Apri il menu principale

Utente:Milan.bisenic01/Sandbox2

GLI AVVENIMENTI DEL 1916

Questa voce tratta degli avvenimenti del 1916 riguardo alla prima guerra mondiale sul fronte vicentino, in particolare in quello tra l'altopiano di Tonezza-Fiorentini e la Val d'Astico.

IntroduzioneModifica

Il secondo anno di guerra sul fronte italiano fu caratterizzato da una violenta offensiva austriaca, decisa dal Capo di Stato Maggiore austro-ungarico generale Conrad, al fine di risolvere il conflitto. Questo evento bellico assumeva una grandissima importanza all'interno della Grande Guerra combattuta sul fronte italiano, in quanto fu una delle più grandi guerre svoltesi in montagna.[1] Malgrado il mancato appoggio della Germania, l'attacco era previsto per i primi di febbraio, ma a causa di nevicate e maltempo, nonché del protrarsi dei preparativi venne spostato a metà maggio. Nonostante ciò per gli italiani sarà comunque una sorpresa, infatti non si credeva possibile un'offensiva di tali dimensioni in un settore così montuoso. L'attacco si sviluppava secondo quattro direttrici: la risalita della Vallarsa e l'occupazione del Pasubio; sulla destra dell'Astico dagli altipiani Folgaria e Fiorentini verso lo sbocco della Valle di Posina; in Valsugana; dagli altipiani di Vezzena e Luserna contro l'altopiano di Asiago. [2]

A partire dal 15 maggio 1916, data d'inizio della Strafexpedition (nome con cui viene indicata l'offensiva austrica, 'spedizione punitiva'), al 14 giugno 1916, le truppe austriache schiacciarono l'esercito italiano sulle ultime prealpi tra Schio e Cogollo e sull'orlo meridionale dell'altopiano di Asiago. Gli italiani invece riuscirono a tenere le posizioni in Vallarsa, sul Pasubio e nella parte sud-orientale dell'altopiano di Asiago. Dal 15 giugno al 24 luglio prese avvio la controffensiva italiana che, partendo dal settore orientale dell'altopiano di Asiago, cercò di riprendere Cima Portule e, dagli sbocchi delle valli di Astico e Posina, di recuperare il Cimone di Tonezza. Per un anno, con alterne vicende, l'esercito italiano tentò di riconquistare l'Altopiano di Asiago.[3]

Offensiva Austro-UngaricaModifica

La mattina del 15 maggio 1916 l'esercito austro-ungarico sferrava l'attacco tra Rovereto e la sella di Carbonare. Nel giro di pochi giorni gli austriaci riuscirono a penetrare in Vallarsa e il 19 maggio occuparono il Colsanto minacciando così il Pasubio. Sull'altro fronte l'esercito, partendo dal Vezzena, puntava ad occupare l'altopiano dei Sette Comuni per aprire la strada al fine di penetrare nella pianura vicentina arrivando dalla Conca di Arsiero. Il 20 maggio l'esercito italiano cercava di opporre resistenza sul Costesin ritardando l'avversario. [4] Il 21 maggio gli oppositori (austriaci) dilagavano sul nodo Verena-Campolongooccupando la sponda destra dell'Assa fra Roana e Castelletto e entravano a Tonezza proseguendo verso il monte Cimone. A causa del maltempo però soltanto il 25 maggio riuscirono a impadronirsi della vetta. Il 23 maggio reparti austro-ungarici si riunivano sulla sommità di Cima Portule, indirizzandosi verso il Corno di Campoverde. In questa maniera la guerra si espandeva all'intero altopiano di Asiago. Il 26 maggio occuparono in Val d'Astico il Forte Ratti, eliminando ogni ostacolo alla conquista della Conca di Arsiero che occuparono il 28 maggio. [5] A fine maggio gli austriaci occuparono la Val Posina e, ostacolati sul Pasubio da un'alta coltre di neve, diressero i loro sforzi sulla cortina montuosa che raccorda il Pasubio al complesso del Novegno, ma ovunque vennero respinti. Perciò non rimaneva loro altra alternativa se non quella di attaccare pesantemente l'altopiano dei Sette Comuni. Erano infatti arrivati fino alla piana della Marcesina e, con lo scopo di arrivare in val Frenzela e quindi su Valstagna e Bassano, si erano impegnati a fondo sulle Melette riuscendo a conquistare il monte Fior e il monte Castelgomberto. La sera del 28 maggio penetravano a Canove e quindi ad Asiago, semidistrutta e deserta, infatti gli abitanti avevano cominciato a sfollare già dal 15 maggio. Successivamente anche Gallio veniva presa, costringendo gli italiani a portare le loro difese lungo la boscosa fascia meridionale dell'altopiano. [6] Il 3 giugno gli austro-ungarici occuparono l'intera zona. [7] Il 4 giugno le armate russe attaccarono la Galizia e le truppe austro-ungariche, private di quelle inviate sulle prealpi vicentine, si ritrovarono a soccombere velocemente ai primi attacchi. La sera del 16 giugno, vista l'inutilità dello sforzo e considerando la ferrea resistenza degli italiani, nonostante i combattimenti non fossero ancora cessati la Strafexpedition si concludeva mediante l'ordine impartito di passare alla difensiva causa la necessità di trasferire truppe sul minacciato fronte Galiziano. [8]

