referendum ha avuto un esito positivo, poiché il popolo rumeno, si è espresso a favore della dimissione di Traian Băsescu (circa l'85%), ma in contemporanea un esito negativo. Infatti, solo il 46,13% dei rumeni è andato alle urne, mentre il referendum chiedeva un quorum di presenza del 50%+1. Quindi, il referendum è stato invalidato dalla Corte Costituzionale rumena. Il premier Ponta, ha denunciato il fatto dicendo che le liste degli aventi diritto al voto non erano state aggiornate prima della consultazione e che, visto l'alto numero dei deceduti, il quorum è stato raggiunto. Tuttavia, Băsescu è tornato ad essere presidente. È in corso una discussione sulla validazione o meno del referendum.

Elezioni parlamentari del 2012Modifica

Il 9 dicembre si tengono le elezioni parlamentari, che segnano il trionfo social-liberale col 58,61% alla Camera e il 60,07% al Senato, ottenendo i 2/3 dei seggi e confermando il socialdemocratico Ponta premier.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica