Apri il menu principale

Pasubio

massiccio montuoso nelle prealpi vicentine
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Pasubio (disambigua).
Pasubio
Il Pasubio visto dal Monte Novegno Schio Vicenza - panoramio.jpg
Monte Pasubio
StatoItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Veneto Veneto
ProvinciaTrento Trento
Vicenza Vicenza
Altezza(max) 2 239 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate45°47′32″N 11°10′36″E / 45.792222°N 11.176667°E45.792222; 11.176667Coordinate: 45°47′32″N 11°10′36″E / 45.792222°N 11.176667°E45.792222; 11.176667
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Pasubio
Pasubio
Mappa di localizzazione: Alpi
Pasubio
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Sud-orientali
SezionePrealpi Venete
SottosezionePrealpi Vicentine
SupergruppoPiccole Dolomiti
GruppoMassiccio del Pasubio
CodiceII/C-32.I-B.4
Monte Pasubio
RegioniTrentino-Alto Adige e Veneto
ProvinceTrento e Vicenza
ComuniTerragnolo, Trambileno, Vallarsa, Valli del Pasubio e Posina
Mappa di localizzazione

Il Pasubio è un massiccio montuoso carbonatico, dolomitico e in parte calcareo nelle parti sommitali, delle Prealpi Vicentine, situato al confine tra le province di Vicenza e Trento, delimitato dalla Val Leogra, Passo del Pian delle Fugazze, Vallarsa, Val Terragnolo, Passo della Borcola, Val Posina e Colle Xomo. Congiunge le Piccole Dolomiti all'Altopiano di Folgaria. È stato un importante luogo dei combattimenti della prima guerra mondiale.

Indice

DescrizioneModifica

MorfologiaModifica

 
Vista panoramica dal Pasubio

Le pendici sul fronte veneto del gruppo sono molto scoscese, di carattere prettamente dolomitico e dalle caratteristiche guglie, forre e gole, soprattutto sul versante meridionale. La parte superiore è invece costituita da un piccolo, ondeggiato altopiano intorno ai 2 000 metri di altitudine, in cui si alternano alcuni crinali ad ampie conche prative, spesso usate come pascoli.

Caratteristiche sono le valli laterali, impervie e scoscese, che offrono molte possibilità di accesso alla parte più alta del monte. Di particolare interesse sono sul versante meridionale la Val Fieno, la Val Canale e la Val Fontana d'Oro, la Val Sorapàche, la Val Caprara e la Val Gulva in quello orientale; la Val delle Prigioni, la Val di Piazza e la Val dei Foxi in quello occidentale.

Il crinale principale si sviluppa in direzione nord-sud, dal Cogolo Alto alla massima altezza del Pasubio, Cima Palon (2 239 m), estendendosi oltre al Dente italiano e al Dente austriaco. Si tratta della Zona Sacra del Pasubio, così dichiarata dal Regio Decreto n. 1386 nel 1922 in quanto il massiccio fu teatro dei cruenti combattimenti della Prima guerra mondiale ed in particolare la prima linea passava proprio in corrispondenza del suddetto crinale.

L'intero paesaggio del Pasubio è sconvolto dai combattimenti durati tre anni e mezzo: ovunque la superficie è martoriata dai crateri delle bombe, si notano ancor oggi le trincee e i camminamenti, non di rado si trovano gallerie e ricoveri. La stessa fitta rete di sentieri che permette di percorrerlo in ogni direzione è stata ottenuta nel corso della guerra, sfruttando anche i preesistenti percorsi utilizzati dai pastori, unici abitanti del luogo.

Principali vie d'accessoModifica

La Zona Sacra è accessibile anche mediante due strade carrozzabili, anche se oggi chiuse al traffico veicolare. Si tratta della rotabile degli Scarubbi, che parte dal Colle Xomo (1 058 m) e che dopo Bocchetta Campiglia (1 216 m) è totalmente sterrata. Si risale la gola delle Caneve di Campiglia con 12 tornanti per tagliare poi la parete rocciosa che cade verticale fino a risalire alle Porte del Pasubio (1 928 m). Dal Pian delle Fugazze (1 162 m) è possibile raggiungere le Porte del Pasubio (1 928 m), ove sorgono il rifugio gen. Achille Papa e il bivacco Sacchi-Marzotto, mediante un'altra rotabile che risale la Val Fieno per inserirsi infine nell'impervia Val Canale attraverso la Galleria d'Havet. Prende da qui il nome di Strada degli Eroi, in quanto sulla parete rocciosa scavata per permettere il transito sono incastonate delle targhe che ricordano le medaglie d'oro del Pasubio.

Un'altra rotabile permette l'accesso all'Alpe Pozze, nella zona settentrionale del massiccio, ove sorge il rifugio Vincenzo Lancia (1 825 m), partendo dalla statale che congiunge il Pian delle Fugazze a Rovereto.

Da ricordare la Strada delle 52 gallerie, sentiero che attraversa 52 gallerie, costruite durante la prima guerra mondiale. Parte da Bocchetta Campiglia fino a Porte del Pasubio in prossimità del Rifugio Papa.

Come già detto il Pasubio presenta infine vie d'accesso attraverso le varie valli che lo solcano in ogni suo lato. È possibile perciò esplorarlo in ogni suo lato, spesso nascosto e selvaggio: talvolta i sentieri si riducono ad esili tracce ed essendo frequente che il monte sia avvolto dalla nebbia, è sempre da prestare attenzione in quanto non è raro perdere l'orientamento a causa di queste caratteristiche.

Rinvenimenti archeologiciModifica

Il Monte Pasubio, come molte altre aree montane e pedemontane, è stato frequentato sin dall'antichità. Le più antiche frequentazioni sono riferibili al passaggio di cacciatori-raccoglitori del periodo Mesolitico (tra i 10 000 e gli 8 000 anni dal presente). In particolare, i rinvenimenti, costituiti da strumentario litico in selce, si trovano tutti nel territorio amministrativo pertinente alla Provincia Autonoma di Trento: Alpe Pozze, Monte Roite e Col Santo. I materiali sono conservati presso il Museo Tridentino di Scienze Naturali di Trento.

Opere bellicheModifica

La zona storicamente più importante del Pasubio è stata dichiarata monumentale dal 1922. È delimitata da 30 cippi che ricordano i reparti che maggiormente si distinsero negli accaniti combattimenti e comprende il Dente Italiano, la Cima Palon e il Cògolo Alto, la vetta immediatamente a sud di detta cima. Le principali vie di accesso al Pasubio sono tre:

  • La strada delle 52 gallerie: è la più famosa via d'accesso al Pasubio, costruita nel corso della Prima guerra mondiale e rappresenta una delle maggiori opere belliche di tutto il conflitto, che non ha probabilmente pari in nessun luogo. Si tratta di una mulattiera che permetteva all'esercito italiano il collegamento fra la base del monte e la zona alta al riparo dal tiro nemico (la già attiva strada degli Scarubbi era invece sotto il fuoco austriaco) e in ogni stagione dell'anno.
  • La strada degli Eroi che dal Pian delle Fugazze (1 162 s.l.m.) - galleria d'Havet al rifugio Gen. Papa, sbocca alle Porte del Pasubio (1 918 s.l.m.). Nel tratto a monte sono state collocate le lapidi ricordo dei 15 decorati di Medaglia d'Oro, della zona circostante, tra cui quelle dei trentini Cesare Battisti, Damiano Chiesa e Fabio Filzi;
  • La strada degli Scarubbi che dal Ponte Verde (901 s.l.m.), per Colle Xomo (1 058 s.l.m.), Bocchetta di Campiglia, si inerpica sino alle porte del Pasubio, ricollegandosi alla strada degli Eroi.

Un'altra considerevole opera bellica del Pasubio è costituita dal sistema sotterraneo dei due Denti. Si tratta di due speroni rocciosi che superano di poco i 2 200 metri, sul crinale principale, posti l'uno di fronte all'altro, divisi da una selletta. Dopo le prime fasi del conflitto il dente meridionale (Dente Italiano) fu fortificato dagli italiani e quello settentrionale dagli austriaci, (Dente Austriaco) da cui i loro nomi. Si tratta di vere e proprie fortezze naturali, in cui furono scavati ricoveri, postazioni d'artiglieria e feritoie.

 
Monte Pasubio, strada delle 52 gallerie: imbocco di una galleria
 
immagine invernale di un tratto della strada delle 52 gallerie

In particolare nella seconda fase del conflitto, in corrispondenza dell'inverno 1917-18, furono teatro di una guerra parallela denominata “guerra sotterranea” o "guerra delle mine", in quanto da ambo le parti vi era il progetto di arrivare a far saltare con l'esplosivo le postazioni nemiche. Così ancor oggi è possibile individuare (con i dovuti mezzi e le dovute cautele, con la guida di un esperto) le gallerie austriache, con la Ellison che costituisce il tratto principale in direzione del Dente Italiano. Mentre quelle austro-ungariche seguivano un certo progetto iniziale, le gallerie italiane sono contorte e intricate, dovuto evidentemente al fatto che furono scavate come gallerie di contromina, per porre rimedio ai tentativi nemici di far saltare il Dente. Il Dente Italiano è inoltre collegato dalla Galleria Papa alla retrostante Cima Palon, il cui accesso è ben segnalato appena sotto il punto più alto del Pasubio.

La guerra di mine fu caratterizzata da numerosi scoppi e alterne vicende fino alla grande mina austriaca del 13 marzo 1918, quando cinquantamila chilogrammi di esplosivo squarciarono l'avamposto del Dente Italiano.

Un secondo, considerevole sistema sotterraneo si può individuare nel Monte Corno Battisti, così denominato in quanto fu teatro, nel 1916, della cattura da parte delle truppe imperiali dell'irredentista trentino Cesare Battisti, arruolato con il ruolo di tenente nel battaglione alpino Vicenza. L'entrata a questo labirinto sotterraneo è nota solo a pochi esperti, in quanto le gallerie del Corno denominato "Battisti" sono molto più pericolose e soggette a crolli rispetto a quelle dei due Denti.

Oltre alle numerose opere belliche secondarie che si possono trovare in numerose parti del Pasubio, dai ricoveri alle trincee, vi sono altre costruzioni successive al conflitto ma direttamente collegate ad esso.

AlpinismoModifica

Il massiccio del Pasubio presenta verso sud numerose guglie e vaji, una zona somigliante al lato nord del Gruppo del Carega. Alcuni di questi rilievi, in particolare il Soglio d'Uderle, il Soglio Rosso ed il Campanile Fontana d'oro hanno suscitato interesse negli alpinisti fin dagli anni venti del secolo precedente quando i vicentini Bortolan e Padovan hanno scalato la linea di camini più evidente sulla grande parete del Soglio Rosso. Successivamente anche Raffaele Carlesso ha visitato il gruppo negli anni trenta aprendovi ben tre itinerari di estrema difficoltà. Da allora gli itinerari alpinistici sono proliferati su tutte le pareti della zona del Pasubio, in particolare è stato molto attivo Renato Casarotto negli anni settanta ed i fratelli Balasso negli ultimi due decenni.

Le vie oggi più conosciute ed apprezzate sono:

  • Al Soglio d'Uderle:
    • Camino Carlesso: trattasi del grande camino di sinistra dei due che solcano la parete est del Soglio, grande realizzazione per gli anni in cui fu aperta (1933), è alto 250 m e con difficoltà fino al VI-.
    • Spigolo Boschetti-Zaltron: è una delle vie più belle e famose del vicentino, che vince direttamente il grande spigolo dell'avancorpo del Soglio Uderle secondo le linee più deboli, supera una lunghezza di 350 m con difficoltà di V e VI (perfezionata con varianti fino a VIII-).
    • Astrofisica: itinerario sportivo chiodato da Guerrini e che raggiunge difficoltà di X (8a+) che si insinua tra il Diedro Pozzo e lo spigolo Boschetti.
    • La Luna nel Pozzo: altro itinerario di M. Guerrini che si insinua sul pilastro strapiombante compreso tra il diedro Pozzo e il Camino Carlesso, Difficoltà molto elevate di VII/VII+ obbligatorio (massimo VIII+).
    • Il giardino...con lo stagno: è un itinerario alpinistico-sportivo della cordata Micheletto, Pierantoni, Dalle Nogare, molto apprezzato che sale nel lato sinistro della parete est vincendone il settore più strapiombante (350 m, VII- e 1 passo di A0 o IX-).
    • Il Cavernicolo Volante: molto simile e parallelo alla via precedente, aperto dallo stesso Micheletto con Dalle Nogare e Galasso, che si insinua tra i grandi soffitti e presenta difficoltà molto sostenute (300 m, VII e A1 obbl. o IX).
    • Via Relacs: itinerario di T. Balasso che vince la fascia di rocce giallo-grige all'estrema sinistra della parete, molto ripetuto (200 m; VII- max, VI obbl.)
    • Gli altri itinerari al Soglio d'Uderle come la via Dal Bianco, il diedro Pozzo-Padovan e la via Faccio sono abbandonati, esistono altre due vie, la Cucubausette e il diedro nord-est che hanno le medesime caratteristiche delle vie di Micheletto e Dalle Nogare.
  • Al Soglio Rosso:
    • Via del Gran Solco: è la prima via aperta sulla parete (Bortolan e Padovan nel 1928) e segue la linea di canali e camini a sinistra del grande avancorpo piramidale al centro della muraglia (350 m, fino al IV+).
    • Via Sognjo Rosso: via che sale alcuni poco marcati diedri a destra del grande colatoio
    • Via Poènta e Scopetòn: itinerario misto alpinistico-sportivo aperto dai fratelli Balasso con G. Casarotto e che ssale la parete a sinistra del gran solco (250 m, VI+ e A1).
    • Via della Piramide: itinerario storico che sale lo spigolo sinistro del grande pilastro piramidale e è di rado ripetuto (350 m, V e A1).
    • Via Potere agli Onesti: itinerario molto impegnativo misto libera-artificiale che sale il centro del grande pilastro della parete (200 m; VII- e A2).
    • Via diretta Carlesso: segue i diedri e fessure a destra della piramide, altra audace impresa del forte alpinista negli anni trenta (250 m, VI nella parte sotto i camini, poi IV+).
    • Via della Pendola: è una via moderna aperta dai fratelli Balasso che segue il filo di un pilastro con tetti e strapiombi tra la Carlesso e la successiva direttissima (400 m, VI+ e passi di VII e A0).
  • Via direttissima Casarotto: un altro capolavoro alpinistico delle Piccole Dolomiti, aperta dal fuoriclasse vicentino nei primi anni settanta e riscoperta parecchio tempo dopo, è una via ambita e frequentata, molto difficile di 250 m di VI sostenuto, sale il grande diedro strapiombante sul lato destro della parete, al termine della Grande Cengia sotto la piramide.
    • Via Giù la testa: aperta da T. Balasso, è tra le più lunghe delle Piccole Dolomiti e scala il pilastro strapiombante che forma uno spigolo a perpendicolo sopra il canale sud della Teleferica, a monte del Campanile Fontana d'Oro (500 m, VI+ e A0).
    • Via Salbega: altra via di Micheletto e Dalle Nogare che sale il lungo spigolo a sinistra di Giù la testa.
    • Via degli allocchi: è la via più strapiombante delle Piccole Dolomiti che supera direttamente il pilastro destro della parete, sopra il Campanile Fontana d'oro (400 m, V+ e A1-A2).
    • Altri itinerari sono stati tracciati sulle pareti del Soglio Rosso, come i grandi camini che solcano i lati del grande spigolo che incombe sopra il Campanile Fontana d'Oro ma sono stati abbandonati, come anche abbandonati risultano il Colatoio Fratelli Cavion (la striscia nera a sinistra della parete gialla), la Diagonale Ravelli (il grande diedro obliquo sopra la parete gialla e che si attacca dal Voro d'Uderle) e la via "spigolo Giallo" di M. Dal Bianco sullo spigolo della piramide.
  • Al Campanile Fontana d'oro:
    • Via Bortolan-Padovan: è la via comune di salita al Campanile, che attacca la cresta dalla Forcella della Teleferica, 120 m, III e IV.
    • Via Balasso Brothers: scala il pilastro sud-ovest del Campanile ed è discretamente ripetuta, 250 m di V e VI.
    • Via De qua e de là: via che sale lo spigolo sud del campanile alla ricerca della roccia migliore e dei passaggi più interessanti, 250 m di V e VI-.
    • Anche sul Campanile sono presenti altri itinerari storici e sono: la Frank Zappa (alpinistica moderna), la Pozzo-Padovan, il camino nord e la via originaria per la parete sud-ovest ma essi sono abbandonati per la roccia friabile e la massiccia presenza di erba.
  • Al Soglio dell'Incudine:
    • Via del tennico: è una via recente che sale dapprima l'avancorpo del Soglio e poi la cresta sud con 140 m di sviluppo e passi di V+.
    • Sulle pareti del Soglio dell'Incudine sono presenti due difficili vie di Renato Casarotto che salgono i due evidenti spigolo della formazione rocciosa, oltre ad una via di U. Conforto che termia in una grotta militare ma esse sono state completamente abbandonate per la roccia friabile.

Altri settori del massiccio, come i Ronle ed il Fratòn sono zone selvagge, con avvicinamenti su terreno impervio e presentano ancora itinerari allo stato originario: alcune interessanti ascensioni riguardano la Torre dei Ronle (la cui via principale è stata di recente restaurata, 250 m, V) e la vicina Guglia degli operai per i rispettivi spigoli, la Torre del Motto e Soglio Sgralaite, situati appena ad est del Soglio Rosso, sul lato opposto della Val Fontana d'oro.

A nord, lato Posina, nella Val Sorapache, l'intensa attività di T. Balasso ha portato all'apertura di numerose vie nuove ed alla prima ascensione di alcuni contrafforti rimasti dimenticati per lungo tempo.

  • Cima Campiglia:
    • Via Facile e Bella: la Cima Campiglia si affaccia sulla strada degli Scarrubbi ed è la prima elevazione che si incontra. Questa via ne risale lo spigolo con alcuni interessanti passaggi (200 m, V).
    • Via Incredibile ma vero: la prima nata su questa cima e ne sfrutta le linee più logiche (200 m; VI).
  • Punta del vecio:
    • Via Tajeto del Vecio: 135 m; VII o VI e A0.
    • Via My friends: 160 m; VI.
    • Via Tabaca: 160 m; VI.
    • Via Tachète al Tram: 160 m; VI+.
  • Fratòn:
    • Via del Barba: via di notevole impegno che sale la parete est della maestosa guglia della Val Sorapache, 220 m; VI e A0 o VII+.
    • Spigolo Pozzo-Giordani: itinerario storico, aperto nel 1936 e che ancora oggi si presenta ostico, rimane a destra della via del Barba, 200 m; VI- e A0.
    • Via Linea Rossa: parzialmente indipendente, 260 m; VII+ o VI e A0.
    • Via El Duro del Fraton: la più ripetuta del Fratòn, 285 m; VII- o VI e A0.
  • Torre Gabrisa:
    • Via Binotto-Dalle Carbonare: la via classica a questa torre che sale il suo marcato spigolo per placche arrotondate, 170 m; V.
    • Via The bESt of Gabrisa: 150 m; VI+.
    • Via The bOVEST of Gabrisa: 150 m; VI.
  • Frati Alti:
    • Via del Clan: una via lunga e selvaggia su una cima poco visitata, 285 m; VI e A0 o VII+.

Il resto della Val Sorapache presenta anche altri settori come la Val del Tauro con numerose nuove realizzazioni, sempre in ambiente selvaggio e che stanno venendo di volta in volta esplorate.

Sempre il medesimo versante del Pasubio presenta alcuni profondi solchi, i Vaji, alcuni dei quali molto impegnativi. Il Vajo del Motto, lo Scaranto dei Ronle ed il Vajo di Mezzo sono solo

alcuni di questi canaloni che rappresentano valide salite invernali e primaverili per terreno misto di neve, ghiaccio e roccia.

Veduta da Cima Palon

CartografiaModifica

BibliografiaModifica

  • Dalmeri G. - Ritrovamenti mesolitici sul Monte Pasubio (Trento), pagg. 3-20, in Annali dei Musei Civici di Rovereto, vol.4, 1988
  • Campana Michele - Un anno sul Pasubio - a cura di Massignani A.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4074899-6