Controffensiva ItalianaModifica

Cadorna era certo di aver bloccato lo sforzo avversario e pianificò una manovra a tenaglia per costringere gli austriaci ad arretrare. Egli credeva che la manovra si sarebbe rivelata un successo, vista la superiorità d'uomini, tuttavia, nonostante l'impegno e le perdite subite, i risultati furono limitati. [9] La controffensiva ebbe inizio il 16 giugno[10] sul lato orientale dell'Altopiano di Asiago (Melette e piana di Marcesina) in direzione dei contrafforti a nord, gli italiani intendevano spostare il fronte cercando di riprendere il monte Portule. [11] La notte del 25 giugno gli austriaci si ritirarono su ordine dell'arciduca Eugenio, riducendo così il fronte. Il contatto venne perduto e gli austriaci riuscirono a mantenere intatte le loro unità. [12] In pochi giorni gli italiani ripresero la Vallarsa, occupando il monte Trappola e avvicinandosi al Corno di Vallarsa. Dopo aver rioccupato il complesso Novegno-Priaforà, iniziò l'attacco in Val Posina, dove gli italiani raggiunsero velocemente la barriera preparata dall'avversario. Lo stesso succedeva sulla cima del Pasubio, dove non si riusciva a raggiungere nessun risultato. [13] Il Cimone di Tonezza venne riconquistato e mantenuto. [14] In Val d'Astico l'avanzata si fermava all'altezza di Forte Ratti e Barcarola. Sull'altopiano di Asiago il solco terminale della Val d'Assa separava le truppe avversarie da quelle italiane. Rioccupati Cesuna, Canove, Camporovere, Asiago e Gallio, era impossibile attaccare la linea posizionata lungo il crinale. Si compiva così un ritorno alla guerra di posizione. [15] Dal 30 giugno alla prima metà di luglio vennero sferrati una serie di assalti dall'esito negativo e che costarono numerose perdite. Il 22 luglio attaccavano i reparti alpini dello schieramento italiano che per la prima volta balzavano alla ribalta della storia. Anche il centro riprendeva l'attacco, ma ancora una volta le difese avversarie reggevano. Durante questa offensiva del mese di luglio si consumarono olocausti a non finire, che spesso non vengono raccontati da una storiografia tutta bellica e poco umana. [16] Sul Pasubio gli austro-ungarici effettuavano una violenta controffensiva per impadronirsi della cima del massiccio: questa era l'origine della lotta verificatasi il 2 luglio, la quale non portò a nessun risultato effettivo. Essa, infatti, semplicemente non permise agli italiani di conferire maggior respiro alla loro occupazione nel Pasubio. [17] Il battaglione alpini “Vicenza”, il 10 luglio, conquistava il corno di Vallarsa e tentava di procedere. [18] Le fanterie però non agirono e il battaglione dovette subire la pronta controffensiva degli austro-ungarici dalla quale uscì distrutto. Il 23 luglio gli italiani riuscirono a recuperare il cimone di Arsiero. Il 23 settembre successivo esso tornava in mano avversaria dove resterà fino alla fine della guerra. Osservando le disposizioni del Comando Supremo il 28 luglio, si passava alla difensiva e sul fronte orientale venivano trasferite unità e mezzi. Qui gli italiani riuscirono a conquistare Gorizia, ma la minaccia degli avversari si aggravava. [19]

Le battaglie sul PasubioModifica

L'esercito italiano sembrava in grado di sferrare un'offensiva per riprendere il Colsanto, ma non era consentito in questo modo colpire contemporaneamente l'Altopiano dei Sette Comuni, data la mancanza di artiglieria. Così non fu possibile attuare la manovra a tenaglia che era stata pensata. [20] Iniziava pertanto, il 10 settembre[21], l'attacco che però non avrebbe portato a nessun risultato effettivo, in quanto le truppe italiane non conquistarono né persero nessun territorio. L'azione venne sospesa a causa della persistente nebbia.[22] La battaglia riprese il 9 ottobre quando le fanterie italiane, dopo otto ore di fuoco ininterrotto, scattarono all'assalto spuntando fuori dalle gallerie e dai camminamenti presenti sotto il Pasubio. Venne conquistato l'orlo meridionale del Dente Austriaco. L'11 ottobre alpini e bersaglieri conquistarono il pilastro angolare dei Sogi, assicurandosi il possesso dell'Alpe di Cosmagnon. [23] Purtroppo questo successo non fu sfruttabile a causa della resistenza degli avversari, posizionati sull'alto della dorsale tesa dal Dente Austriaco al Roite. [24] Gli austriaci difendevano con tutte le loro forze il Dente Austriaco impedendo agli italiani di ottenere ulteriori vittorie. Dopo una breve tregua l'attacco italiano riprese il 17 ottobre; la sera stessa il battaglione Aosta riuscì a occupare parzialmente il Dente Austriaco e a mantenerlo fino al giorno seguente quando la controffensiva avversaria li costrinse alla ritirata. Il 19 ottobre però gli italiani riuscirono nuovamente a riprenderlo.[25] La battaglia si concluse il 20 ottobre e la situazione rimase invariata. [26] Una violenta bufera di neve pose fine alle operazioni. Anche il trasferimento delle armi sull'altopiano di Asiago non fu possibile a causa di una forte nevicata e dell'eccessivo protrarsi dello scontro. Di conseguenza fu obbligatorio sospendere l'azione per il recupero di C. Portule.[27] Il 1° dicembre venne costituita la nuova 6^Armata, il cui scopo era risolvere definitavamente la situazione compromessa dalla perdita del poderoso pilastro angolare di C. Portule. [28]

NoteModifica

  1. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 24 - Autore Gianni Pieropan
  2. ^ La I guerra mondiale nel vicentino - Autore Giuseppe Testolin
  3. ^ La I guerra mondiale nel vicentino - Autore Giuseppe Testolin
  4. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 25 - Autore Gianni Pieropan
  5. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 25,26 - Autore Gianni Pieropan
  6. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 27 - Autore Gianni Pieropan
  7. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 28 - Autore Gianni Pieropan
  8. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 28 - Autore Gianni Pieropan
  9. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 29 - Autore Gianni Pieropan
  10. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 29 - Autore Gianni Pieropan
  11. ^ La I guerra mondiale nel Vicentino - Autore Giuseppe Testolin
  12. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 29 - Autore Gianni Pieropan
  13. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 29 - Autore Gianni Pieropan
  14. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 29 - Autore Gianni Pieropan
  15. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 30 - Autore Gianni Pieropan
  16. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 30 - Autore Gianni Pieropan
  17. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 30 - Autore Gianni Pieropan
  18. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 30 - Autore Gianni Pieropan
  19. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 31 - Autore Gianni Pieropan
  20. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 32 - Autore Gianni Pieropan
  21. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 32 - Autore Gianni Pieropan
  22. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 33 - Autore Gianni Pieropan
  23. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 33 - Autore Gianni Pieropan
  24. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 34 - Autore Gianni Pieropan
  25. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 34 - Autore Gianni Pieropan
  26. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 35 - Autore Gianni Pieropan
  27. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 35 - Autore Gianni Pieropan
  28. ^ Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa - pag. 35 - Autore Gianni Pieropan

BibliografiaModifica

  • Gianni Pieropan, Sentieri di guerra dal Pasubio al Grappa, supplemento al Giornale di Vicenza, maggio 2014
  • Giuseppe Testolin, "La I guerra mondiale nel vicentino"