Uno specialista - Ritratto di un criminale moderno

film del 1999 diretto da Eyal Sivan
Uno specialista - Ritratto di un criminale moderno
Titolo originale Un spécialiste, portrait d'un criminel moderne
Lingua originale Francese, inglese, tedesco, ebraico
Paese di produzione Israele, Francia, Germania, Austria, Belgio
Anno 1999
Durata 128 min.
Dati tecnici B/N
Genere documentario
Regia Eyal Sivan
Sceneggiatura Rony Brauman, Eyal Sivan
Fotografia Leo Hurwitz
Montaggio Audrey Maurion
Interpreti e personaggi
Adolf Eichmann

Uno specialista - Ritratto di un criminale moderno (Un spécialiste, portrait d'un criminel moderne) è un documentario del 1999 diretto da Eyal Sivan.

Indice

ContenutoModifica

1961. Adolf Eichmann, funzionario della Germania nazista, viene processato a Gerusalemme per le sue responsabilità nel compimento dell'olocausto. Alle accuse, Eichman risponde di essere solo un esecutore di ordini superiori, un burocrate spietato ma privo di responsabilità: "Non potevo sottrarmi e non ho mai tentato di farlo"[1].

ProduzioneModifica

Il film è costituito da una selezione delle 350 ore di riprese delle 114 sedute del processo contro Adolf Eichmann[2] effettuate dal regista americano Leo Hurwitz, che sullo stesso evento realizza il film Verdict for Tomorrow (1961)[3]. Il testo-guida seguito da Sivan e dal suo co-sceneggiatore Rony Brauman è il libro di Hannah Arendt La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme.

NoteModifica

  1. ^ repubblica.it, Nei documentari l'insostenibile banalità del male, in trovacinema.repubblica.it. URL consultato il 07 novembre 2016.
  2. ^ la Repubblica/cinema_recensioni: Eichmann, il travet dello sterminio, su www.repubblica.it. URL consultato il 07 novembre 2016.
  3. ^ Dizionario cinema Morandini UNO SPECIALISTA - RITRATTO DI UN CRIMINALE MODERNO | Sky Cinema, su cinema.sky.it. URL consultato il 07 novembre 2016.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema