Apri il menu principale
Val Coritenza
Koritnica
079 Koritnica.jpg
Il fiume Cortienza, da cui prende il nome la valle
StatiSlovenia Slovenia
RegioniGoriziano
Località principaliPlezzo (Bovec)
FiumeCortienza (Koritnica)
Superficie40,5 km²

La Val Coritenza[1] (in sloveno semplicemente Koritnica) è una valle del Goriziano sloveno che prende il nome dall'omonimo fiume che la solca con andamento carsico, in quanto per buona parte scorre sotto il proprio greto. Vi sorgono i piccoli insediamenti abitati di Bretto di Mezzo (Log Pod Mangartom), Bretto di Sopra (Strmèc na Predelu) e Bretto di Sotto (Spodnji Log), frazioni di Plezzo (Bovec). Nel territorio vi sono meno di 150 residenti.[2]

GeografiaModifica

La valle, compresa nel Parco Nazionale del Tricorno, inizia dalla Sella della Cortienza (Kòtovo sedlo), a quota 2.130 m lungo la sottile cresta che unisce i gruppi montuosi del Mangart e dello Gialuz. Decorre inizialmente da est a ovest, fino al passo del Predil, al confine con l'Italia, ed è delimitata a nord dal gruppo del Mangart e a sud dallo Monte Gialuz e dalla lunga cresta delle pareti di Bretto (Loška Stena), che la separa dalla val Bavšica.

Piega quindi a sud in una stretta forra, delimitata a ovest dalle ultime propaggini del massiccio del Canin, la Cima del Lago (Jerebica) e il Rombon, fino alla confluenza del fiume nell'Isonzo nell'ampia Conca di Plezzo (Bovška Kotlina). Lo sbocco nella conca è sorvegliato da una fortezza, di origine veneziana e poi ricostruita più volte dagli austroungarici, il Forte delle chiuse (Kluže).[3]

È un luogo estremamente ameno, solcato fino a Bretto dalla rotabile che porta al passo del Predil, quindi solo da una strada bianca. Vi sono numerose forre e belle cascate, create dal Cortienza e dai suoi affluenti, come il torrente Fracarica.

NoteModifica

  1. ^ Cfr. il toponimo "Cortienza" a p. 55 sull'Atlante geografico Treccani, vol I, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2008.
  2. ^ (EN) Log Pod Mangartom, Ufficio statistiche della Repubblica di Slovenia. URL consultato il 16-4-2012.
  3. ^ (EN) Kluze fortress, su kraji.eu. URL consultato il 16-4-2012.

Collegamenti esterniModifica