Apri il menu principale

Vasco Mariz (Rio de Janeiro, 22 gennaio 1921Rio de Janeiro, 16 giugno 2017) è stato uno storico, musicologo, scrittore e diplomatico brasiliano.

Ricevette la sua formazione musicale al Conservatorio Brasiliano di Musica e si laureò in giurisprudenza all'Università del Brasile, nel 1943; due anni più tardi incominciò la sua carriera diplomatica. Concluse un corso di perfezionamento in storia diplomatica nel 1947, quindi fu nominato viceconsole a Porto. Successivamente prestò servizio in diversi ruoli e incarichi a Rosario, a Napoli, a Washington, a New York, a Roma, fino a raggiungere il grado di ministro nel 1967, promosso per meriti, e di ambasciatore nel 1971, chiamato a rappresentare il Brasile in Ecuador e successivamente in Israele, Perù e Germania Est. Fu collocato a riposo nel 1987.

Nella sua carriera diplomatica prima di divenire ambasciatore fu delegato brasiliano presso vari organismi internazionali, come l'ONU, la FAO, l'Organizzazione degli Stati americani, il GATT, l'UNESCO - e in diverse occasioni tali rappresentanze ebbero chiari propositi culturali, nelle aree della storia, del folclore, dell'arte e della musica. Fu capo del dipartimento culturale del ministero degli esteri brasiliano.

Il suo impegno in ambito culturale fu intenso; dalla pubblicazione nel 1948 del libro Figuras da música brasileira contemporânea non cessò di offrire importanti contributi nel campo della musicologia e della storia del Brasile.

Fu socio emerito dell'Instituto Histórico e Geográfico Brasileiro, del PEN Club del Brasile e dell'Academia Brasileira de Música, di cui fu nominato presidente nel 1991, membro del Consiglio Tecnico della Confederazione Nazionale del Commercio e di altre istituzioni nazionali e straniere come il Consiglio Interamericano di Musica, di cui fu presidente.[1] Fu consigliere del Museo nazionale delle belle arti.

Morì a 96 anni all'Hospital Samaritano di Rio de Janeiro, vittima di una polmonite.[2]

PubblicazioniModifica

  • A canção de câmara no Brasil, 6ª ed., 2002
  • Heitor Villa-Lobos, o homem e a obra, 12ª ed., 2004
  • Dicionário Biográfico Musical, 3ª ed., 1991
  • A canção popular brasileira, 7ª ed., 2002
  • História da Música no Brasil', 8ª ed., 2012
  • Três Musicólogos Brasileiros, 1983, su Mário de Andrade, Renato Almeida e Luiz Heitor Corrêa de Azevedo
  • Cláudio Santoro, 1994
  • Antônio Houaiss, uma vida (a cura di), 1995
  • Francisco Mignone: O homem e a Obra (a cura di), 1997
  • Autore di 1.500 voci per il Grande Dicionário da Língua Portuguesa, di Antonio Houaiss (1998)
  • Música clássica brasileira, 2002
  • Ribeiro Couto, 30 anos de saudade (a cura di), 1991
  • Ribeiro Couto - Maricota, Baianinha e outras mulheres (a cura di), 2001 - antologia di racconti
  • Ribeiro Couto no seu centenário, 1998
  • con Lucien Provençal, Villegagnon e a França Antártica, 1999
  • Vida musical, 4ª série, 1997
  • Mini-enciclopédia internacional - Dicionário Carlos Aulete Essencial, 2009
  • Ensaios históricos, 2004
  • Brasil/França - relações históricas no período colonial (a cura di), 2006
  • con Lucien Provençal, Os Franceses no Maranhão: La Ravardière e a França Equinocial, 2007
  • A música no Rio de Janeiro no tempo de D.João VI, 2008
  • Temas da política internacional, 2008 - memorie
  • Cartas de Villegagnon e textos correlatos (a cura di), 2009
  • Depois da Glória, 2012
  • Nos bastidores da diplomacia, 2013
  • Os franceses na Guanabara, 2015
  • Pelos caminhos da história, 2015
  • Ribeiro Couto: 50 anos de saudades, 2015
  • Retratos do Império, 2016
  • Retratos da Republica, 2017

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN112447347 · ISNI (EN0000 0001 1032 9465 · LCCN (ENn82017827 · GND (DE1030405166 · BNF (FRcb123699585 (data) · WorldCat Identities (ENn82-017827