Apri il menu principale

Valsecca

frazione del comune italiano di Sant'Omobono Terme
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il torrente della Valle Brembana, vedi Valsecca (torrente).
Valsecca
frazione
Valsecca – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
ComuneSant'Omobono Terme-Stemma.png Sant'Omobono Terme
Territorio
Coordinate45°50′N 9°30′E / 45.833333°N 9.5°E45.833333; 9.5 (Valsecca)Coordinate: 45°50′N 9°30′E / 45.833333°N 9.5°E45.833333; 9.5 (Valsecca)
Altitudine627 m s.l.m.
Superficie5,38[1] km²
Abitanti436[2] (31-08-2013)
Densità81,04 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale24030
Prefisso035
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT016228
Cod. catastaleL649
TargaBG
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantivalsecchesi
Patronosan Marco Evangelista
Giorno festivo25 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Valsecca
Valsecca
Valsecca – Mappa
Posizione dell'ex comune di Valsecca nella provincia di Bergamo

Valsecca (Alsèca in dialetto bergamasco[3]) è una frazione geografica del comune di Sant'Omobono Terme in provincia di Bergamo.

Fu per secoli un municipio autonomo che venne soppresso il 21 gennaio 2014.[4]

Indice

PosizioneModifica

Situato alla destra della valle Imagna, sul confine con la provincia di Lecco, dista circa 26 chilometri dal capoluogo orobico.

StoriaModifica

Non sono molte le notizie storiche che riguardano il paese di Valsecca: posto alla testata della valle Imagna, ai piedi della cima Quarenghi, uno dei culmini del monte Resegone, in posizione defilata rispetto ai principali centri, ha sempre mantenuto le caratteristiche del piccolo borgo montano, con i propri abitanti per lo più dediti a vivere di ciò che la natura forniva loro. Conseguentemente le attività principali sono sempre state quelle del pastore, dell'allevatore, del boscaiolo e del carbonaio, ovvero colui che trasformava la legna in carbone vegetale.

L'origine etimologica del nome ancor oggi non è chiara dal momento che, contrariamente a quanto il nome indicherebbe, il territorio è assai ricco d'acqua.

Le origini del paese dovrebbero comunque risalire al periodo medievale quando il territorio, fino ad allora scarsamente antropizzato, vide un incremento abitativo dovuto alle lotte tra guelfi e ghibellini.

Queste infatti costringevano alcuni esponenti dell'una o dell'altra fazione (nonostante la valle fosse considerata una sorta di feudo guelfo) ad abbandonare i propri luoghi d'origine e di trasferirsi in posti al riparo dalle persecuzioni avverse, tra cui appunto la zona di Valsecca, in cui si costituirono numerose piccole contrade, tra cui Feniletto, Butella, Roccolo, Fraccio, Cornello, Carevi, Capagnone e Costa.

Gli abitanti stessi infatti, cercarono di mantenersi estranei alle dispute di potere, cosa che garantì loro tranquillità al riparo da scontri e ritorsioni sia durante le suddette lotte, sia dopo l'avvento della Repubblica di Venezia, che fece coincidere i propri confini territoriali con quelli del comune, dotandolo di alcune fortificazioni e di una caserma della gendarmeria, volte a controllare anche gli scambi commerciali con la vicina città di Lecco.

I secoli successivi non videro fatti di rilievo coinvolgere la piccola comunità che, forte del proprio isolamento, seguì le vicende del resto della provincia senza parteciparvi in modo diretto. Tuttavia il paese risentì notevolmente della mancanza di occupazione, fattore che determinò l'emigrazione dei propri abitanti verso città e nazioni che potessero garantire maggior reddito. Soltanto negli ultimi decenni il turismo e la conseguente rivalorizzazione del territorio hanno arginato questo fenomeno, dando nuova linfa al paese.

Luoghi d'interesseModifica

L'edificio di maggior richiamo è indubbiamente la chiesa parrocchiale di San Marco evangelista. Edificata nel corso del XV secolo, ma soggetta a successivi ampliamenti (XVIII secolo) e ristrutturazioni (XX secolo), presenta al proprio interno dipinti di buon pregio, ma soprattutto un crocefisso in legno opera di frà Giovanni da Reggio.

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
30 maggio 2006 21 gennaio 2014 Caterina Vanoli lista civica Sindaco

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[5]

 

NoteModifica

  1. ^ ISTAT - Superficie dei comuni, province e regioni al Censimento 2011
  2. ^ Dato ISTAT al 31-08-2013
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario di Carmelo Francia, Emanuele Gambarini (a cura di), Dizionario italiano-bergamasco, Torre Boldone, Grafital, 2001, ISBN 88-87353-12-3.
  4. ^ Nuovi Comuni in Lombardia, da 22 diventano nove: ecco tutti i nomi
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica