Apri il menu principale

Coordinate: 43°06′53.4″N 12°23′22″E / 43.114833°N 12.389444°E43.114833; 12.389444

Università per Stranieri di Perugia
Università per stranieri Perugia.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàPerugia
Dati generali
MottoAntiquam Exquirite Matrem
Fondazione1925
Tipostatale
RettoreGiuliana Grego Bolli
Direttore generaleCristiano Nicoletti
Studenti956 (2017) [1]
AffiliazioniAlmaLaurea, UNIMED
SportCUS Perugia
Mappa di localizzazione
Sito web

L'Università per Stranieri di Perugia è un'università statale italiana fondata nel 1925 a Perugia.

Indice

StoriaModifica

La storia dell'Università per Stranieri di Perugia iniziò nel 1921, quando l'avvocato perugino Astorre Lupattelli istituì dei corsi di "Alta cultura" per studenti stranieri con lo scopo di diffondere all'estero la conoscenza dell'Italia, di illustrarne la storia, le istituzioni, le bellezze artistiche.

Nel 1925, il Regio Decreto n. 1965 del 29 ottobre sancì ufficialmente la nascita della "Regia università italiana per stranieri". La cultura nazionalista del tempo, ne favorì la nascita nell'intento propagandistico di "affermare la superiorità della cultura italiana nel mondo". Il motto dell'ateneo, Antiquam exquirite matrem, si riferisce ad un passo dell'Eneide, ovvero al responso dato da Apollo ad Enea, il quale fece supplice richiesta al dio di indicargli dove dirigere la propria rotta.

 
Palazzo Gallenga Stuart di Perugia, la sede principale dell'ateneo.

Sino al 1926 corsi e conferenze furono ospitati nelle aule dell'Università degli Studi e nella sala dei Notari di palazzo dei Priori, l'anno successivo l'ente acquisì una sede propria nel prestigioso palazzo Gallenga Stuart, già palazzo Antinori, donato dal conte Romeo Gallenga Stuart al comune perugino e quindi destinato in uso perpetuo e gratuito all'Università, a patto che si conservasse il nome del palazzo.

Nel periodo postbellico, le attività istituzionali si caratterizzarono anche nell'espletamento di compiti di politica culturale, volti – nei termini del proprio mandato formativo – al consolidamento del nuovo corso dei rapporti tra le nazioni. L'apprezzato esito delle azioni svolte in tale ambito, fecero dell'ateneo uno stabile interlocutore di istituzioni nazionali, primo fra tutti il Ministero degli affari esteri, oltre che di organismi internazionali, per l'affidamento di azioni formative legate alla politica estera.

Negli anni 1970 e 1980, la comunità cosmopolita di palazzo Gallenga lavora alla costruzione di nuove dimensioni sociali, sperimentando l'interattività multietnica e multiculturale.[non chiaro]

Il 17 febbraio 1992 l'università assunse il titolo di università statale, istituendo la Facoltà italiana di lingua e cultura ed il Dipartimento di linguistica e cultura comparativa.

StrutturaModifica

L'ateneo struttura la propria attività formativa in un unico dipartimento: scienze umane e sociali.[2]

Benché l'università sia specializzata nell'insegnamento e nella diffusione della lingua e della cultura italiana all'estero, essa propone una formazione universitaria anche agli studenti italiani. L'ateneo perugino si occupa inoltre della formazione e dell'aggiornamento dei docenti che insegnano l'italiano come lingua straniera.

RettoriModifica

I Rettori dell'Università per Stranieri di Perugia dalla sua nascita ad oggi sono stati:[3]

NoteModifica

  1. ^ MIUR Anagrafe Nazionale Studenti
  2. ^ Dipartimento di scienze umane e sociali, su unistrapg.it. URL consultato il 4 maggio 2019.
  3. ^ La rettrice – Precedenti rettori, su unistrapg.it. URL consultato il 4 maggio 2019.
  4. ^ Rettore dal 23 aprile 2013. Già Prorettore vicario dell'Ateneo dal gennaio 2013, a seguito della candidatura al Senato della Repubblica del precedente Rettore Stefania Giannini, cfr. Giovanni Paciullo è il nuovo Rettore dell'Università per Stranieri di Perugia [collegamento interrotto], in Università per stranieri di Perugia, 23 aprile 2013.
  5. ^ Paciullo saluta, Grego Bolli al comando, su corrieredellumbria.corr.it, 31 ottobre 2018.

BibliografiaModifica

  • AA.VV., La porta è aperta... Ottant'anni di cultura italiana nel mondo, Perugia, Ufficio Comunicazione dell'Università per Stranieri di Perugia, 2006.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN158948304 · ISNI (EN0000 0001 2194 5159 · LCCN (ENn83123916 · BNF (FRcb121681153 (data)